Sei qui: i miei viaggi » Al lavoro in America Latina » Ecuador » Due artisti, una passione sola: il popolo

Due artisti, una passione sola: il popolo

immagine

Nelle ultime settimane, mi è capitato di imbattermi nelle opere di due artisti, a mio parere importanti per i paesi in cui hanno operato; sta poi al gusto di ognuno dire se siano stati grandi o meno.

Il primo, George Selarón, cileno, si era trasferito negli anni '80 a Rio de Janeiro, andando a vivere in una casetta nel quartiere di Lapa, lungo la scalinata che portava al Convento di Santa Teresa nell’omonimo quartiere. Una scalinata bruttina, come molte delle scalinate che si trovano a Rio de Janeiro, o se è per questo in tante città sudamericane. Una scalinata che Selarón tentò di migliorare, installandovi delle vasche da bagno che furono poi decorate con delle piastrelle e utilizzate come fioriere. Ma fu nel 1994, quando gli abitanti locali dipinsero sui muri i colori della bandiera brasiliana in omaggio alla vittoria del mondiale di calcio (con la famosa finale contro l’Italia, che perdemmo grazie agli errori ai rigori di Baggio e Baresi), che l’artista cileno iniziò un’opera che non avrebbe più terminato, ricoprendo lentamente la scalinata di piastrelle colorate; dapprima recuperandole nelle discariche, poi acquistandole, infine ricevendone a centinaia da ogni parte del mondo. Finanziava il suo incessante lavoro vendendo quadri e ceramiche, che nel frattempo aveva appreso a creare, e lo si poteva incontrare spesso al lavoro sulla sua opera, con gli inconfondibili baffoni da tricheco e l’altrettanto inconfondibile pancia a malapena nascosta dalle magliette che indossava. Un po’ burbero, ma più spesso incline a salutare i tanti turisti che, negli ultimi anni, sempre più numerosi affrontavano i 215 gradini della sua scalinata alla ricerca di piastrelle curiose, magari dalla loro nazione o città (io non ne ho ancora trovata una di Vicenza, ma in compenso qualcuna di Padova e di altre località italiane sì).

George Selarón è stato trovato morto, un giorno di gennaio, sulla scalinata che amava tanto, forse suicida, forse ucciso da un collaboratore con il quale aveva avuto problemi di recente. Con lui se ne è andato uno spirito bizzarro, che ha amato il popolo brasiliano tanto da dedicargli un’orgia di colore nel grigiore dei quartieri poveri.

Il secondo si chiamava Oswaldo Guayasamìn, ed è stato forse il maggior pittore dell’Ecuador. Famoso per i suoi ritratti, che si erano ben presto liberati delle influenze cubiste di Picasso ed altri artisti ancor più celebri, era figlio di madre meticcia e di padre indigeno; nonostante l’opposizione di quest’ultimo, aveva frequentato la Scuola di Belle Arti di Quito, per poi viaggiare in vari paesi delle americhe, conoscendo tra gli altri Orozco e Neruda, e trovando in tutti i paesi una civiltà indigena oppressa; un tema, questo, che, da allora, apparirà sempre nelle sue opere, che riflettono il dolore e la miseria che sopporta la maggior parte dell’umanità e denunciano la violenza che ha dovuto vivere l’uomo in un XX secolo segnato da guerre mondiali, guerre civili, genocidi, campi di concentramento, torture e dittature.

A Quito, ma in tutto l’Ecuador, copie delle sue opere sono onnipresenti, specialmente quelle della serie "la tenerezza" (ce n’è una appesa anche in casa mia, stampata da una foto fatta in qualche strada di questo paese). Riconoscibilissime, con quelle grandi facce tondeggianti, le dita delle mani nodose, i corpi spesso messi a nudo, i colori molto forti. Molta gente le ama, nonostante non amasse lui, perché non riusciva a capire come qualcuno che non era indigeno (ma lui invece lo era, il suo nome stesso significa "uccello bianco in volo") potesse parlare per gli indigeni, e come qualcuno che si dichiarava comunista (o, almeno, socialista) potesse accumulare tanto denaro vendendo le sue opere. Nonostante questo, e forse anche un po’ per questo, Guayasamìn volle regalare alla sua città ed al suo paese una testimonianza particolare, e nel 1996 iniziò a progettare e costruire quella che sarebbe stata poi nota come "capilla del hombre" (cappella dell’uomo), uno spazio espositivo all’interno del quale inserì sapientemente alcune delle sue opere, dedicando il tutto all’essere umano, ed in particolare a tutto il popolo dell’America Latina, come un invito alla sua unità, dal Messico alla Patagonia.

