Sei qui: blog » Pacific Rim

Pacific Rim

Jaeger in azione in Pacific RimEra pacifico, che Pacific Rim fosse un filmone. Anzi, un Filmone con la F maiuscola. A prescindere da, o forse grazie anche a, la trama, che a quanto pare non è troppo complicata, men che meno cervellotica: mostri attaccano Terra, ragazzo e ragazza subiscono trauma, ragazzo e ragazza lavorano insieme e... (il problema sono proprio quei puntini, come vedremo).

Guillermo Del Toro è un grande regista, e soprattutto fa un cinema che piace da vedere a lui prima che agli altri; ed ha il peso (vista anche la stazza, tipo Peter Jackson) di imporre le proprie scelte a chi gli finanzia i film, anche se a volte vorrebbe spendere più di quanto sia disponibile (vedere la sua pagina su Wikipedia per scoprire i progetti abortiti).

In Pacific Rim, ha deciso di mettere insieme "grossi mostri", alla Godzilla, e robottoni, alla Goldrake, giusto per indicare due conosciuti esempi. E di farli scontrare. Con delle riprese che ti immergono completamente nella storia, e ti fan sentire piccolo davanti a queste cose grandissime che si menano.

Un film da non perdere, e da vedere assolutamente al cinema. Probabilmente, in 3D. Un film che, secondo molti, avrebbe marcato la memoria collettiva dei bambini di oggi, così come Guerre Stellari o E.T. fecero a loro tempo con i bambini di allora. Un film, insomma, che "nessun bambino di adesso dovrebbe perdersi".

Ed infatti io, da buon zio, ho deciso di proporre alla mia nipotina Anna di andarlo a vedere assieme; e se il suo babbo fosse stato libero, portavamo pure lui. Anna ha accettato entusiasticamente, ponendo come unica condizione di potersi portare un peluche, per le eventuali fasi di paura. A noi si sono uniti Massimiliano con le due figlie, di cui Clara ha l’età di Anna e Leila è un po’ più grande.

Presa la tessera, preparate le patatine e l’aranciata, scelti ottimi posti centrali a mezza altezza e inforcati gli occhialini 3D, il film è cominciato. E (quasi) subito son botte, in mezzo al mare. Pum! Pam! Patapum!

Massi ed io guardiamo ammirati, per il piacere di vedere finalmente sullo schermo quello che vedevamo nei cartoni animati di una volta. Clara e Leila guardano ammirate, per l’enormità della situazione. Anna comincia invece a dare segni di cedimento, si spaventa un po’ per le scene di azione, si rilassa in quelle in cui non succede nulla, e poi si rispaventa...

Morale: allo scattare delle luci dell’intervallo, quando l’adrenalina è entrata in circolo e si è pronti per vedere la seconda parte, dove si preannunciano ancora più botte che nella prima, mia nipote mi prega di portarla a casa. A me, non resta che accontentarla. Vedo negli occhi di Massimiliano la commiserazione, il cuore mi si spacca in due come se ci fosse un "rim" non tanto pacifico, ma non c’è niente altro che si possa fare, così lei ed io lasciamo il cinema :(

Anna il giorno dopo è tranquilla come prima del film, io invece sono ancora abbacchiato: so che le mie speranze di riuscire a rivedere il film in un cinema decente (con un sonoro decente, un 3D decente, eccetera) sono pari quasi a zero, dato che tra qualche ora sarò in volo per l’Uganda. E mi spiace, sia per me, che forse non vedrò mai come finisce (saperlo è facile, dai!), che per lei, che non è riuscita a godersi un film che non se ne vedono spesso, anzi quasi mai... Peccato!


Lascia un tuo commento

Informazioni

inserita il 17/07/2013
visualizzata 1992 volte
commentata 0 volte
totale pagine: 503
totale visite: 609718

Cerca nel blog

Cerca tra i contenuti pubblicati nel blog:

Categorie

Cerca tra le categorie presenti nel blog:

Pagine più recenti

Pagine più lette

Pagine più commentate

Ultimi commenti

Tag del blog

accompagnatore turistico (47) aerei ed altri oggetti volanti (3) America Centrale (7) amicizia (11) anniversari ed altre ricorrenze (9) appunti di studio (27) astronomia ed astrofilia (3) bambini (11) bicicletta (2) biglietti aerei (3) blog e siti web (15) bucket list (2) calcio (2) campeggio in tenda (2) carta di credito (2) Castegnero (3) Città del Vaticano (2) comici (3) comicità in TV (2) compleanni ed altre ricorrenze (7) concorsi a premi (6) consigli (2) consigli per viaggiatori (10) corsi on line (6) cose buffe (13) CouchSurfing (2) Coursera (9) cultura (2) customer service (2) cybercrime (2) diritti dei consumatori (2) disastri aerei (2) dove dormire in viaggio (6) draghi (6) dubbi esistenziali (3) economia (2) Ecuador (2) elezioni (5) Elizabeth (4) esame per licenza di accompagnatore (35) esami (33) Europa (3) Facebook (2) fantascienza (13) fantasy (10) Federica Cuman (2) film (32) filosofia orientale (3) fotografia (2) fumetti (9) furti e altre malefatte simili (2) Game of Thrones (22) geografia (3) giustizia (3) governo (2) grammatica (2) guerre e conflitti (7) Guerre Stellari (3) House of Cards (2) Il Signore degli Anelli (2) immigrazione (2) impegno civile (2) informatica (2) internet (9) investigatore privato (2) istruzioni per l'uso (2) Italia (2) JLA (2) lavoro (51) legge e normativa (3) leggi e normativa (7) lettere (2) lingua Esperanto (3) lingua inglese (2) Lo Hobbit (2) mare (2) matrimoni che finiscono male (3) Medio Oriente (5) morale (4) musica (7) omofobia (2) Pablo Neruda (2) Papa (2) papà (6) parenti (10) paura (2) pecorElettriche.it (7) pista pedociclabile (2) poesie (4) politica (23) premio Wanderlust (4) Presidente della Repubblica (2) privacy (3) professionalità (2) programmatore (2) Quentin Tarantino (3) Rat-Man (3) razzismo (7) referendum (3) religione (7) riflessioni profonde (3) ristoranti (2) riviste (2) saggi (5) salute (7) San Valentino (2) scienza (6) serie TV (36) servizi postali (2) Sherlock Holmes (7) Sindaco (2) social network (3) sogni (2) spazio infinito (3) spettacoli televisivi (2) sport (2) Stati Uniti d'America (7) storia (2) storie ben scritte (3) storie d'amore (15) studi (2) Sud America (6) supereroi (6) tecnologia (3) telefono (2) terrorismo (3) Tolkien (3) tradimento (4) treni (2) Twitter (3) vacanze (2) viaggi (19) violenza (2) vita da Tour Leader (7) vita e morte (23) Wall-e (5)