Sei qui: i miei viaggi » Egitto e Medio Oriente » Egitto » La santa Caterina, paraponzi-ponzi-po'

La santa Caterina, paraponzi-ponzi-po'

immagineUltimi giorni egiziani... dopo un'altro paio di immersioni, nel posto più famoso della zona, quel Blue Hole dove sono morti vari sommozzatori troppo poco attenti alle misure di sicurezza, e nel vicino Canyon che secondo me è molto più interessante sia per la struttura morfologica sia per la fauna che vi si incontra, ho approfittato della festività del venerdì per studiare un pò il percorso che vorrei seguire in Giordania e per fare dello snorkeling davvero gusto in una sorta di ansa della costa chiamata semplicemente "Lagona", dove su un terreno sabbioso si innalzano alcuni pinnacoli rocciosi che sembrano giardini zoologici da quanti pesci vi si trovano. Di tanto in tanto mi incontravo anche con Simona, modenese che di lavoro normalmente fa il responsabile locale per vari tour operator in Europa e qui nel Sinai, ma che ora semplicemente tira il fiato tra una stagione e l'altra installata in un campeggio di Dahab: ci piace ciondolare per le strade, evitare le solite proposte di acquisto di magliette e ammenicoli vari, parlare dell'evoluzione della situazione politica egiziana (Mubarak se ne è andato a Sharm, lasciando il potere, ora è ufficiale) e gustarci la relativa calma dovuta alla quasi completa sparizione dei turisti non sedentari.
Il venerdì sera parto, su un furgoncino colmo di curiosi, alla volta del monastero di Santa Caterina, a quanto pare il più antico monastero cristiano del mondo, con i suoi 1400 anni di anzianità. Lo raggiungiamo dopo due ore di viaggio in una notte buia se non fosse per la mezza luna alta nel cielo, e incontriamo il disgraziato che ci viene assegnato dal parco come guida. Il motivo dell'ora inconsueta non è andare a rompere le palle ai monaci, ma incamminarsi lungo un sentiero usato dai cammelieri per salire sul Monte di Mosè, quello su cui il ben noto barbone biblico si inerpicò per parlare con il suo padrone di casa.
Racconta la leggenda che il padrone si palesò in forma di roveto ardente, e la cosa non mi stupisce affatto dopo le due ore e mezzo di cammino in salita sempre al chiaro di stelle (ho lasciato indietro l'inetta guida e la maggior parte dei compagni di scalata, che fanno troppo rumore uditivo e luminoso con le loro pilette che guizzano intorno all'impazzata): fa un freddo beduino, e certo un cespuglio in fiamme doveva essere sembrata la soluzione migliore per riscaldare un poveraccio arrivato fin là in cima. Io, previdente, mi sono portato una copertina dalla mia camera, e mi ci avvolgo dentro appoggiandomi contro il muro della piccola moschea che si trova sulla cima (a fianco di una piccola chiesetta) e guardando fisso ad est, contando le stelle cadenti; altri noleggiano materassini e coperte dall'ennesimo Mohammed, ad un costo che ci si potrebbero quasi pagare una camera in ostello.
Finalmente, il sole sorge, ma più che il disco rossastro è la luce che getta sulle vette delle montagne circostanti che rende degna la scarpinata (questo, ed il tepore che lentamente comincia a spargere). Stiamo lì a godercelo per un po', poi cominciamo a discendere: io prendo la strada degli scalini, circa 3000 a quanto pare posizionati da pellegrini nei tempi passati, e ringrazio di non averla dovuta fare in salita al buio durante la notte. Arrivo al monastero mezz'ora prima che apra, poi arriva il resto del gruppo, e assieme lo visitiamo. Ci va estremamente bene che i turisti siano spariti, in tutto saremo 25 contro le centinaia che di solito arrivano qui, e lo spazio dentro è veramente ristretto: si possono vedere la pianta erede del famoso roveto, il pozzo dove Mosè fece scaturire l'acqua dalla roccia e poi la chiesetta, dedicata alla Santa Caterina e circondata da mura molto alte per poterla preservare dagli attacchi dei predoni (che, a quanto pare, non ci sono mai stati, data l'importanza che il luogo ha per tutte e tre le religioni monoteistiche).
Torniamo stanchi e sacri a Dahab, un pisolino di qualche ora e poi fuori per strada a tentare gli ultimi commerci con i negozianti. Saluti a tutti, e poi a nanna non troppo tardi, dopo tutto negli ultimi due giorni ho dormito circa 5 ore.
Al mattino successivo, parto in bus per Nuweiba, ignorando i vaticini contrari che mi dicono non ce ne siano. Qui acquisto il biglietto per il traghetto lento che mi porterà ad Aqaba, in Giordania, e devo dire che il nome gli è davvero giusto: oltre a partire con 4 ore di ritardo, causa immagino le operazioni di carico di innumerevoli camion, ne impiega più di altrettante per arrivare a destinazione...

