Sei qui: i miei viaggi » Al lavoro in America Latina (stagione 3) » Guatemala » Cucina dell'altro mondo

Cucina dell'altro mondo

immagine

Per dimostrare (a me stesso, più che agli altri) che non sono solo nacchere e distintivo, ho colto al volo l'occasione di accodarmi ad un paio di simpatici membri del mio tour, Helen e Charles, per imparare a cucinare alcune ricette guatemalteche. Anche perché sono un pò stufo di preparare sempre pasta, quando gli amici che mi ospitano mi chiedono se mi va di cucinare per loro...

Iscrittici quindi alla classe organizzata dalla scuola di cucina "Il fagiolo felice", ci siamo presentati alle quattro e mezza puntuali come degli svizzeri e abbiamo conosciuto Laurel, il quarto membro del nostro gruppetto. Poi, la vestizione: Luis, il proprietario, ci ha consegnato dei grembiali con il logo della scuola. Il mio mi andava, a dire il vero, un pò corto, quindi è stato prontamente rimpiazzato da uno che probabilmente veniva usato da Kareem Abdul-Jabbar, date le dimensioni... vabbé, dai, meglio che niente.

In cucina, troviamo Feliza, che ci farà da istruttrice. Luis, dopo aver versato del vino (agli altri) e acqua (a me), si rende conto che io posso fare da traduttore e si defila, lasciando a me l'incombenza di descrivere la magia gastronomica prodotta dalla nostra insegnante.

Il menu l'abbiamo scelto noi, dalla lista di ricette disponibili nella scuola: Chiles Rellenos en Salsa de Tomate, Frijoles Volteados, Tamalitos e Mole de Plátanos. Tutti piatti della cucina tradizionale, qualcuno addirittura iscritto dall'UNESCO come "patrimonio intangibile dell'Umanità".

E si comincia: coltelli affilati alla mano, dobbiamo sminuzzare gli ingredienti. Credo di non aver mai sminuzzato tanto in vita mia, sembravo il fratello lento di Minipimer: carote, fagiolini, cipolle, aglio, pomodori, nulla ci si poteva opporre. E poi vai di sbriciolatura di pollo, e di scotennatura dei peperoni, dopo averli preventivamente scottati sulla piastra... "Senti come grida il pepperone", canterebbe Elio, ma noi lo lasciamo gridare, mentre la sua pelle si fa scura bruciata dalla fiamma.

Tra un bicchiere di vino (gli altri) e una sorsata d'acqua (io), prepariamo il ripieno per i peperoni, poi l'impasto di farina di mais, lardo e erba cipollina per i tamales. Nel frattempo, Feliza usa il frullatore per rendere a poltiglia i fagioli cotti nell'acqua bollente; il frullatore non è a tenuta stagna, e quindi un pò di poltiglia finisce sul muro di piastrelle della piccola cucina, mentre il resto raggiunge il soffritto di cipolle ed aglio e, con sapiente mescolatura, diventa una poltiglia talmente poco liquida che si riesce a farla saltare per aria come una crepe.

Infine, le banane: tagliate a fette, vengono dorate nell'olio, e poi immerse in una salsa fatta con cioccolato puro, peperoncino ed altri ingredienti.

Noi siamo sempre più felici, mentre vediamo materializzarsi sotto i nostri occhi il frutto delle nostre fatiche. Già tre piatti sono pronti, mancano i peperoni, che in realtà non farciamo: sulla pelle del peperone viene appoggiato il ripieno (che, a questo punto, non è più ripieno!), il tutto viene compattato e poi immerso in una mescola di uovo sbattuto e sale, infine gettato in una padella di olio bollente - dove la parola "gettato" è un'esagerazione, dato che per non ustionarsi posiamo i pacchettini con molta delicatezza ed attenzione.

La crosta si dora, l'uovo si rapprende, e il peperone l'è pronto. "Tutti a tavola!", gridiamo noi, mentre Feliza ci stoppa, ricordandoci che dobbiamo ancora preparare le tortilla. Noi, che il giorno prima ci avevamo già provato, con risultati meschini, sappiamo già che non ne uscirà niente di rotondo, ma lo facciamo comunque, anche perché abbiamo fame e in caso contrario la nostra istruttrice non ci lascerebbe andare.

Finalmente, poi, raggiungiamo la tavola, e per più di un'oretta non smettiamo di farci i complimenti per la nostra abilità, mentre assaggiamo cautamente prima e poi mangiamo di gusto il cibo che abbiamo preparato.

Ora sono pronto: datemi 3 ore e gli ingredienti esatti, e dovrei essere in grado di riproporre qualcosa di simile... se poi sia commestibile, questo non so dirlo...

