Sei qui: i miei viaggi » ExpeditionPlus! San Pietroburgo - Istanbul » Bulgaria » Expedition, giorno 40: Veliko Tarnovo/Yambol

Expedition, giorno 40: Veliko Tarnovo/Yambol

immagine

Dopo la pioggia, torna il sereno. Ieri è stata una giornata splendida, in una bella città e con un buon hotel strategicamente posizionato vicino al centro ma non così vicino da esserne disturbato. E Veliko Tarnovo, antica capitale della Bulgaria, con la sua cittadella fortificata e le sue possenti mura che seguono il crinale della sorta di penisola su cui è stata fondata, penisola scavata da un serpeggiante fiume, valeva la pena di un giorno di pausa. Per godersela appieno, per girarla tutta, per riposare... Vasil ci ha fatto da guida, raccontandoci di questa città e del suo Paese, stretto tra le genti slave e quelle turche, fiero un tempo ed ora un po’ più tranquillo. Mentre giravamo, abbiamo potuto gustare i preparativi per la festa che sarebbe seguita al pomeriggio e alla sera, per ricordare il giorno dell’indipendenza del paese (anche se la vera festa nazionale è in marzo, a quanto pare): giovani e giovinette si apprestavano a danzare in abiti tipici, un po’ di militari ripassavano i loro schemi di schieramento, le tv riprendevano interviste con il castello come sfondo, i venditori di popcorn e zucchero filato prendevano posizione, e insomma nell’aria si sentiva la festa imminente.

C’erano però una ventina di biciclette da sistemare e da pulire, dopo la giornataccia precedente, quindi tutto il mio pomeriggio se n’è andato a colpi di idrante (avevo chiesto una canna dell’acqua, mi han dato quello che usano i pompieri in caso di incendio... abbiamo dovuto fissare le biciclette con i chiodi, perché non volassero giù nella scarpata!!!) e di spugna, di pattini dei freni cambiati e di bulloni da stringere (ché le buche e le cunette sulle strade son malefiche, si sappia!); quando ho terminato, una doccia e via per raggiungere la posizione migliore per assistere allo spettacolo di suoni e luci ed ai fuochi artificiali... peccato che la posizione migliore fosse già stata aggiudicata, e anche la seconda, e la terza... insomma, per farla breve, mi son trovato al limitare della piazza, ma grazie ai potenti mezzi forniti dalla ditta (leggi: la mia altezza) sono riuscito ad assistere a tutti gli interminabili e noiosissimi discorsi fatti da varie autorità, seguiti da inginocchiamento di quasi tutti i presenti (soldati compresi, me ed alcuni altri esclusi, non so se perché non avessero capito cosa succedeva o perché dissentissero), e poi da fuochi molto colorati ma che han dato l’impressione di essere sparati un po’ a casaccio, mentre altoparlanti strategicamente piazzati ci spavano nelle orecchie il suono dei botti, dando l’impressione che fossero molti di più (ah, cosa non si farebbe per colpa della crisi!).

Oggi, invece, si è pedalato, e pure un bel po’. Ma il percorso è stato interessante, passando attraverso splendidi boschi, e con due salite lunghe ma non dure, seguite da quelle discese che sono un vero piacere, con il manto stradale uniforme ed inclinato nelle curve quel tanto da fartele godere ancora di più mentre fili a 50 all’ora superando persino il limite di velocità concesso normalmente ai veicoli. E, mentre viaggiavamo verso sud, lentamente i cambiamenti preannunciatici dal nostro buon Vasil si palesavano, inesorabilmente: i villaggi lentamente si popolavano, essendo la parte turca della popolazione molto più prolifica di quella settentrionale, con bambini ovunque, e le prime timide moschee cominciavano a fare la loro apparizione, lustre e scintillanti sotto il sole, grande contrasto con le numerose fabbriche abbandonate da quando l’assistenza statale non bastava più a reggere le regole del mercato capitalistico.

Yambol, la nostra destinazione, non è onestamente granché, e l’albergo rispecchia questa sensazione. Semplicemente, non sono mai stati meta del turismo di massa, quindi non hanno le infrastrutture (se questo sia un bene o un male lo lascio giudicare ad ognuno di voi, ma il fatto che a colazione mancassero latte e yogurt - e noi si sia dovuti andare a comprarli di corsa - non depone molto a favore).

