Sei qui: blog » Don't pray for me Argentina

Don't pray for me Argentina

E così, alla fine, l’hanno scelto: ispirati dallo Spirito Santo, che evidentemente non c’aveva altro da fare, i cardinali della Santa Romana Chiesa hanno scelto, dopo solo una giornata di votazioni, il nuovo papa. Un argentino! Tenendo bene a mente che alla Chiesa serviva una guida giovane ed energica, per rimpiazzare il povero emerito teutonico ritiratosi tra i suoi polverosi libri... l’età del nuovo papa lo dimostra: ha (solo!) 76 anni... Ma allora ditelo, che li volete far fuori uno ad uno...

Appena hanno saputo la notizia, qui a Buenos Aires han cominciato a fare i caroselli per le strade suonando i clacson all’impazzata, neanche avesse segnato Messi (ah già, che Messi aveva effettivamente segnato... mmm, forse stavano ancora festeggiando per quello?!).

Jorge Maria Sbadiglio, arcivescovo della capitale portegna, ha prima di tutto dovuto scegliersi un nome adatto. Scartato quello, molto allettante, di papa Gaucho I, che l’avrebbero apprezzato molto nella pampa ma poco in altre parti del mondo, tipo Sao Paulo con i suoi quintilioni di abitanti e i maroni che gli girano perché non è stato scelto il cardinale brasileiro (che, a ben vedere, se l’è andata a cercare, facendo cadere l’ostia durante una celebrazione e mischiando i comandamenti durante il quizzone preconclavino), ha dovuto passare anche su Carlos III e Cardenal Mendoza (Clasico, Lujo o Non Plus Ultra), troppo associati a famosi brandy ispanici.

Ha scelto quindi il nome di Francesco, il poverello di Assisi, quello che quando raccontava ai villani "io parlo con i lupi e con i passerotti" questi lo guardavano e, scuotendo le spalle, dicevano "ah, bisogna capirlo, poverello!".

Una scelta drastica, forse dettata dal desiderio di far pensare allo Stato italiano (ché, nel frattempo, sta facendo di tutto perché l’India ci dichiari guerra) che i soldi per pagare l’IMU non ci sono proprio. "Ci spiace, siamo poverelli" (Plurale Maiestatis papale). O, semplicemente, perché non gli andava di chiamarsi Giovanni Paolo III, per motivi scaramanticamente ben comprensibili (il primo è morto d’infarto, il secondo di Parkinson, mancano solo l’AIDS e l’influenza suina e poi abbiamo fatto quadrare il cerchio). O anche perché Francesco è molto simile alla versione spagnola del nome, Francisco; così a casa non fanno casino.

Tra le prime innovazioni introdotte da papa Frensis c’è la sostituzione dell’ostia con l’empanada: "eravamo stufi di mangiare pane azzimo", pare abbia detto prima di firmare la sua prima enciclica, "habemus panem". Starebbe ora valutando l’introduzione del mate al posto del vin santo, anche se teologicamente è più difficile spiegare come il sangue di Cristo si possa essere trasformato in erba e, soprattutto, farebbe un po’ effetto vedere i sacerdoti aspirare dalla cannuccia metallica tirando su rumorosamente.

Rimane il dubbio che l’argentino sia stato eletto a mo’ di risarcimento per la perdita definitiva delle Malvinas, che se c’era ancora qualche dubbio al riguardo il referendum bulgaro di qualche giorno fa ha dimostrato che nessun isolano vuole tornare sotto il dominio della signora Kirchner e ministri vari. Interrogato in merito, lo Spirito Santo ha preferito tacere, mentre i cardinali si sono trincerati dietro un sempre molto efficace "no comment".


