Sei qui: i miei viaggi » Italia » Anita, che vende palle sul lago di Como

Anita, che vende palle sul lago di Como

immagine

Sono di nuovo in dry run, parola (anzi, accoppiata di parole) inglese che in soldoni significa addestramento. Non per una nuova compagnia, ché sempre si tratta di Grand Circle, ma per un nuovo tour. Nuovo dopo quello delle riviere francese e italiana, che avevo conosciuto tra fine marzo ed i primi d'aprile e che poi ho effettuato a luglio, con un gruppo misto costituito da normali passeggeri e da membri dell'ufficio centrale di Boston, che a loro volta erano venuti in addestramento... eh già, non ci facciamo mancare niente, mica potremmo cominciare con un tour liscio liscio, no?!

Comunque, ora sono di nuovo in addestramento, per un tour che ripartirà (dopo anni di sosta ed ammodernamento) a settembre, ma che io vedrò, se va tutto bene, nel 2015, ché poi ad agosto ho già una seconda crociera, seguita da un tour in Giordania (per Travelsphere) e dai preparativi per tornare in America Latina (sempre perché non ci vogliamo far mancare niente). Il tour si chiama "Romantic Villages of Alpine Europe", soprannominato "Pikkoli fillaccetti romantici telle Alpi" da noi simpaticoni, ché nel giro si è tutti un pò simpaticoni e fan di Heidi. Si parte da Stresa, si sta un pò sui laghi, poi si va in Svizzera, Liechtenstein, Austria, Germania e poi, per chi vuole, di nuovo in Austria. Il tutto in due settimane, con tante visite e tanti spostamenti.

Il che, essendoci abituato dal Centro America, non mi fa poi tanta paura. Mi intimorisce un pò di più il pensiero di saper dire solo "kartoffen" e "kartoffen mit wasser" in qualunque delle lingue germaniche, ma son cose che con un pò di sana fantasia italiana si superano.

Addestramento, dicevo: con altri spavaldi giuovini e giuovinette, guidati ed indirizzati da un paio di TL più esperti, e sotto l'occhio vigile delle nostre cape (vige un sistema matriarcale, almeno nella parte italiana di Grand Circle), stiamo percorrendo l'intero itinerario, incluse le escursioni extra e le parti che vengono offerte prima e dopo il tour, cercando di capire e scondensare tutto quello che ci è oscuro e condensato.

Prendete oggi, per esempio: partendo da Cernobbio, dove abbiamo passato la notte e dove ieri sera ho assistito ad un discreto concerto in riva al lago di una ignota cover band degli U2, siamo saliti sul traghetto che ci ha trasportato lungo questo "ramo del lago di Como" (differenziantesi da quello, che è a Lecco), facendoci vedere tutte le ville dei ricconi che erano, che furono (Versace) e che sono (Clooney in testa, ovviamente), mentre dal cielo si scaricava un bel pò d'acqua, in quest'estate che non pare un'estate. Arrivati a Bellagio, su quello spuntone che separa i due bracci (questo e quello) del lago, mentre la pioggia ancora non cessava, il nostro "capogita" del giorno, l'ottimo Luigi Arveda, assieme all'esperta Lisa ci ha dato le indicazioni logistiche, e poi siamo andati ad esplorare il luogo, divisi in mini squadre.

Un salto all'ufficio informazioni ha risolto il quiz del giorno (dove si trovano i due esemplari di gondola lariana ancora in funzione?), poi ci siamo avventurati per le stradine del luogo alla ricerca di qualche ristorante da suggerire poi in seguito ai clienti del tour. Tutto intorno, decine di turisti teutonici indecisi se continuare le loro escursioni o rintanarsi da qualche parte in attesa che la pioggia cessasse: anche le anatre, notoriamente avvezze all'umidità, non si facevano vedere tanto in giro, figurarsi quindi i germani(ci) normali...

