Sei qui: i miei viaggi » Al lavoro in America Latina » Regno Unito » Il gentil homo

Il gentil homo

immagine

Mi è capitato di incontrare un tipo incredibile. Vive in una casa enorme, a più piani, dallo stile inequivocabilmente britannico. Faceva l’affittacamere fino a qualche tempo fa, poi il conproprietario ha deciso di vendere il tutto e da allora si trova a fare il custode di una casa quasi vuota, in attesa che la burocrazia permetta loro di alienarla.

Ma la casa non è vuota, perché, oltre ad una vecchia slot-machine (funzionante, a quanto pare!), a tanti libri e dvd, a dei giochi in scatola che non vedevo da millenni, ad alcuni piatti spaiati e tanti altri mobili che non si è riusciti a dar via quando gli inquilini se ne sono andati, c’è lui, Nick. E che ci sia o non ci sia, credetemi, fa la differenza. Perché sono il suo umorismo discreto, la sua calda ospitalità (con un po’ di distacco, ovviamente, perché è bene ricordare che siamo comunque in terra d’Inghilterra), la sua arguta ma non intrusiva intelligenza che fanno dimenticare il freddino che si sente nella grande casa, dove i termosifoni non si sapeva cosa fossero quando l’hanno costruita.

Quando arrivo a casa sua, sta conversando con Anna, russa addetta al marketing della Jameson (quella del whisky) anche lei di passaggio per Londra. Fuori, pioviggina. Ma dentro, nel soggiorno in cui i caloriferi elettrici vanno a palla, a piedi scalzi sull’immancabile moquette, no. E si parla, ed è come se lo conoscessi da tempo; invece, l’ho appena incontrato, ennesima magia del couchsurfing, che se non ci fosse bisognerebbe inventarlo. L’inglese di Anna è bizzarro, ma ancor più lo sono le domande che ogni tanto fa, quasi non fosse mai stata fuori dal suo paese (l’ipotesi di Nick, invece, suffragata per altro da esperienze precedenti, è che sia conseguenza di un modo di pensare che in Russia è abbastanza diffuso); quello di Nick è chiaro, preciso, a volte persino troppo "facile" (in più di un’occasione, mi accorgo che si sforza di rendersi comprensibile, addirittura chiedendo se conosciamo la parola che ha usato... mmm, chissà che gente gli gira per casa, di solito!).

Quello del suo piccolo amico libanese e della di lui enorme morosa(?) bielorussa sono altre sorprese, e cenare tutti assieme in un ristorante vietnamita rende ancor più divertente ed amichevole la serata. Ma fuori continua a piovere, e in più arriva un vento freddo, tanto che persino le due europee dell’est hanno qualche brivido (io meno, ma sono intabarrato dalla testa ai piedi). La notte di Londra è agitata, file di persone davanti ai locali, poca voglia di camminare per le strade.

Il sabato mattina il nostro ospite ci porta a fare un giro per Hampstead, il quartiere in cui abita e che conosce a menadito. Scopriamo così assieme a lui dove Sigmund Freud e il generale De Gaulle vissero per vari anni, o dove Stevenson e Orwell probabilmente scrissero i loro romanzi. E passiamo persino davanti alla casa di Goldfinger, l’uomo che l’inventore di 007 decise di immortalare per sempre in un ruolo negativo a causa di una disputa proprio per la costruzione di quella casa. Ma la sorpresa più grande è il parco in cima ad Hampstead, da cui si domina tutta la città, con una vista stupenda su cui colorati svolazzano vari aquiloni: ci sono dei laghetti all’aperto, dove la gente viene a nuotare (non oggi, ma come dargli torto?!), e prati enormi che, ricoperti di neve negli inverni migliori, si trasformano in eccezionali piste da bob. Panchine, ovunque, offerte da persone che volevano ricordare parenti ed amici che in quel posto amavano andare, per dipingere, per sedere, per riposare. E cani, moltitudini di cani, tutti o quasi rigorosamente al guinzaglio.

Decidiamo di pranzare in un pub, ma c’è talmente tanta gente che Nick scappa al suo appuntamento allo stadio perché non farebbero a tempo a servirlo, e quindi restiamo solo Anna ed io. Poi lei va a esplorare il centro di Londra (in realtà, a fare shopping, come scopriremo solo la sera), mentre io torno a casa a lavorare. E quando il mio ospite rientra, mentre attendiamo la russa ci cuciniamo (anzi, lui cucina, mentre io continuo a spedire email a vari posti in Cile e Brasile) una buona cenetta, a base di molte verdure, un po’ di pollo e mestolate di riso e cuscus.

Anche la domenica, si va a camminare. Ma questa volta in centro, cominciando da alcune cose che sono di strada, come le famose strisce pedonali di Abbey Road, per poi proseguire con una visita guidata all’interno della National Gallery (4 dipinti in un’ora... niente male, e sicuramente non abbiamo rischiato la Sindrome di Stendhal), un bagno di folla nell’antistante piazza di Trafalgar, piena di gente che celebrava il Festival della Luce hindu, e poi un bagno nel vero senso della parola visto che ha ricominciato a piovere, passando davanti ai monumenti più celebri della capitale inglese, scoprendone un sacco di segreti grazie al nostro "insider".

Alla fine, abbiamo voluto terminare con una cena in un pub, e lì sono cominciati i problemi: ne abbiamo dovuti girare otto, in varie zone della città, prima di trovarne uno aperto che servisse del cibo... a quanto pare, la domenica sono o chiusi o strapieni... alla fine, uno vicino a casa ha fatto al caso nostro, e il cortese cameriere italiano (!) ci ha dato delle buone dritte per chiudere in bellezza questa tre giorni.

