Lacrime ispaniche

immagineNo, non sono quelle di Navarro Vals, il portavoce di Giovanni Paolo II, che pure aveva gli occhi lucidi al momento di annunciare pubblicamente la morte del papa che l'aveva voluto al suo fianco per 26 lunghi anni.
Sono quelle delle moltitudini dell'America latina, che hanno seguito il calvario dell'anziano pontefice aggiornati di continuo dai molti canali televisivi (ho verificato: tutti quelli che parlavano spagnolo o italiano erano collegati continuamente con piazza San Pietro).

Molti mi hanno detto che si augurano che il nuovo papa sia come quello che se ne è appena andato, e quando io chiedo "In che senso?", immancabilmente mi rispondono "Un hombre bueno... un uomo buono... perché era un uomo buono, non pensi anche tu?!".

Cosa penso io? Mah... devo dire che sono leggermente disgustato dal modo in cui tutti gli tiravano la giacchetta, ultimamente (ed anche ora che è morto): Bush che dice che ha aiutato a sconfiggere l'Unione Sovietica, Pera che ricorda come avesse parlato di amnistia durante la sua visita al Parlamento italiano, persino i siti delle squadre di calcio ora sono listati a lutto... mi pare che gli si manchi di rispetto, attribuendogli pensieri e significati in questo modo; ma questa, ovviamente, è solo la mia opinione.

Intorno a me, non solo le chiese espongono la bandiera a mezz'asta: anche edifici pubblici, e persino qualche privato (ho visto un santino con candela accessa davanti nella vetrina di un hotel), sembrano voler partecipare alla tristezza serena che ha preso un pò tutti, qui. La tv continua a ricordare l'apporto del papa polacco per impedire la guerra tra Cile ed Argentina, ed il suo tentativo (fallito) di portare pace tra Gran Bretagna e questa nazione durante la guerra delle isole Falkland/Malvinas (ieri ricorreva l'anniversario); e qualcuno comincia a chiedersi se sarà argentino il nuovo papa (pare ci sia effettivamente un papabile... chissà!). E la gente, come quella che affollava questa sera la cattedrale di Salta, prega. Per l'"hombre bueno".

Spulciando una rivista nell'ostello in cui alloggiavo ieri, ho trovato un articolo su Miguel de Cervantes Saavedra, l'immortale creatore del Don Quixote; all'interno, un pezzo di una lettera scritta da Cervantes 3 giorni prima di morire, al nobile al quale affidava la sua fortuna: "Ayer me dieron la extremaunción, y hoy escribo èsta; el tiempo es breve, las ansias crecen, las esperanzas menguan, y, con todo eso, llevo la vida sobre el deseo que tengo de vivir [...] Pero si està decretado que a haya de perder, cumplare la voluntad de los cielos, y, por lo menos, sepa Vuesa Excelencia este mi deseo, y sepa que tuvo en mì un tono aficionado criand de servirle, que quiso pasar aùn màs allà de la muerte mostrando su intención." ... potrebbe averle scritte Karol Woityla, parlando al suo Signore, no?

Commenti

Il giorno 04/04/2005, Daniele ha scritto...
Tanto per confermare le mie parole:
"Tutto, dappertutto, troppo. A sera le reti Mediaset interrompono i loro programmi sul Papa alle 21.37 per mandare in onda due minuti celebrativi sul Papa. Tanto che, con tutto il rispetto per le centinaia di colleghi impegnati, anche e soprattutto quelli delle dirette chilometriche con il volto sfinito dalla fatica (non vale per Vespa, sempre freschissimo), alla fine succedeva sempre più spesso di girare su Mtv per leggere sullo space board lo scorrere dei messaggi sms dei giovani (o si suppone che fossero loro) spediti col telefonino. "Peccato ke te ne 6 andato", "6 stato il nonno di tutti noi", "Ora va, ma resta a guardarci, tvttb", "Grazie per ciò che hai fatto, Miky79". [da Repubblica.it]
Il giorno 05/04/2005, Daniela ha scritto...
La notte che il Papa lascia il suo corpo, stavo lavorando in cucina con due ragazze colombiane, Dora e Gisella. Una di loro improvvisamente prende la mia radiolina (me la porto quando faccio le pulizie al pomeriggio per ascoltare Fareneith, bel programma)e mi dice che dobbiamo ascoltare che il Papa è morto. Accendo e subito c'è una musica gregoriana, musica di chiesa imponente e noi rimaniamo ferme e tristi nella cucina, e fuori il casino dei clienti che stavano festeggiando un compleanno crea un contrasto ironico. Ma l'ironia più grande è che mentre Gisella commossa da quella musica sta per piangere (entrambe sono molto cattoliche e praticanti)e Dora si chiude in un silenzio antico, lo speaker della radio annuncia che anche per questa sera è finito il programma di musica classica... e noi ci mettiamo inaspettatamente a ridere.. non sembra una mia gaff dani? Cmq non voglio svilire il significato di questa tua pagina, ho riflettuto molto in questi giorni rispetto a quel che i maya dicono "VIVI DAVVERO CIO' IN CUI CREDI?" e potrei, riferito a questo Papa - Uomo replicare con una frase di Neruda "Ebbene SI, ammetto di aver vissuto!" Besos D'
Il giorno 07/04/2005, anonimo ha scritto...
Questa, che è una vecchia battuta, direi che rende però molto bene una delle caratteristiche di questo Papa: il viaggio.

