Sei qui: i miei viaggi » Al lavoro in America Latina » Cile » Aspettando il puma (ed il condor, e il guanaco)

Aspettando il puma (ed il condor, e il guanaco)

immagine

Uno non decide di visitare il parco di Torres del Paine se non gli piace la natura. E le montagne. E i ghiacciai. E quel fresco venticello che di notte, specie se dormi in tenda, lo senti ben pungente. Se ne sta a casa sua, al calduccio. E lascia le fantastiche torri di granito ed il loro intorno a chi, invece, queste cose le gradisce.

Noi, del gruppo Penguin PS207, le gradiamo.

Certo, quel tepore caldo che si sprigiona dal pavimento dei bungalow in cui siamo ospitati, sulle rive del lago Grey, proprio di fronte all'ultima propaggine del Campo de Hielo Sur, da cui ogni tanto si distaccano iceberg più o meno piccoli che ti vien voglia di ripetere la famosa battuta del passeggero del Titanic ("Avevo chiesto del ghiaccio per il mio cocktail, ma qui mi pare che si esageri!"), aiuta. Ma noi, in realtà, siamo decisi a vedere il condor e, per quanto possibile, anche gli altri animali del titolo; e anche se il pavimento non fosse riscaldato, verremmo lo stesso.

Arriviamo al tramonto, dopo aver fatto centinaia di chilometri dall'aeroporto di Punta Arenas in cui siamo atterrati a metà pomeriggio (salutando il capitano che, gentilissimo come al solito, ha più volte inclinato l'aereo per farci godere spettacolari panorami dei ghiacciai e delle montagne), ed aver recuperato la nostra guida Izabela (polacca, voce un pò altina per i miei timpani, molto preparata) che ha, purtroppo, il solo scopo di farci entrare nel parco: hanno cominciato ad essere un pò più strettini con le regole rispetto al passato, ed ora non ammettono gruppi che non siano accompagnati da una guida (ma solo per l'ingresso: poi, la guida può andarsene dove le pare). In realtà, giocando con i tempi concessici, riusciamo comunque a fermarci ad alcuni dei punti di osservazione, e già le bocche dei componenti del gruppo si arrotondano emettendo suoni vocalici d'ammirazione (e se Google Translator riesce a rendere questa parte, bisogna proprio dargli un premio!); quando poi arriviamo all'hotel, dalle cui enormi finestre si vedono il lago e, in fondo, il ghiacciaio, alle vocali si aggiungono pure le consonanti.

Sono oltremodo felice: ho una stanza tutta per me, finalmente, dopo che sia a San Pedro che a Puerto Varas ho dovuto trovarmi qualcosa d'altro (pagato dalla ditta, ci mancherebbe pure) perché gli hotel non ci avevano fornito una camera ad un prezzo umano (o addirittura agratis, come invece era capitato a Santiago); ma il tempo per godermela è poco, perché è già ora di andare a cena, mentre fuori dalle vetrate si fa notte.

Al mattino, abbondante colazione e poi si indossano i giubbotti salvagente per imbarcarsi su Grey II, l'imbarcazione che ci porta a scorrazzare per il lago (per scaramanzia, non chiedo cosa è accaduto a Grey I). Il capitano sa il fatto suo, e si destreggia abilmente tra gli iceberg, avvicinandosi il più possibile alla banchisa; la nostra guida un pò meno, è un giovane al primo giorno di lavoro sulla barca, e sono io a dover fare il terzo grado al capitano e tradurlo per supplire alla deficienza (intesa come mancanza, della guida, ma anche a idiozia di chi ce l'ha mandato senza prima fargli fare un pò di esperienza come aiutante). C'è vento, ma il cielo è serenissimo, e il sole picchia forte sui cristalli di ghiaccio che si sciolgono nel Pisco Sour che ci viene offerto (io sbaglio bicchiere e ne prendo uno di whisky... vi lascio immaginare quanto ne ho bevuto!), e sulle facce dei miei viaggiatori, arrossandole per benino. Il colpo di grazia viene dato dalla camminata che facciamo poi sulla spiaggia, e così quando chiedo chi vuole partecipare alla escursione "opzionale" di qualche ora nel pomeriggio è tutto un fuggi fuggi verso le camere; alla fine, ci andiamo solo in sei su diciassette, e se parti dal più giovane e vai risalendo la lista ti accorgi che siamo proprio i primi (che strano, eh?!).

