Sei qui: i miei viaggi » Al lavoro in America Latina » Brasile » Lazy boy va a scuola

Lazy boy va a scuola

immagine

Lazy. La parola esatta è questa. Anche se non rende esattamente il motivo del mio prolungato silenzio, da che sono arrivato a Salvador da Bahia, qui sulla costa atlantica (non che ne abbia molte altre, a dire il vero) del Brasile.

In realtà, dopo i tre giorni conclusivi del tour, e dopo che i miei viaggiatori se ne sono partiti alla volta di Buzios, località nei pressi di Rio dove ci si spiaggia come balene, mi son preso un paio di giorni di puro relax, riuscendo finalmente ad arrivare alla sabbia ed al mare, ospite di Albert, colombiano trasferito qui e impelagato con un ecoprogetto nei pressi del parco nazionale di Chapada Diamantina, che tra parentesi anche questa volta temo non riuscirò a visitare. Un'amaca per dormire, nello stanzino che sta mettendo a posto per gli ospiti, e un'aggiustatina ai ritmi perché io ancora vivevo come se fossi in tour, con levatacce mattutine, mentre lui beatamente ronfava, e ci siamo trovati, godendoci anche un bel pò di feste in giro per la città (Albert è informatissimo sulle cose che accadono in città, ed ha una rete di contatti che neppure la CIA...), compreso un simpatico appuntamento settimanale con jam session di jazz suonato nel parco del Museo di Arte Moderna e forse la prima festa d'avvento, con un gruppo che suonava forrò (una musica ritmata, dal suono è allegro, che ricorda un miscuglio di samba e merengue) e tanta tanta gente che ballava di fronte alla scalinata della chiesa, impassibile (la chiesa).

Due giorni da lazy boy, quindi, ma solo quelli, perché poi invece è cominciato il corso di lingua portoghese che ho deciso di seguire, e nonostante le lezioni siano solo al mattino le giornate risultano ben piene:
- lunedì: mattina lezione, pomeriggio visita guidata del quartiere di Pelourinho;
- martedì: mattina lezione, pomeriggio lezione di samba e forrò (non vi dico i risultati, sui quali preferisco stendere un velo pietoso) e poi ritorno a Pelourinho per assistere alla bolgia del martedì aumentata dai festeggiamenti per Santa Barbara;
- mercoledì: mattina lezione, pomeriggio spiaggia e poi lavoro (eh sì, ogni tanto lavoro pure) per preparare il prossimo tour;
- giovedì: mattina lezione, pomeriggio lezione di capoeira e poi incontro all'Allianze Française con Albert ed il suo gruppo di couchsurfer "torre di Babele" per giocare a Scrabble in 10 lingue diverse (contemporaneamente!) e infine concerto di musica classica nella cattedrale, con un violinista virtuoso che si scopre essere italiano ma vivere a Sao Paulo da parecchio tempo (altro cervello in fuga, forse);
- venerdì: mattina lezione, pomeriggio spiaggia e poi visita al forte Sant'Antonio per assistere ad una roda de capoeira, con il maestro Curiò, un omino che ha le gambe più curve del manico di un birimbao e che sembra doversi spezzare da un momento all'altro, ma che se ci si mette scatta più rapido di una biscia e tu non vorresti incontrarlo di notte in un vicolo oscuro.

Lo so, la parola "spiaggia" compare alcune volte, ma vi assicuro che in certi momenti fa talmente caldo che o entro in acqua o mi sciolgo come un gelato al sole. Quello, o vivere sotto un ventilatore / condizionatore acceso ventiquattr'ore su ventiquattro; ma ho qualche dubbio che gioverebbe alla mia salute.

A compagni di corso, andiamo bene: a parte due bambini (!) colombiani inviati qui per tre mesi dalle loro famiglie (che non devono passarsela molto male, economicamente parlando), ci sono il francese Noel (ogni facile battuta è stata già fatta, quindi risparmiatevela), la spagnola Antonia e la bionda tetesca Sandra; andiamo tutti molto d'accordo, e direi che ce la spassiamo assai, ma è specialmente con i primi due che ho legato di più, anche perché Sandra passa tutto il suo tempo libero in spiaggia con la sua amica svedese a cercare di abbrustolirsi (povera gioia, è bianca come un wurstel bianco, non ce la farà mai a raggiungere quella deliziosa doratura che ricopre la mia pelle ora... io, d'altra parte, non riuscirò mai a raggiungere quella di Noel, i cui genitori sono della Costa d'Avorio :)). Cerchiamo di parlare il più possibile in portoghese, tra di noi e con gli altri, anche se arranchiamo un pò tutti, e quindi mescoliamo allegramente e sapientemente con abbondanti dosi di spagnolo ed inglese; ma sicuramente stiamo esplorando e conoscendo la città in una maniera che, ai più, sfugge, e la cosa ci esalta e ci rende più piacevole anche il fare i compiti a casa, che come in ogni scuola che si rispetti non mancano mai.

