Sei qui: blog » The imitation game

The imitation game

Alan Turing aveva 41 anni, quando si suicidò: avvelenò una mela con cianuro di potassio e le diede un morso, similarmente a quello che era accaduto a Biancaneve, eroina di una favola che lui a quanto pare aveva sempre apprezzato.

La castrazione chimica a cui l'aveva sottoposto la legge omofoba del Regno Unito l'aveva lasciato spossato e depresso, rendendogli forse impossibile il lavoro che sapeva fare così bene: risolvere problemi. Una fine inaccettabile, per chi come lui aveva una mente che lavorava su un livello più alto di noi normali mortali.

Il film racconta la sua storia, saltando avanti e indietro dalla sua infanzia al momento in cui iniziò a lavorare per il governo di Sua Maestà, fino a quando venne arrestato per omosessualità, un marchio infamante che solo 60 anni dopo la sua morte è stato emendato dalla regina del paese che aveva contribuito a salvare. Avanti e indietro, indietro e avanti, come un pendolo che torna di continuo nel punto centrale del suo percorso: la macchina nazista di codificazione Enigma, e il tentativo di decifrarne il segreto.

Un compito che a Turing riesce, dove prima di lui molti altri altrettanto valenti avevano fallito. Ma un compito che diventa un macigno enorme sulle spalle sue e dei suoi collaboratori dei laboratori di Bletchley Park, la soluzione di un problema che comporta conseguenze atroci.

Un grande film, davvero ben girato, con attuazioni magistrali da parte di colui che ormai è l'attore del momento (Benedict Cumberbatch), ma anche dei suoi comprimari. Le musiche, ossessionanti e al tempo stesso lievi, hanno il ritmo giusto per accompagnare in un viaggio nel tempo e nella Storia, quella con la S maiuscola. E non solo quella: perché nella trama del film, così come nei messaggi cifrati dei nazisti, si nascondono una e più sottotrame, dalla storia di un amore pulito ed asessuato al difficile problema di definire cos'è l'intelligenza.

Al riguardo è fantastica la riflessione che Turing fa, ancora adolescente, sul modo di comunicare degli essere umani, e sul fatto che noi cifriamo i nostri messaggi e solo chi sa decodificarli li intende correttamente. Le macchine, i computer, sempre più sofisticati, già oggi possono ingannare molti, rendendogli impossibile capire cosa è umano e cosa è meccanico. Verrà un giorno, pensava Turing, che le macchine saranno diventate indistinguibili dai loro creatori, in un gioco di imitazione che tende alla perfezione; quel giorno si sta avvicinando, e a volte viene da pensare che non si tratti di miglioramento delle macchine, ma di peggioramento del genere umano; a giudicare da quel che fu fatto a Turing, e a quello che continuiamo a fare, direi che ci sono pochi dubbi.


Commenti

Il giorno 14/02/2015, Massielena ha scritto:
Bello e terribile questo film; bello perchè molto ben fatto ed interpretato con una storia che senza divagare troppo racconta i fatti in maniera chiara e scorrevole; terrbilie perchè pensare a quel che è successo e che è stato tenuto segreto fa davvero pensare che le sorti del genere umano sono in mano a pochi e sperare che questi pochi siano persone che pensano seriamente al bene di tutti sembra l'unica cosa che ci resta. Povero Turing; se fosse vissuto ai nostri tempi la sua omosessualità non avrebbe dato adito a nessuna discussione o condanna, ma se è vero che il genere umano sta peggiorando non oso immaginare a cosa sarebbe stata sottoposta una mente così brillante.
Il giorno 14/02/2015, Daniele ha scritto:
"Se fosse vissuto ai nostri tempi la sua omosessualità non avrebbe dato adito a nessuna discussione o condanna"... Sicuro? Io non lo sarei tanto, il mondo è pieno di Giovanardi e Taormina e Zanicchi vari (e basta uno sguardo rapido a http://www.osservatorioomofobia.it/ per rendersene conto)
Il giorno 14/02/2015, Massielena ha scritto:
Diciamo che oggi non credo proprio che il suo governo l'avrebbe condannato; in secondo luogo ci sono molti noti personaggi che si sono dichiarati omosessuali, così su due piedi penso a Tiziano Ferro o Jodie Foster, e non mi pare che il mondo li rifiuti o i loro governi li perseguano.
Si sa, il mondo è pieno di fanatici, attualmente quelli religiosi recitano la parte del leone; è uno scotto da pagare.....che si paga da sempre; il problema è trovare il giusto equilibrio fra le cose.

