Quei nomi

immagineGalle, Banda Aceh, Ko Phuket e Ko Phi Phi... quei nomi, forse, qualcuno di voi li ha sentiti per la prima volta nei notiziari di questi giorni. Altri, forse, ricordano quei nomi da precedenti racconti del mio viaggio dello scorso anno.

Già: come dice mia sorella, "fortuna vuole che ho già passato i paesi che in questi giorni stanno vivendo l'apocalisse"... fortuna?! Chissà... Io quei posti ce li ho nella mente, quella gente ce l'ho nel cuore. In queste ore, tento di racimolare qualche informazione da una assurda televisione che solo a tarda notte passa telegiornali australiani e neozelandesi, e da un'internet che dilapida i miei miseri risparmi. E quel che leggo, quel che vedo, è terribile.

Galle era una cittadina carina, ricca di povertà (ricordo un senso di colpa al pagare 10 eurocent una bottiglietta di cocacola a due simpatici vecchietti nella loro piccola bottega, credo di aver preso pure un gelato per arricchire il loro magro bottino) e di storia (olandese ed inglese), col suo forte e quella signora simpatica nella cui casa ho dormito e che mi ha raccontanto di come avesse salvato due servitrici Tamil durante una rappresaglia dei suoi concittadini. Nella regione di Banda Aceh, nel nord di Sumatra, la guerra civile per questioni (pare) religiose mi aveva impedito di visitare una parte di quella stupenda isola, e per qualche ora avevo accarezzato l'idea di andarci di soppiatto, di notte, con un bus clandestino. Le isole orientali della Thailandia le avevamo scartate, Federica ed io, a causa della stagione monsonica durante l'agosto 2003, e quindi rimanevano una meta nel cassetto per un futuro vicino o lontano... E poi le persone, quelle che gli aerei dei governi occidentali non vanno a prelevare per portarle in ospedali attrezzatissimi, e quelle morte perché nessuno ha pensato di avvertirle in tempo che un'onda gigantesca stava per spazzarle via...

Che devo pensare?
Stamattina sono andato ad immergermi, per vedere un mare di nuovo calmo ed interessante, per cercare di concentrarmi per un paio di ore solo su pesci e bombole e respirazione ed assetto e non-toccare-i-coralli, e non pensare ad altro. Ma era difficile, davvero.

Un tipo mi ha chiesto "come mai sei preoccupato, avevi parenti laggiù?"... ho pensato che non era carino spaccargli i denti con un pugno, e così gli ho fatto graziosamente notare che anche se i miei parenti sono tutti sani e salvi in Italia (non ho notizie di Marta, che non è una parente, ma dato che Volare aveva bloccato i voli in novembre sono ottimista) forse forse migliaia di persone che muoiono in pochi minuti dovrebbero perlomeno farlo meditare (non dico rattristare, mi parrebbe troppo...)

Qui continuano a festeggiare il Natale, forse è anche un modo per pensare che loro questa volta l'hanno scampata.. chissà.

Commenti

Il giorno 28/12/2004, Virna ha scritto...
... ti voglio bene, Daniele.
Il giorno 28/12/2004, Vale & Andy ha scritto...
Siamo felici di sentirti. La tua tristezza è più intima della nostra, dato che tieni quei posti nel cuore.
Un abbraccio, pesce gatto.
Il giorno 28/12/2004, Massielena ha scritto...
Ho ricevuto un bel po' di telefonate e di richieste da parte di varia gente qui a Creazzo che ti ha conosciuto i quali mi chiedevano sulla tua salute (compresi mio cognato e mia suocera).
Nel rispondere loro che stavi bene mi sono sentito molto fortunato perchè, fatalità, nei momenti in cui le onde travolgevano la gente in Asia noi eravamo a chiacchierare in chat per cui ho potuto dare notizie rassicuranti a tutti e soprattutto di primissima mano.
Qui invece i telegiornali danno notizie quasi ogni mezz'ora; forse anche troppo: Sumatra che si è spostata di 30 metri; l'asse terrestre che si muove; immagini; interviste a gente reperita in posti impossibili; cantanti, giornalisti e sportivi che erano alle Maldive raggiunti telefonicamente dappertutto; ogni sera speciali sulla tragedia; a volte non so cosa pensare......
Il giorno 28/12/2004, Mariagrazia ha scritto...
...che Natale...
la terra e l'umanità è dentro a un possente fremito, e noi con i nostri piccoli grandi sentimenti lo siamo con loro. Mi auguro solo che ci sia un fremito d'amore in mezzo a tanta disperazione. Ti abbraccio forte, Dani e grazie per quello che scrivi, ci aiuta a sentirci ancora più vicini a quelle persone che hanno perso tutto, tutto quel poco che avevano.


Il giorno 29/12/2004, Daniele ha scritto...
Ci sono momenti in cui il silenzio è una necessità più che un dovere. Momenti in cui non si può chiudere il mondo dietro la porta di casa, lui là fuori, noi qui dentro a festeggiare. Perché questo non è un Capodanno come gli altri. Il mondo, fuori, ci è entrato in casa senza bussare: è così che fa, quando la gente muore. Il mondo sfonda la porta, ci mette davanti agli occhi le tremende fotografie dei giornali, le strazianti immagini della televisione. Non è possibile restare indifferenti a quel mondo che bussa e muore, magari con una bottiglia di spumante in mano e un petardo nell'altra.

