Cumpleaños feliz

immagine

Ieri ho compiuto gli anni, un'altra volta... sta diventando quasi un'abitudine, dovrei darmi una calmata!

Per la prima volta, mi è successo in tour. E devo dire che la giornata è stata assolutamente positiva. Cominciata a mezzanotte ed un minuto, quando nel calore della mia stanza d'albergo a Puno, con vista sulle luci della città riflesse nelle acque del lago Titicaca, ho scartato il pacchetto che mi era stato consegnato dalla donna che più o meno (non per nostra poca volontà, ma per abbastanza ovvie motivazioni lavorative) frequento da un mesetto circa (anzi, da un mese preciso: in effetti, ieri era il nostro primo mesiversario - si dirà così? -, quindi il regalo era doppiamente gradito). Dentro l'involto, miracolosamente sopravvissuto nel mio zaino, c'era un piccolo simpatico porcellino d'india intagliato nel legno, con un anello metallico attaccato al posteriore che lo rende, inequivocabilmente, un portachiavi. Perché un porcellino d'india, che da queste parti sulle Ande si chiama "cuy" e come sapete fa parte delle prelibatezze della cucina locale, è motivo che a voi non sarà dato sapere (come anche maggiori dettagli sulla summenzionata, ché al momento sono ancora coperti dal segreto istruttorio); ma il piccolo, che non ha ancora un nome, è andato subito a fare compagnia a Pecurì e Schitto, le mie due mascotte (una pecorella ed un pipistrello) che viaggiano sempre con me in una tasca del mio zainetto.

Scartato il regalo, e ringraziata per e-mail la donatrice, sono andato a letto, ma sarà stata l'altitudine sarà stata la voglia di sbirciare sotto l'albero (pardon, nel computer), mi son svegliato verso le 7 ed ho "scartato" con piacere alcuni messaggi belli pronti nella mia casella di posta elettronica.

Poi, ovviamente, il lavoro: colazione con i miei quattro clienti, mentre il sole tentava di squarciare la fitta coltre di nubi presente sul lago, e poi escursione alle isole galleggianti degli Uro, con l'amico Jorge, la miglior guida che conosca da queste parti. La stagione è bassa ora, e l'ennesimo sciopero con blocco stradale al confine boliviano riduce ancora di più il numero di turisti, quindi la navigazione è stata tranquilla e privata, e ci ha fatto sentire sovrani del lago. Gli Uro dell'isola che ci è stata assegnata sono stati abbastanza simpatici e molto disponibili, anche se come al solito al termine hanno tentato in tutti i modi di vendere un pò di souvenir (e mi dispiace, signora mia, ma la federa per il cuscino non gliela compro, perché non mi serve e perché me la vuole vendere al doppio del prezzo a cui la trovo sulla terraferma); abbiamo persino fatto un giretto su uno dei loro "catamarani" fatti di canne "totora", e James ed io ci siamo messi ai remi riscuotendo un discreto successo.

Ritornati a Puno, abbiamo fatto un giretto per il mercato e poi per il centro città, assistendo ad una delle tante parate che qua spuntano come funghi, e poi mangiando qualcosa in un buon ristorante sulla Plaza de Armas, il Mojsa. Alle 14, puntuale, Jorge è ritornato con il veicolo che ci avrebbe portato a Sillustani. Dato che le ultime due volte che ci ero andato aveva piovuto e persino grandinato (vedere filmato su YouTube per credere), e che dense nubi si stagliavano all'orizzonte, ero un pò preoccupato al riguardo, ed avevo preavvertito i miei viaggiatori di portarsi abbondante attrezzatura antipioggia; ma nulla poteva andare storto il giorno del mio compleanno, ovviamente, e quando siamo arrivati un'ottimo sole ci ha fatto compagnia per tutta la visita, rendendo ancora più magiche le torri funerarie dei Colla. Intorno a noi, un gruppo di studenti di una scuola d'arte era intento a ritrarre su tela il panorama da tutti i possibili punti di vista, mentre un falco si librava in cielo stabile, pronto a cogliere il minimo movimento sul terreno per piombare sulla possibile preda.

Una visita ad una famiglia locale, per scoprire come vivono i contadini da queste parti, con le loro strane superstizioni, quale quella di mettere un copertone di motocicletta sul tetto di paglia della casa per tenere lontani i fulmini, ed i loro deliziosi formaggi e patate accompagnate da una salsa che sembra fango, odora come fango, si spalma come fango e, infatti, è fango (ma buono... lo so, non mi crederete, ma lo è davvero!); e, poi, un nuovo ritorno a Puno.