Troviamo quasi subito un'enoteca, rintanata all'interno di uno dei suddetti vicoletti, e facciamo due chiacchiere con la cameriera, mentre lei sta mangiando prima che comincino ad arrivare i clienti e non ci sia più un attimo di respiro. Il posto è carino, servono formaggi e affettati o tortellini o risotto con il pesce persico, ma puntano molto - ovviamente - sui vini, di cui hanno larga scorta, specie di valtellinesi. Salutiamo, prendiamo bigliettino da visita e continuiamo a salire. Ci imbattiamo in un altro posto, seminascosto pure lui, dove offrono un buffet a 12 euri;il prezzo pare buono, e quindi approfondiamo. In realtà, per quella cifra ci si può servire un paio di piatti, più un dolce, più una bibita; ma a noi (che siamo Alessandro ed io, per la cronaca) va benissimo così, e ci abbuffettiamo, scambiando anche due parole con la cameriera colombiana ed il proprietario italiano (o, almeno, così sembra).

Poi, il colpo di culo (definizione tecnica): proprio davanti alla chiesa di San Giacomo, troviamo un negozietto che vende roba colorata. Fatta di pyrex, soffiato proprio come i vetri veneziani, ma trasparente. La signora Anita ne fa ninnoli per l'albero di Natale, colorandoli con delle pitture speciali tedesche che non bloccano la trasparenza e che non restano attaccate alle mani dopo un pò che maneggi i suddetti ninnoli. Sono più di 60 anni che vanno avanti con l'impresa, e sembrano andare bene, in un negozio reso colorato dai palloncini (di pyrex) appesi al soffitto e dalle palle (di Natale, di pyrex - le palle, non il Natale, almeno che io sappia) che invece stanno sugli scaffali, accanto ai gufetti che sicuramente mancano alla collezione di mia sorella (ma davvero non saprei come trasportarli incolumi per altre due settimane) ed alle coccinelle portafortuna. Anita è fiera di mantenere viva una tradizione pluridecennale, e anzi ci mostrerebbe l'intero procedimento se solo la normativa sanitaria e di sicurezza non glielo impedisse; così, si limita a raccontarci di com'è che si va avanti per tanto tempo credendo nella propria capacità di offrire qualcosa di speciale, anche se il prezzo non è (e non può essere) competitivo con quello dei cinesi. Il negozio è pieno, e non solo di colori: i turisti comprano, una signora venezuelana decide per 8 coccinelle e un alberello di Natale già pronto con i suoi penduli accessori, tutto impacchettato nella plastica con le bolle e dentro una scatola di cartone "porque el viaje es largo hasta la isla Margareta" (io traduco, con gran sollievo di Anita).

Missione compiuta: abbiamo tutte le informazioni che ci servono. Torniamo al punto d'incontro con gli altri, altro battello ed attraversiamo il lago fino a Villa Carlotta, con ulteriori indicazioni logistiche nel caso in cui i nostri clienti siano interessati a visitarla. Poi risaliamo sul pulmino che è venuto a pigliarci, e ci lasciamo guidare da Stefano verso Stresa, mentre ogni gruppo spiega agli altri che cosa ha scoperto, e si fanno le valutazioni e si tirano le somme della giornata. Giungiamo a Stresa verso le 18, il sole ha preso il posto delle nuvole, le isole borromee splendono sul lago Maggiore e il nostro hotel, il Bristol, ci si mostra in tutta la sua magnificenza. La piscina con idromassaggio è fuori che aspetta, devo correre, scusatemi...

Nota bene:

Il negozietto dei ninnoli in pyrex di Anita si chiama LAVED, ma il sito web è invece http://www.christmas-glassornaments.com/

Commenti

Il giorno 04/08/2014, Massielena ha scritto...
Nemmeno una citazione sulla villa dove hanno girato Star Wars?
E si che si trova sul ramo del Lago di Como......
Magari facevi anche bella figura se ne chiedevi notizie durante l'addestramento.
Il giorno 08/08/2014, Chiara ha scritto...
Proprio in fondo al post trovo l'informazione che mi serve e ora vado a guardarmi il sito della signora Anita ♥
Il giorno 09/08/2014, Daniele ha scritto...
@Massielena: stai ovviamente parlando di Villa Balbianello, a Lenno, sul lato occidentale del lago... beh, diciamo che l'abbiamo vista (passandoci davanti in battello), ma se ben ricordo quelle scene del film "L'attacco dei cloni" sono tra quelle che tutti vorrebbero dimenticare...