Non si tratta di retorica, né di astratta carità mentale. La necessità del silenzio, come momento di riflessione sulla nostra storia e sul nostro destino di uomini - che in un attimo può trasformarsi nel destino di tutti e viceversa (il destino è capriccioso e non si cura dell'indifferenza) - riguarda chiunque abbia occhi e cuore.

E allora pensiamo che stavolta sia giusto non fare rumore, non festeggiare il nuovo anno con i botti e i fuochi: sarebbe come urlare in presenza di chi soffre.
Il giorno 31/12/2004, Marco ha scritto...
Ciao Daniele, non credere che ci si sia dimenticati di te, soprettuatto ora...
Bhe, un breve messaggio per augurarti un felice 2005 da parte mia e di tutti i tuoi ex-colleghi.

Lascia un tuo commento

Campi
Bottoni

Informazioni

inserito il 25/12/2004
visualizzato: 1721 volte
commentato: 6 volte
totale racconti: 554
totale visualizzazioni: 905575

Cerca nel diario

Cerca tra i racconti di viaggio pubblicati nel diario di bordo:

Ultime destinazioni

Racconti più recenti

Racconti più letti

Racconti più commentati

Ultimi commenti

Tag del diario di bordo

Aguas Calientes Amalfi Amazzonia Ambato Andahuaylillas Angra dos Reis Arequipa Assisi Asunción Baia Mare Balau Lac Bassin Bleu Bassin Zim Bellagio Bishkek Bocas del Toro Bogotà Bologna Bonito Boquete Buenos Aires Buzios Bwindi Cajamarca Camaguey Campeche Campulung Cancun Cannes canyon del Colca Cap-Haïtien Cartagena Cayo Las Brujas Cernobbio Chaa Creek Chapada Diamantina Chiapa de Corzo Chiavari Chichen Itzà Chichicastenango Chiloe Chivay Cienfuegos Città del Guatemala Città del Messico Cluj Napoca Copacabana Copán Copán Ruinas Costa Azzurra Costiera Amalfitana Cuenca Curitiba Cusco Dubai Dukla Dunhuang Dushanbe El Calafate El Chaltén El Tajin Entebbe ExPlus Fan Mountains fiume Pacuare fiume Tambopata Florianopolis Foz do Iguaçu GCC Granada Grand Circle Guayaquil Huamachuco Humenne Igoumenitsa Iguaçu Iguazu Ilha Grande Ingapirca Interlaken Isla Colon Isla del Sol Isla Mujeres Istanbul Jacmel Jaiyuguan JLA Joya de Ceren Kampala Kashgar Khodjent Kibale Koch Kor Kokand Kumkoy La Antigua Guatemala La Havana La Paz lago di Como lago Maggiore lago Nicaragua lago Song-Kol lago Titicaca lago Yojoa lake Mburo Leon Lima Livingston Livorno Londra Lublin Lucca Macerata Machu Picchu Madaba Madrid Managua Manaus Mar Nero Margilon Mérida Mesilla Momostenango Monaco Monte Alban Murchison Falls Mutianyu Nice Nyjrbator Oaxaca Ometepe Omoa Osh Otavalo Pacaya Palenque Panajachel Panamà Papantla Paratì Patagonia Pechino Pelourinho Península Valdés Petra Pisac Port Au Prince Portoferraio Potosì Poza Rica Pucon Puebla Puerto Madryn Puerto Maldonado Puerto Natales Puerto Piramides Puerto Varas Puno Punta Arenas Quetzaltenango Quito Rang Raqchi Ravello Recanati Rio de Janeiro Rio Dulce Riobamba Roma Ruse salar Salvador da Bahia Samarcanda San Agustin San Blas San Cristobal de las Casas San Francisco El Alto San Ignacio San José San Juan San Marcos La Laguna San Pedro San Pedro de Atacama San Pedro La Laguna Santa Barbara Santa Caterina Santa Clara Santa Elena de Monteverde Santa Margherita Ligure Santiago Santiago Atitlan Santiaguito Sarospatak Sary Tash Seno Otway Shobak Sighisoara Sillustani Siloli Sololà Sorrento Stresa Sucre Sud America Sumidero Tambo Machay Targu Mures Tash Rabat Taulabé Tegucigalpa Tiahuanaco Tierra del Fuego Tikal torre di Burana Torres del Paine Transfagarasan Trinidad Trujillo Tucan Travel Turpan Urbino Urumqi Ushuaia Uxmal Uyuni Vaduz Vagabondo Valdivia Valle de Elqui Valle di Fergana Valparaiso Veliko Tarnovo Venezia Viejo Palmar Vila do Abraão Viña del Mar Viñales Vize Wild Frontiers Xian Yambol Zamosc Ziwa Rhino Sanctuary