Camminiamo lungo il sentiero Pingo (e no, non vediamo pinguini!) per un'ora e mezza, in una valle che corre parallela a quella del lago, ma con dei panorami abbastanza diversi, e dei fianchi di montagna scoperti che mettono in mostra gli arrotolamente e le pieghe degli strati che le formano; arriviamo fino ad una cascata, non prima di aver visto tre teschi di... mucca?, azzardo io... e il punto di ritorno decidiamo di chiamarlo "bit", nel senso di quel cincinin che se vai oltre incontri il puma che ti mangia in un boccone.

Cena tutti assieme, nel grande salone, con dei camerieri che gli manca la livrea e poi sarebbero perfetti (e vorrei pure vedere, con i prezzi che ti sparano in questo posto; d'altronde, l'alternativa è uscire a nutrirsi di bacche, ché il più vicino spaccio è ad un'ora e mezza di macchina su strada accidentata). La stessa strada accidentata che percorriamo il giorno dopo: con una dritta di Izabela, ho assoldato un autista e il suo socio che, arrivati da Puerto Natales, ci portino in giro per il parco; soluzione ben più economica, per quanto strano, del trovare un trasporto all'interno del parco stesso.

Abbiamo fortuna: a parte un'altra ottima giornata, e un sacco di sessioni fotografiche man mano che giriamo intorno ai rilievi, ci imbattiamo in centinaia di guanaco (il quarto camelide del Sud America), o meglio negli enormi harem che i pochi maschi dominanti si portano in giro, oche di vario tipo e colore, un gatto selvatico, un imprecisato numero di scorpioni e lucertole, qualche lepre e persino un condor, che vola alto nel cielo ma non sfugge al nostro occhio vigile (e agli obiettivi delle macchine fotografiche). Solo uno, però, ché in alto non c'è il vento che c'è a terra, e i grandi rapaci non gradiscono sprecare le loro energie per procurarsi il cibo a cui possono rinunciare a volte per giorni.

Le cascate, come quelle del Paine e quelle del Salto Grande, attirano anch'esse vari scatti, anche se i più fotografati sono tutti i fiori in cui ci imbattiamo, i magici riflessi delle torri nelle acque della Laguna Amarga, e i bianchi e neri dei resti degli alberi devastati dall'incendio dell'anno scorso (come nel 2006, anche questa volta un'escursionista idiota è riuscito a far prendere fuoco a una buona fetta del parco, che ancora si sta leccando le ferite). Un gran giro, sicuramente ho visto più di quanto fossi riuscito a vedere durante la mia precedente visita, e tutti i componenti del gruppo sono contenti.

E lo sono ancora di più quando, il giorno seguente, mentre sostiamo davanti alla Cueva del Milodonte, una specie di bradipo gigantesco la cui pelliccia, ritrovata nella grotta, aveva fatto poi da calamita per Bruce Chatwin nel suo viaggio In Patagonia, nel cielo compare una coppia di condor, ali spiegate e sguardo attento a scorgere possibili fonti di cibo (io, per non sapere né leggere né scrivere, mi sposto sotto il tetto del centro visitatori...). Ma i vincitori del premio "volatile del giorno" sono i pinguini magellanici che vediamo nella pinguinera di Seno Otway, mentre escono dal mare dopo ore ed ore di pesca e si dirigono, tutti in fila neanche fossero i sette nani, verso i loro nidi scavati nella spiaggia. Scordatevi però le mosse atletiche di quelli di Madagascar: qui di parla di nanerottoli che barcollano e faticano a saltare, impettiti neanche avessero una scopa infilata nel sedere, e che si fermano ogni 3 per 2 a stiracchiarsi, nel contempo aspettando chi è rimasto indietro. Uno spasso, ce ne innamoriamo tutti, e segretamente speriamo che Babbo Natale quest'anno ce ne porti uno. Vivo e barcollante, suppongo.

La sera arriviamo a Punta Arenas, dove godiamo di una buona cena a base di centolla (granchio gigante) e cordero (agnello) e vino a fiumi, e poi con chi resiste al vento freddo raggiugiamo il bordo mare per guardare le stelle; e la Croce del Sud è proprio davanti a noi, confermando che stiamo puntando gli occhi in direzione dell'Antartide.