La differenza tra Dio ed il Papa? Dio è dappertutto, il Papa ci è già stato...
Il giorno 07/04/2005, Massielena ha scritto...
Personalmente ho avuto l'occasione di vedere e sentire il Papa dal vivo per due volte di cui una sei mesi fa; tra l'altro in quell'occasione ci siamo pure guardati per un'istante negli occhi, visto che siamo stati anche ad un metro e mezzo di distanza. Ne porto un ricordo come di persona tenace e nello stesso tempo serena, capace a volte di sorprenderti per quella capacità di uscire dagli schemi che ha dimostrato anche negli ultimi istanti della sua vita rifiutando l'"accanimento terapeutico" e morendo con lo sguardo rivolto alla finestra da cui salutava la folla.
Come molte persone mi sono chiesto se valeva la pena di andare a Roma in questi giorni per l'ultimo saluto, ma come abbiamo rilettuto io e mia moglie, credo che ciò che più conta sia il messaggio e la testimonianza che abbiamo ricevuto da lui e quindi l'impegno che dovremmo profondere nel cercare il BENE con la nostra fede.
Andare a Roma perciò credo non serva perchè il Papa ora lì non c'è più; c'è solo un corpo inanimato presso il quale si stanno accanendo molte persone che cercano solo di vivere il "momento" con il solito pensiero che passa per la mente: "Io c'ero".
Credo infine che ciò che ci ha sempre chiesto il Papa sia di essere testimoni della fede con serenità e gioia, perchè il cristiano prima di tutto è persona GIOIOSA, non "muso duro e bareta fracà" come molti, forse troppi, pensano.
Il giorno 15/08/2005, Tarducci ha scritto...
Mi konas Salta, mi loghas en Italio sed estas argentinano, pro tio diras vin ke plachis min tiu komento pri vian travivajhon tie kiam mortis la Papo.

Lascia un tuo commento

Campi
Bottoni

Informazioni

inserito il 04/04/2005
visualizzato: 1859 volte
commentato: 5 volte
totale racconti: 554
totale visualizzazioni: 899064

Cerca nel diario

Cerca tra i racconti di viaggio pubblicati nel diario di bordo:

Ultime destinazioni

Racconti più recenti

Racconti più letti

Racconti più commentati

Ultimi commenti

Tag del diario di bordo

Aguas Calientes Amalfi Amazzonia Ambato Andahuaylillas Angra dos Reis Arequipa Assisi Asunción Baia Mare Balau Lac Bassin Bleu Bassin Zim Bellagio Bishkek Bocas del Toro Bogotà Bologna Bonito Boquete Buenos Aires Buzios Bwindi Cajamarca Camaguey Campeche Campulung Cancun Cannes canyon del Colca Cap-Haïtien Cartagena Cayo Las Brujas Cernobbio Chaa Creek Chapada Diamantina Chiapa de Corzo Chiavari Chichen Itzà Chichicastenango Chiloe Chivay Cienfuegos Città del Guatemala Città del Messico Cluj Napoca Copacabana Copán Copán Ruinas Costa Azzurra Costiera Amalfitana Cuenca Curitiba Cusco Dubai Dukla Dunhuang Dushanbe El Calafate El Chaltén El Tajin Entebbe ExPlus Fan Mountains fiume Pacuare fiume Tambopata Florianopolis Foz do Iguaçu GCC Granada Grand Circle Guayaquil Huamachuco Humenne Igoumenitsa Iguaçu Iguazu Ilha Grande Ingapirca Interlaken Isla Colon Isla del Sol Isla Mujeres Istanbul Jacmel Jaiyuguan JLA Joya de Ceren Kampala Kashgar Khodjent Kibale Koch Kor Kokand Kumkoy La Antigua Guatemala La Havana La Paz lago di Como lago Maggiore lago Nicaragua lago Song-Kol lago Titicaca lago Yojoa lake Mburo Leon Lima Livingston Livorno Londra Lublin Lucca Macerata Machu Picchu Madaba Madrid Managua Manaus Mar Nero Margilon Mérida Mesilla Momostenango Monaco Monte Alban Murchison Falls Mutianyu Nice Nyjrbator Oaxaca Ometepe Omoa Osh Otavalo Pacaya Palenque Panajachel Panamà Papantla Paratì Patagonia Pechino Pelourinho Península Valdés Petra Pisac Port Au Prince Portoferraio Potosì Poza Rica Pucon Puebla Puerto Madryn Puerto Maldonado Puerto Natales Puerto Piramides Puerto Varas Puno Punta Arenas Quetzaltenango Quito Rang Raqchi Ravello Recanati Rio de Janeiro Rio Dulce Riobamba Roma Ruse salar Salvador da Bahia Samarcanda San Agustin San Blas San Cristobal de las Casas San Francisco El Alto San Ignacio San José San Juan San Marcos La Laguna San Pedro San Pedro de Atacama San Pedro La Laguna Santa Barbara Santa Caterina Santa Clara Santa Elena de Monteverde Santa Margherita Ligure Santiago Santiago Atitlan Santiaguito Sarospatak Sary Tash Seno Otway Shobak Sighisoara Sillustani Siloli Sololà Sorrento Stresa Sucre Sud America Sumidero Tambo Machay Targu Mures Tash Rabat Taulabé Tegucigalpa Tiahuanaco Tierra del Fuego Tikal torre di Burana Torres del Paine Transfagarasan Trinidad Trujillo Tucan Travel Turpan Urbino Urumqi Ushuaia Uxmal Uyuni Vaduz Vagabondo Valdivia Valle de Elqui Valle di Fergana Valparaiso Veliko Tarnovo Venezia Viejo Palmar Vila do Abraão Viña del Mar Viñales Vize Wild Frontiers Xian Yambol Zamosc Ziwa Rhino Sanctuary