Sei qui: i miei viaggi » OltreIlGiardino: un giro del mondo in 800 giorni » Cile » Mamma, ho perso l'aereo

Mamma, ho perso l'aereo

immagine... e volontariamente, devo ammettere...

Mentre biciclettavo sotto il sole per le strade di Valdivia, con la musica di una radio locale nelle orecchie e come meta la tranquillità del giardino botanico, pensavo al biglietto aereo che da un anno mi accompagnava e che proprio in quei momenti stava espirando lentamente ma inesorabilmente... a dire il vero, un tentativo (estremo, e destinato a fallire) l'avevo fatto per posticipare la data, ma la gentilezza irremovibile di LANChile (compagnia rivelatasi in altre occasioni molto cortese con il cliente che era in me) mi ha fatto desistere: un anno è un anno, anche qui in America del Sud.

Così rivedevo in rapida successione i luoghi e le facce che hanno caratterizzato questi ultimi dodici mesi ("Un anno è un secolo, 365 croci", come dicevano i Litfiba), e i colori e gli odori che trasformavano ogni coppia di coordinate, semplici numeri su una cartina geografica, in un mondo nuovo in cui mi muovevo con cautela e curiosità (mie amiche abituali)... sabbie rosse attraversate da animali saltellanti dalla lunga coda, occhia a mandorla in cima ad una testa pronta ad inchinarsi, canti religiosi ripieni di allegria (ma perché in Occidente non è più così?) che fanno risuonare le chiese, sabbie calde e pesci guizzanti, idoli di pietra e laghi colorati, riso e pane, stelle... Quanta differenza da quel piccolo villaggio della frontiera vicentina in cui, a quanto pare, c'è ancora una camera che mi appartiente (se mia sorella non ha deciso di ampliare ancora la sua casa prima della sua progenie); quanta differenza da quelle strade lastricate di porfido, da quelle pizzerie in cui non devi sbirciare nel menu per vedere se è stato scritto in italiano decente... e quanto lontano da quella famiglia, da quegli amici, persino da quei conoscenti (ma vi siete mai accorti che la parola "amico" è usata un pò troppo alla leggera, da qualche decennio a questa parte?!) ai quali nel frattempo sono cresciuti i capelli (o si sono un pò ingrigiti) e le tasse (suppongo), e i quali hanno fatto un cammino diverso nello stesso periodo e a volte si sono allontanati ed a volte si sono riavvicinati...

Continuo a passeggiare per questo continente (anche se il mio amico Gonçalo mi ha spiegato che di continenti americani ne esiste solo uno, attraversato da una spina dorsale rocciosa che nelle Rocky Mountains e nelle Ande ha i suoi picchi più elevati), spinto dalla voglia di riempire i miei sensi di un mondo di cui sono parte e di cui voglio fare parte. Ho dei sogni (era un sogno anche l'Antartide, ma si è rivelato troppo costoso), delle mete che mi piacerebbe raggiungere, e nel frattempo riempio gli spazi tra di esse con tutto quello che si trova qui; non mi sono ancora stufato, non ho cominciato a contare i laghi e le chiese (i musei, un pochettino, sì...), ed ogni tanto ho pure la fortuna di incontrare buoni compagni/e di viaggio, con cui condividere un pezzo di strada. Ma è un pò quello che facciamo tutti, no? Chi in una famiglia, chi in bus tra Puerto Montt e Puerto Varas (la seconda molto meno fetida della prima: saranno le costruzioni germaniche, frutto di immigrazioni risalenti ai tempi degli Hannover, o saranno le gincane con corde ed imbragature tra le vette degli alberi - ci avevo un biglietto gratuito, per il "canopy", e la mia simpatia mi ha fatto ottenere una seconda corsa pure gratis, o le cascate che a 40 minuti di distanza attraggono cileni di ogni età - quelli che riescono a scappare al fascino del casinò)... Marcos Salas, l'amico esperantista di Valdivia che mi ha ospitato per tre giorni (Valdivia merita davvero, è la migliore cittadina che ho incontrato finora, pure sotto la pioggerella non è male, e i leoni marini che al porto aspettano i pesci scartati dai mercanti ed i forti di Corral e Niebla che gli spagnoli non riuscirono a difendere dai cileni solo aggiungono al fascino), ha viaggiato per l'Europa con la moglie promettendole l'Italia, un giorno o l'altro... sogni, che prima o poi si avverano...

