Sei qui: i miei viaggi » Italia » Schegge di Roma

Schegge di Roma

immagine

Sono appena tornato dall'Argentina: ieri, ero ancora in volo; oggi, m'aggiro per le strade di Roma, come un qualsiasi turista; domani, parteciperò alle selezioni per lavorare per un tour operator abbastanza grossetto, Grand Circle Coorporation.

Parrà incredibile, ma è l'oggi che mi interessa, e mi ci concentro. Antonietta, la mia ospite di Couchsurfing, è andata a fare una gara podistica, lasciandomi le chiavi di casa e il suggerimento di andare al mercato di Porta Portese. Prendo le prime, e seguo il secondo...

Il mercato di Porta Portese è la cosa più simile al caos che abbia visto nelle ultime settimane; al suo confronto, l'uscita dell'aeroporto Ezeiza di Buenos Aires sembra un santuario buddista. Le bancherelle s'affiancano creando stretti corridoi lungo i quali la gente s'accalca, quasi non avesse mai avuto la possibilità di comprare scarpe o mutande. Un venditore di utensili da cucina dimostra la loro funzionalità con una verve e una comicità formidabili, che affascinano i passanti; chiedo ad una signora se poi la gente compri qualcosa, e lei mi dice "eccerto!". Vari personaggi, probabilmente provenienti dal Bangladesh (almeno, così credo) e dal Medio Oriente, offrono camicie e libri, giocattoli e stivali, giacche in pelle ed annaffiatoi, "in offerta solo oggi che tra poco me ne vado mi raccomando donne ciao ciao!". Un tale prova a passare con la bicicletta, ma i vigili all'ingresso del viale lo fermano, spiegandogli che "proprio non si può". Il venditore di panini con la porchetta si guarda intorno, è ancora presto e nessuno compra, ma lui il profumo lo sparge comunque ché prima o poi qualcuno arriva. Trovo una sola bancherella di fumetti, cerco qualcosa di Rat-Man senza successo, alla fine compro un albo dedicato a Will Eisner ed al suo Contratto con Dio. Senza porchetta, ovviamente.

Passo per la porta, e arrivo al Lungotevere. Un tale ha lasciato su una panchina calzini, scarpe vecchie e la scatola di quelle nuove, appena comprate; si sarà buttato nel fiume? Non lo vedo, e proseguo. In lontananza delle cupole, mentre il fiume scorre vivace ma senza increspature. Scendo al livello dell'argine, lungo rampe semichiuse da transenne e sporche di fango seccatosi; arrivo alla pista ciclabile e subito me ne scosto, per non essere d'impiccio a chi la percorre. Cammino sulle larghe pietre dell'argine. Una coppia di anatre si allontana verso il centro del fiume, il maschio più a monte, la femmina un pò dietro; magari, sono anatre musulmane. Un padre in bicicletta si ferma a sistemare il seggiolino su cui porta il figlio più piccolo, mentre l'altro si guarda intorno facendo le bolle con la gomma da masticare. Trovo dei vetri rotti sulla pista, e li allontano con il piede, prima che qualcuno ci lasci la camera d'aria. Qualcuno fa jogging, altri camminano, altri ancora fanno fotografie. Le rapide vicino al ponte dell'Isola Tiberina trattengono dell'immondizia, presa in una specie di circolo vizioso. C'è immondizia anche sui rami di alcuni alberi lungo il fiume, chissà se ce l'ha messa il vento o ce l'ha gettata qualcuno o ce l'ha portata una piena del fiume. Risalgo al livello stradale, e giro a sinistra, verso piazza San Pietro.

Il Papa già non c'è, non mi ha aspettato; gli ultimi fedeli e turisti stanno lasciando la piazza dopo la messa domenicale, qualche suora si aggira di nero vestita tra le transenne. Alcuni hanno afferrato le seggioline più vicine ai passaggi e vi ci si sono seduti a riposare un po'. Un'auto della polizia è parcheggiata al centro della piazza, non lontana dall'obelisco; un poliziotto la raggiunge con passo rapido. La statua di San Pietro è enorme, davanti all'ingresso della chiesa, ed un maxischermo fatica a nasconderla. Mi viene l'idea di visitare l'interno, ancora una volta, ma la scarto subito vedendo la coda infinita sotto il loggiato del Bernini. Venditori ed accattoni m'aspettano al varco, e ti s'avvicinano non appena lascio il terreno sacro, puntando verso piazza Navona.

Da una parte, vi trovo artisti e non che espongono quadri, spesso non loro, mentre i turisti stranieri si innamorano delle vedute della capitale e dei paesaggi in bianco e nero illuminati da una Vespa colorata. Costeggio la fontana, dove due gabbiani galleggiano perfettamente a loro agio, e mi imbatto in un clown, che sta intrattenendo il pubblico; è bravo, alterna le scenette al coinvolgimento della gente che lo segue, applaudendolo, cercando di non mettersi troppo in mostra per paura di essere utilizzati per uno sketch. Non lontano, una ragazza suona l'arpa, con fare leggermente aggressivo ma con risultati del tutto apprezzabili.

Al Pantheon, con il suo grande oculo che illumina l'intera sala, c'è una manifestazione di ucraini che chiedono solidarietà per il loro paese; una banda suona per loro, mentre sventolano bandiere gialloazzurre e rieccheggiano voci slave. Un'altra banda, che non c'entra nulla con la manifestazione, aspetta con pazienza che la prima abbia finito, e poi attacca le sue musiche da film, con alcuni ucraini che tentano inutilmente di farsi sentire con il megafono. Due centurioni si aggirano nei pressi, qualcuno mi ha detto che a volte chiedono fino a 50 (!) euri ai turisti per farsi una foto assieme, e che questi glieli danno... davvero, la madre degli stupidi è sempre incinta.

