Sei qui: blog » Medito dopo il tiggì

Medito dopo il tiggì

Guardo raramente la tv, ultimamente: tutto quello che davvero mi interessa lo trovo su internet, siano esse notizie, siano serie e film e trasmissioni varie.

Ieri, però, mentre cenavo solo soletto nella casa al lago, mi è capitato di seguire un tiggì. Molte le notizie che passavano attraverso il tubo catodico, e la mia mente vi poneva attenzione a morsi alterni, mentre mangiavo. Solo alcune di esse mi sono balzate all'orecchio (si potrà dire?!), e più per le parole buttate all'interno del servizio giornalistico che per la notizia vera e propria... eccovene una selezione:

L'Italia è stata condannata per le torture avvenute nella scuola Diaz durante il G8 di Genova, e per la mancanza di una normativa contro la tortura. Quello che successe a Genova nel 2001 fu un fatto terribile, durante il quale molti rappresentanti dello Stato divennero i nemici, i cattivi, mettendo in atto quella fu definita "macelleria messicana". Non c'è scusante, e onestamente mi infastidisce vedere che molti dei colpevoli se la sono cavata, magari per prescrizione. Perché uccidere la fiducia fu il crimine peggiore che in quella notte fu commesso, e non ci dovrebbe essere prescrizione per tale crimine. Né giustificazione. Invece, tanto la Meloni che il Gasparri, rappresentanti di un'area politica che fa della difesa delle forze dell'ordine comunque e quantunque quasi una filosofia politica, sentono il bisogno di ricordare i tanti poliziotti che rischiano la loro vita per difendere l'ordine costituito e noi, che ne godiamo (dell'ordine). Ma che c'entra, dico io? Perché ogni volta devono esserci dei distinguo? Perché non ci devono mai essere colpevoli, in questa Italia, tranne quelli che non hanno un santo (o più) in paradiso?

La Lufthansa ha creato un memoriale per il suo personale morto durate la recente tragedia aerea in Francia; dietro a delle candele, le foto di piloti (compreso il presunto omicida) e equipaggio. La foto del comandante, che non era mai stata mostrata prima per richiesta della famiglia, appare quindi per la prima volta, e viene ripresa da tutte le televisioni. Il servizio descrive il pilota come "l'eroe del volo". Eroe? Solo perché ha cercato di rientrare nella cabina di pilotaggio, peraltro senza riuscirci? O perché ha lasciato ai comandi uno che, quando gli ha detto di tenersi pronto per l'atterraggio, gli ha risposto "vedremo"? Non ci vedo niente di eroico, in tutto questo. Se poi risultasse che la normativa obbligava ad avere almeno due persone in cabina di pilotaggio, allora il pilota più che un eroe potrebbe vedersi gettata sulle spalle una parte della colpa del tragico avvenimento.

I soldati dell'ISIS, o Stato Islamico dell'Iraq e della Siria, sono giunti ai bordi di Damasco, la capitale della Siria, e stanno tentando (se non ci sono già riusciti) di conquistare quello che viene descritto come "campo profughi palestinese". Io ci sono stato in quel "campo profughi", ed è tutto meno che un campo: si tratta(va) infatti di un quartiere intero, con case in cemento, strade d'asfalto, negozi. I palestinesi ci erano arrivati decenni prima, e ormai vi ci si erano insediati permanentemente (tanto che, se gli chiedevi se sarebbero tornati in un eventuale "Stato palestinese", ti ridevano in faccia: chi glielo faceva fare di abbandonare tutto quello che avevano lì?!). La parola "campo", invece, fa pensare a dei poveri pastori che vivono in tende di lana di capra. Forse, sarebbe meglio spiegare le cose, e non solo limitarsi a ripetere parole che, alla fine, sono vuote di significato; ma, magari, fa anche comodo a qualcuno pensare che ci siano dei poveracci accampati alle porte di Damasco, poveracci preda del primo brigante di passaggio, e non che le truppe del sempre sottovalutato ISIS stiano entrando per la prima volta in una capitale.

 


