Amistad

immagine

Negli ultimi giorni, mi sono concesso un po’ di vacanza, visitando amici che avevo conosciuto durante la mia precedente permanenza in Sud America e con i quali, in alcuni casi, ero rimasto in contatto.

Ho cominciato da Guayaquil, dove la porta della casa di Alegria e (don) Antonio era rimasta aperta per me da quel lontano 2005. Sempre lì, dietro la finestrella aperta in quel loro muro arancione, a vendere caramelle e cocacola per guadagnare quel tanto che gli basta a vivere; con qualche acciacco in più, dovuto all’età che avanza (Antonio ha problemi di respirazione, e dorme con una maschera che gli passa un po’ di ossigeno, ossigeno che ha anche in una bombola che si porta in giro quando deve uscire) o alla sbadataggine (Alegria aveva un braccio ingessato, a causa di una caduta mentre tornava dalla spesa), ma con la solita voglia di vivere che me li fa amare così tanto. E, questa volta, c’era pure Karina, la loro figlia, "colpevole" di averci presentati, in visita per qualche settimana.

Il fatto di conoscerci già, di sapere chi siamo e di non doversi ripresentare, è stato sicuramente l’elemento più apprezzabile di questo reincontro: come quando cammini su una strada che hai già fatto, vai più tranquillo, e ti godi di più ogni momento, potendo rivolgergli la tua piena attenzione. Un esempio semplicissimo: dopo neanche mezz’ora che ero arrivato, Alegria mi avverte che i vicini stanno per cominciare il bingo, e mi chiede se ci andiamo. "Certo", rispondo io, pronto a dilapidare un dollaro per vedere se la fortuna ci arride... non lo farà, ma non è certo quello che conta: il fatto di sedersi sugli sgabelli di fronte alla casa dei vicini, insieme con tutto quelli che abitano intorno, senza domande o occhiate incuriosite, e persino con qualcuno che vagamente si ricorda di te, è impagabile, altro che mastercard!

E così, nei quattro giorni che ho passato con loro, siamo andati a vedere le fontane colorate al Malecon del Salado, a visitare il Parque Historico - che si è rivelato una gran sorpresa, gratuito e ben fatto e con un fantastico percorso attraverso le mangrovie per vedere decine di animali caratteristici della costa ecuadoriana -, a votare (nel senso che abbiamo accompagnato Alegria al seggio per le elezioni presidenziali, dove io mi sono spacciato per uno dei volontari che accompagnano le persone affette da qualche invalidità, e dove ho assistito ad un caos ben diverso dalla spensierata organizzazione di alcuni anni fa in Bolivia), a mangiare il gelato, un toast, a fare la spesa... cose normali, insomma, e ne avevo ben bisogno per staccare un po’. Una sera, poi, Karina ha invitato un po’ di suoi ex-compagni di scuola, alcuni dei quali sono arrivati con partner e figli, riempiendo letteralmente prima il salotto e poi il giardino, in un’atmosfera allegra, lieve, nella quale tutti erano benvenuti.

E’ stato difficile staccarsi, alla fine, ma la speranza è che questa volta l’arrivederci sia più a breve termine. E, poi, avevo da prendere un aereo, per tornare in Cile, dove tra qualche giorno comincerò un altro tour. Ma, prima, altra visita, questa volta a Marcos e Tatiana, di Valdivia. Atterrato a Santiago, mi sono diretto immediatamente al terminal dei bus, dove mi sono imbarcato sul mezzo che mi avrebbe portato per molte ore verso sud, lungo la costa. E, arrivato nella bella città universitaria, ho trovato l’amico Marcos ad attendermi, per portarmi a casa sua. Anche questa, nel frattempo, non è cambiata: le anatre sono ancora nel giardino, i remi sono ancora appesi al soffitto, e l’abbraccio con la sua famiglia era ancora caloroso. Le figlie Paola e Carla sono cresciute ancora un po’, rispetto a qualche anno fa quando erano venuti a farmi visita a casa mia, in quel di Villaganzerla, ma è forse l’unico cambiamento.

