Sei qui: i miei viaggi » Al lavoro in America Latina » Brasile » Acquaticità

Acquaticità

immagine

L'acqua che cade dalle duecento e passa cascate che compongono quella meraviglia che è Iguazu, al confine tra il Brasile e l'Argentina, è davvero tanta. Antonio, il nostro contatto locale che viene a prenderci in aeroporto dopo il volo che ci ha portato via da Rio (e dal Cristo Redentore in cima al piovigginoso Corcovado, dai bellissimi giardini botanici, dalla lunga scala ricoperta con più di 10000 piastrelle nel quartiere di Santa Theresa, e dalle bianche spiagge di Copacabana ed Ipanema), afferma che in questo periodo il volume d'acqua è solo il 50% di quello che è normalmente; ma per me, ad anni di distanza dall'ultima volta che ero stato qui, nulla sembra cambiato, e rimango incantato ed impassibile come quando si è rotto il rubinetto della cucina (ancora nella casa di Vicenza) e l'acqua ha cominciato a riversarsi scorrendo inarrestabile (anzi, in realtà era mia sorella quella che è rimasta incantata ed impassibile, mentre io sono andato a cercare il rubinetto principale per chiuderlo, ma questa è un'altra storia, ed ora lei è stimata madre di famiglia e non è bene riaprire certi cassetti dei ricordi).

Continuo a pensare che i brasiliani ci abbiano perso, nell'affare: hanno, è vero, una vista stupenda sulle cataratte, e la piattaforma che hanno costruito arriva molto vicino alla Garganta del Diablo, e puoi sentire gli spruzzi colpirti la faccia e darti, nel caldo afoso, un godimento tale che raramente hai sperimentato; e sono sicuramente un pò più cortesi e più "lussuosi" rispetto ai cugini d'oltrefiume. Ma gli argentini hanno le passerelle, che ti portano fin sopra alle cascate, e di fianco, e lì non c'è impermeabile che tenga; ed hanno i camminamenti che scendono fino alla base delle cascate; ed hanno l'isola San Martin, che è una gioia andarci perché la maggior parte dei turisti non perdono tempo a prendere la barchetta che ti fa attraversare il fiume fino a raggiungerla, e molti di quelli che lo fanno non salgono la ripida scalinata che porta fino al miglior belvedere che ci possa essere (una delle mie foto scattate da quel belvedere è stata venduta a varie persone e riviste, in passato).

Il mio gruppetto, due coppie nei loro -anta, cammina senza problemi, con le ovvie necessarie pause, e giriamo davvero molto; decidono pure di acquistare il pacchetto "grande aventura", che prima ci fa portare in giro per la selva su un camion scoperto con una guida che ci racconta un pò di cose, e poi ci fa fare un viaggio su una veloce imbarcazione che, grazie alle eccellenti doti del capitano, si avvicina talmente tanto a molte delle cascate che ci infiliamo, letteralmente, la testa. La cosa ancor più bella di tutto questo è che la tessera da accompagnatore che mi sono fabbricato, con tanto di foto e plastificazione, a Santiago, mi permette di entrare gratis ovunque e di fare gratis pure l'escursione, che non sarebbe inclusa nelle mie spese autorizzate da JLA... costata meno di due dollari, oltre a una mezz'oretta di lavoro al computer, direi che già si è ben ripagata :)

Due clienti decidono di visitare anche il Parco degli Uccelli, e Antonio mi fa entrare gratis anche lì, così andiamo a gratticchiare il collo ai tucani (dovreste vederli, paiono cani o gatti quando gli trovi quel punto particolare dietro l'orecchio che li fa impazzire di piacere), a vedere i fenicotteri che si guardano nello specchio credendo di essere molti di più, e a cercare di fotografare una famigliola di 4 pangolini che tengono il muso costantemente incollato sotto il fogliame in cerca di cibo.

Per le due cene, ho organizzato una serata in Brasile, con un ottimo giro-pizza (continuano a portartene finché non li implori di smettere; e non si tratta solo di pizza, ma anche di pollo, pasta, insalate ecc.) da Martignoni, ed una in Argentina, al Quincho del Tio Querido, dove fanno davvero un'ottima carne alla griglia e i due chitarristi che allietano la serata si producono in un'antologia musicale del paese dei gaucho; tutte due grandi successi, complice sicuramente anche la fame dovuta al continuo camminare per questi due giorni.