Commenti

Il giorno 14/03/2013, Alessandra ha scritto:
Non so se è la pioggia o lunga attesa alla stazione ma vedere il nome di francesco addosso ad un papa mi fa rabbrividire.
Il giorno 15/03/2013, Daniele ha scritto:
Letta su www.Spinoza.it: "Il nuovo Papa ha un polmone solo. Che umiltà!"
Il giorno 15/03/2013, Alessandra ha scritto:
Io non ho più l' appendice, vale lo stesso?
Seriamente: spero vivamente per i Fedeli della quale,tra l'altro, nutro profondo rispetto, che un Papa che osa chiamarsi col nome del Santo simbolo della povertà non usi questo nome solo per slogan perchè non c'è niente di peggio che essere truffati nella Fede! Ricordo che Gesù stesso cacciò i mercanti dal Tempio e mi auguro che nessuno confonda i "Mercanti" con i venditori ambulanti! Staremo a vedere ma ammetto che io sono piuttosto scettica!
Il giorno 17/03/2013, Chiara ha scritto:
Che fai, mi censuri i commenti?
Vabbè riscrivo...
Dicevo, sagace e pungente come sempre, ma all'arrivo del papa argentino mi sarei aspettata un "Alegria, alegria (y Antonio)" :-)

Lascia un tuo commento

Informazioni

inserita il 14/03/2013
visualizzata 1497 volte
commentata 4 volte
totale pagine: 503
totale visite: 611079

Cerca nel blog

Cerca tra i contenuti pubblicati nel blog:

Categorie

Cerca tra le categorie presenti nel blog:

Pagine più recenti

Pagine più lette

Pagine più commentate

Ultimi commenti

Tag del blog

accompagnatore turistico (47) aerei ed altri oggetti volanti (3) America Centrale (7) amicizia (11) anniversari ed altre ricorrenze (9) appunti di studio (27) astronomia ed astrofilia (3) bambini (11) bicicletta (2) biglietti aerei (3) blog e siti web (15) bucket list (2) calcio (2) campeggio in tenda (2) carta di credito (2) Castegnero (3) Città del Vaticano (2) comici (3) comicità in TV (2) compleanni ed altre ricorrenze (7) concorsi a premi (6) consigli (2) consigli per viaggiatori (10) corsi on line (6) cose buffe (13) CouchSurfing (2) Coursera (9) cultura (2) customer service (2) cybercrime (2) diritti dei consumatori (2) disastri aerei (2) dove dormire in viaggio (6) draghi (6) dubbi esistenziali (3) economia (2) Ecuador (2) elezioni (5) Elizabeth (4) esame per licenza di accompagnatore (35) esami (33) Europa (3) Facebook (2) fantascienza (13) fantasy (10) Federica Cuman (2) film (32) filosofia orientale (3) fotografia (2) fumetti (9) furti e altre malefatte simili (2) Game of Thrones (22) geografia (3) giustizia (3) governo (2) grammatica (2) guerre e conflitti (7) Guerre Stellari (3) House of Cards (2) Il Signore degli Anelli (2) immigrazione (2) impegno civile (2) informatica (2) internet (9) investigatore privato (2) istruzioni per l'uso (2) Italia (2) JLA (2) lavoro (51) legge e normativa (3) leggi e normativa (7) lettere (2) lingua Esperanto (3) lingua inglese (2) Lo Hobbit (2) mare (2) matrimoni che finiscono male (3) Medio Oriente (5) morale (4) musica (7) omofobia (2) Pablo Neruda (2) Papa (2) papà (6) parenti (10) paura (2) pecorElettriche.it (7) pista pedociclabile (2) poesie (4) politica (23) premio Wanderlust (4) Presidente della Repubblica (2) privacy (3) professionalità (2) programmatore (2) Quentin Tarantino (3) Rat-Man (3) razzismo (7) referendum (3) religione (7) riflessioni profonde (3) ristoranti (2) riviste (2) saggi (5) salute (7) San Valentino (2) scienza (6) serie TV (36) servizi postali (2) Sherlock Holmes (7) Sindaco (2) social network (3) sogni (2) spazio infinito (3) spettacoli televisivi (2) sport (2) Stati Uniti d'America (7) storia (2) storie ben scritte (3) storie d'amore (15) studi (2) Sud America (6) supereroi (6) tecnologia (3) telefono (2) terrorismo (3) Tolkien (3) tradimento (4) treni (2) Twitter (3) vacanze (2) viaggi (19) violenza (2) vita da Tour Leader (7) vita e morte (23) Wall-e (5)