Mentre i miei passeggeri si rilassano, mi occupo del check-in per il volo dell'indomani, e poi mi dedico ad aprire altre e-mail. Manca, un po', il desiderato messaggio vergato dai miei due nipotastri, ma suppongo avessero altre più bambinesche incombenze che hanno richiesto la loro attenzione; però ce ne sono molti altri, qualcuno di persone che non sentivo più da qualche anno, qualche altro da amici ed amiche con i quali sono sempre in contatto. La palma del più inventivo va sicuramente alla "sacra" famiglia Cattani, di cui mi pregio agevolare una foto (come dice Max, va interpretata... io ci ho messo qualche secondo, ma solo grazie ad anni di allenamento con la Settimana Enigmistica).

Poi, la cena, preceduta dall'ennesimo "pisco sour" (e per fortuna che a queste altitudini bisognerebbe moderarsi, con l'alcool); ne bevo uno anch'io, tanto il bicchiere è mignon e la quantità di schiuma d'uovo lo rende abbastanza innocuo per un astemione come me. Buona cena, come sempre nell'hotel Posada del Inca, e comunque le alternative sono poche, visto che per insondabili motivi della psiche umana la domenica tutti i ristoranti di Puno sono chiusi... Buona cena, quindi, e buona conversazione, ora che dopo nove giorni di tour le due coppie di viaggiatori si sono amalgamate per benino (e gli conviene, visto che passeranno 5 giorni assieme in barca alle Galapagos!). E, quando io credo che sia terminata, le luci si abbassano, e una torta magicamente compare mentre tutti mi cantano buon compleanno (in inglese, in spagnolo, persino in portoghese visto che un gruppetto di brasiliani sta anch'esso cenando nel ristorante): i miei clienti mi hanno fatto la sorpresona, io davvero non me l'aspettavo, sono riusciti a fregarmi! Panna e cioccolata, il mio nome (scritto in modo corretto) in cima, un cigno di cioccolata a sorvegliare l'unica amarena presente... ovviamente ce la sbafiamo, io più di tutti, sotto uno sguardo leggermente atterrito di James che non pensava potesse entrarmi tanta torta :)

Spazzolate anche le ultime briciole, torniamo alle camere, e qui ho due belle conversazioni via Skype con la mia donna misteriosa e poi con mio cugino Marco Broll, discreto viaggiatore anche lui, in questo momento a Sochi per preparare le olimpiadi invernali (no, non è un atleta, ma un organizzatore di eventi, ed è il responsabile dello stadio principale... 'stica!, direte voi, e sono d'accordo, non è mica un bau-bau micio-micio qualunque).

Direi che non posso proprio lamentarmi della giornata, no?!


Commenti

Il giorno 16/12/2013, Daniele ha scritto...
Sì, lo so che la foto compare due volte, e che in anteprima non viene fuori... ma ho un aereo da prendere al volo (ah ah ah!), quindi sistemerò questi bachi stanotte da Lima... non vogliatemene
Il giorno 16/12/2013, Chiara ha scritto...
Poichè non lo nomini immagini tu poi non abbia visto il nostro biglietto augurale personalizzato :-(
http://crafttime.blogspot.it/2013/12/auguri-da-lontano-iii-domenica-di.html

Per la donna misteriosa... beh, qualche indizio l'ho messo insieme, ma sarebbe opportuno tu dicessi di più, giusto per i segnaposto nella tavola di Natale :-)
Il giorno 16/12/2013, Daniele ha scritto...
Urcapeppa! Che bellissima foto, così piena di sorrisi e canzoni (specie il bambinello, neh!)... che hai fatto, li hai spinti col forcone, sotto quell'orologio gigante?
Cmq grazie, auguri ben graditi; ecco, magari se mi avvertivi invece di aspettare che andassi a visitare il tuo blog, non facevo la figura del cioccolataio ingrato via web...

Indizi? Ovvio che ne ho seminati un po', poi sta a chi è lesto coglierli e trovare la soluzione del rompicapo...
Il giorno 16/12/2013, Chiara ha scritto...
Eh no, altrimenti come controllo se guardi il mio blog anche quando non te lo segnalo io?