Oggi, invece, tutto il giorno in ostello a lavorare per il prossimo tour, o almeno fino alle 17, quando sono uscito per andare alla jam session; jam session che non c'era, a causa della festività dell'Immacolata Concezione (un giorno qualcuno me la spiegherà, questa storia... che non è tanto per il fatto che Giuseppe non c'entrava niente, povero caro, ma che la gravidanza di Maria così dura solo 17 giorni...), e quindi ho dovuto ripiegare su una festa nel parco di Campo Grande, per mangiucchiare un pò di cose deliziose come le crepe di farina di manioca e gli spiedini di carne cucinati al momento con gran sventolare di ventagli.... ahhh, studiare...

Nota bene:

Il sito del Museo di Arte Moderna, che non è in realtà gran cosa ma è dove suonano jazz al sabato, che paghi solo 6 reais per entrare e stai lì 3 ore mentre tutto il mondo intorno a te fuma marihuana, è http://www.mam.ba.gov.br/

Commenti

Il giorno 09/12/2012, Valentina C. ha scritto...
"lezione di samba e forrò"
Da paura immaginarselo!
tutta invidia per il sole e l'abbronzatura invece.
Il giorno 09/12/2012, Massielena ha scritto...
Visto il tuo manifesto interesse per le festività associate al Natale (parli di avvento, immacolata concezione) di cui, da come scrivi, sembra tu capisca poco, potresti iscriverti anche ad un corso di catechismo. Ci sono preti molto bravi e capaci di trasmettere l'essenza della fede, sicuramente anche in Brasile.
Il giorno 11/12/2012, Daniele ha scritto...
Eh, l'abbronzatura è croccante, sembra quella deliziosa doratura dei sofficini (quelli venuti bene, non quelli che ti si bruciano nell'olio che poi la volta dopo decidi di cuocerli nel forno)...

Per quanto riguarda la Fede, è andata persa molto tempo fa, e non c'è prete molto bravo o meno che possa farla tornare.
Se, poi, certa gente si occupasse delle proprie travi, potrebbe spiegare a noi ignoranti il mistero della gravidanza più corta del mondo, o anche solo perché il buon pastore tedesco, nel suo viaggio in Brasile del prossimo maggio (qui il calendario completo: http://www.ratzingerbenedettoxvi.com/viaggioapostolicobrasile.htm) non renderà omaggio alla prima chiesa cattolica realizzata in questa terra (Salvador o Porto Seguro, la diatriba esiste: http://salvadorhistoriacidadebaixa.blogspot.com.br/2011/01/primeira-igreja.html) e si limiterà a visitare la megalopoli paolista... che da queste parti se la son presa abbastanza, per lo sgarro...
Il giorno 11/12/2012, Massielena ha scritto...
Bambinello caro......partiamo dal Natale, che sancisce secondo tradizione la nascita di Gesù; egli però non nacque il 25 dicembre, troppa grazia sapere il giorno giusto. La tradizione quindi ha associato la nascita del Redentore al giorno della "Festa del Sole" (Dies Natalis Solis Invicti)che per gli antichi romani sanciva il ritorno del Sole ad illuminare le genti ogni giorno sempre di più (l'Astronomia insegna)ed a vincere sulla notte. Il periodo che precede il Natale è chiamato Avvento, dura poco più di 4 settimane e segue le Festa di Cristo Re. In questo periodo di 4 settimane si raccontano gli eventi precedenti la nascita di Gesù tra cui l'Immacolata Concezione a cui è dedicata una giornata di festa. Perchè non 9 mesi prima allora? Ma semplicemente perchè gli eventi che precedono la nascita di Cristo vengono letti solo nel periodo che la precede, ovvero l'Avvento. D'altronde se volessimo fare i fiscali la vita di Gesù, che dura 33 anni, viene narrata in un solo anno; se poi vogliamo restringere il tutto alla sua vita pubblica dovremmo avere 3 anni a disposizione per leggere il tutto, ed invece la sua morte e resurrezione si narra ogni anno.
Sono semplici tradizioni che vengono inserite nei momenti ritenuti importanti e che personalmente approvo.
Per quanto riguarda Ratzy direi che è abbastanza grande da fare le sue scelte, per cui, visto che apre un account in Twitter i curiosi potrebbero chiedere direttamente a lui il perchè di tali comportamenti.
Il giorno 11/12/2012, Daniele ha scritto...
Oh, finalmente una luce che illumina le tenebre :)
Certo, chi ha scelto le date lo ha fatto in maniera quanto meno poco scientifica: se infatti i 33 anni di vita del Cristo vengono raccontati in un anno di liturgia, ad ogni anno corrisponderebbero circa 11 giorni, ovvero la gravidanza di Maria dovrebbe durare circa 8,5 giorni, il che porterebbe a spostare la data del concepimento (dando per scontato che quella del Natale sia troppo legata al solstizio per vagare allegramente) al 16 o 17 di dicembre; ciò, mi rendo conto pienamente, romperebbe le uova nel paniere a mia nipote, che della festività dell'8 si pasce per celebrare il suo compleanno senza impegni scolastici, ma renderebbe il tutto più coerente (se si può parlare di coerenza nella storia di un tipo che nasce da una donna che viene inseminata da un piccione)...