Arrivo al viale dei Fori Imperiali, e mi siedo di fronte alla Colonna Traiana, che sale verso l'alto con la sua storia in rilievo. Noto per la prima volta che il nastro non si srotola regolarmente sui suoi fianchi, ma che in certi punti pare allargarsi, slabbrato. Mi incammino lungo il viale, libero da mezzi a motore se non per dei piccoli monopattini elettrici, mentre tanti romani e turisti lo percorrono spensieratamente, e bambini giocano con migliaia di pezzetti di legno messi a disposizione da una qualche associazione.

Antonietta mi raggiunge mentre ascolto un anziano chitarrista, che ripropone classici della musica rock (!); assieme torniamo a Trastevere, dove mi fa visitare un'antica panetteria, e finalmente riesco a mangiarmi un buon trancio di pizza; poi, in un pub di amici suoi aspettiamo l'ora di cena, quando in motorino in una serata fredda e umida raggiungiamo il ristorante che la sera prima non aveva potuto accoglierci, non avendo noi prenotato... stavolta sì, e il cibo è davvero buono, anche se forse un pò caro.

Sono in Italia, di nuovo. Devo farci l'abitudine.

Nota bene:

Mustafà, il venditore di Porta Portese, compare in vari video caricati su YouTube, come http://www.youtube.com/watch?v=KbPBN6kvnCU e http://www.youtube.com/watch?v=esrSfajBlNU

Commenti

Il giorno 25/03/2014, Valentina ha scritto...
Roma, sempre una sorpresa!

Lascia un tuo commento

Campi
Bottoni

Informazioni

inserito il 16/03/2014
visualizzato: 784 volte
commentato: 1 volta
totale racconti: 554
totale visualizzazioni: 925372

Cerca nel diario

Cerca tra i racconti di viaggio pubblicati nel diario di bordo:

Ultime destinazioni

Racconti più recenti

Racconti più letti

Racconti più commentati

Ultimi commenti

Tag del diario di bordo

Aguas Calientes Amalfi Amazzonia Ambato Andahuaylillas Angra dos Reis Arequipa Assisi Asunción Baia Mare Balau Lac Bassin Bleu Bassin Zim Bellagio Bishkek Bocas del Toro Bogotà Bologna Bonito Boquete Buenos Aires Buzios Bwindi Cajamarca Camaguey Campeche Campulung Cancun Cannes canyon del Colca Cap-Haïtien Cartagena Cayo Las Brujas Cernobbio Chaa Creek Chapada Diamantina Chiapa de Corzo Chiavari Chichen Itzà Chichicastenango Chiloe Chivay Cienfuegos Città del Guatemala Città del Messico Cluj Napoca Copacabana Copán Copán Ruinas Costa Azzurra Costiera Amalfitana Cuenca Curitiba Cusco Dubai Dukla Dunhuang Dushanbe El Calafate El Chaltén El Tajin Entebbe ExPlus Fan Mountains fiume Pacuare fiume Tambopata Florianopolis Foz do Iguaçu GCC Granada Grand Circle Guayaquil Huamachuco Humenne Igoumenitsa Iguaçu Iguazu Ilha Grande Ingapirca Interlaken Isla Colon Isla del Sol Isla Mujeres Istanbul Jacmel Jaiyuguan JLA Joya de Ceren Kampala Kashgar Khodjent Kibale Koch Kor Kokand Kumkoy La Antigua Guatemala La Havana La Paz lago di Como lago Maggiore lago Nicaragua lago Song-Kol lago Titicaca lago Yojoa lake Mburo Leon Lima Livingston Livorno Londra Lublin Lucca Macerata Machu Picchu Madaba Madrid Managua Manaus Mar Nero Margilon Mérida Mesilla Momostenango Monaco Monte Alban Murchison Falls Mutianyu Nice Nyjrbator Oaxaca Ometepe Omoa Osh Otavalo Pacaya Palenque Panajachel Panamà Papantla Paratì Patagonia Pechino Pelourinho Península Valdés Petra Pisac Port Au Prince Portoferraio Potosì Poza Rica Pucon Puebla Puerto Madryn Puerto Maldonado Puerto Natales Puerto Piramides Puerto Varas Puno Punta Arenas Quetzaltenango Quito Rang Raqchi Ravello Recanati Rio de Janeiro Rio Dulce Riobamba Roma Ruse salar Salvador da Bahia Samarcanda San Agustin San Blas San Cristobal de las Casas San Francisco El Alto San Ignacio San José San Juan San Marcos La Laguna San Pedro San Pedro de Atacama San Pedro La Laguna Santa Barbara Santa Caterina Santa Clara Santa Elena de Monteverde Santa Margherita Ligure Santiago Santiago Atitlan Santiaguito Sarospatak Sary Tash Seno Otway Shobak Sighisoara Sillustani Siloli Sololà Sorrento Stresa Sucre Sud America Sumidero Tambo Machay Targu Mures Tash Rabat Taulabé Tegucigalpa Tiahuanaco Tierra del Fuego Tikal torre di Burana Torres del Paine Transfagarasan Trinidad Trujillo Tucan Travel Turpan Urbino Urumqi Ushuaia Uxmal Uyuni Vaduz Vagabondo Valdivia Valle de Elqui Valle di Fergana Valparaiso Veliko Tarnovo Venezia Viejo Palmar Vila do Abraão Viña del Mar Viñales Vize Wild Frontiers Xian Yambol Zamosc Ziwa Rhino Sanctuary