Sei qui: i miei viaggi » Italia » Quello è Mazzini, che cavolo!

Quello è Mazzini, che cavolo!

immagine

Dopo quattro giorni di fila di bel tempo, doveva pur capitarne almeno uno così così. E, puntuali, le nuvole sono arrivate. Così, quasi al termine di un minitour di 5 giorni (in realtà, il pretrip per un altro tour francese più lungo, che non accompagnerò io), ho proposto alla parte del gruppo che non si era già organizzata per andarsene per contro proprio a Genova di venire con me a scoprire Chiavari.

Scoprire, sì, perché io a Chiavari non c'ero mai stato prima. Qualcuno magari storcerà il naso, ma dopo tutto io sono solo un accompagnatore turistico, e non una guida, e quindi non correvo il rischio di fare brutta figura per mancanza di materiale illustrativo. Un'avventura, quindi, ovviamente preparata al meglio possibile, passando un paio d'ore ieri sera a studiare la mappa della città, le informazioni che si trovano in rete, e gli appunti che avevo preso durante una conversazione con l'ottimo Lucio Levi, uno dei più esperti PD di Grand Circle in circolazione, genovese dall'aspetto babbonatalizio con una cultura e conoscenza enorme, oltre che di un buon senso dell'umorismo.

E così, stamattina, con nove altri esploratori, abbiamo salutato le ragazze della reception dell'hotel e abbiamo attraversato la strada per raggiungere la fermata dell'autobus. Una breve attesa, poi un'altrettanto breve corsa fino alla stazione, dove abbiamo trovato (grazie ai sempre utili ritardi di Trenitalia) un treno semivuoto pronto a condurci a Chiavari.

Arrivati, dando le spalle al mare ci siamo addentrati nel parco antistante la stazione, per poi deviare a destra ed entrare nella grande basilica (nonché cattedrale) di Nostra Signora dell'Orto. La quale non è la vostra vicina quando va a raccogliere i pomodori e le tegoline, bensì una delle molteplici apparizioni della Madonna (nel senso di moglie di Giuseppe e padre di Gesù), questa volta avvenuta appunto nella zona in cui un tempo si trovavano gli orti della città. Imponente, ed estremamente simile al Pantheon di Roma, tanto che viene d'istinto cercare il grande oculo che, in questo caso, è chiuso da una lanterna seminascosta da dei teli.

Questione di pochi minuti, e comincia la messa, quindi noi ci accomiatiamo rispettosi della sacralità del posto e attraversiamo la piazza, portando i nostri rispetti alla statua del re Vittorio Emanuele II, primo re d'Italia e sovrano galantuomo - per quanto forse Giuseppe Garibaldi non sottoscriverebbe, visto il tiro che gli fece il Savoia regalando la sua Nizza ai francesi.

Ci intrufoliamo per un attimo anche nel grande Palazzo Bianco, sede del Municipio, e poi ci dirigiamo per una stradina laterale fino a raggiungere la piazza dedicata al figlio più illustre della città: Giuseppe Mazzini.

L'ispiratore dell'unità d'Italia forse non sarebbe contento di sapere che la piazza a lui dedicata in realtà la conoscono tutti come Piazza del Cavolo, a causa del mercato che vi si tiene ogni giorno; ma, impaludato come sempre nei suoi abiti neri, frutto della malinconia che gli causò leggere le Ultime Lettere di Jacopo Ortis del Foscolo, tiene in mano un libro e sembra indicare la via da seguire, lontano ("Vadi, ragioniere, vadi...")

Il mercato, dicevo. Deliziosamente interessante per i miei nove americani, che si perdono tra le bancherelle incuriositi da ortaggi che non vedono quasi mai nella loro patria (due tra tutti: i porri, e i fiori delle zucchine), ammaliati dai venditori che - da bravi imbanditori - gli fanno assaggiare questo e quello pur di convincerli all'acquisto. Ed ecco allora che pacchi di trofie, lattine di olio extra vergine, scatolette di olive, tranci di pecorino e persino un sacchetto di scamorzine affumicate si accumulano nei loro zaini e sacchetti, perché alla fin fine è un piacere girare senza doversi continuamente guardare le spalle dai borseggiatori come, invece, avevamo dovuto fare ieri alle Cinque Terre.

Ripartiamo, e percorriamo i lunghi portici medievali, dove sia in passato che ora si son sempre concentrate (soprattutto nei "bassi" delle case e dei palazzi) le maggiori attività legate alla produzione artigianale e "di bottega". Arrivati ad un'altra piazza e ad un altro padre della patria, il summenzionato Giuseppone nazionale, infiliamo una strada parallela alla prima e giungiamo infine in piazza Fenice, dove individuiamo subito il posto dove pranzeremo, frutto di un'altra dritta di Lucio: Luchin.