La proposta di una lettura triennale sarebbe da supportare, a mio parere: renderebbe meno barbose le messe, dato che non sentiresti ripetere la stessa cosa ogni docidi mesi.

Per quanto riguarda l'"umile servo nella vigna del Signore", illuminante sui futuri cinguettii vaticani è questa striscia del bravissimo Makkox: http://www.ilpost.it/makkox/2012/12/03/pontifex/
Il giorno 11/12/2012, Massielena ha scritto...
Infatti non c'è nulla di scientifico in tutto ciò; si tratta come al solito di credere o non credere. Tanto per dare un ulteriore esempio, la Pasqua è fissata tramite il primo plenilunio di Primavera. Ad esempio oggi, casualmente, la lettura del vangelo tratta della "pecorella smarrita"........

Lascia un tuo commento

Campi
Bottoni

Informazioni

inserito il 08/12/2012
visualizzato: 1639 volte
commentato: 6 volte
totale racconti: 554
totale visualizzazioni: 946913

Cerca nel diario

Cerca tra i racconti di viaggio pubblicati nel diario di bordo:

Ultime destinazioni

Racconti più recenti

Racconti più letti

Racconti più commentati

Ultimi commenti

Tag del diario di bordo

Aguas Calientes Amalfi Amazzonia Ambato Andahuaylillas Angra dos Reis Arequipa Assisi Asunción Baia Mare Balau Lac Bassin Bleu Bassin Zim Bellagio Bishkek Bocas del Toro Bogotà Bologna Bonito Boquete Buenos Aires Buzios Bwindi Cajamarca Camaguey Campeche Campulung Cancun Cannes canyon del Colca Cap-Haïtien Cartagena Cayo Las Brujas Cernobbio Chaa Creek Chapada Diamantina Chiapa de Corzo Chiavari Chichen Itzà Chichicastenango Chiloe Chivay Cienfuegos Città del Guatemala Città del Messico Cluj Napoca Copacabana Copán Copán Ruinas Costa Azzurra Costiera Amalfitana Cuenca Curitiba Cusco Dubai Dukla Dunhuang Dushanbe El Calafate El Chaltén El Tajin Entebbe ExPlus Fan Mountains fiume Pacuare fiume Tambopata Florianopolis Foz do Iguaçu GCC Granada Grand Circle Guayaquil Huamachuco Humenne Igoumenitsa Iguaçu Iguazu Ilha Grande Ingapirca Interlaken Isla Colon Isla del Sol Isla Mujeres Istanbul Jacmel Jaiyuguan JLA Joya de Ceren Kampala Kashgar Khodjent Kibale Koch Kor Kokand Kumkoy La Antigua Guatemala La Havana La Paz lago di Como lago Maggiore lago Nicaragua lago Song-Kol lago Titicaca lago Yojoa lake Mburo Leon Lima Livingston Livorno Londra Lublin Lucca Macerata Machu Picchu Madaba Madrid Managua Manaus Mar Nero Margilon Mérida Mesilla Momostenango Monaco Monte Alban Murchison Falls Mutianyu Nice Nyjrbator Oaxaca Ometepe Omoa Osh Otavalo Pacaya Palenque Panajachel Panamà Papantla Paratì Patagonia Pechino Pelourinho Península Valdés Petra Pisac Port Au Prince Portoferraio Potosì Poza Rica Pucon Puebla Puerto Madryn Puerto Maldonado Puerto Natales Puerto Piramides Puerto Varas Puno Punta Arenas Quetzaltenango Quito Rang Raqchi Ravello Recanati Rio de Janeiro Rio Dulce Riobamba Roma Ruse salar Salvador da Bahia Samarcanda San Agustin San Blas San Cristobal de las Casas San Francisco El Alto San Ignacio San José San Juan San Marcos La Laguna San Pedro San Pedro de Atacama San Pedro La Laguna Santa Barbara Santa Caterina Santa Clara Santa Elena de Monteverde Santa Margherita Ligure Santiago Santiago Atitlan Santiaguito Sarospatak Sary Tash Seno Otway Shobak Sighisoara Sillustani Siloli Sololà Sorrento Stresa Sucre Sud America Sumidero Tambo Machay Targu Mures Tash Rabat Taulabé Tegucigalpa Tiahuanaco Tierra del Fuego Tikal torre di Burana Torres del Paine Transfagarasan Trinidad Trujillo Tucan Travel Turpan Urbino Urumqi Ushuaia Uxmal Uyuni Vaduz Vagabondo Valdivia Valle de Elqui Valle di Fergana Valparaiso Veliko Tarnovo Venezia Viejo Palmar Vila do Abraão Viña del Mar Viñales Vize Wild Frontiers Xian Yambol Zamosc Ziwa Rhino Sanctuary