Sei qui: blog » Beati gli ultimi, perchè saranno lasciati indietro

Beati gli ultimi, perchè saranno lasciati indietro

Ieri sera ho deciso di partecipare alla bicistaffetta per sensibilizzare l'opinione pubblica ed i Comuni sull'utilità di trasformare il tracciato ferroviario Treviso-Ostiglia in una pista ciclabile.
Uno degli organizzatori mi aveva detto: "vieni tranquillo, anche con una citybike si può partecipare"; e mia sorella aveva aggiunto: "vai tranquillo, prendi pure una delle bici sul retro, sono state usate solo 3 giorni fa e quindi sono in ottime condizioni". Io, quindi, fiducioso nel genere umano, stamattina mi son svegliato alle 7 (anzi, per la precisione, alle 6:50, perchè la sveglia dello stereo sembra perdere qualche colpo ultimamente) e, dopo una generosa colazione, mi sono apprestato a salire in sella.

Non l'avessi mai fatto...

La bici era rivestita di un discreto numero di ragnatele, ma non ci ho fatto molto caso dato che in campagna si sa che gli aracnidi amano tessere. Mi hanno infastidito leggermente di più la sgonfiezza della ruota anteriore ed il mancato funzionamento del freno posteriore... usate 3 giorni fa? ma quando mai!!!

Arrivato davanti alla chiesa di Villaganzerla, ho incontrato lo sparuto gruppetto di altri ciclisti locali e non, e subito ho capito che qualcosa non andava: tutti con abbigliamento (semi)professionale e mezzi abbinati... Ci hanno messo poco a seminarmi, dopo la partenza. Io ho abbozzato, all'inizio, poi ho protestato garbatamente, facendo notare che se ero di troppo (non ce la facevo e non ce l'avrei mai fatta a tenere le medie che tenevano loro) mi fermavo lì e tornavo indietro senza problemi, ma mi è sempre stato detto di no, che non era il caso, che si sarebbe rallentato... sé, credeghe... anche dopo esserci uniti ad un altro gruppo che ci è venuto incontro, le cose non sono cambiate, e sono stato seminato un paio di volte, non sapendo per dove proseguire e dovendo improvvisare (ma, dico io, come minchia si fa ad aspettare uno 100 metri dopo un bivio? lo aspetterai al bivio, semmai...); alla fine, stanco e dolorante (fateveli voi quei popò di chilometri senza mezzo adeguato e senza allenamento, e poi ne riparliamo), ho saltato gli ultimi 4 chilometri (quelli più facili, da casa mia a Montegaldella, sede del rinfresco organizzato per il congiungimento con un terzo contingente) e ho preferito trascinare le doloranti membra sotto la doccia.

Ora sono qui che scrivo tutto ciò altalenando il peso sulle chiappe, per permetter loro di riprendersi meglio; e so già che dormirò prono, cosa per me del tutto inusuale. E, nei miei sonni, invierò stramaledizioni a quelli che organizzano queste cose "per tutti" dimenticandosi di dirti che però la velocità minima sarà di 30 km/h... e pensare che mi son pure sentito dire da un demente (perché non vedo come altro definirlo) che "non si può partecipare ad una cosa del genere con una bici presa da sotto il portico"... uhe, demente: ma la ciclabile la fate per quelli del giro d'Italia o per tutti? no, perché se è per tutti, allora sarebbe meglio abbassare il livello testosteronico di queste manifestazioni e trasformarle in qualcosa a cui tutti possano partecipare senza morire!

p.s.: aggiungo che il demente suddetto, a Castegnero è stato seminato anch'egli, e che se non ci fosse stato il sottoscritto a quest'ora sarebbe ancora su alla chiesa a cercare gli altri...

Lascia un tuo commento

Informazioni

inserita il 26/05/2007
visualizzata 1189 volte
commentata 0 volte
totale pagine: 505
totale visite: 673930

Cerca nel blog

Cerca tra i contenuti pubblicati nel blog:

Categorie

Cerca tra le categorie presenti nel blog:

Pagine più recenti

Pagine più lette

Pagine più commentate

Ultimi commenti

Tag del blog

accompagnatore turistico (47) aerei ed altri oggetti volanti (3) America Centrale (7) amicizia (11) anniversari ed altre ricorrenze (9) appunti di studio (27) astronomia ed astrofilia (3) bambini (11) bicicletta (2) biglietti aerei (3) blog e siti web (15) bucket list (2) calcio (2) campeggio in tenda (2) carta di credito (2) Castegnero (3) Città del Vaticano (2) comici (3) comicità in TV (2) compleanni ed altre ricorrenze (8) concorsi a premi (6) consigli (2) consigli per viaggiatori (10) corsi on line (6) cose buffe (13) CouchSurfing (2) Coursera (9) cultura (3) customer service (2) cybercrime (2) diritti dei consumatori (2) disastri aerei (2) dove dormire in viaggio (6) draghi (6) dubbi esistenziali (3) economia (2) Ecuador (2) elezioni (5) Elizabeth (4) esame per licenza di accompagnatore (35) esami (33) Europa (3) Facebook (2) fantascienza (13) fantasy (10) Federica Cuman (2) film (32) filosofia orientale (3) fotografia (2) fumetti (9) furti e altre malefatte simili (2) Game of Thrones (22) geografia (3) giustizia (3) governo (2) grammatica (2) guerre e conflitti (7) Guerre Stellari (4) House of Cards (2) Il Signore degli Anelli (2) immigrazione (2) impegno civile (2) informatica (2) internet (9) investigatore privato (2) istruzioni per l'uso (2) Italia (2) JLA (2) lavoro (51) legge e normativa (3) leggi e normativa (7) lettere (2) lingua Esperanto (3) lingua inglese (2) Lo Hobbit (2) mare (2) matrimoni che finiscono male (3) Medio Oriente (5) morale (4) musica (7) omofobia (2) Pablo Neruda (2) Papa (2) papà (6) parenti (10) paura (2) pecorElettriche.it (7) pista pedociclabile (2) poesie (4) politica (23) premio Wanderlust (4) Presidente della Repubblica (2) privacy (3) professionalità (2) programmatore (2) Quentin Tarantino (3) Rat-Man (3) razzismo (7) referendum (3) religione (7) riflessioni profonde (3) ristoranti (2) riviste (2) saggi (5) salute (7) San Valentino (2) scienza (6) serie TV (36) servizi postali (2) Sherlock Holmes (7) Sindaco (2) social network (3) sogni (2) spazio infinito (3) spettacoli televisivi (2) sport (2) Stati Uniti d'America (7) storia (2) storie ben scritte (3) storie d'amore (15) studi (2) Sud America (6) supereroi (6) tecnologia (3) telefono (2) terrorismo (3) Tolkien (3) tradimento (4) treni (2) Twitter (3) vacanze (2) viaggi (20) violenza (2) vita da Tour Leader (7) vita e morte (23) Wall-e (5)