Sei qui: i miei viaggi » OltreIlGiardino: un giro del mondo in 800 giorni » Australia » Dove la foresta pluviale incontra la barriera

Dove la foresta pluviale incontra la barriera

immagineCe l'abbiamo fatta: siamo tornati, dopo 3 giorni in giro per la costa fino a Cape Tribulation, alla base in Cairns.
Non che fosse difficile: 350 km di strada pressoché sempre asfaltata, qualche sporadica pioggia (specialmente notturna), decenti stazioni radio per coprire i momenti di silenzio... Marina, la mia compagna di viaggio (indovinate un po'? Sì, tedesca pure lei!), è una 19enne (eh, vecchio sporcaccione!) a zonzo per il continente, con tanta voglia di vedere il mondo e molte idee ben confuse; ma è uno spasso, parla di tutto e sa adattarsi alle situazioni economiche.
Il che ci va di lusso: decidiamo di risparmiare sugli alloggi, dormendo in macchina, e il cibo lo recuperiamo ai supermarket, così ci rimangono più dindi per attività interessanti. Quali la visita ad un parco naturalistico, vicino a Port Douglas, durante il viaggio di andata: lei finalmente può vedere koala e canguri, kookaburra e coccodrilli; ed io, o infinita felicità, mi godo il primo cucciolo di koala aggrappato alla madre, ed una pletora di cangurotti (da queste parti: "joey") che sporgono qualsivoglia estremità dai marsupi materni, oltre a un casuario (volatile gigante, tipo struzzo, ma con la cresta azzurrognola) ed a tre emù (idem, senza cresta).
Una sosta per vedere alcuni deltaplanisti e parapendiisti, e poi paghiamo il fio dei nostri peccati (20 dollari! Ladri!!!) per attaversare su un traghetto scassato il fiumiciattolo che ci separa dalle spiagge assolate.
Raggiungiamo Cape Tribulation, troviamo una buona spiaggia e vi ci posiamo le terga; terga che vengono bagnate, qualche ora dopo, mentre ponziamo, dalla marea che sale. Mangiamo i nostri panini, facciamo un giretto e tornati alla spiaggia troviamo un passaggio ed un luogo asciutto da cui osserviamo le onde, assordati dal loro rumore; la vista del cielo notturno con la luna quasi piena è allietata pure da bolide infiammato che attraversa la volta bluastra.

Il risveglio domenicale, con una paio di acquazzoni notturni che mi han fatto chiudere i finestrini, è lento e tranquillo. Colazione abbondante, toilette e poi in spiaggia, lunga e bianca e finalmente libera dall'acqua. Ci abbrustoliamo un pochettino, e mentre la marea cala ci concediamo pure un bel bagnetto... le ore passano veloci, ed alle 16 il languorino che ci buca lo stomaco ci fa andare al supermercato, acquistare un pò di carni e vegetali e trasformarli in un delizioso bbq negli "appositi spazi designati". Ripioviggina, poi prepariamo l'auto per la notte e torniamo a goderci la spiaggia, questa volta con la luna piena.

Arriva il lunedì, Marina va a fare un'escursione a cavallo (85 sacchi!), mentre io faccio un paio di camminate "auto-guidate" (vale a dire, cammini sulla passatoia di legno e leggi i cartelli mentre ammiri ciò che ti circonda; a ciò, io aggiungo svariate pausa per fotografare le cose più assurde - tanto per cambiare) e gironzolo con l'auto scoprendo una nuova baia con spiaggia ancora più bella (se possibile). Preparo i panini, attendo Marina e appena arrivata partiamo per la strada del ritorno; una sosta a Cow Bay, dove lei riesce a spezzare la fune che teneva in precario equilibrio un'altalena improvvisata (la caduta di 30 cm sul sedere non la danneggia troppo, pare), traghettata mangiano i panini e poi corsa fino a Mossman Gorge, dove pigliamo al volo l'escursione guidata in territorio aborigeno (davvero interessante, vale i 20 sacchi spesi; ed il tè alla fine, con dei dolcetti, è perfetto); non contenti, proseguiamo un'altro paio di chilometri, per rinfrescarci nelle gelide acque del fiume in mezzo a cascatelle e turisti vari.
Risaliti sul mezzo, raggiungiamo Port Douglas, una sorta di Desenzano sul mare, con la sua bella sequenza di negozietti e ristorantini per turisti; la sosta più lunga la facciamo in una galleria d'arte, un pò perché i quadri esibiti sono particolarmente interessanti, un pò perché lo sono anche gli occhi della bionda gallerista (^-^).
Notte in un altro parcheggio, e stamattina sveglia in tempo per vedere l'alba (wow!) sul mare, e raggiungere Cairns alle 8 per riconsegnare l'auto.
Credo proprio che oggi mi fermerò qui, e partirò per il sud domattina.