@Chiara: Anita spedisce anche, e fa pure palle su ordinazione, tipo che le chiedi una o due principesse o dei cavallini alati (così, per fare degli esempi) ed ecco che subito ci si mette al lavoro.

Lascia un tuo commento

Campi
Bottoni

Informazioni

inserito il 01/08/2014
visualizzato: 819 volte
commentato: 3 volte
totale racconti: 554
totale visualizzazioni: 942200

Cerca nel diario

Cerca tra i racconti di viaggio pubblicati nel diario di bordo:

Ultime destinazioni

Racconti più recenti

Racconti più letti

Racconti più commentati

Ultimi commenti

Tag del diario di bordo

Aguas Calientes Amalfi Amazzonia Ambato Andahuaylillas Angra dos Reis Arequipa Assisi Asunción Baia Mare Balau Lac Bassin Bleu Bassin Zim Bellagio Bishkek Bocas del Toro Bogotà Bologna Bonito Boquete Buenos Aires Buzios Bwindi Cajamarca Camaguey Campeche Campulung Cancun Cannes canyon del Colca Cap-Haïtien Cartagena Cayo Las Brujas Cernobbio Chaa Creek Chapada Diamantina Chiapa de Corzo Chiavari Chichen Itzà Chichicastenango Chiloe Chivay Cienfuegos Città del Guatemala Città del Messico Cluj Napoca Copacabana Copán Copán Ruinas Costa Azzurra Costiera Amalfitana Cuenca Curitiba Cusco Dubai Dukla Dunhuang Dushanbe El Calafate El Chaltén El Tajin Entebbe ExPlus Fan Mountains fiume Pacuare fiume Tambopata Florianopolis Foz do Iguaçu GCC Granada Grand Circle Guayaquil Huamachuco Humenne Igoumenitsa Iguaçu Iguazu Ilha Grande Ingapirca Interlaken Isla Colon Isla del Sol Isla Mujeres Istanbul Jacmel Jaiyuguan JLA Joya de Ceren Kampala Kashgar Khodjent Kibale Koch Kor Kokand Kumkoy La Antigua Guatemala La Havana La Paz lago di Como lago Maggiore lago Nicaragua lago Song-Kol lago Titicaca lago Yojoa lake Mburo Leon Lima Livingston Livorno Londra Lublin Lucca Macerata Machu Picchu Madaba Madrid Managua Manaus Mar Nero Margilon Mérida Mesilla Momostenango Monaco Monte Alban Murchison Falls Mutianyu Nice Nyjrbator Oaxaca Ometepe Omoa Osh Otavalo Pacaya Palenque Panajachel Panamà Papantla Paratì Patagonia Pechino Pelourinho Península Valdés Petra Pisac Port Au Prince Portoferraio Potosì Poza Rica Pucon Puebla Puerto Madryn Puerto Maldonado Puerto Natales Puerto Piramides Puerto Varas Puno Punta Arenas Quetzaltenango Quito Rang Raqchi Ravello Recanati Rio de Janeiro Rio Dulce Riobamba Roma Ruse salar Salvador da Bahia Samarcanda San Agustin San Blas San Cristobal de las Casas San Francisco El Alto San Ignacio San José San Juan San Marcos La Laguna San Pedro San Pedro de Atacama San Pedro La Laguna Santa Barbara Santa Caterina Santa Clara Santa Elena de Monteverde Santa Margherita Ligure Santiago Santiago Atitlan Santiaguito Sarospatak Sary Tash Seno Otway Shobak Sighisoara Sillustani Siloli Sololà Sorrento Stresa Sucre Sud America Sumidero Tambo Machay Targu Mures Tash Rabat Taulabé Tegucigalpa Tiahuanaco Tierra del Fuego Tikal torre di Burana Torres del Paine Transfagarasan Trinidad Trujillo Tucan Travel Turpan Urbino Urumqi Ushuaia Uxmal Uyuni Vaduz Vagabondo Valdivia Valle de Elqui Valle di Fergana Valparaiso Veliko Tarnovo Venezia Viejo Palmar Vila do Abraão Viña del Mar Viñales Vize Wild Frontiers Xian Yambol Zamosc Ziwa Rhino Sanctuary