Anche qui, stesso discorso: niente cose speciali da fare, loro erano in vacanza ed io pure, la città la conoscevo già... e, allora, siamo andati a fare una scampagnata al lago, anche se il tempo non è stato clementissimo (ma Marcos il bagno l’ha fatto lo stesso, cercando di convincermi fino all’ultimo che non era poi così fredda, l’acqua!); a mangiare tailandese in un minuscolo ristorantino dove un tipo fa tutto da solo, e ci sorride quando gli diciamo "sauadiicrap!"; a visitare il lungofiume con i preparativi per la festa cittadina; e a fare un giro nel kayak di legno che Marcos si era costruito più di vent’anni fa, lungo i molti canali che danno, tra i loro canneti, rifugio a decine di uccelli acquatici, per non parlare dei leoni marini che continuano a regnare indisturbati nelle acque di questa città solare, giovane e abbastanza tranquilla. Le sere poi le si son passate parlando di tante cose, o guardando un film proiettato su un grande schermo nella sala d’ingresso o, ancora, semplicemente intorno ad un tavolo, sgranocchiando cibarie.

Sono questi i piaceri della vita, altro che amaro lucano...


Lascia un tuo commento

Campi
Bottoni

Informazioni

inserito il 22/02/2013
visualizzato: 1603 volte
commentato: 0 volte
totale racconti: 554
totale visualizzazioni: 904990

Cerca nel diario

Cerca tra i racconti di viaggio pubblicati nel diario di bordo:

Ultime destinazioni

Racconti più recenti

Racconti più letti

Racconti più commentati

Ultimi commenti

Tag del diario di bordo

Aguas Calientes Amalfi Amazzonia Ambato Andahuaylillas Angra dos Reis Arequipa Assisi Asunción Baia Mare Balau Lac Bassin Bleu Bassin Zim Bellagio Bishkek Bocas del Toro Bogotà Bologna Bonito Boquete Buenos Aires Buzios Bwindi Cajamarca Camaguey Campeche Campulung Cancun Cannes canyon del Colca Cap-Haïtien Cartagena Cayo Las Brujas Cernobbio Chaa Creek Chapada Diamantina Chiapa de Corzo Chiavari Chichen Itzà Chichicastenango Chiloe Chivay Cienfuegos Città del Guatemala Città del Messico Cluj Napoca Copacabana Copán Copán Ruinas Costa Azzurra Costiera Amalfitana Cuenca Curitiba Cusco Dubai Dukla Dunhuang Dushanbe El Calafate El Chaltén El Tajin Entebbe ExPlus Fan Mountains fiume Pacuare fiume Tambopata Florianopolis Foz do Iguaçu GCC Granada Grand Circle Guayaquil Huamachuco Humenne Igoumenitsa Iguaçu Iguazu Ilha Grande Ingapirca Interlaken Isla Colon Isla del Sol Isla Mujeres Istanbul Jacmel Jaiyuguan JLA Joya de Ceren Kampala Kashgar Khodjent Kibale Koch Kor Kokand Kumkoy La Antigua Guatemala La Havana La Paz lago di Como lago Maggiore lago Nicaragua lago Song-Kol lago Titicaca lago Yojoa lake Mburo Leon Lima Livingston Livorno Londra Lublin Lucca Macerata Machu Picchu Madaba Madrid Managua Manaus Mar Nero Margilon Mérida Mesilla Momostenango Monaco Monte Alban Murchison Falls Mutianyu Nice Nyjrbator Oaxaca Ometepe Omoa Osh Otavalo Pacaya Palenque Panajachel Panamà Papantla Paratì Patagonia Pechino Pelourinho Península Valdés Petra Pisac Port Au Prince Portoferraio Potosì Poza Rica Pucon Puebla Puerto Madryn Puerto Maldonado Puerto Natales Puerto Piramides Puerto Varas Puno Punta Arenas Quetzaltenango Quito Rang Raqchi Ravello Recanati Rio de Janeiro Rio Dulce Riobamba Roma Ruse salar Salvador da Bahia Samarcanda San Agustin San Blas San Cristobal de las Casas San Francisco El Alto San Ignacio San José San Juan San Marcos La Laguna San Pedro San Pedro de Atacama San Pedro La Laguna Santa Barbara Santa Caterina Santa Clara Santa Elena de Monteverde Santa Margherita Ligure Santiago Santiago Atitlan Santiaguito Sarospatak Sary Tash Seno Otway Shobak Sighisoara Sillustani Siloli Sololà Sorrento Stresa Sucre Sud America Sumidero Tambo Machay Targu Mures Tash Rabat Taulabé Tegucigalpa Tiahuanaco Tierra del Fuego Tikal torre di Burana Torres del Paine Transfagarasan Trinidad Trujillo Tucan Travel Turpan Urbino Urumqi Ushuaia Uxmal Uyuni Vaduz Vagabondo Valdivia Valle de Elqui Valle di Fergana Valparaiso Veliko Tarnovo Venezia Viejo Palmar Vila do Abraão Viña del Mar Viñales Vize Wild Frontiers Xian Yambol Zamosc Ziwa Rhino Sanctuary