Guayasamìn morì nel 1999, ma il suo sogno, così come la fiamma eterna che vi arde, vivono ancora.

Nota bene:

Il sito dedicato alla "capilla del hombre" è www.capilladelhombre.com/

Lascia un tuo commento

Campi
Bottoni

Informazioni

inserito il 02/02/2013
visualizzato: 1486 volte
commentato: 0 volte
totale racconti: 554
totale visualizzazioni: 948801

Cerca nel diario

Cerca tra i racconti di viaggio pubblicati nel diario di bordo:

Ultime destinazioni

Racconti più recenti

Racconti più letti

Racconti più commentati

Ultimi commenti

Tag del diario di bordo

Aguas Calientes Amalfi Amazzonia Ambato Andahuaylillas Angra dos Reis Arequipa Assisi Asunción Baia Mare Balau Lac Bassin Bleu Bassin Zim Bellagio Bishkek Bocas del Toro Bogotà Bologna Bonito Boquete Buenos Aires Buzios Bwindi Cajamarca Camaguey Campeche Campulung Cancun Cannes canyon del Colca Cap-Haïtien Cartagena Cayo Las Brujas Cernobbio Chaa Creek Chapada Diamantina Chiapa de Corzo Chiavari Chichen Itzà Chichicastenango Chiloe Chivay Cienfuegos Città del Guatemala Città del Messico Cluj Napoca Copacabana Copán Copán Ruinas Costa Azzurra Costiera Amalfitana Cuenca Curitiba Cusco Dubai Dukla Dunhuang Dushanbe El Calafate El Chaltén El Tajin Entebbe ExPlus Fan Mountains fiume Pacuare fiume Tambopata Florianopolis Foz do Iguaçu GCC Granada Grand Circle Guayaquil Huamachuco Humenne Igoumenitsa Iguaçu Iguazu Ilha Grande Ingapirca Interlaken Isla Colon Isla del Sol Isla Mujeres Istanbul Jacmel Jaiyuguan JLA Joya de Ceren Kampala Kashgar Khodjent Kibale Koch Kor Kokand Kumkoy La Antigua Guatemala La Havana La Paz lago di Como lago Maggiore lago Nicaragua lago Song-Kol lago Titicaca lago Yojoa lake Mburo Leon Lima Livingston Livorno Londra Lublin Lucca Macerata Machu Picchu Madaba Madrid Managua Manaus Mar Nero Margilon Mérida Mesilla Momostenango Monaco Monte Alban Murchison Falls Mutianyu Nice Nyjrbator Oaxaca Ometepe Omoa Osh Otavalo Pacaya Palenque Panajachel Panamà Papantla Paratì Patagonia Pechino Pelourinho Península Valdés Petra Pisac Port Au Prince Portoferraio Potosì Poza Rica Pucon Puebla Puerto Madryn Puerto Maldonado Puerto Natales Puerto Piramides Puerto Varas Puno Punta Arenas Quetzaltenango Quito Rang Raqchi Ravello Recanati Rio de Janeiro Rio Dulce Riobamba Roma Ruse salar Salvador da Bahia Samarcanda San Agustin San Blas San Cristobal de las Casas San Francisco El Alto San Ignacio San José San Juan San Marcos La Laguna San Pedro San Pedro de Atacama San Pedro La Laguna Santa Barbara Santa Caterina Santa Clara Santa Elena de Monteverde Santa Margherita Ligure Santiago Santiago Atitlan Santiaguito Sarospatak Sary Tash Seno Otway Shobak Sighisoara Sillustani Siloli Sololà Sorrento Stresa Sucre Sud America Sumidero Tambo Machay Targu Mures Tash Rabat Taulabé Tegucigalpa Tiahuanaco Tierra del Fuego Tikal torre di Burana Torres del Paine Transfagarasan Trinidad Trujillo Tucan Travel Turpan Urbino Urumqi Ushuaia Uxmal Uyuni Vaduz Vagabondo Valdivia Valle de Elqui Valle di Fergana Valparaiso Veliko Tarnovo Venezia Viejo Palmar Vila do Abraão Viña del Mar Viñales Vize Wild Frontiers Xian Yambol Zamosc Ziwa Rhino Sanctuary