Commenti

Il giorno 31/08/2004, Massielena ha scritto...
Beato ti Daniele: la 19-enne con cui hai viaggiato che si trova con il tuo modo di viaggiare; gli occhi della bionda gallerista; il bolide notturno; la luna piena...a questo punto non ti resta che esprimere un desiderio e si avvererà
Il giorno 01/09/2004, Daniele ha scritto...
... non solo gli occhi, della bionda gallerista: il vestitino attillato distraeva dalle pitture aborigene ;-)
cmq, a dire il vero, io il desiderio l'ho espresso, ma tu continui a scrivere... (ops!)
Il giorno 01/09/2004, Max ha scritto...
.mmmmm..... desiderio da poco. I rompiballe non si fermano mai
Il giorno 02/09/2004, Daniele ha scritto...
infatti: io ne sono la prova provata ;-)

Lascia un tuo commento

Campi
Bottoni

Informazioni

inserito il 31/08/2004
visualizzato: 1502 volte
commentato: 4 volte
totale racconti: 554
totale visualizzazioni: 917509

Cerca nel diario

Cerca tra i racconti di viaggio pubblicati nel diario di bordo:

Ultime destinazioni

Racconti più recenti

Racconti più letti

Racconti più commentati

Ultimi commenti

Tag del diario di bordo

Aguas Calientes Amalfi Amazzonia Ambato Andahuaylillas Angra dos Reis Arequipa Assisi Asunción Baia Mare Balau Lac Bassin Bleu Bassin Zim Bellagio Bishkek Bocas del Toro Bogotà Bologna Bonito Boquete Buenos Aires Buzios Bwindi Cajamarca Camaguey Campeche Campulung Cancun Cannes canyon del Colca Cap-Haïtien Cartagena Cayo Las Brujas Cernobbio Chaa Creek Chapada Diamantina Chiapa de Corzo Chiavari Chichen Itzà Chichicastenango Chiloe Chivay Cienfuegos Città del Guatemala Città del Messico Cluj Napoca Copacabana Copán Copán Ruinas Costa Azzurra Costiera Amalfitana Cuenca Curitiba Cusco Dubai Dukla Dunhuang Dushanbe El Calafate El Chaltén El Tajin Entebbe ExPlus Fan Mountains fiume Pacuare fiume Tambopata Florianopolis Foz do Iguaçu GCC Granada Grand Circle Guayaquil Huamachuco Humenne Igoumenitsa Iguaçu Iguazu Ilha Grande Ingapirca Interlaken Isla Colon Isla del Sol Isla Mujeres Istanbul Jacmel Jaiyuguan JLA Joya de Ceren Kampala Kashgar Khodjent Kibale Koch Kor Kokand Kumkoy La Antigua Guatemala La Havana La Paz lago di Como lago Maggiore lago Nicaragua lago Song-Kol lago Titicaca lago Yojoa lake Mburo Leon Lima Livingston Livorno Londra Lublin Lucca Macerata Machu Picchu Madaba Madrid Managua Manaus Mar Nero Margilon Mérida Mesilla Momostenango Monaco Monte Alban Murchison Falls Mutianyu Nice Nyjrbator Oaxaca Ometepe Omoa Osh Otavalo Pacaya Palenque Panajachel Panamà Papantla Paratì Patagonia Pechino Pelourinho Península Valdés Petra Pisac Port Au Prince Portoferraio Potosì Poza Rica Pucon Puebla Puerto Madryn Puerto Maldonado Puerto Natales Puerto Piramides Puerto Varas Puno Punta Arenas Quetzaltenango Quito Rang Raqchi Ravello Recanati Rio de Janeiro Rio Dulce Riobamba Roma Ruse salar Salvador da Bahia Samarcanda San Agustin San Blas San Cristobal de las Casas San Francisco El Alto San Ignacio San José San Juan San Marcos La Laguna San Pedro San Pedro de Atacama San Pedro La Laguna Santa Barbara Santa Caterina Santa Clara Santa Elena de Monteverde Santa Margherita Ligure Santiago Santiago Atitlan Santiaguito Sarospatak Sary Tash Seno Otway Shobak Sighisoara Sillustani Siloli Sololà Sorrento Stresa Sucre Sud America Sumidero Tambo Machay Targu Mures Tash Rabat Taulabé Tegucigalpa Tiahuanaco Tierra del Fuego Tikal torre di Burana Torres del Paine Transfagarasan Trinidad Trujillo Tucan Travel Turpan Urbino Urumqi Ushuaia Uxmal Uyuni Vaduz Vagabondo Valdivia Valle de Elqui Valle di Fergana Valparaiso Veliko Tarnovo Venezia Viejo Palmar Vila do Abraão Viña del Mar Viñales Vize Wild Frontiers Xian Yambol Zamosc Ziwa Rhino Sanctuary