Sei qui: blog » La paura fa 10%

La paura fa 10%

10 percento: tanto vale la vita della deputata inglese Jo Cox. Dopo la sua uccisione, giovedì scorso, a mano di un personaggio che definire pazzo è forse riduttivo, il fronte di coloro che vogliono rimanere nell'Unione Europea ha guadagnato circa un 10%, portando a credere che i cittadini britannici alla fine sceglieranno di non abbandonare l'Europa.

Dall'altro lato dell'oceano, la strage avvenuta nel locale gay-friendly di Orlando ha avuto, tra le altre conseguenze, anche quella di aumentare il gradimento per Donald Trump e le sue tesi anti-immigrazione e per la diffusione di armi "per autodifesa".

Due reazioni emotive, che mostrano a) quanto poco molta gente usi la testa, e si faccia piuttosto guidare dalle proprie viscere (qualcuno, più politicamente corretto, direbbe "dalle emozioni"), e b) quanto poco valga la vita delle persone, anche nel nostro mondo "civilizzato" (ché già sappiamo che quella di chi vive in altri paesi vale ben poco, basta pensare a quanto facilmente ci dimentichiamo di Siria, Egitto ed Ucraina - tanto per citarne tre).

Il fatto che le proprie intenzioni di voto su temi importanti come la permanenza nell'EU o il prossimo Presidente degli USA dipendano da un sentimento naturale ma irrazionale come la paura dovrebbe fare, credo, più paura ancora; perché a me pare abbastanza chiaro che i motivi di quelle uccisioni sono da ricercarsi nell'inasprirsi della lotta politica, nel razzismo strisciante di cui i pazzi si abbeverano dalle stesse fonti che poi gridano allo scandalo, nella violenza delle parole che incita alla violenza dei fatti, nella incredibile facilità con cui ci si può procurare armi che sicuramente non servono per autodifesa (a meno che non ci si debba difendere dall'assalto di decine di persone contemporaneamente, chiaro; o da Predator).

Molti, troppi politici sembrano guardare solo all'immediato futuro, non tenendo (o non rendendosi) conto delle conseguenze a medio e lungo termine delle loro parole. È la lungimiranza quella che manca, la capacità di vedere lontano e di indirizzare il futuro proprio e del proprio popolo nella direzione corretta, anche al costo di perdere temporaneamente consenso; i politici veri dovrebbero farsi seguire (è, questa, la traduzione corretta di "leader"), invece di continuare ad inseguire il consenso. Ma questo non succede, e la colpa è anche nostra, che non riusciamo ad esprimere una classe politica degna di tale nome: quella che abbiamo ce la meritiamo, perché alla fine siamo pur noi che la scegliamo, la eleggiamo (e chi non vota ancor di più, che non ci prova neppure a correggere l'andazzo).

Così, con lacrime di coccodrillo, ci troviamo ancora una volta a piangere per la morte di chi si batteva per l'integrazione invece che per la separazione, chiudendo un occhio su chi ci specula sopra, su chi ci si fa un selfie, o su chi prosegue imperterrito le sue battaglie di inciviltà (è di oggi la notizia che alcuni rappresentanti di una delle tante chiese americane volevano opporsi ai funerali religiosi di alcune delle vittime della strage del Pulse). Per poi dimenticarcene in fretta, e tornare a parlare dell'importanza del 10%.


Commenti

Il giorno 20/06/2016, valentina ha scritto:
Un'analisi lucida e da condividere. Soprattutto nell'impegno e nel voto.
Grazie
Il giorno 20/06/2016, Massielena ha scritto:
Continuo a pensare e sostenere che certe azioni sono premeditate per portare la gente a dirigersi verso una direzione anzichè un'altra; so che è cinico pensare così, ma la politica, soprattutto oggi è più opportunismo ed ambizione che servizio, soprattutto agli alti livelli.
Che fare? Di sicuro leggere, informarsi in maniera trasversale, discutere con le persone, educare i figli.
In Italia sembra che qualcosa si sia mosso; le vittorie a Roma e soprattutto a Torino di una fazione che dovrebbe essere formata da "puri" sembrano un segnale di cambiamento; sarà così? Mi auguro davvero che lo sia, perchè c'è davvero tanto bisogno di vedere persone oneste che lavorano per la gente.
Mi dispiace davvero per la deputata Jo Cox; suo malgrado è vittima di un sistema che la sta usando per i propri interessi.

Lascia un tuo commento

Informazioni

inserita il 19/06/2016
visualizzata 565 volte
commentata 2 volte
totale pagine: 503
totale visite: 611620

Cerca nel blog

Cerca tra i contenuti pubblicati nel blog:

Categorie

Cerca tra le categorie presenti nel blog:

Pagine più recenti

Pagine più lette

Pagine più commentate

Ultimi commenti

Tag del blog

accompagnatore turistico (47) aerei ed altri oggetti volanti (3) America Centrale (7) amicizia (11) anniversari ed altre ricorrenze (9) appunti di studio (27) astronomia ed astrofilia (3) bambini (11) bicicletta (2) biglietti aerei (3) blog e siti web (15) bucket list (2) calcio (2) campeggio in tenda (2) carta di credito (2) Castegnero (3) Città del Vaticano (2) comici (3) comicità in TV (2) compleanni ed altre ricorrenze (7) concorsi a premi (6) consigli (2) consigli per viaggiatori (10) corsi on line (6) cose buffe (13) CouchSurfing (2) Coursera (9) cultura (2) customer service (2) cybercrime (2) diritti dei consumatori (2) disastri aerei (2) dove dormire in viaggio (6) draghi (6) dubbi esistenziali (3) economia (2) Ecuador (2) elezioni (5) Elizabeth (4) esame per licenza di accompagnatore (35) esami (33) Europa (3) Facebook (2) fantascienza (13) fantasy (10) Federica Cuman (2) film (32) filosofia orientale (3) fotografia (2) fumetti (9) furti e altre malefatte simili (2) Game of Thrones (22) geografia (3) giustizia (3) governo (2) grammatica (2) guerre e conflitti (7) Guerre Stellari (3) House of Cards (2) Il Signore degli Anelli (2) immigrazione (2) impegno civile (2) informatica (2) internet (9) investigatore privato (2) istruzioni per l'uso (2) Italia (2) JLA (2) lavoro (51) legge e normativa (3) leggi e normativa (7) lettere (2) lingua Esperanto (3) lingua inglese (2) Lo Hobbit (2) mare (2) matrimoni che finiscono male (3) Medio Oriente (5) morale (4) musica (7) omofobia (2) Pablo Neruda (2) Papa (2) papà (6) parenti (10) paura (2) pecorElettriche.it (7) pista pedociclabile (2) poesie (4) politica (23) premio Wanderlust (4) Presidente della Repubblica (2) privacy (3) professionalità (2) programmatore (2) Quentin Tarantino (3) Rat-Man (3) razzismo (7) referendum (3) religione (7) riflessioni profonde (3) ristoranti (2) riviste (2) saggi (5) salute (7) San Valentino (2) scienza (6) serie TV (36) servizi postali (2) Sherlock Holmes (7) Sindaco (2) social network (3) sogni (2) spazio infinito (3) spettacoli televisivi (2) sport (2) Stati Uniti d'America (7) storia (2) storie ben scritte (3) storie d'amore (15) studi (2) Sud America (6) supereroi (6) tecnologia (3) telefono (2) terrorismo (3) Tolkien (3) tradimento (4) treni (2) Twitter (3) vacanze (2) viaggi (19) violenza (2) vita da Tour Leader (7) vita e morte (23) Wall-e (5)