Sei qui: i miei viaggi » OltreIlGiardino: un giro del mondo in 800 giorni » Nuova Zelanda » Scivolando verso il sud nella Terra di Mezzo

Scivolando verso il sud nella Terra di Mezzo

immagineLasciata Wellington all'una di notte, l'ultimo giorno di settembre siamo saliti sul traghetto che ha portato noi ed il nostro minivan dall'altra parte dello stretto, sull'isola meridionale. Le ragazze sonnecchiavano, io ho guidato per un paio d'ore fino alle 6 e mezza quando i miei occhi mi hanno detto che volevano dormire.
Verso le dieci, abbiamo fatto colazione e siamo ripartiti, passando lungo la strada cittadine leggermente inutili come Nelson. Raggiunto l'ingresso del parco nazionale Abel Tasman (un simpatico olandese che, secoli fa, scoprì le isole neozelandesi - Neue Zeeland significa nuova terra sul mare, all'incirca - e che in cambio ha ottenuto solo il nome di un parco... oltre ad uno stato australiano, da lui scoperto anche quello, e che all'inizio aveva preso il nome del governatore del tempo Van Diemen... la storia di Colombo ed Amerigo si ripete...), abbiamo parcheggiato, mangiato e poi, mentre Ann ronfava, Una ed io siamo andati a fare una camminata di 4 ore lungo i sentieri costieri.

Il giorno dopo, indeciso fino all'ultimo se fare o meno un'escursione in canoa, sufficientemente costosa, ho infine optato per una corsa in taxiboat fino ad una baia da cui mi sono incamminato per ritornare; le ragazze le ho incontrate a metà strada, loro venivano in su, abbiamo pranzato insieme sotto un sole non preannunciato dalle continue pioggerelle del giorno precedente e poi siamo ritornati al minivan; in totale, per tutti, circa 7 ore di cammino, lungo sentieri il cui principale punto d'interesse sono le splendide vedute sulla frastagliata costa del parco.

Altra notte nel parcheggio, ed al mattino ripartiamo direzione sud-ovest. Sbagliando strada, e aggiungendo perciò circa un centinaio di chilometri, raggiungiamo il parco di Punakiki, dove stupende stratificazioni rocciose fanno pensare a rocce formate formate da montagne di frittelle giganti; completano il quadro dei "soffioni" (blowholes) davver notevoli, i migliori che abbia visto fino ad ora. Proseguiamo, e raggiungiamo il paesello dove vorremmo fare benzina col serbatoio praticamente a secco... l'unico benzinaio, chiuso per il pomeriggio, ci chiede 20 dollari solo per aprire la pompa di benzina (a questo si aggiungerebbe poi un esoso costo per litro); decidiamo di mandarlo a quel paese, e dopo un pò di ricerca troviamo un poliziotto (hei, è la prima volta che sono io a fermare la polizia ;-) ) che ci scorta per altri 30 chilometri (non so da dove venga fuori la benzina, probabilmente il serbatoio ci sta dando le sue ultime gocce) fino ad un'altra stazione di servizio - la scorta serviva in caso rimanessimo in panne. Lo ringraziamo ripetutamente, lui ed i suoi antenati, e raggiungiamo il paesino alle falde del ghiacciaio Fox, con una favolosa litigata tra Ann e me negli ultimi dieci chilometri (volano insulti alla 4a potenza, e per alcuni minuti prendiamo in considerazione l'ipotesi di dividerci): la tensione accumulata durante il giorno e la stanchezza hanno soffiato sul fuoco.

Franz Josef e Fox sono due famosi ghiacciai sull'isola, arrivano molto vicini alla costa e un sacco di gente si diverte a visitarli, scalarli, sorvolarli, etc.
Rispettoso nei confronti del mio amico Franz, e del fatto che Fox è più economico e - dicono - più bello (una contraddizione, lo so, ma dipende dall'accessibilità), prenotiamo un'escursione di un giorno sui ghiacci di quest'ultimo. La notte fredda (pare di essere a Cortina) la passiamo in un campeggio, col torridino (il ventilatore) acceso e docce calde per lavarci di dosso unto e stanchezza.

L'escursione, accompagnati da due guide, è davvero bella: muniti di ramponi e alpenstock, scaliamo rocce e lastre di ghiaccio, attraversiamo valli imbiancate e spiamo dentro tunnel dai riflessi azzurrini. Cioccolata a profusione, tante informazioni su questo gigante che ogni tanto avanza ed ogni tanto recede, e un sole che ci cuoce le gote (non ci sono tante altre parti esposte, fa davvero freddo!).

Ritornati, facciamo il pieno e partiamo per Haas, dove passiamo la notte nel parcheggio di un pub.

La mattina dopo, raggiungiamo Wanaka, popolazione 3000 circa, in riva al lago omonimo. Niente da fare sul posto, a meno di non voler camminare (vade retro!) o spendere montagne di soldi, quindi la usiamo per rilassarci, fare shopping e masterizzare cd (io). La notte nel parcheggio davanti all'ufficio informazioni passa tranquilla, ma al mattino ci risveglia un dipendente comunale che ci spiega che non avremmo potuto passare la notte lì (balle: ho controllato la sera prima, nessun cartello di divieto da nessuna parte)... dato che ormai è fatta, e che non abbiamo inquinato, ci saluta cortesemente e se ne va.