Lascia un tuo commento

Informazioni

inserita il 13/02/2015
visualizzata 836 volte
commentata 3 volte
totale pagine: 503
totale visite: 609700

Cerca nel blog

Cerca tra i contenuti pubblicati nel blog:

Categorie

Cerca tra le categorie presenti nel blog:

Pagine più recenti

Pagine più lette

Pagine più commentate

Ultimi commenti

Tag del blog

accompagnatore turistico (47) aerei ed altri oggetti volanti (3) America Centrale (7) amicizia (11) anniversari ed altre ricorrenze (9) appunti di studio (27) astronomia ed astrofilia (3) bambini (11) bicicletta (2) biglietti aerei (3) blog e siti web (15) bucket list (2) calcio (2) campeggio in tenda (2) carta di credito (2) Castegnero (3) Città del Vaticano (2) comici (3) comicità in TV (2) compleanni ed altre ricorrenze (7) concorsi a premi (6) consigli (2) consigli per viaggiatori (10) corsi on line (6) cose buffe (13) CouchSurfing (2) Coursera (9) cultura (2) customer service (2) cybercrime (2) diritti dei consumatori (2) disastri aerei (2) dove dormire in viaggio (6) draghi (6) dubbi esistenziali (3) economia (2) Ecuador (2) elezioni (5) Elizabeth (4) esame per licenza di accompagnatore (35) esami (33) Europa (3) Facebook (2) fantascienza (13) fantasy (10) Federica Cuman (2) film (32) filosofia orientale (3) fotografia (2) fumetti (9) furti e altre malefatte simili (2) Game of Thrones (22) geografia (3) giustizia (3) governo (2) grammatica (2) guerre e conflitti (7) Guerre Stellari (3) House of Cards (2) Il Signore degli Anelli (2) immigrazione (2) impegno civile (2) informatica (2) internet (9) investigatore privato (2) istruzioni per l'uso (2) Italia (2) JLA (2) lavoro (51) legge e normativa (3) leggi e normativa (7) lettere (2) lingua Esperanto (3) lingua inglese (2) Lo Hobbit (2) mare (2) matrimoni che finiscono male (3) Medio Oriente (5) morale (4) musica (7) omofobia (2) Pablo Neruda (2) Papa (2) papà (6) parenti (10) paura (2) pecorElettriche.it (7) pista pedociclabile (2) poesie (4) politica (23) premio Wanderlust (4) Presidente della Repubblica (2) privacy (3) professionalità (2) programmatore (2) Quentin Tarantino (3) Rat-Man (3) razzismo (7) referendum (3) religione (7) riflessioni profonde (3) ristoranti (2) riviste (2) saggi (5) salute (7) San Valentino (2) scienza (6) serie TV (36) servizi postali (2) Sherlock Holmes (7) Sindaco (2) social network (3) sogni (2) spazio infinito (3) spettacoli televisivi (2) sport (2) Stati Uniti d'America (7) storia (2) storie ben scritte (3) storie d'amore (15) studi (2) Sud America (6) supereroi (6) tecnologia (3) telefono (2) terrorismo (3) Tolkien (3) tradimento (4) treni (2) Twitter (3) vacanze (2) viaggi (19) violenza (2) vita da Tour Leader (7) vita e morte (23) Wall-e (5)