Commenti

Il giorno 09/04/2015, Massielena ha scritto:
Come avrai ben capito guardando la Tv, non vale più la pena di ascoltare e vedere i servizi che vengono proposti; la maggior parte delle notizie, sono mezze falsità oppure notizie date con documentazioni approssimative, o peggio ancora servizi realizzati da persone incompetenti. Pure io ormai non guardo più i telegiornali; mi limito, quando ciò accade, a guardare i sottotitoli e quindi volto canale.
Il giorno 24/04/2015, Emanuele ha scritto:
http://foreignpolicy.com/2015/04/09/the-starving-of-yarmouk-then-the-capture-islamic-state-assad/Ecco un articolo che può essere di aiuto a comprendere cosa è successo a Damasco, nel quartiere palestinese sotto assedio. La TV, in Italia, non spiega da anni. Le notizie devono essere brevi, scioccanti e prive di contesto. L'obiettivo primario dei media è quello di diffondere paura, dubbio, rabbia, invece di conoscenza e umanismo. La TV non la guardo ormai da anni e come te la mia fonte è internet, che va usato però con grande raziocinio sennò si rischia di affondare nella parzialità di quelle idee che più ci aggradano e che invece dovremmo sempre sfidare. Bisognerebbe avere infinite fonti e poche certezze, tenere la mente aperta è un esercizio quotidiano che può portare via più di quella mezz'ora di tg...ma è essenziale per tenere a bada la paura che deriva dall'ignoranza.Grazie per l'articolo
Il giorno 24/04/2015, Daniele ha scritto:
Grazie a te per la segnalazione. Non dare però tutte le colpe alla tv italiana: anche all'estero difficilmente è diverso, cambia solo il tipo di filtro. Uno dei passeggeri del mio prossimo tour (Toscana - Liguria - Provenza) mi ha scritto chiedendomi se l'enorme massa di migranti che sta arrivando in Italia attraverso il Mediterraneo potrebbe causare problemi logistici al nostro tour; perché la tv americana continua a parlare di una "invasione" delle nostre coste...Per quanto riguarda l'articolo segnalato: è interessante, ma secondo me han giocato un po' subdolamente con il titolo, perché mentre l'articolo spiega che il successo dell'ISIS in quelle zone è (anche) una diretta conseguenza della strategia di Assad di affamare la popolazione ribelle, il titolo fa pensare che ci sia un'alleanza tra lo stesso Assad e l'ISIS, cosa che onestamente io mi sentirei di escludere, dato che non è nell'interesse di nessuno dei due che ci sia l'altro.Al riguardo

Lascia un tuo commento

Informazioni

inserita il 08/04/2015
visualizzata 890 volte
commentata 3 volte
totale pagine: 503
totale visite: 608891

Cerca nel blog

Cerca tra i contenuti pubblicati nel blog:

Categorie

Cerca tra le categorie presenti nel blog:

Pagine più recenti

Pagine più lette

Pagine più commentate

Ultimi commenti

Tag del blog

accompagnatore turistico (47) aerei ed altri oggetti volanti (3) America Centrale (7) amicizia (11) anniversari ed altre ricorrenze (9) appunti di studio (27) astronomia ed astrofilia (3) bambini (11) bicicletta (2) biglietti aerei (3) blog e siti web (15) bucket list (2) calcio (2) campeggio in tenda (2) carta di credito (2) Castegnero (3) Città del Vaticano (2) comici (3) comicità in TV (2) compleanni ed altre ricorrenze (7) concorsi a premi (6) consigli (2) consigli per viaggiatori (10) corsi on line (6) cose buffe (13) CouchSurfing (2) Coursera (9) cultura (2) customer service (2) cybercrime (2) diritti dei consumatori (2) disastri aerei (2) dove dormire in viaggio (6) draghi (6) dubbi esistenziali (3) economia (2) Ecuador (2) elezioni (5) Elizabeth (4) esame per licenza di accompagnatore (35) esami (33) Europa (3) Facebook (2) fantascienza (13) fantasy (10) Federica Cuman (2) film (32) filosofia orientale (3) fotografia (2) fumetti (9) furti e altre malefatte simili (2) Game of Thrones (22) geografia (3) giustizia (3) governo (2) grammatica (2) guerre e conflitti (7) Guerre Stellari (3) House of Cards (2) Il Signore degli Anelli (2) immigrazione (2) impegno civile (2) informatica (2) internet (9) investigatore privato (2) istruzioni per l'uso (2) Italia (2) JLA (2) lavoro (51) legge e normativa (3) leggi e normativa (7) lettere (2) lingua Esperanto (3) lingua inglese (2) Lo Hobbit (2) mare (2) matrimoni che finiscono male (3) Medio Oriente (5) morale (4) musica (7) omofobia (2) Pablo Neruda (2) Papa (2) papà (6) parenti (10) paura (2) pecorElettriche.it (7) pista pedociclabile (2) poesie (4) politica (23) premio Wanderlust (4) Presidente della Repubblica (2) privacy (3) professionalità (2) programmatore (2) Quentin Tarantino (3) Rat-Man (3) razzismo (7) referendum (3) religione (7) riflessioni profonde (3) ristoranti (2) riviste (2) saggi (5) salute (7) San Valentino (2) scienza (6) serie TV (36) servizi postali (2) Sherlock Holmes (7) Sindaco (2) social network (3) sogni (2) spazio infinito (3) spettacoli televisivi (2) sport (2) Stati Uniti d'America (7) storia (2) storie ben scritte (3) storie d'amore (15) studi (2) Sud America (6) supereroi (6) tecnologia (3) telefono (2) terrorismo (3) Tolkien (3) tradimento (4) treni (2) Twitter (3) vacanze (2) viaggi (19) violenza (2) vita da Tour Leader (7) vita e morte (23) Wall-e (5)