Sei qui: blog » La musica è finita, gli amici se ne vanno...

La musica è finita, gli amici se ne vanno...

L'anno sta finendo, e tra le tante cose che si porta via c'è un po' della musica che ho amato: tra le tante persone che hanno terminato la loro vita terrena, ci sono stati infatti vari musicisti che hanno, con le loro composizioni, fatto compagnia alle mie orecchie in varie occasioni.

Prince, per primo (in stretto ordine cronologico). Folletto strambo, mi è sempre parsa un'alternativa all'imperversante Michael Jackson, più interessato alla musica che all'apparire. La sua Purple Rain (che, peraltro, ha dato vita al film omonimo) è un pezzo davvero struggente, di forte intensità. Lo stesso vale ovviamente per quella Nothing Compares To You che, interpretata magistralmente da Shinead O'Connor, racconta di un amore finito ma non spento. Il cantante di Minneapolis ha scritto molte canzoni per altri artisti (lo sapevate che persino Manic Mondays delle Bangles è una sua creazione?), e persino un'interessante colonna sonora per il primo Batman, quello di Tim Burton con Michael Keaton e il fumettistico joker di Jack Nicholson, che da qualche parte ho ancora in musicassetta (le musicassette! Ve le ricordate? Roba del secolo scorso, davvero...), ma verrà ricordato da molti soprattutto per le sue eterne battaglie con le case discografiche, tanto da cambiarsi il nome non so quante volte per poter lavorare con altri (ad un certo punto della sua carriera, si faceva chiamare "L'Artista che una volta era conosciuto come Prince")...

Un po' più normale, anche se non meno eclettico, è stato David Bowie. Con lui ricordo un vecchissimo film, "L'uomo che cadde sulla Terra", in cui faceva la parte di un alieno, e soprattutto "Labyrinth", dove non solo compone una bella colonna sonora ma appare anche come il re dei Goblin, pronto a realizzare il desiderio della protagonista di far sparire il suo frignante fratellino. E poi la musica di Absolute Beginners, film di Julian Temple con l'allora sulla-cresta-dell'onda Patsy Kensit (non datevi la pena di riesumarlo, quel film: l'ho visto un paio di settimane fa per la prima volta, ed è un'accozzaglia sconclusionata di vicende in cui si fatica a trovare un filo logico). E il video di China Girl, in cui lei gli faceva "ssst, just you shut your mouth" portando il dito alla bocca mentre lui continuava a dichiararle il suo amore. Mia madre ad un certo punto mi aveva pure regalato un suo cd, non ricordo neppure più per quale occasione, ma  che non si trattava di uno dei più famosi; deve essere ancora da qualche parte nella mia modesta collezione, laggiù in Italia. L'ho rivalutato (Bowie, non il cd) dopo la sua morte, lo ammetto, andando a riascoltare alcune delle sue canzoni ed analizzandone i testi; e per alcune settimane ho avuto fisse in testa Ashes To Ashes, Starman e Life On Mars, e la versione di The Man Who Sold The Earth fatta dall'ex cantante dei R.E.M. come tributo alla vita, e alle opere, del Duca Bianco.

È poi stata la volta di Leonard Cohen, che magari nessuno di voi ha mai sentito nominare, ma che ha disputato a Bod Dylan per molto tempo la palma di menestrello raccontastorie, con la sua capacità di visualizzare immagini e situazioni pescandole, spesso, dalla sua memoria. Ricordo di averlo scoperto (tardi) grazie al film Shreck, per la versione della sua Halleluia che ne fa parte; ma, dopo aver cercato più informazioni e ascoltato molte più sue composizioni, credo che la mia preferita sia Suzanne, di cui peraltro (se non erro) esiste una versione italiana scritta da De André, dove racconta di questa donna speciale, una sua amica, e del modo in cui lo faceva sentire la sua presenza.

E termino con George Michael, che se ne è andato il giorno di Natale mentre il resto del mondo suonava la sua Last Christmas. Gli Wham!, il suo gruppo originale, quello dei due "parrucchieri che cantavano" per intendersi, è stato una delle colonne portanti dello spazio musicale degli anni '80, o almeno del mio spazio; ricordo in particolare Edge Of Heaven, che mi aveva colpito probabilmente per il suo ritmo (pom pom-poro-pom pom-poro-pom pom pom, po-pom pom-poro-poro-pom...), ma quelle che hanno lasciato di più il segno sono state la già citata Last Christmas, che suonava da uno stereo mentre flirtavo con una certa ragazza (rimasta nei miei sogni per molto tempo, anche se alla fine non ci siamo mai neppure baciati), e Careless Whispers, della quale ricordo chiesi a Federica il testo (essendo lei allora, e probabilmente anche oggi, ben più versata di me in inglese, e non essendo ancora il tempo in cui bastava digitare "Careless Whispers lyrics" in Google per avere la risposta in 0.1 millisecondi). Però a me è sempre piaciuto di più il George Michael solista, e soprattutto quello delle canzoni lente, delle ballate, come Kissing A Fool o You Have Been Loved o Cowboys And Angels, in cui riusciva ad accompagnare perfettamente i sentimenti con la musica; unica eccezione alla lentezza, forse, Faith, con la sua potente chitarra e il video della doccia, ma magari si scopre poi che la ragione è solo personale.