Non tenete in caldo la zuppa, però, che la fine della strada è lontana...

"There's talk on the street, it's there to remind you
that it doesn't really matter which side you're on.
You're walking away and they're talking behind you
They will never forget you 'til somebody new comes along" [Eagles]

Lascia un tuo commento

Campi
Bottoni

Informazioni

inserito il 13/03/2005
visualizzato: 1884 volte
commentato: 0 volte
totale racconti: 554
totale visualizzazioni: 925932

Cerca nel diario

Cerca tra i racconti di viaggio pubblicati nel diario di bordo:

Ultime destinazioni

Racconti più recenti

Racconti più letti

Racconti più commentati

Ultimi commenti

Tag del diario di bordo

Aguas Calientes Amalfi Amazzonia Ambato Andahuaylillas Angra dos Reis Arequipa Assisi Asunción Baia Mare Balau Lac Bassin Bleu Bassin Zim Bellagio Bishkek Bocas del Toro Bogotà Bologna Bonito Boquete Buenos Aires Buzios Bwindi Cajamarca Camaguey Campeche Campulung Cancun Cannes canyon del Colca Cap-Haïtien Cartagena Cayo Las Brujas Cernobbio Chaa Creek Chapada Diamantina Chiapa de Corzo Chiavari Chichen Itzà Chichicastenango Chiloe Chivay Cienfuegos Città del Guatemala Città del Messico Cluj Napoca Copacabana Copán Copán Ruinas Costa Azzurra Costiera Amalfitana Cuenca Curitiba Cusco Dubai Dukla Dunhuang Dushanbe El Calafate El Chaltén El Tajin Entebbe ExPlus Fan Mountains fiume Pacuare fiume Tambopata Florianopolis Foz do Iguaçu GCC Granada Grand Circle Guayaquil Huamachuco Humenne Igoumenitsa Iguaçu Iguazu Ilha Grande Ingapirca Interlaken Isla Colon Isla del Sol Isla Mujeres Istanbul Jacmel Jaiyuguan JLA Joya de Ceren Kampala Kashgar Khodjent Kibale Koch Kor Kokand Kumkoy La Antigua Guatemala La Havana La Paz lago di Como lago Maggiore lago Nicaragua lago Song-Kol lago Titicaca lago Yojoa lake Mburo Leon Lima Livingston Livorno Londra Lublin Lucca Macerata Machu Picchu Madaba Madrid Managua Manaus Mar Nero Margilon Mérida Mesilla Momostenango Monaco Monte Alban Murchison Falls Mutianyu Nice Nyjrbator Oaxaca Ometepe Omoa Osh Otavalo Pacaya Palenque Panajachel Panamà Papantla Paratì Patagonia Pechino Pelourinho Península Valdés Petra Pisac Port Au Prince Portoferraio Potosì Poza Rica Pucon Puebla Puerto Madryn Puerto Maldonado Puerto Natales Puerto Piramides Puerto Varas Puno Punta Arenas Quetzaltenango Quito Rang Raqchi Ravello Recanati Rio de Janeiro Rio Dulce Riobamba Roma Ruse salar Salvador da Bahia Samarcanda San Agustin San Blas San Cristobal de las Casas San Francisco El Alto San Ignacio San José San Juan San Marcos La Laguna San Pedro San Pedro de Atacama San Pedro La Laguna Santa Barbara Santa Caterina Santa Clara Santa Elena de Monteverde Santa Margherita Ligure Santiago Santiago Atitlan Santiaguito Sarospatak Sary Tash Seno Otway Shobak Sighisoara Sillustani Siloli Sololà Sorrento Stresa Sucre Sud America Sumidero Tambo Machay Targu Mures Tash Rabat Taulabé Tegucigalpa Tiahuanaco Tierra del Fuego Tikal torre di Burana Torres del Paine Transfagarasan Trinidad Trujillo Tucan Travel Turpan Urbino Urumqi Ushuaia Uxmal Uyuni Vaduz Vagabondo Valdivia Valle de Elqui Valle di Fergana Valparaiso Veliko Tarnovo Venezia Viejo Palmar Vila do Abraão Viña del Mar Viñales Vize Wild Frontiers Xian Yambol Zamosc Ziwa Rhino Sanctuary