Domani mattinata libera, poi ritorno a Santiago, e finalmente il rompete le righe. È stato un tour davvero piacevole, persone molto socievoli e spiritose e curiose di conoscere questo lungo e stretto e vario paese; se continua così, mi va di lusso!

Nota bene:

Wikipedia fornisce varie ricette per il Pisco Sour: http://it.wikipedia.org/wiki/Pisco_sour

Commenti

Il giorno 17/11/2012, Massielena ha scritto...
La Croce del Sud, come molte costellazioni e come il Sole (escludiamo le circumpolari, ma qui si deve fare riferimento alla latitudine.....non andiamo oltre e restiamo nella semplicità) sorge, culmina e tramonta e questo avviene per ovvi motivi in posizioni diverse per cui non è detto che guardandola si guardi verso l'Antartide. E' solo un suo allineamento interno di stelle, precisamente 2 (e qua mi devi rispondere tu) che punta a sud.
Non è che ultimamente ti stai dimenticando degli studi di Astronomia per guardare troppi pinguini?
Il giorno 17/11/2012, Daniele ha scritto...
Se tu, grande esperto di studi astronomici, sapessi guardare un atlante, vedresti che il continente antartico è ben più ampio della punta meridionale del continente americano, e quindi è ben difficile non guardare verso di esso quando si guarda verso sud. E, dato che la Croce del Sud si chiama "del Sud" perché è visibile a sud (ché se no l'avrebbero chiamata "Croce dell'Est" o "Strega dell'Ovest"), la sua posizione (a Punta Arenas, almeno) indica la direzione in cui si trova l'Antartide. Pinguini o non pinguini :P
Il giorno 17/11/2012, Massielena ha scritto...
Povero caro ;-))) Non arrampicarti sugli specchi.
La Croce del Sud si chiama "del Sud" perchè si vede principalmente nell'emisfero australe. Come mai allora la costellazione del cigno fatta ugualmente a croce e visibile nell'emisfero boreale non l'hanno chiamata "Croce del Nord"? Suvvia, rispondi alla mia domanda e poi, guardando la Croce saprai la vera posizione dell'Antartide.
Il giorno 18/11/2012, Daniele ha scritto...
Trovo oltremodo interessante che tu ti sia infilato in questo vicolo (per te) cieco, o lettore...

Per quanto riguarda l'utilizzo della Croce del Sud come indicatore di quella direzione, ti rimando a Ridpath, Ian; Tirion, Wil (2001), Stars and Planets Guide, Princeton University Press, ISBN 0-691-08913-2, pagg 102-103: "Since the southern sky lacks an easily visible pole star, Alpha and Gamma (known as Acrux and Gacrux respectively) are commonly used to mark south. Tracing a line from Gacrux to Acrux leads to a point close to the Southern Celestial Pole".

Per quanto invece concerne la tua domanda, Cigno è effettivamente nota anche Croce del Nord (vedi http://it.wikipedia.org/wiki/Croce_del_Nord, per esempio).
Il giorno 18/11/2012, Massielena ha scritto...
Il vicolo non è cieco per me, ma per te; lo dice proprio la citazione che mi fai, o viaggiatore, che non è la costellazione che indica il sud, ma un suo allineamento interno "....Alpha and Gamma (known as Acrux and Gacrux respectively) are commonly used to mark south. Tracing a line from Gacrux to Acrux leads to a point close to the Southern Celestial Pole.....". Gli specchi si fan sempre più lisci ;-)))))))))))))
Il giorno 18/11/2012, Daniele ha scritto...
La tua anzianità ti rende confuse le cose, o lettore: non v'è alcun punto dei miei commenti ove io dica che Crux "è la costellazione che indica il sud"; affermo invece che la sua posizione (in quella località) indica la direzione in cui si trova l'Antartide. E la prima volta che vieni in Patagonia con me, te lo mostrerò :)
Il giorno 18/11/2012, massielena ha scritto...
La tua giovinezza o viaggiatore ti rende ancor più confuso: ti ricordo che le costellazioni non sono mai nella stessa posizione; ogni giorno la differenza di posizione si misura in 4 minuti sia che si soggiorni in Patagonia che a Creazzo......a te la mossa ;-)))))
Il giorno 18/11/2012, Daniele ha scritto...
Il giorno 18/11/2012, massielena ha scritto...
Facciamo che vengo in Patagonia.........
Il giorno 05/12/2012, alessandra ha scritto...
Ma non ho capito... Hai fatto il bagno con i piranha? I pezzi ci sono ancora tutti?