Commenti

Il giorno 16/02/2011, Massielena ha scritto...
Ti mancava solo di ascendere al monte ove Mosè ricevette le tavole della legge a la tua consacrazione sarebbe stata completa.
Ahi ahi ahi
Il giorno 16/02/2011, Daniele ha scritto...
In realta', si tratta proprio di quel monte, o almeno di quello che viene accreditato come tale. Come vedi, quindi, non mi manca nulla (al contrario di te, a cui manchera' la sabbietta che avevo appositamente raccolto sulla cima... :))
Il giorno 17/02/2011, Massielena ha scritto...
Allora c'è qualcosa che non quadra; a me risulta che il monte ove Mosè ricevette le tavole non sia lo stesso ove il "roveto ardente" gli parlò.
Quindi: o ti hanno raccontato frottole, o hai capito male, oppure io non sono un attento fedele e mi merito la tua punizione divina.
Il giorno 19/02/2011, Daniele ha scritto...
Cito da Wikipedia (che non e' fonte sicura al 100%, ma che forse puo' illuminare al riguardo):
"Ai piedi del Monte Sinai sorge il monastero di Santa Caterina, fatto erigere dall'imperatore Giustiniano nel 527, nel luogo in cui secondo la tradizione Dio si sarebbe manifestato a Mosè entro un roveto "ardente" che bruciava senza consumarsi e che la tradizione identifica in un rigoglioso rovo (Rubus spp) qui ancora coltivato. Il monastero occupa una posizione particolarmente suggestiva, ed è meta di pellegrinaggi e di visite turistiche, trovandosi a un paio di ore di strada (agevole) da una località balneare come Sharm El Sheikh e meno ancora da altre.
Sulla cima del monte si trova una cappella greco-ortodossa, costruita nel 1934 sulle rovine di una chiesa del XVI secolo, non aperta al pubblico. Secondo la tradizione la cappella racchiude la roccia da cui Dio fece le Tavole della Legge. Nei pressi si trova anche la Grotta di Mosè, dove si suppone che Mosè avesse aspettato di ricevere le tavole dei Dieci Comandamenti."

Lascia un tuo commento

Campi
Bottoni

Informazioni

inserito il 15/02/2011
visualizzato: 1407 volte
commentato: 4 volte
totale racconti: 554
totale visualizzazioni: 912157

Cerca nel diario

Cerca tra i racconti di viaggio pubblicati nel diario di bordo:

Ultime destinazioni

Racconti più recenti

Racconti più letti

Racconti più commentati

Ultimi commenti

Tag del diario di bordo

Aguas Calientes Amalfi Amazzonia Ambato Andahuaylillas Angra dos Reis Arequipa Assisi Asunción Baia Mare Balau Lac Bassin Bleu Bassin Zim Bellagio Bishkek Bocas del Toro Bogotà Bologna Bonito Boquete Buenos Aires Buzios Bwindi Cajamarca Camaguey Campeche Campulung Cancun Cannes canyon del Colca Cap-Haïtien Cartagena Cayo Las Brujas Cernobbio Chaa Creek Chapada Diamantina Chiapa de Corzo Chiavari Chichen Itzà Chichicastenango Chiloe Chivay Cienfuegos Città del Guatemala Città del Messico Cluj Napoca Copacabana Copán Copán Ruinas Costa Azzurra Costiera Amalfitana Cuenca Curitiba Cusco Dubai Dukla Dunhuang Dushanbe El Calafate El Chaltén El Tajin Entebbe ExPlus Fan Mountains fiume Pacuare fiume Tambopata Florianopolis Foz do Iguaçu GCC Granada Grand Circle Guayaquil Huamachuco Humenne Igoumenitsa Iguaçu Iguazu Ilha Grande Ingapirca Interlaken Isla Colon Isla del Sol Isla Mujeres Istanbul Jacmel Jaiyuguan JLA Joya de Ceren Kampala Kashgar Khodjent Kibale Koch Kor Kokand Kumkoy La Antigua Guatemala La Havana La Paz lago di Como lago Maggiore lago Nicaragua lago Song-Kol lago Titicaca lago Yojoa lake Mburo Leon Lima Livingston Livorno Londra Lublin Lucca Macerata Machu Picchu Madaba Madrid Managua Manaus Mar Nero Margilon Mérida Mesilla Momostenango Monaco Monte Alban Murchison Falls Mutianyu Nice Nyjrbator Oaxaca Ometepe Omoa Osh Otavalo Pacaya Palenque Panajachel Panamà Papantla Paratì Patagonia Pechino Pelourinho Península Valdés Petra Pisac Port Au Prince Portoferraio Potosì Poza Rica Pucon Puebla Puerto Madryn Puerto Maldonado Puerto Natales Puerto Piramides Puerto Varas Puno Punta Arenas Quetzaltenango Quito Rang Raqchi Ravello Recanati Rio de Janeiro Rio Dulce Riobamba Roma Ruse salar Salvador da Bahia Samarcanda San Agustin San Blas San Cristobal de las Casas San Francisco El Alto San Ignacio San José San Juan San Marcos La Laguna San Pedro San Pedro de Atacama San Pedro La Laguna Santa Barbara Santa Caterina Santa Clara Santa Elena de Monteverde Santa Margherita Ligure Santiago Santiago Atitlan Santiaguito Sarospatak Sary Tash Seno Otway Shobak Sighisoara Sillustani Siloli Sololà Sorrento Stresa Sucre Sud America Sumidero Tambo Machay Targu Mures Tash Rabat Taulabé Tegucigalpa Tiahuanaco Tierra del Fuego Tikal torre di Burana Torres del Paine Transfagarasan Trinidad Trujillo Tucan Travel Turpan Urbino Urumqi Ushuaia Uxmal Uyuni Vaduz Vagabondo Valdivia Valle de Elqui Valle di Fergana Valparaiso Veliko Tarnovo Venezia Viejo Palmar Vila do Abraão Viña del Mar Viñales Vize Wild Frontiers Xian Yambol Zamosc Ziwa Rhino Sanctuary