Sei qui: i miei viaggi » ExpeditionPlus! San Pietroburgo - Istanbul » Turchia » Expedition, giorno 44: Vize/Kumkoy

Expedition, giorno 44: Vize/Kumkoy

immagine

Il Mar Nero è al mio fianco. Potrei quasi toccarlo con un dito, e sicuramente tuffarmi nelle sue chiare fresche dolci acque (è una citazione, non la verità...). Potrei, se non fosse per un piccolo dettaglio: temo che il mio ortopedico di fiducia (David, uno dei ciclisti di questo tour, l’uomo che mi deve ancora una zuppa per avergli recuperato gli occhiali da bici che aveva scordato in albergo) non me lo permetterebbe. Al momento, è irreperibile: sta pedalando i 167 km di oggi, e finché non arriverà in hotel non potrò chiedergli se posso togliermi lo stretto bendaggio che mi hanno fatto ieri sera in ospedale e, quanto meno, pocciarmi un po’ in acqua.

Già, ospedale: avete letto bene... in hotel, ieri, mentre trasportavo la cassa dei pezzi di ricambio verso il furgone, ho messo il piede su quello che loro chiamano stuoino e che io (ed il dizionario) invece definiamo "grata di ferro" e questa, spostandosi, mi ha fatto perdere l’equilibrio; il mio piede si è inclinato, il muscolo ha dato un tirone per cercare di riportare l’equilibrio nel mondo, e il risultato è stato una fitta acuta e un paio di porchi lanciati nella tranquilla aria turca. David, da dietro la siepe, quando ha capito che la cosa era seria è venuto a verificare, mi ha palpognato il piede ed ha emesso la sentenza: "è rotto". Secco, semplice. Impietoso, pure, ma i fronzoli non servivano.
Con il nostro interprete siamo andati in ospedale, dove un sacco di apprendisti stregoni appena usciti da scuola e l’unico che sembrava essere un dottore laureato si sono riuniti a consulto, più per la curiosità di vedere degli stranieri che per il mio piede, finche il buon australiano ha preso il comando ed ha richiesto i raggi che gli servivano per meditare sul mio futuro. Frattura (piccola e composta, ma sempre frattura) del quinto metatarso, ovvero dell’ossicino a cui è attaccato il mignolo. Una cosa molto comune tra i calciatori, meno tra gli accompagnatori turistici... si vede che faccio statistica. Pare che impiegherà qualche mese a sistemarsi, nel frattempo ho (almeno temporaneamente) una fasciatura strettissima che mi rende simile ad una geisha e qualche problema di deambulazione (Allan, l’altro medico, mi ha prestato la sua stampella, che si era portato essendo anche a lui all’inizio reduce da un problema al ginocchio), oltre a qualche problema logistico: non posso più arrampicarmi sul tetto del furgone per sistemarvi le biciclette (e questa mattina è toccato a Rick, che credo non lo facesse dall’ultima volta che si è tagliato la barba - il fatto che lo paragonino a Babbo Natale dovrebbe darvi una misura temporale della cosa) e non  posso ovviamente sollevare pesi; deambulo, e posso trascinare valigie con ruote su superfici piane; soprattutto, spero di essere in grado di poter guidare senza troppo sforzo, dato che dovrei riportare il furgone in Italia tra qualche giorno... David ha detto di aspettare 24 ore, per vedere come andava col dolore, e poi decidere. Io stanotte non ho dormito granché bene, anzi togliamo pure il "bene", ma le pastiglie antidolorifiche prese in ospedale sono riuscite a farmi passare le fitte che mi svegliavano di tanto in tanto, ed ora come detto sono qua, sulla terrazza dell’hotel, col mare che sciaborda laggiù in basso e la gente che si tuffa in piscina, ed io pieno di invidia.

Ma si può? Arrivare fin qui, e poi farsi male in maniera così assurda? Proprio ora che serviva un po’ di agilità... Tutto era andato bene, fino ad ora; ed anche il valico della frontiera, un po’ temuto perché uscivo dall’Unione ed avevo un bel pacco di documenti da far passare al vaglio della dogana turca, nota per la sua amabilità nonché conoscenza delle lingue straniere, era filato quasi completamente liscio, richiedendo solo 90 minuti invece delle paventate ore, e lasciandomi l’amaro in bocca solo per il fatto di non aver ottenuto un timbro sul passaporto ("sei italiano? allora, carta d’identità!" "ma io, veramente, avrei il passaporto, qui, guardi che bella pagina vuota, pronta ad accogliere un timbro turco..." "niet, carta d’identità!"). Anche i clienti non avevano avuto alcun problema, e se le nostre guide si fossero fatte trovare subito fuori dalla dogana (e non invece ad un altro valico, a circa 70 km da questo), tutto sarebbe stato perfetto...

