Sei qui: blog » Game of Thrones - Tyrion alla sbarra

Game of Thrones - Tyrion alla sbarra

Sua sorella gliel'aveva promesso. Suo padre anche. Un po' tutti, diciamolo, con forse la sola eccezione di suo fratello (che, non va dimenticato, era il padre del piccolo bastardo Joffrey, e quindi avrebbe pure avuto le sue buone ragioni). E finalmente arriva, per Tyrion, il momento del processo per regicidio.

Da solo, ammanettato ed incatenato al banco degli imputati, piccolo come non lo era stato mai, in mezzo ad una folla dapprima curiosa e poi oltraggiata, man mano che si presentano nuovi testimoni. Testimoni dell'accusa, ovviamente, ché sua sorella Cersei si suppone abbia lavorato per benino dietro le quinte per convincere gli eventuali indecisi. Nessuno si erge in difesa di Tyrion: né il suo fido scudiero Podrick, allontananto da King's Landing proprio da Tyrion, perché non gli succedesse niente, né Bronn, il suo amico mercenario, che al momento si tiene lontano dalla scena, né sua moglie Sansa, fuggita/rapita immediatamente dopo la morte del re. E lo abbandonano, uno per uno, tutte le persone di cui lui riteneva di potersi fidare: lord Varys, che in realtà gli conferma di essere uno che non dimentica niente (frase che va collegata alle sue precedenti affermazioni sull'importanza di salvaguardare "the Realm", e al suo dialogo nella stanza del trono con Oberyn Martell, quando afferma che, non distratto né da donne né da uomini, può occuparsi di altre cose, guardando il trono di spade), facendo intendere di (forse?!) volerlo punire proprio per aver salvato la capitale, e la sua amata Shae, che mente al suo proposito per punirlo di quanto crede lui le abbia fatto (o, forse, per salvarsi la vita dalle minacce di Cersei), morendo un po' dentro.

Solo suo fratello cerca di salvargli la pelle, in qualche modo, cedendo alle richieste del padre. Ma non è sufficiente per Tyrion, che tira fuori il coraggio e la grinta del leone e gridando, come qualcun altro il piazza San Marco a Venezia anni fa, un sonoro "Io Non Ci Sto!" decide di giocarsi il tutto per tutto, e chiede un "giudizio per combattimento", rifiutando di assumersi una colpa che non ha e affidandosi agli dei...

La prima volta, prigioniero di Catelyn e Lysa, gli era andata bene; ma allora aveva potuto contare su Bronn come suo campione. Questa volta, chi si batterà per lui? Viene da pensare - la butto lì, eh?! - che sarà suo fratello Jaime, che ormai ha raggiunto destrezza sufficiente durante i suoi allenamenti in riva al mare; ma chi sarà contro? Ser Loras, futuro sposo di Cersei? O lo stesso Oberon, che di motivi di odiare i Lannister ne ha (e continua pure a ripeterglieli in faccia ogni volta che li incontra)?

E Varys, che come missione ha quella di portare a casa la pellaccia, si è davvero schierato contro il povero Tyrion? E Tywin, che fin troppo rapidamente accetta la proposta del figlio maggiore, aveva forse previsto tutto, organizzando un piano in cui Tyrion è solo una pedina?

Dubbi che rimangono in piedi, come ad ogni puntata. E forse non è un caso che, in tutti questi misteri, compaia anche Mycroft Holmes, il fratello di Sherlock, seduto al tavolo dei banchieri di Braavos: ci vorrebbero davvero le intuizioni dell'investigatore londinese per dipanare un po' la ragnatela di intrighi orditi a corte con l'aiuto di Ciccio Martin.

Una menzione speciale, infine, la merita Yara Greyjoy, che finalmente riappare dopo ben 5 episodi trascorsi a raggiungere il luogo in cui suo fratello è tenuto prigioniero. Considerando il tempo che le ci è voluto, ci si sarebbe aspettati un miglior successo nell'operazione di liberazione, ma a quanto pare fallisce... o no?!


