Sei qui: blog » Man in a suitcase

Man in a suitcase

Le riviste offerte dalle linee aeree sono, solitamente, noiose. Ci sono però alcuni articoli che si distaccano, offrendo qualcosa di interessante su cui rimuginare.

Eccone un paio, che ovviamente riguardano il viaggio, in due momenti particolari: la permanenza in un hotel (e, davvero, se dovessi contare quanti ne frequento in un anno, credo che molti di voi ne abbiano visitati di meno in tutta la loro vita), e il ritorno a casa. Per entrambi, la fonte è la rivista IN, di LAN.

La musica di sottofondo, ovviamente, è dei Police.

 

Il tempo immobile

Sapevi che, quando uno vive in un hotel, il tempo si ferma? Tutti i giorni, sacralmente, gli asciugamani sono asciutti e ben piegati, il letto fatto, il frigobar pieno, le bottigliette di shampoo rimesse a posto e il sapone nuovo di zecca. Non resta mai traccia di quello che uno ha fatto il giorno prima.

Vivendo nell'abitazione 54 scoprì proprio questo, della vita reale: usare shampoo e saponi è una maniera di osservare come il tempo passa.

E così come uno nell'hotel non procede, neppure c'è possibilità di tornare indietro. Alle pareti non puoi appendere quadri, poster, calendari, foto di famigliari né diplomi que parlino del passato.

È questo spazio senza futuro né passato che tanto intrappola.

 

Chi si è rubato la spiaggia?

"Plop!", con ogni ritorno esplode una bolla. "E la spiaggia, dov'è finita? E quella collina che avevo di fronte alla mia finestra ogni volta che mi svegliavo, e il succo di papaia per colazione, e le chiacchiere con i piedi nella sabbia sotto un tetto di palme, chi se li è portati via?"

Mentre la lavatrice arranca rumorosamente e le creme della trousse vengono riposte in bagno, uno sta arrivando. Al gerundio, sì, perché si arriva in varie tappe. Quando atterra l'aereo -  o arriva l'autobus alla stazione o entra la macchina nel garage -, cuando si apre la porta di casa, quando svuotiamo la valigia, durante il primo giorno di lavoro.

Il corpo arriva immediatamente, ma la testa lo fa poco a poco.


Commenti

Il giorno 19/03/2015, cugino nicola ha scritto:
"Vivendo nell’abitazione 54" ???
è una traduzione errata di "stanza"?

gli spunti sono davvero interessanti!

ciao cugino e sempre buon viaggio!!!
Il giorno 19/03/2015, Daniele ha scritto:
Traduzione errata? Per chi mi prendi?
No, è l'autore di quell'articolo, il cileno Juan Pablo Meneses, che, dopo essere capitato per caso nella stanza 54 di un hotel, ogni volta che vi tornava chiedeva sempre quella stanza, perché ormai ci si era abituato. Di più: cercava, in ogni destinazione in cui andava, un hotel dello stesso nome, e in quello la camera 54.

Lascia un tuo commento

Informazioni

inserita il 18/03/2015
visualizzata 921 volte
commentata 2 volte
totale pagine: 503
totale visite: 609102

Cerca nel blog

Cerca tra i contenuti pubblicati nel blog:

Categorie

Cerca tra le categorie presenti nel blog:

Pagine più recenti

Pagine più lette

Pagine più commentate

Ultimi commenti

Tag del blog

accompagnatore turistico (47) aerei ed altri oggetti volanti (3) America Centrale (7) amicizia (11) anniversari ed altre ricorrenze (9) appunti di studio (27) astronomia ed astrofilia (3) bambini (11) bicicletta (2) biglietti aerei (3) blog e siti web (15) bucket list (2) calcio (2) campeggio in tenda (2) carta di credito (2) Castegnero (3) Città del Vaticano (2) comici (3) comicità in TV (2) compleanni ed altre ricorrenze (7) concorsi a premi (6) consigli (2) consigli per viaggiatori (10) corsi on line (6) cose buffe (13) CouchSurfing (2) Coursera (9) cultura (2) customer service (2) cybercrime (2) diritti dei consumatori (2) disastri aerei (2) dove dormire in viaggio (6) draghi (6) dubbi esistenziali (3) economia (2) Ecuador (2) elezioni (5) Elizabeth (4) esame per licenza di accompagnatore (35) esami (33) Europa (3) Facebook (2) fantascienza (13) fantasy (10) Federica Cuman (2) film (32) filosofia orientale (3) fotografia (2) fumetti (9) furti e altre malefatte simili (2) Game of Thrones (22) geografia (3) giustizia (3) governo (2) grammatica (2) guerre e conflitti (7) Guerre Stellari (3) House of Cards (2) Il Signore degli Anelli (2) immigrazione (2) impegno civile (2) informatica (2) internet (9) investigatore privato (2) istruzioni per l'uso (2) Italia (2) JLA (2) lavoro (51) legge e normativa (3) leggi e normativa (7) lettere (2) lingua Esperanto (3) lingua inglese (2) Lo Hobbit (2) mare (2) matrimoni che finiscono male (3) Medio Oriente (5) morale (4) musica (7) omofobia (2) Pablo Neruda (2) Papa (2) papà (6) parenti (10) paura (2) pecorElettriche.it (7) pista pedociclabile (2) poesie (4) politica (23) premio Wanderlust (4) Presidente della Repubblica (2) privacy (3) professionalità (2) programmatore (2) Quentin Tarantino (3) Rat-Man (3) razzismo (7) referendum (3) religione (7) riflessioni profonde (3) ristoranti (2) riviste (2) saggi (5) salute (7) San Valentino (2) scienza (6) serie TV (36) servizi postali (2) Sherlock Holmes (7) Sindaco (2) social network (3) sogni (2) spazio infinito (3) spettacoli televisivi (2) sport (2) Stati Uniti d'America (7) storia (2) storie ben scritte (3) storie d'amore (15) studi (2) Sud America (6) supereroi (6) tecnologia (3) telefono (2) terrorismo (3) Tolkien (3) tradimento (4) treni (2) Twitter (3) vacanze (2) viaggi (19) violenza (2) vita da Tour Leader (7) vita e morte (23) Wall-e (5)