Nota bene:

Le ricette del Frijol Feliz si trovano alla pagina http://www.frijolfeliz.com/cookingschoolrecipes

Commenti

Il giorno 08/12/2014, Chiara ha scritto...
Molto interessante e gustoso, mettiamo già nel menù di Pasqua?
Il giorno 10/12/2014, Daniele ha scritto...
Ecco, Pasqua, parliamone: al momento non so se sarò o meno in Italia barra Europa... però sì, se sarò a casa si può fare un pasto guatemalteco, perché no? Al suono di "Uccidiamo il peperone grasso!"

Lascia un tuo commento

Campi
Bottoni

Informazioni

inserito il 08/12/2014
visualizzato: 1058 volte
commentato: 2 volte
totale racconti: 554
totale visualizzazioni: 948630

Cerca nel diario

Cerca tra i racconti di viaggio pubblicati nel diario di bordo:

Ultime destinazioni

Racconti più recenti

Racconti più letti

Racconti più commentati

Ultimi commenti

Tag del diario di bordo

Aguas Calientes Amalfi Amazzonia Ambato Andahuaylillas Angra dos Reis Arequipa Assisi Asunción Baia Mare Balau Lac Bassin Bleu Bassin Zim Bellagio Bishkek Bocas del Toro Bogotà Bologna Bonito Boquete Buenos Aires Buzios Bwindi Cajamarca Camaguey Campeche Campulung Cancun Cannes canyon del Colca Cap-Haïtien Cartagena Cayo Las Brujas Cernobbio Chaa Creek Chapada Diamantina Chiapa de Corzo Chiavari Chichen Itzà Chichicastenango Chiloe Chivay Cienfuegos Città del Guatemala Città del Messico Cluj Napoca Copacabana Copán Copán Ruinas Costa Azzurra Costiera Amalfitana Cuenca Curitiba Cusco Dubai Dukla Dunhuang Dushanbe El Calafate El Chaltén El Tajin Entebbe ExPlus Fan Mountains fiume Pacuare fiume Tambopata Florianopolis Foz do Iguaçu GCC Granada Grand Circle Guayaquil Huamachuco Humenne Igoumenitsa Iguaçu Iguazu Ilha Grande Ingapirca Interlaken Isla Colon Isla del Sol Isla Mujeres Istanbul Jacmel Jaiyuguan JLA Joya de Ceren Kampala Kashgar Khodjent Kibale Koch Kor Kokand Kumkoy La Antigua Guatemala La Havana La Paz lago di Como lago Maggiore lago Nicaragua lago Song-Kol lago Titicaca lago Yojoa lake Mburo Leon Lima Livingston Livorno Londra Lublin Lucca Macerata Machu Picchu Madaba Madrid Managua Manaus Mar Nero Margilon Mérida Mesilla Momostenango Monaco Monte Alban Murchison Falls Mutianyu Nice Nyjrbator Oaxaca Ometepe Omoa Osh Otavalo Pacaya Palenque Panajachel Panamà Papantla Paratì Patagonia Pechino Pelourinho Península Valdés Petra Pisac Port Au Prince Portoferraio Potosì Poza Rica Pucon Puebla Puerto Madryn Puerto Maldonado Puerto Natales Puerto Piramides Puerto Varas Puno Punta Arenas Quetzaltenango Quito Rang Raqchi Ravello Recanati Rio de Janeiro Rio Dulce Riobamba Roma Ruse salar Salvador da Bahia Samarcanda San Agustin San Blas San Cristobal de las Casas San Francisco El Alto San Ignacio San José San Juan San Marcos La Laguna San Pedro San Pedro de Atacama San Pedro La Laguna Santa Barbara Santa Caterina Santa Clara Santa Elena de Monteverde Santa Margherita Ligure Santiago Santiago Atitlan Santiaguito Sarospatak Sary Tash Seno Otway Shobak Sighisoara Sillustani Siloli Sololà Sorrento Stresa Sucre Sud America Sumidero Tambo Machay Targu Mures Tash Rabat Taulabé Tegucigalpa Tiahuanaco Tierra del Fuego Tikal torre di Burana Torres del Paine Transfagarasan Trinidad Trujillo Tucan Travel Turpan Urbino Urumqi Ushuaia Uxmal Uyuni Vaduz Vagabondo Valdivia Valle de Elqui Valle di Fergana Valparaiso Veliko Tarnovo Venezia Viejo Palmar Vila do Abraão Viña del Mar Viñales Vize Wild Frontiers Xian Yambol Zamosc Ziwa Rhino Sanctuary