I leoni di Rarotonga

immagineDouglas (Adams) è stato un buon compagno, ma poco dopo essere arrivato a Rarotonga l'ho terminato e scambiato con due nuovi libri (il primo dei quali, "Lo strano caso del cane di notte", l'ho purtroppo finito in due giorni)... e servono, credetemi!
L'isola, di per sé, non è nè troppo piccola nè troppo grande: ieri, in bici, ci ho messo un giorno intero per girarla... in effetti, andavo piano (dopo tutto, si tratta di una trentina di chilometri), e mi fermavo ovunque... quando, qualche giorno fa, insieme con un tipo dell'ostello in cui stavo e con altri due che abbiamo incontrato per strada, ho scarpinato lungo il sentiero che taglia a metà (da nord a sud) l'isola, passando alla base della guglia rocciosa detta "L'ago", nel punto più alto bastava voltarsi di 180 gradi e si poteva vedere la costa da tutte e due le parti, con la spuma delle onde che si infrangono sulla barriera che protegge la laguna (qualche decina di metri) interna.

Lungo la strada, si incontrano moltitudini di chiese (ce ne devono essere all'incirca una per ogni abitante) e, soprattutto, di tombe: a causa delle complicate tradizioni che riguardano i diritti ereditari, qui molti hanno un pezzetto di terra da una parte ed uno a qualche chilometro di distanza, così tendono a sotterrare i loro morti nel giardino di casa (dopo tutto, la terra è degli antenati, quindi è logico che in essa vi riposino!). E poi tante tende, tra la riva del mare e la strada che gira tutto attorno all'isola: sono di tutti gli isolani che, per le feste natalizie, han deciso di voler fare una vacanza economica a due passi dall'acqua, stufi delle solite piantagioni di banane, papaya (o "pawpaw", come la chiamano gli inglesi ?!) e noni (frutto dal gusto incerto - a metà tra il vino ed il formaggio -, e dalle proprietà apparentemente taumaturgiche - pare possa eliminare persino alcuni tumori, oltre ai calli). E le immancabili noci di cocco, che vengono usate da tutti in tutti i modi, persino per ricoprire i seni delle ballerine che dimenano i sederi ricoperti di piume al ritmo frenetico di tamburi suonati in modo magistrale (tranquille, tranquille, ci sono pure i ballerini maschi a dimenarsi...).

Da uno dei due autobus (uno che gira in senso orario, l'altro in senso antiorario) che ti portano in giro per l'isola, dai finestrini spalancati per il caldo, vedi la gente (corpulenta come i loro cugini - o, meglio, discendenti - maori della Nuova Zelanda) che un pò ti saluta e pò si fa gli affari suoi, perché tu alla fine sei un turista e loro, con i soldi mandati a casa da chi lavora oltremare, non hanno proprio proprio bisogno di te ed un pò ti sopportano; l'unico momento in cui sono fieri di mostrarsi a te è durante la messa, quando cantano canzoni indecifrabili cercando di sconfiggere gli altri gruppi in una gara senza vincitori nè vinti (solo il gusto di partecipare... ah, DeCoubertain sarebbe deliziato...)... perché l'isolano, per sua natura, è tranquillo, e tende il più possibile ad imitare quei leoni marini che, oziosamente, stanno sulla spiaggia a sbadigliare e a farsi baciare dal sole... ignavi, o sommamente saggi?

Lascia un tuo commento

Campi
Bottoni

Informazioni

inserito il 31/12/2004
visualizzato: 1886 volte
commentato: 0 volte
totale racconti: 554
totale visualizzazioni: 948287

Cerca nel diario

Cerca tra i racconti di viaggio pubblicati nel diario di bordo:

Ultime destinazioni

Racconti più recenti

Racconti più letti

Racconti più commentati

Ultimi commenti

Tag del diario di bordo

Aguas Calientes Amalfi Amazzonia Ambato Andahuaylillas Angra dos Reis Arequipa Assisi Asunción Baia Mare Balau Lac Bassin Bleu Bassin Zim Bellagio Bishkek Bocas del Toro Bogotà Bologna Bonito Boquete Buenos Aires Buzios Bwindi Cajamarca Camaguey Campeche Campulung Cancun Cannes canyon del Colca Cap-Haïtien Cartagena Cayo Las Brujas Cernobbio Chaa Creek Chapada Diamantina Chiapa de Corzo Chiavari Chichen Itzà Chichicastenango Chiloe Chivay Cienfuegos Città del Guatemala Città del Messico Cluj Napoca Copacabana Copán Copán Ruinas Costa Azzurra Costiera Amalfitana Cuenca Curitiba Cusco Dubai Dukla Dunhuang Dushanbe El Calafate El Chaltén El Tajin Entebbe ExPlus Fan Mountains fiume Pacuare fiume Tambopata Florianopolis Foz do Iguaçu GCC Granada Grand Circle Guayaquil Huamachuco Humenne Igoumenitsa Iguaçu Iguazu Ilha Grande Ingapirca Interlaken Isla Colon Isla del Sol Isla Mujeres Istanbul Jacmel Jaiyuguan JLA Joya de Ceren Kampala Kashgar Khodjent Kibale Koch Kor Kokand Kumkoy La Antigua Guatemala La Havana La Paz lago di Como lago Maggiore lago Nicaragua lago Song-Kol lago Titicaca lago Yojoa lake Mburo Leon Lima Livingston Livorno Londra Lublin Lucca Macerata Machu Picchu Madaba Madrid Managua Manaus Mar Nero Margilon Mérida Mesilla Momostenango Monaco Monte Alban Murchison Falls Mutianyu Nice Nyjrbator Oaxaca Ometepe Omoa Osh Otavalo Pacaya Palenque Panajachel Panamà Papantla Paratì Patagonia Pechino Pelourinho Península Valdés Petra Pisac Port Au Prince Portoferraio Potosì Poza Rica Pucon Puebla Puerto Madryn Puerto Maldonado Puerto Natales Puerto Piramides Puerto Varas Puno Punta Arenas Quetzaltenango Quito Rang Raqchi Ravello Recanati Rio de Janeiro Rio Dulce Riobamba Roma Ruse salar Salvador da Bahia Samarcanda San Agustin San Blas San Cristobal de las Casas San Francisco El Alto San Ignacio San José San Juan San Marcos La Laguna San Pedro San Pedro de Atacama San Pedro La Laguna Santa Barbara Santa Caterina Santa Clara Santa Elena de Monteverde Santa Margherita Ligure Santiago Santiago Atitlan Santiaguito Sarospatak Sary Tash Seno Otway Shobak Sighisoara Sillustani Siloli Sololà Sorrento Stresa Sucre Sud America Sumidero Tambo Machay Targu Mures Tash Rabat Taulabé Tegucigalpa Tiahuanaco Tierra del Fuego Tikal torre di Burana Torres del Paine Transfagarasan Trinidad Trujillo Tucan Travel Turpan Urbino Urumqi Ushuaia Uxmal Uyuni Vaduz Vagabondo Valdivia Valle de Elqui Valle di Fergana Valparaiso Veliko Tarnovo Venezia Viejo Palmar Vila do Abraão Viña del Mar Viñales Vize Wild Frontiers Xian Yambol Zamosc Ziwa Rhino Sanctuary