Ora un paio di voli ci aspettano per Manaus, su su nella regione amazzonica, dove resteremo un giorno prima di andare in un villaggio direttamente dentro la foresta, dove nessuno di JLA è mai andato prima (e speriamo che vada bene, e che non ci mangino i piranha!).


Commenti

Il giorno 25/11/2012, Alessandra ha scritto...
Ci sono ancora i coatì che si infilano nelle borse nella parte Brasiliana?

Lascia un tuo commento

Campi
Bottoni

Informazioni

inserito il 23/11/2012
visualizzato: 1412 volte
commentato: 1 volta
totale racconti: 554
totale visualizzazioni: 857440

Cerca nel diario

Cerca tra i racconti di viaggio pubblicati nel diario di bordo:

Ultime destinazioni

Racconti più recenti

Racconti più letti

Racconti più commentati

Ultimi commenti

Tag del diario di bordo

Aguas Calientes Amalfi Amazzonia Ambato Andahuaylillas Angra dos Reis Arequipa Assisi Asunción Baia Mare Balau Lac Bassin Bleu Bassin Zim Bellagio Bishkek Bocas del Toro Bogotà Bologna Bonito Boquete Buenos Aires Buzios Bwindi Cajamarca Camaguey Campeche Campulung Cancun Cannes canyon del Colca Cap-Haïtien Cartagena Cayo Las Brujas Cernobbio Chaa Creek Chapada Diamantina Chiapa de Corzo Chiavari Chichen Itzà Chichicastenango Chiloe Chivay Cienfuegos Città del Guatemala Città del Messico Cluj Napoca Copacabana Copán Copán Ruinas Costa Azzurra Costiera Amalfitana Cuenca Curitiba Cusco Dubai Dukla Dunhuang Dushanbe El Calafate El Chaltén El Tajin Entebbe ExPlus Fan Mountains fiume Pacuare fiume Tambopata Florianopolis Foz do Iguaçu GCC Granada Grand Circle Guayaquil Huamachuco Humenne Igoumenitsa Iguaçu Iguazu Ilha Grande Ingapirca Interlaken Isla Colon Isla del Sol Isla Mujeres Istanbul Jacmel Jaiyuguan JLA Joya de Ceren Kampala Kashgar Khodjent Kibale Koch Kor Kokand Kumkoy La Antigua Guatemala La Havana La Paz lago di Como lago Maggiore lago Nicaragua lago Song-Kol lago Titicaca lago Yojoa lake Mburo Leon Lima Livingston Livorno Londra Lublin Lucca Macerata Machu Picchu Madaba Madrid Managua Manaus Mar Nero Margilon Mérida Mesilla Momostenango Monaco Monte Alban Murchison Falls Mutianyu Nice Nyjrbator Oaxaca Ometepe Omoa Osh Otavalo Pacaya Palenque Panajachel Panamà Papantla Paratì Patagonia Pechino Pelourinho Península Valdés Petra Pisac Port Au Prince Portoferraio Potosì Poza Rica Pucon Puebla Puerto Madryn Puerto Maldonado Puerto Natales Puerto Piramides Puerto Varas Puno Punta Arenas Quetzaltenango Quito Rang Raqchi Ravello Recanati Rio de Janeiro Rio Dulce Riobamba Roma Ruse salar Salvador da Bahia Samarcanda San Agustin San Blas San Cristobal de las Casas San Francisco El Alto San Ignacio San José San Juan San Marcos La Laguna San Pedro San Pedro de Atacama San Pedro La Laguna Santa Barbara Santa Caterina Santa Clara Santa Elena de Monteverde Santa Margherita Ligure Santiago Santiago Atitlan Santiaguito Sarospatak Sary Tash Seno Otway Shobak Sighisoara Sillustani Siloli Sololà Sorrento Stresa Sucre Sud America Sumidero Tambo Machay Targu Mures Tash Rabat Taulabé Tegucigalpa Tiahuanaco Tierra del Fuego Tikal torre di Burana Torres del Paine Transfagarasan Trinidad Trujillo Tucan Travel Turpan Urbino Urumqi Ushuaia Uxmal Uyuni Vaduz Vagabondo Valdivia Valle de Elqui Valle di Fergana Valparaiso Veliko Tarnovo Venezia Viejo Palmar Vila do Abraão Viña del Mar Viñales Vize Wild Frontiers Xian Yambol Zamosc Ziwa Rhino Sanctuary