Commenti

Il giorno 13/05/2014, Massielena ha scritto:
Puntata deludente, eccettuata la comparsa di Yara e la trama in preparazione ai danni del poverello grevjoy che deve ritornare a vestire i suoi panni dopo aver subito il lavaggio del cervello.
C'era sicuramente da aspettarsi qualcosa dal processo a Tyrion, ma a mio avviso i colpi di scena sono abbastanza scontati, come è scontato che il fratello Jaime dovrebbe combattere, e probabilmente morire, nel singolar tenzone.....mi sbilancio, ma mi sembra che le cose vadano per questo verso.
Il giorno 13/05/2014, Daniele ha scritto:
No, io credo che Jaime combatterà per il fratello, probabilmente chiamato dal fratello stesso, e non credo che morirà: pare che i personaggi con qualche menomazione (Bran e Davos, oltre allo stesso Jaime) siano abbastanza coriacei e sfuggenti alla morte...
Il giorno 13/05/2014, valentina ha scritto:
E io vi dico.... niente! ;-)

Lascia un tuo commento

Informazioni

inserita il 13/05/2014
visualizzata 1190 volte
commentata 3 volte
totale pagine: 503
totale visite: 611102

Cerca nel blog

Cerca tra i contenuti pubblicati nel blog:

Categorie

Cerca tra le categorie presenti nel blog:

Pagine più recenti

Pagine più lette

Pagine più commentate

Ultimi commenti

Tag del blog

accompagnatore turistico (47) aerei ed altri oggetti volanti (3) America Centrale (7) amicizia (11) anniversari ed altre ricorrenze (9) appunti di studio (27) astronomia ed astrofilia (3) bambini (11) bicicletta (2) biglietti aerei (3) blog e siti web (15) bucket list (2) calcio (2) campeggio in tenda (2) carta di credito (2) Castegnero (3) Città del Vaticano (2) comici (3) comicità in TV (2) compleanni ed altre ricorrenze (7) concorsi a premi (6) consigli (2) consigli per viaggiatori (10) corsi on line (6) cose buffe (13) CouchSurfing (2) Coursera (9) cultura (2) customer service (2) cybercrime (2) diritti dei consumatori (2) disastri aerei (2) dove dormire in viaggio (6) draghi (6) dubbi esistenziali (3) economia (2) Ecuador (2) elezioni (5) Elizabeth (4) esame per licenza di accompagnatore (35) esami (33) Europa (3) Facebook (2) fantascienza (13) fantasy (10) Federica Cuman (2) film (32) filosofia orientale (3) fotografia (2) fumetti (9) furti e altre malefatte simili (2) Game of Thrones (22) geografia (3) giustizia (3) governo (2) grammatica (2) guerre e conflitti (7) Guerre Stellari (3) House of Cards (2) Il Signore degli Anelli (2) immigrazione (2) impegno civile (2) informatica (2) internet (9) investigatore privato (2) istruzioni per l'uso (2) Italia (2) JLA (2) lavoro (51) legge e normativa (3) leggi e normativa (7) lettere (2) lingua Esperanto (3) lingua inglese (2) Lo Hobbit (2) mare (2) matrimoni che finiscono male (3) Medio Oriente (5) morale (4) musica (7) omofobia (2) Pablo Neruda (2) Papa (2) papà (6) parenti (10) paura (2) pecorElettriche.it (7) pista pedociclabile (2) poesie (4) politica (23) premio Wanderlust (4) Presidente della Repubblica (2) privacy (3) professionalità (2) programmatore (2) Quentin Tarantino (3) Rat-Man (3) razzismo (7) referendum (3) religione (7) riflessioni profonde (3) ristoranti (2) riviste (2) saggi (5) salute (7) San Valentino (2) scienza (6) serie TV (36) servizi postali (2) Sherlock Holmes (7) Sindaco (2) social network (3) sogni (2) spazio infinito (3) spettacoli televisivi (2) sport (2) Stati Uniti d'America (7) storia (2) storie ben scritte (3) storie d'amore (15) studi (2) Sud America (6) supereroi (6) tecnologia (3) telefono (2) terrorismo (3) Tolkien (3) tradimento (4) treni (2) Twitter (3) vacanze (2) viaggi (19) violenza (2) vita da Tour Leader (7) vita e morte (23) Wall-e (5)