Istanbul è lì, dall’altra parte dell’istmo, a pochi chilometri di distanza... a costo di trascinarmici, voglio andare a vedere i monumenti più importanti, non posso ignorarli a due passi dall’albergo dove finiremo questo lungo, faticoso, interessante tour. La bandiera rossa con la mezzaluna e la stella bianche che garrisce nel vento, in spiaggia, mentre i riflessi del sole si infrangono sulle onde, e la musica che si sente nell’aria, e le chiamate alla preghiera dei muezzin con le loro voci per fortuna mai uguali, e il profumo di spiedini cotti alla brace e i primi avvistamenti di Turkish Delight (vade retro, carie!), tutto parla della città che separa (o fa incontrare, a seconda di come la si vive) l’Europa e l’Asia, e io non voglio, non posso rinunciare ad un tale richiamo. Non qui, a due passi dal Bosforo. Ché manca solo un giorno, ad Istanbul!


Commenti

Il giorno 28/09/2012, Emanuele De Giorgi ha scritto...
Insomma: cose turche!
Non ti arrendere vorresti farti abbattere da uno stuoino :)
Che la forza sia con te :)

Lascia un tuo commento

Campi
Bottoni

Informazioni

inserito il 27/09/2012
visualizzato: 1725 volte
commentato: 1 volta
totale racconti: 554
totale visualizzazioni: 906887

Cerca nel diario

Cerca tra i racconti di viaggio pubblicati nel diario di bordo:

Ultime destinazioni

Racconti più recenti

Racconti più letti

Racconti più commentati

Ultimi commenti

Tag del diario di bordo

Aguas Calientes Amalfi Amazzonia Ambato Andahuaylillas Angra dos Reis Arequipa Assisi Asunción Baia Mare Balau Lac Bassin Bleu Bassin Zim Bellagio Bishkek Bocas del Toro Bogotà Bologna Bonito Boquete Buenos Aires Buzios Bwindi Cajamarca Camaguey Campeche Campulung Cancun Cannes canyon del Colca Cap-Haïtien Cartagena Cayo Las Brujas Cernobbio Chaa Creek Chapada Diamantina Chiapa de Corzo Chiavari Chichen Itzà Chichicastenango Chiloe Chivay Cienfuegos Città del Guatemala Città del Messico Cluj Napoca Copacabana Copán Copán Ruinas Costa Azzurra Costiera Amalfitana Cuenca Curitiba Cusco Dubai Dukla Dunhuang Dushanbe El Calafate El Chaltén El Tajin Entebbe ExPlus Fan Mountains fiume Pacuare fiume Tambopata Florianopolis Foz do Iguaçu GCC Granada Grand Circle Guayaquil Huamachuco Humenne Igoumenitsa Iguaçu Iguazu Ilha Grande Ingapirca Interlaken Isla Colon Isla del Sol Isla Mujeres Istanbul Jacmel Jaiyuguan JLA Joya de Ceren Kampala Kashgar Khodjent Kibale Koch Kor Kokand Kumkoy La Antigua Guatemala La Havana La Paz lago di Como lago Maggiore lago Nicaragua lago Song-Kol lago Titicaca lago Yojoa lake Mburo Leon Lima Livingston Livorno Londra Lublin Lucca Macerata Machu Picchu Madaba Madrid Managua Manaus Mar Nero Margilon Mérida Mesilla Momostenango Monaco Monte Alban Murchison Falls Mutianyu Nice Nyjrbator Oaxaca Ometepe Omoa Osh Otavalo Pacaya Palenque Panajachel Panamà Papantla Paratì Patagonia Pechino Pelourinho Península Valdés Petra Pisac Port Au Prince Portoferraio Potosì Poza Rica Pucon Puebla Puerto Madryn Puerto Maldonado Puerto Natales Puerto Piramides Puerto Varas Puno Punta Arenas Quetzaltenango Quito Rang Raqchi Ravello Recanati Rio de Janeiro Rio Dulce Riobamba Roma Ruse salar Salvador da Bahia Samarcanda San Agustin San Blas San Cristobal de las Casas San Francisco El Alto San Ignacio San José San Juan San Marcos La Laguna San Pedro San Pedro de Atacama San Pedro La Laguna Santa Barbara Santa Caterina Santa Clara Santa Elena de Monteverde Santa Margherita Ligure Santiago Santiago Atitlan Santiaguito Sarospatak Sary Tash Seno Otway Shobak Sighisoara Sillustani Siloli Sololà Sorrento Stresa Sucre Sud America Sumidero Tambo Machay Targu Mures Tash Rabat Taulabé Tegucigalpa Tiahuanaco Tierra del Fuego Tikal torre di Burana Torres del Paine Transfagarasan Trinidad Trujillo Tucan Travel Turpan Urbino Urumqi Ushuaia Uxmal Uyuni Vaduz Vagabondo Valdivia Valle de Elqui Valle di Fergana Valparaiso Veliko Tarnovo Venezia Viejo Palmar Vila do Abraão Viña del Mar Viñales Vize Wild Frontiers Xian Yambol Zamosc Ziwa Rhino Sanctuary