Sei qui: i miei viaggi » Summer States 2019 » Stati Uniti d’America » Ponti e isole che compaiono dalla nebbia

Ponti e isole che compaiono dalla nebbia

immagine

"And if you're going to San Francisco
Be sure to wear some flowers in your hair
If you're going to San Francisco
You're gonna meet some gentle people there

For those who come to San Francisco
Summertime will be a love-in there
In the streets of San Francisco
Gentle people with flowers in their hair"

Sfatiamo i falsi miti: durante i tre giorni passati a San Francisco, prima tappa del nostro tour di parte degli Stati Uniti (principalmente, parchi nazionali e foreste e supervulcani), non abbiamo visto una sola persona con i fiori tra i capelli. Persone strane molte, anche con cose bizzarre in testa, ma di fiori neanche l'ombra. 

E l'estate, poi, è bizzarra anch'essa, anche se piacevole (specie se si arriva da una calda Italia): la nebbia avvolge tutto, facendo scomparire e ricomparire di continuo le grandi icone di questa città che conosciamo tutti per averla attraversata in macchina con Karl Malden e Michael Douglas ne "Le strade di San Francisco". Ce l'avevano preannunciata, la nebbia a luglio, ma un conto è sentirtelo dire ed un conto è trovarsi qui e faticare a vedere il famosissimo ponte rosso che cavalca lo stretto del Golden Gate, con i tiranti della lunghissima campata che sembrano comparire dal nulla, o la celeberrima isola-prigione di Alcatraz, che è lì da qualche parte nella baia ma non sai bene dove.

L'ostello dove soggiorniamo è vicino alla Union Square e a Chinatown, quindi cominciamo da queste la nostra esplorazione, fatta quasi tutta a piedi con un paio di autobus presi per gli spostamenti più lunghi; autobus, sì, di quelli normali, ché il magico tram su rotaia ormai corre solo per i turisti, che fanno la coda per salirci e pagare 7 dollari per una corsa che a piedi la fai in meno di mezz'ora. Intorno a noi, i moltissimi senza-tetto sono il segno più tangibile che la divisione tra ricchi e poveri si sta accentuando sempre più, qui nella patria delle grandi occasioni: vivono per la strada a decine, i più fortunati dentro una tenda appoggiata ad un lampione, gli altri su un pezzo di cartone o avvolti in una coperta nell'androne di un palazzo; e sono talmente tanti che i negozi ormai si attrezzano con cartelli che li invitano a restare fuori, pena un possibile intervento delle forze dell'ordine. La gente passa senza curarsene, e loro pure sembrano fare la loro vita sociale senza curarsi della città che li contiene.

Fanno da contrasto le case pulite e colorate, tutte rigorosamente rivestite di legno e alte al massimo due-tre piani, ché c'è solo un'area dove le torri ed i grattacieli svettano; i bus vi portano frotte di turisti mordi e fuggi, di quelli che scendono per uno o due scatti (e, magari, un selfie) e poi se ne vanno perché devono vedere tutto subito. Noi maciniamo invece chilometri, saliamo per la zigzagante Lombard Street o cerchiamo gli angoli migliori per una vista di Alcatraz, prendiamo pure a nolo delle biciclette e costeggiamo la baia vedendo gabbiani e delfini fino ad arrivare al ponte, che percorriamo in entrambi i sensi in quella che è una vera e propria bolgia di pedoni e ciclisti. 

Mangiamo hamburger e mangiamo cibo cinese e mangiamo cibo fritto e patatine in uno di quei "diner" che sempre abbiamo visto nelle serie televisive; e ci meravigliamo per le non rare bellezze architettoniche di una città che è forse della misura giusta per chi sta conoscendo per la prima volta questo Paese.

Città di mare, San Francisco. E i moli sono vivi, anche se trasformati in qualcosa di turistico che poco ha a che fare con quello che vi accadeva una volta: al molo 39, chiamato anche "Fisherman's Wharf", è quasi impossibile camminare, da tanti turisti che ci sono, attirati dalle otarie mollemente addormentate su delle piattaforme galleggianti e dalla miriade di negozietti che vendono tutto ed il contrario di tutto.

Ed è da uno di questi moli che salpiamo a bordo di un traghettino per raggiungere "The Rock", uno dei penitenziari più famosi al mondo: Alcatraz. La visita è ben organizzata, non pacchiana, e l'audioguida permette di conoscere bene la storia della prigione e di coloro che vi erano confinati, compreso il sempre presente Al Capone; ma le folle sono enormi, e ti vien voglia di sgattaiolare dietro l'angolo non tanto per tentare di intrufolarti dove non ti è permesso ma di ritornare padrone del tuo spazio vitale.