Domani andrò di nuovo negli uffici della JLA, anche se le mie responsabili non ci saranno, per preparare tutto il materiale che mi serve per il tour, e cominciare ad organizzare quello seguente... poi, Heatrow, Madrid ed infine Santiago del Cile...

Nota bene:

Chi volesse vedersi mentre attraversa le strisce come i Beatles, può cercarsi nell'archivio della webcam di Abbey Road, all'indirizzo http://www.abbeyroad.com/crossing

Commenti

Il giorno 31/10/2012, Valentina C. ha scritto...
Non puoi lasciarmi così in sospeso...
vedere 4 dipinti alla NG e non non nominarli,
non vuoi proprio farmi dormire stanotte!
Il giorno 31/10/2012, Daniele ha scritto...
"Nominarli" è una parola grossa... vediamo... mmm, c'era un incontro tra gli apostoli e Gesù dopo la risurrezione (episodio di San Tommaso), trovato a Venezia ricoperto dallo sporco dei secoli e poi arrivato qui; un'adorazione dei magi dipinta da un qualche famoso artista dei paesi bassi, con dettagli incredibili comprese le perle sul cappello di Melchiorre e il nome dell'artista nascosto per ben due volte nel dipinto; un quadro di Claude, con narrata la storia della partenza di Sant'Orsola (questo: http://www.nationalgallery.org.uk/paintings/claude-seaport-with-the-embarkation-of-saint-ursula/*/x/-30/y/-92/z/2), con una luce superba; e un ritratto fatto da un inglese ai 4 figli di un qualche notabile di corte, con la particolarità che la bimba più piccola muore durante la creazione dell'opera e quindi viene immortalata con tutte le allegorie del caso... spero non ti aspettassi di più da un illetterato come me :)

Lascia un tuo commento

Campi
Bottoni

Informazioni

inserito il 28/10/2012
visualizzato: 1615 volte
commentato: 2 volte
totale racconti: 554
totale visualizzazioni: 948872

Cerca nel diario

Cerca tra i racconti di viaggio pubblicati nel diario di bordo:

Ultime destinazioni

Racconti più recenti

Racconti più letti

Racconti più commentati

Ultimi commenti

Tag del diario di bordo

Aguas Calientes Amalfi Amazzonia Ambato Andahuaylillas Angra dos Reis Arequipa Assisi Asunción Baia Mare Balau Lac Bassin Bleu Bassin Zim Bellagio Bishkek Bocas del Toro Bogotà Bologna Bonito Boquete Buenos Aires Buzios Bwindi Cajamarca Camaguey Campeche Campulung Cancun Cannes canyon del Colca Cap-Haïtien Cartagena Cayo Las Brujas Cernobbio Chaa Creek Chapada Diamantina Chiapa de Corzo Chiavari Chichen Itzà Chichicastenango Chiloe Chivay Cienfuegos Città del Guatemala Città del Messico Cluj Napoca Copacabana Copán Copán Ruinas Costa Azzurra Costiera Amalfitana Cuenca Curitiba Cusco Dubai Dukla Dunhuang Dushanbe El Calafate El Chaltén El Tajin Entebbe ExPlus Fan Mountains fiume Pacuare fiume Tambopata Florianopolis Foz do Iguaçu GCC Granada Grand Circle Guayaquil Huamachuco Humenne Igoumenitsa Iguaçu Iguazu Ilha Grande Ingapirca Interlaken Isla Colon Isla del Sol Isla Mujeres Istanbul Jacmel Jaiyuguan JLA Joya de Ceren Kampala Kashgar Khodjent Kibale Koch Kor Kokand Kumkoy La Antigua Guatemala La Havana La Paz lago di Como lago Maggiore lago Nicaragua lago Song-Kol lago Titicaca lago Yojoa lake Mburo Leon Lima Livingston Livorno Londra Lublin Lucca Macerata Machu Picchu Madaba Madrid Managua Manaus Mar Nero Margilon Mérida Mesilla Momostenango Monaco Monte Alban Murchison Falls Mutianyu Nice Nyjrbator Oaxaca Ometepe Omoa Osh Otavalo Pacaya Palenque Panajachel Panamà Papantla Paratì Patagonia Pechino Pelourinho Península Valdés Petra Pisac Port Au Prince Portoferraio Potosì Poza Rica Pucon Puebla Puerto Madryn Puerto Maldonado Puerto Natales Puerto Piramides Puerto Varas Puno Punta Arenas Quetzaltenango Quito Rang Raqchi Ravello Recanati Rio de Janeiro Rio Dulce Riobamba Roma Ruse salar Salvador da Bahia Samarcanda San Agustin San Blas San Cristobal de las Casas San Francisco El Alto San Ignacio San José San Juan San Marcos La Laguna San Pedro San Pedro de Atacama San Pedro La Laguna Santa Barbara Santa Caterina Santa Clara Santa Elena de Monteverde Santa Margherita Ligure Santiago Santiago Atitlan Santiaguito Sarospatak Sary Tash Seno Otway Shobak Sighisoara Sillustani Siloli Sololà Sorrento Stresa Sucre Sud America Sumidero Tambo Machay Targu Mures Tash Rabat Taulabé Tegucigalpa Tiahuanaco Tierra del Fuego Tikal torre di Burana Torres del Paine Transfagarasan Trinidad Trujillo Tucan Travel Turpan Urbino Urumqi Ushuaia Uxmal Uyuni Vaduz Vagabondo Valdivia Valle de Elqui Valle di Fergana Valparaiso Veliko Tarnovo Venezia Viejo Palmar Vila do Abraão Viña del Mar Viñales Vize Wild Frontiers Xian Yambol Zamosc Ziwa Rhino Sanctuary