Luchin è un vezzeggiativo, un nomignolo; ché il ristorante lo aprì Luca Bonino, nel 1907, rilevando un vecchio forno e preparando la tipica farinata, proposta assieme ad un quartino di vino e alla possibilità, per i tanti lavoratori che affluivano ogni giorno a Chiavari, di scaldare la gamella. E, proprio quando siamo arrivati noi, il cuoco stava preparando una nuova farinata: il liquido impasto biancastro di farina di ceci, sale, olio e acqua viene rovesciato all'interno di una teglia gigante preventivamente cosparsa di olio, che viene poi inserita in un forno a legna simile a quello per le pizze ma dall'imboccatura ovviamente più larga e più bassa. Una quindicina di minuti, e la farinata, giallastra e rassodata, esce, pronta ad essere divorata. Cosa che noi, ovviamente, abbiamo fatto, facendole seguire dei buoni piatti di minestrone di verdure e (qualcuno più affamato) trofie al pesto e persino un bel bisteccone di manzo.

Sazi, felici per il sole tornato a splendere e ancora pieni dei dettagli di questa bella esperienza, abbiamo poi ripreso la via della stazione, per tornarcene all'hotel. Tutti contenti.

Nota bene:

Nel sito dell'Antica Osteria Luchin, http://luchin.it/, si trova pure un filmato che spiega come fare la tradizionale farinata.

Lascia un tuo commento

Campi
Bottoni

Informazioni

inserito il 20/05/2015
visualizzato: 776 volte
commentato: 0 volte
totale racconti: 554
totale visualizzazioni: 948411

Cerca nel diario

Cerca tra i racconti di viaggio pubblicati nel diario di bordo:

Ultime destinazioni

Racconti più recenti

Racconti più letti

Racconti più commentati

Ultimi commenti

Tag del diario di bordo

Aguas Calientes Amalfi Amazzonia Ambato Andahuaylillas Angra dos Reis Arequipa Assisi Asunción Baia Mare Balau Lac Bassin Bleu Bassin Zim Bellagio Bishkek Bocas del Toro Bogotà Bologna Bonito Boquete Buenos Aires Buzios Bwindi Cajamarca Camaguey Campeche Campulung Cancun Cannes canyon del Colca Cap-Haïtien Cartagena Cayo Las Brujas Cernobbio Chaa Creek Chapada Diamantina Chiapa de Corzo Chiavari Chichen Itzà Chichicastenango Chiloe Chivay Cienfuegos Città del Guatemala Città del Messico Cluj Napoca Copacabana Copán Copán Ruinas Costa Azzurra Costiera Amalfitana Cuenca Curitiba Cusco Dubai Dukla Dunhuang Dushanbe El Calafate El Chaltén El Tajin Entebbe ExPlus Fan Mountains fiume Pacuare fiume Tambopata Florianopolis Foz do Iguaçu GCC Granada Grand Circle Guayaquil Huamachuco Humenne Igoumenitsa Iguaçu Iguazu Ilha Grande Ingapirca Interlaken Isla Colon Isla del Sol Isla Mujeres Istanbul Jacmel Jaiyuguan JLA Joya de Ceren Kampala Kashgar Khodjent Kibale Koch Kor Kokand Kumkoy La Antigua Guatemala La Havana La Paz lago di Como lago Maggiore lago Nicaragua lago Song-Kol lago Titicaca lago Yojoa lake Mburo Leon Lima Livingston Livorno Londra Lublin Lucca Macerata Machu Picchu Madaba Madrid Managua Manaus Mar Nero Margilon Mérida Mesilla Momostenango Monaco Monte Alban Murchison Falls Mutianyu Nice Nyjrbator Oaxaca Ometepe Omoa Osh Otavalo Pacaya Palenque Panajachel Panamà Papantla Paratì Patagonia Pechino Pelourinho Península Valdés Petra Pisac Port Au Prince Portoferraio Potosì Poza Rica Pucon Puebla Puerto Madryn Puerto Maldonado Puerto Natales Puerto Piramides Puerto Varas Puno Punta Arenas Quetzaltenango Quito Rang Raqchi Ravello Recanati Rio de Janeiro Rio Dulce Riobamba Roma Ruse salar Salvador da Bahia Samarcanda San Agustin San Blas San Cristobal de las Casas San Francisco El Alto San Ignacio San José San Juan San Marcos La Laguna San Pedro San Pedro de Atacama San Pedro La Laguna Santa Barbara Santa Caterina Santa Clara Santa Elena de Monteverde Santa Margherita Ligure Santiago Santiago Atitlan Santiaguito Sarospatak Sary Tash Seno Otway Shobak Sighisoara Sillustani Siloli Sololà Sorrento Stresa Sucre Sud America Sumidero Tambo Machay Targu Mures Tash Rabat Taulabé Tegucigalpa Tiahuanaco Tierra del Fuego Tikal torre di Burana Torres del Paine Transfagarasan Trinidad Trujillo Tucan Travel Turpan Urbino Urumqi Ushuaia Uxmal Uyuni Vaduz Vagabondo Valdivia Valle de Elqui Valle di Fergana Valparaiso Veliko Tarnovo Venezia Viejo Palmar Vila do Abraão Viña del Mar Viñales Vize Wild Frontiers Xian Yambol Zamosc Ziwa Rhino Sanctuary