Per la donna del mistero, beh, i tempi non coincidono molto, per quello mi servono altre informazioni...
Il giorno 16/12/2013, Massielena ha scritto...
Premesso che a Daniele piace fare il misterioso, anche se direi che dopo solo un mese di conoscenze della dolce fanciulla (in senso biblico o no......chissà?) è meglio non dire troppe cose, è vero che alcuni flebili indizi si possono ritrovare nei racconti di viaggio.
Felicitazioni dunque e buon per te che il genetliaco sia stato momento positivo; la felicità non è mai troppa.
Il giorno 17/12/2013, Andrea ha scritto...
Tanti Auguri in clamoroso ritardo!!!
Il giorno 19/12/2013, Daniele ha scritto...
@ Andrea: fossero questi, i problemi della vita... grazie per gli auguri!
@ Max: la Bibbia è sempre stato un libro molto interessante, anche se capirai bene che per un agnostico si devono trovare attività alternative...
@ Chiara: stay tuned!

Lascia un tuo commento

Campi
Bottoni

Informazioni

inserito il 16/12/2013
visualizzato: 1542 volte
commentato: 7 volte
totale racconti: 554
totale visualizzazioni: 949386

Cerca nel diario

Cerca tra i racconti di viaggio pubblicati nel diario di bordo:

Ultime destinazioni

Racconti più recenti

Racconti più letti

Racconti più commentati

Ultimi commenti

Tag del diario di bordo

Aguas Calientes Amalfi Amazzonia Ambato Andahuaylillas Angra dos Reis Arequipa Assisi Asunción Baia Mare Balau Lac Bassin Bleu Bassin Zim Bellagio Bishkek Bocas del Toro Bogotà Bologna Bonito Boquete Buenos Aires Buzios Bwindi Cajamarca Camaguey Campeche Campulung Cancun Cannes canyon del Colca Cap-Haïtien Cartagena Cayo Las Brujas Cernobbio Chaa Creek Chapada Diamantina Chiapa de Corzo Chiavari Chichen Itzà Chichicastenango Chiloe Chivay Cienfuegos Città del Guatemala Città del Messico Cluj Napoca Copacabana Copán Copán Ruinas Costa Azzurra Costiera Amalfitana Cuenca Curitiba Cusco Dubai Dukla Dunhuang Dushanbe El Calafate El Chaltén El Tajin Entebbe ExPlus Fan Mountains fiume Pacuare fiume Tambopata Florianopolis Foz do Iguaçu GCC Granada Grand Circle Guayaquil Huamachuco Humenne Igoumenitsa Iguaçu Iguazu Ilha Grande Ingapirca Interlaken Isla Colon Isla del Sol Isla Mujeres Istanbul Jacmel Jaiyuguan JLA Joya de Ceren Kampala Kashgar Khodjent Kibale Koch Kor Kokand Kumkoy La Antigua Guatemala La Havana La Paz lago di Como lago Maggiore lago Nicaragua lago Song-Kol lago Titicaca lago Yojoa lake Mburo Leon Lima Livingston Livorno Londra Lublin Lucca Macerata Machu Picchu Madaba Madrid Managua Manaus Mar Nero Margilon Mérida Mesilla Momostenango Monaco Monte Alban Murchison Falls Mutianyu Nice Nyjrbator Oaxaca Ometepe Omoa Osh Otavalo Pacaya Palenque Panajachel Panamà Papantla Paratì Patagonia Pechino Pelourinho Península Valdés Petra Pisac Port Au Prince Portoferraio Potosì Poza Rica Pucon Puebla Puerto Madryn Puerto Maldonado Puerto Natales Puerto Piramides Puerto Varas Puno Punta Arenas Quetzaltenango Quito Rang Raqchi Ravello Recanati Rio de Janeiro Rio Dulce Riobamba Roma Ruse salar Salvador da Bahia Samarcanda San Agustin San Blas San Cristobal de las Casas San Francisco El Alto San Ignacio San José San Juan San Marcos La Laguna San Pedro San Pedro de Atacama San Pedro La Laguna Santa Barbara Santa Caterina Santa Clara Santa Elena de Monteverde Santa Margherita Ligure Santiago Santiago Atitlan Santiaguito Sarospatak Sary Tash Seno Otway Shobak Sighisoara Sillustani Siloli Sololà Sorrento Stresa Sucre Sud America Sumidero Tambo Machay Targu Mures Tash Rabat Taulabé Tegucigalpa Tiahuanaco Tierra del Fuego Tikal torre di Burana Torres del Paine Transfagarasan Trinidad Trujillo Tucan Travel Turpan Urbino Urumqi Ushuaia Uxmal Uyuni Vaduz Vagabondo Valdivia Valle de Elqui Valle di Fergana Valparaiso Veliko Tarnovo Venezia Viejo Palmar Vila do Abraão Viña del Mar Viñales Vize Wild Frontiers Xian Yambol Zamosc Ziwa Rhino Sanctuary