Ripartiamo, è il giorno 5 ormai, e raggiungiamo Queenstown. Sarà pure la seconda città più grossa dell'isola, ma la popolazione locale è solo tripla di quella di Wanaka; ci sono però un casino di turisti, compresi molti nippo: il luogo è la sede ideale per gli sport estremi, dal bungy jumping al parapendio, dal jet-boating allo sci alpinistico... quindi: freddo, vento, gente che gira con scarponi e snowboard, o giubbotti salvagente... noi prenotiamo le crociere per Milford Sound, un fiordo ben famoso, e poi gironzoliamo (prenotando presso l'agenzia di un ostello, riceviamo in omaggio docce ed internet gratis... chiamami scemo!). La serata, in un pub irlandese, dopo un'abbondante piatto di fusilli alla carbonara, è davvero tranquilla, e finalmente passiamo una notte non interrotta da uscite per toilette (le ragazze ne fanno solitamente almeno una a testa, e la porta del minivan è abbastanza rumorosa, credetemi): abbiamo dovuto spostarci di qualche chilometro, per non incorrere nelle ire dell'amministrazione locale (ma perché non creano qualche zona gratuita, ogni tanto???).

Oggi internet, spesa e poi partiremo per le 5 ore di viaggio per Milford Sound.

Lascia un tuo commento

Campi
Bottoni

Informazioni

inserito il 06/10/2004
visualizzato: 2051 volte
commentato: 0 volte
totale racconti: 554
totale visualizzazioni: 925446

Cerca nel diario

Cerca tra i racconti di viaggio pubblicati nel diario di bordo:

Ultime destinazioni

Racconti più recenti

Racconti più letti

Racconti più commentati

Ultimi commenti

Tag del diario di bordo

Aguas Calientes Amalfi Amazzonia Ambato Andahuaylillas Angra dos Reis Arequipa Assisi Asunción Baia Mare Balau Lac Bassin Bleu Bassin Zim Bellagio Bishkek Bocas del Toro Bogotà Bologna Bonito Boquete Buenos Aires Buzios Bwindi Cajamarca Camaguey Campeche Campulung Cancun Cannes canyon del Colca Cap-Haïtien Cartagena Cayo Las Brujas Cernobbio Chaa Creek Chapada Diamantina Chiapa de Corzo Chiavari Chichen Itzà Chichicastenango Chiloe Chivay Cienfuegos Città del Guatemala Città del Messico Cluj Napoca Copacabana Copán Copán Ruinas Costa Azzurra Costiera Amalfitana Cuenca Curitiba Cusco Dubai Dukla Dunhuang Dushanbe El Calafate El Chaltén El Tajin Entebbe ExPlus Fan Mountains fiume Pacuare fiume Tambopata Florianopolis Foz do Iguaçu GCC Granada Grand Circle Guayaquil Huamachuco Humenne Igoumenitsa Iguaçu Iguazu Ilha Grande Ingapirca Interlaken Isla Colon Isla del Sol Isla Mujeres Istanbul Jacmel Jaiyuguan JLA Joya de Ceren Kampala Kashgar Khodjent Kibale Koch Kor Kokand Kumkoy La Antigua Guatemala La Havana La Paz lago di Como lago Maggiore lago Nicaragua lago Song-Kol lago Titicaca lago Yojoa lake Mburo Leon Lima Livingston Livorno Londra Lublin Lucca Macerata Machu Picchu Madaba Madrid Managua Manaus Mar Nero Margilon Mérida Mesilla Momostenango Monaco Monte Alban Murchison Falls Mutianyu Nice Nyjrbator Oaxaca Ometepe Omoa Osh Otavalo Pacaya Palenque Panajachel Panamà Papantla Paratì Patagonia Pechino Pelourinho Península Valdés Petra Pisac Port Au Prince Portoferraio Potosì Poza Rica Pucon Puebla Puerto Madryn Puerto Maldonado Puerto Natales Puerto Piramides Puerto Varas Puno Punta Arenas Quetzaltenango Quito Rang Raqchi Ravello Recanati Rio de Janeiro Rio Dulce Riobamba Roma Ruse salar Salvador da Bahia Samarcanda San Agustin San Blas San Cristobal de las Casas San Francisco El Alto San Ignacio San José San Juan San Marcos La Laguna San Pedro San Pedro de Atacama San Pedro La Laguna Santa Barbara Santa Caterina Santa Clara Santa Elena de Monteverde Santa Margherita Ligure Santiago Santiago Atitlan Santiaguito Sarospatak Sary Tash Seno Otway Shobak Sighisoara Sillustani Siloli Sololà Sorrento Stresa Sucre Sud America Sumidero Tambo Machay Targu Mures Tash Rabat Taulabé Tegucigalpa Tiahuanaco Tierra del Fuego Tikal torre di Burana Torres del Paine Transfagarasan Trinidad Trujillo Tucan Travel Turpan Urbino Urumqi Ushuaia Uxmal Uyuni Vaduz Vagabondo Valdivia Valle de Elqui Valle di Fergana Valparaiso Veliko Tarnovo Venezia Viejo Palmar Vila do Abraão Viña del Mar Viñales Vize Wild Frontiers Xian Yambol Zamosc Ziwa Rhino Sanctuary