La sirena del ponte lancia il suo triste ma potente richiamo nella nebbia, avvisando le imbarcazioni che stanno entrare nella baia di una delle città più importanti degli Stati Uniti; noi ci apprestiamo a lasciarla, San Francisco, per avventurarci nella Natura (più o meno) selvaggia che ci attende.

Nota bene:

L'ostello è l'Amsterdam; dati i prezzi esosi di San Francisco, è forse la migliore soluzione per rapporto qualità/prezzo, almeno in centro.

Lascia un tuo commento

Campi
Bottoni

Informazioni

inserito il 27/07/2019
visualizzato: 81 volte
commentato: 0 volte
totale racconti: 561
totale visualizzazioni: 1001063

Cerca nel diario

Cerca tra i racconti di viaggio pubblicati nel diario di bordo:

Ultime destinazioni

Racconti più recenti

Racconti più letti

Racconti più commentati

Ultimi commenti

Tag del diario di bordo

Aguas Calientes Ajanta Amalfi Amazzonia Ambato Andahuaylillas Angra dos Reis Arequipa Assisi Asunción Aurangabad Baia Mare Balau Lac Bassin Bleu Bassin Zim Bellagio Bishkek Bocas del Toro Bogotà Bologna Bonito Boquete Buenos Aires Buzios Bwindi Cajamarca Camaguey Campeche Campulung Cancun Cannes canyon del Colca Cap-Haïtien Cartagena Cayo Las Brujas Cernobbio Chaa Creek Chapada Diamantina Chiapa de Corzo Chiavari Chichen Itzà Chichicastenango Chiloe Chivay Cienfuegos Città del Guatemala Città del Messico Cluj Napoca Copacabana Copán Copán Ruinas Costa Azzurra Costiera Amalfitana Cuenca Curitiba Cusco Dubai Dukla Dunhuang Dushanbe El Calafate El Chaltén El Tajin Ellora Entebbe ExPlus Fan Mountains fiume Pacuare fiume Tambopata Florianopolis Foz do Iguaçu GCC Goa Granada Grand Circle Guayaquil Hampi Huamachuco Humenne Igoumenitsa Iguaçu Iguazu Ilha Grande India Ingapirca Interlaken Isla Colon Isla del Sol Isla Mujeres Istanbul Jacmel Jaiyuguan JLA Joya de Ceren Kampala Kashgar Khodjent Kibale Koch Kor Kokand Kumkoy La Antigua Guatemala La Havana La Paz lago di Como lago Maggiore lago Nicaragua lago Song-Kol lago Titicaca lago Yojoa lake Mburo Leon Lima Livingston Livorno Londra Lublin Lucca Macerata Machu Picchu Madaba Madrid Madurai Majorda Managua Manaus Mar Nero Margilon Mérida Mesilla Milano Momostenango Monaco Monte Alban Mumbai Murchison Falls Mutianyu Mysore Nashik Road Nice Nyjrbator Oaxaca Old Goa Ometepe Omoa Osh Otavalo Pacaya Palenque Panajachel Panamà Papantla Paratì Patagonia Pechino Pelourinho Península Valdés Petra Pisac Port Au Prince Portoferraio Potosì Poza Rica Pucon Puebla Puerto Madryn Puerto Maldonado Puerto Natales Puerto Piramides Puerto Varas Puno Punta Arenas Quetzaltenango Quito Rang Raqchi Ravello Recanati Rio de Janeiro Rio Dulce Riobamba Roma Ruse salar Salvador da Bahia Samarcanda San Agustin San Blas San Cristobal de las Casas San Francisco San Francisco El Alto San Ignacio San José San Juan San Marcos La Laguna San Pedro San Pedro de Atacama San Pedro La Laguna Santa Barbara Santa Caterina Santa Clara Santa Elena de Monteverde Santa Margherita Ligure Santiago Santiago Atitlan Santiaguito Sarospatak Sary Tash Seno Otway Shobak Sighisoara Sillustani Siloli Sololà Sorrento Stresa Sucre Sud America Sumidero Tambo Machay Targu Mures Tash Rabat Taulabé Tegucigalpa Tiahuanaco Tierra del Fuego Tikal torre di Burana Torres del Paine Transfagarasan Trinidad Trujillo Tucan Travel Turpan Urbino Urumqi USA Ushuaia Uxmal Uyuni Vaduz Vagabondo Valdivia Valle de Elqui Valle di Fergana Valparaiso Veliko Tarnovo Venezia Viejo Palmar Vila do Abraão Viña del Mar Viñales Vize Wild Frontiers Xian Yambol Zamosc Ziwa Rhino Sanctuary