Ma chi se ne importa, dopo tutto domani si entrerà in Turchia e mancheranno solo 5 giorni ad Istanbul!


Lascia un tuo commento

Campi
Bottoni

Informazioni

inserito il 23/09/2012
visualizzato: 1575 volte
commentato: 0 volte
totale racconti: 554
totale visualizzazioni: 891626

Cerca nel diario

Cerca tra i racconti di viaggio pubblicati nel diario di bordo:

Ultime destinazioni

Racconti più recenti

Racconti più letti

Racconti più commentati

Ultimi commenti

Tag del diario di bordo

Aguas Calientes Amalfi Amazzonia Ambato Andahuaylillas Angra dos Reis Arequipa Assisi Asunción Baia Mare Balau Lac Bassin Bleu Bassin Zim Bellagio Bishkek Bocas del Toro Bogotà Bologna Bonito Boquete Buenos Aires Buzios Bwindi Cajamarca Camaguey Campeche Campulung Cancun Cannes canyon del Colca Cap-Haïtien Cartagena Cayo Las Brujas Cernobbio Chaa Creek Chapada Diamantina Chiapa de Corzo Chiavari Chichen Itzà Chichicastenango Chiloe Chivay Cienfuegos Città del Guatemala Città del Messico Cluj Napoca Copacabana Copán Copán Ruinas Costa Azzurra Costiera Amalfitana Cuenca Curitiba Cusco Dubai Dukla Dunhuang Dushanbe El Calafate El Chaltén El Tajin Entebbe ExPlus Fan Mountains fiume Pacuare fiume Tambopata Florianopolis Foz do Iguaçu GCC Granada Grand Circle Guayaquil Huamachuco Humenne Igoumenitsa Iguaçu Iguazu Ilha Grande Ingapirca Interlaken Isla Colon Isla del Sol Isla Mujeres Istanbul Jacmel Jaiyuguan JLA Joya de Ceren Kampala Kashgar Khodjent Kibale Koch Kor Kokand Kumkoy La Antigua Guatemala La Havana La Paz lago di Como lago Maggiore lago Nicaragua lago Song-Kol lago Titicaca lago Yojoa lake Mburo Leon Lima Livingston Livorno Londra Lublin Lucca Macerata Machu Picchu Madaba Madrid Managua Manaus Mar Nero Margilon Mérida Mesilla Momostenango Monaco Monte Alban Murchison Falls Mutianyu Nice Nyjrbator Oaxaca Ometepe Omoa Osh Otavalo Pacaya Palenque Panajachel Panamà Papantla Paratì Patagonia Pechino Pelourinho Península Valdés Petra Pisac Port Au Prince Portoferraio Potosì Poza Rica Pucon Puebla Puerto Madryn Puerto Maldonado Puerto Natales Puerto Piramides Puerto Varas Puno Punta Arenas Quetzaltenango Quito Rang Raqchi Ravello Recanati Rio de Janeiro Rio Dulce Riobamba Roma Ruse salar Salvador da Bahia Samarcanda San Agustin San Blas San Cristobal de las Casas San Francisco El Alto San Ignacio San José San Juan San Marcos La Laguna San Pedro San Pedro de Atacama San Pedro La Laguna Santa Barbara Santa Caterina Santa Clara Santa Elena de Monteverde Santa Margherita Ligure Santiago Santiago Atitlan Santiaguito Sarospatak Sary Tash Seno Otway Shobak Sighisoara Sillustani Siloli Sololà Sorrento Stresa Sucre Sud America Sumidero Tambo Machay Targu Mures Tash Rabat Taulabé Tegucigalpa Tiahuanaco Tierra del Fuego Tikal torre di Burana Torres del Paine Transfagarasan Trinidad Trujillo Tucan Travel Turpan Urbino Urumqi Ushuaia Uxmal Uyuni Vaduz Vagabondo Valdivia Valle de Elqui Valle di Fergana Valparaiso Veliko Tarnovo Venezia Viejo Palmar Vila do Abraão Viña del Mar Viñales Vize Wild Frontiers Xian Yambol Zamosc Ziwa Rhino Sanctuary