Lascia un tuo commento

Campi
Bottoni

Informazioni

inserito il 15/11/2012
visualizzato: 1987 volte
commentato: 10 volte
totale racconti: 553
totale visualizzazioni: 834327

Cerca nel diario

Cerca tra i racconti di viaggio pubblicati nel diario di bordo:

Ultime destinazioni

Racconti più recenti

Racconti più letti

Racconti più commentati

Ultimi commenti

Tag del diario di bordo

Aguas Calientes Amalfi Amazzonia Ambato Andahuaylillas Angra dos Reis Arequipa Assisi Asunción Baia Mare Balau Lac Bassin Bleu Bassin Zim Bellagio Bishkek Bocas del Toro Bogotà Bologna Bonito Boquete Buenos Aires Buzios Bwindi Cajamarca Camaguey Campeche Campulung Cancun Cannes canyon del Colca Cap-Haïtien Cartagena Cayo Las Brujas Cernobbio Chaa Creek Chapada Diamantina Chiapa de Corzo Chiavari Chichen Itzà Chichicastenango Chiloe Chivay Cienfuegos Città del Guatemala Città del Messico Cluj Napoca Copacabana Copán Copán Ruinas Costa Azzurra Costiera Amalfitana Cuenca Curitiba Cusco Dubai Dukla Dushanbe El Calafate El Chaltén El Tajin Entebbe ExPlus Fan Mountains fiume Pacuare fiume Tambopata Florianopolis Foz do Iguaçu GCC Granada Grand Circle Guayaquil Huamachuco Humenne Igoumenitsa Iguaçu Iguazu Ilha Grande Ingapirca Interlaken Isla Colon Isla del Sol Isla Mujeres Istanbul Jacmel JLA Joya de Ceren Kampala Kashgar Khodjent Kibale Koch Kor Kokand Kumkoy La Antigua Guatemala La Havana La Paz lago di Como lago Maggiore lago Nicaragua lago Song-Kol lago Titicaca lago Yojoa lake Mburo Leon Lima Livingston Livorno Londra Lublin Lucca Macerata Machu Picchu Madaba Madrid Managua Manaus Mar Nero Margilon Mérida Mesilla Momostenango Monaco Monte Alban Murchison Falls Mutianyu Nice Nyjrbator Oaxaca Ometepe Omoa Osh Otavalo Pacaya Palenque Panajachel Panamà Papantla Paratì Patagonia Pechino Pelourinho Península Valdés Petra Pisac Port Au Prince Portoferraio Potosì Poza Rica Pucon Puebla Puerto Madryn Puerto Maldonado Puerto Natales Puerto Piramides Puerto Varas Puno Punta Arenas Quetzaltenango Quito Rang Raqchi Ravello Recanati Rio de Janeiro Rio Dulce Riobamba Roma Ruse salar Salvador da Bahia Samarcanda San Agustin San Blas San Cristobal de las Casas San Francisco El Alto San Ignacio San José San Juan San Marcos La Laguna San Pedro San Pedro de Atacama San Pedro La Laguna Santa Barbara Santa Caterina Santa Clara Santa Elena de Monteverde Santa Margherita Ligure Santiago Santiago Atitlan Santiaguito Sarospatak Sary Tash Seno Otway Shobak Sighisoara Sillustani Siloli Sololà Sorrento Stresa Sucre Sud America Sumidero Tambo Machay Targu Mures Tash Rabat Taulabé Tegucigalpa Tiahuanaco Tierra del Fuego Tikal torre di Burana Torres del Paine Transfagarasan Trinidad Trujillo Tucan Travel Urbino Ushuaia Uxmal Uyuni Vaduz Vagabondo Valdivia Valle de Elqui Valle di Fergana Valparaiso Veliko Tarnovo Venezia Viejo Palmar Vila do Abraão Viña del Mar Viñales Vize Wild Frontiers Xian Yambol Zamosc Ziwa Rhino Sanctuary