Commenti

Il giorno 03/01/2017, valentina ha scritto:
hai scritto tutto quello che avrei scritto anch'io,
forse perchè ci conosciamo da quel tempo in cui questi splendidi ricordi accadevano come un presente quotidiano.
Aggiungo che "A different corner" è stata la colonna sonora dell'attesa di Andy, un periodo che risale ormai alla notte dei tempi. :-)
Il giorno 03/01/2017, Massielena ha scritto:
Alcuni non solo musicisti, ma testimoni e protagonisti dei cambiamenti di un'epoca dove a poco a poco certi tabù sono stati infranti e sono diventati parte della cultura collettiva. A parte Cohen, troppo vecchio probabilmente per questo, degli altri l'unico "sopravvissuto" è David Bowie, stroncato suo malgrado da un male incurabile; gli altri due sono vittime dei loro stessi eccessi alla maniera di James Dean.
Genio e sregolatezza di artisti dalle cui dichiarazioni ed azioni pendono molte persone che nei simboli cercano esempi da imitare o direttive da seguire. Ed allora cosa dobbiamo guardare? Solo il musicista? Il musicista e l'uomo?
Molto spesso ci penso perchè le persone che hanno scritto o interpretato musica che è diventata un pezzo di colonna sonora della mia vita ed in particolare della mia adolescenza, con i loro vissuti mi hanno anche insegnato ad affrontare o riflettere sul mio percorso in questo mondo. Di questi quattro la figura per me più rappresentativa è stata quella di David Bowie.
Il giorno 05/01/2017, chiara ha scritto:
Ti stupirà sapere che non solo io conoscevo Cohen, ma persino la maggiore dei tuoi nipoti e non per merito di Shrek, ma della sua musica appunto.
Il giorno 06/01/2017, Daniele ha scritto:
@Valentina: attesa del bradipo? Mi sa che dovevi scegliere un animale un cincinin più rapido :)

@Massielena: ma che cosa ti fumi prima di lasciare questi commenti???

@Chiara: mi rende orgoglione sapere di questa passione segreta della mia nipotina, si vede che le interminabili ore passate dal padre a farle sentire le stazioni radio sono servite a qualcosa... Il che mi da l'idea di un nuovo concorsone (tanto poi vado in Colombia e qualche premio lo trovo di sicuro)... stay tuned!
Il giorno 06/01/2017, massielena ha scritto:
Nessun fumo, come ti è dato sapere. Solo una personale riflessione sul senso della mia vita.
Il giorno 11/01/2017, Daniele ha scritto:
...parlando di amici che nel 2016 mi hanno lasciato, ne vorrei ricordare due: Alberto Casarotto, padre di Valentina nonché suocero di Andrea e ultimo custode dei segreti dei supermercati, e Filippo Zanoner, esperantista di lungo corso e cotraduttore di fumetti dall'italiano all'esperanto per il progetto RoMEo. Un saluto a entrambi, e che la terra sia loro lieve.

Lascia un tuo commento

Informazioni

inserita il 31/12/2016
visualizzata 371 volte
commentata 6 volte
totale pagine: 499
totale visite: 567986

Cerca nel blog

Cerca tra i contenuti pubblicati nel blog:

Categorie

Cerca tra le categorie presenti nel blog:

Pagine più recenti

Pagine più lette

Pagine più commentate

Ultimi commenti

Tag del blog

accompagnatore turistico (46) aerei ed altri oggetti volanti (3) America Centrale (7) amicizia (10) anniversari ed altre ricorrenze (9) appunti di studio (27) astronomia ed astrofilia (3) bambini (11) bicicletta (2) biglietti aerei (3) blog e siti web (15) bucket list (2) calcio (2) campeggio in tenda (2) carta di credito (2) Castegnero (3) Città del Vaticano (2) comici (3) comicità in TV (2) compleanni ed altre ricorrenze (6) concorsi a premi (6) consigli (2) consigli per viaggiatori (10) corsi on line (6) cose buffe (13) CouchSurfing (2) Coursera (9) cultura (2) customer service (2) cybercrime (2) diritti dei consumatori (2) disastri aerei (2) dove dormire in viaggio (6) draghi (6) dubbi esistenziali (2) economia (2) Ecuador (2) elezioni (5) Elizabeth (4) esame per licenza di accompagnatore (35) esami (33) Europa (3) Facebook (2) fantascienza (13) fantasy (10) Federica Cuman (2) film (32) filosofia orientale (3) fotografia (2) fumetti (8) furti e altre malefatte simili (2) Game of Thrones (21) geografia (3) giustizia (3) governo (2) grammatica (2) guerre e conflitti (7) Guerre Stellari (3) House of Cards (2) Il Signore degli Anelli (2) immigrazione (2) impegno civile (2) informatica (2) internet (9) investigatore privato (2) istruzioni per l'uso (2) Italia (2) JLA (2) lavoro (50) legge e normativa (3) leggi e normativa (7) lettere (2) lingua Esperanto (3) lingua inglese (2) Lo Hobbit (2) mare (2) matrimoni che finiscono male (3) Medio Oriente (5) morale (4) musica (7) omofobia (2) Pablo Neruda (2) Papa (2) papà (6) parenti (9) paura (2) pecorElettriche.it (7) pista pedociclabile (2) poesie (4) politica (23) premio Wanderlust (4) Presidente della Repubblica (2) privacy (3) professionalità (2) programmatore (2) Quentin Tarantino (3) Rat-Man (2) razzismo (7) referendum (3) religione (7) riflessioni profonde (3) ristoranti (2) riviste (2) saggi (5) salute (7) San Valentino (2) scienza (6) serie TV (35) servizi postali (2) Sherlock Holmes (7) Sindaco (2) social network (3) sogni (2) spazio infinito (3) spettacoli televisivi (2) sport (2) Stati Uniti d'America (7) storia (2) storie ben scritte (3) storie d'amore (15) studi (2) Sud America (6) supereroi (6) tecnologia (3) telefono (2) terrorismo (3) Tolkien (3) tradimento (4) treni (2) Twitter (3) vacanze (2) viaggi (17) violenza (2) vita da Tour Leader (7) vita e morte (23) Wall-e (5)