L'Ipocentro del mondo

immagineIl 9 agosto qui non se lo scorderanno mai. Gli americani, decisi a chiudere in fretta la guerra, e dovendo giustificare i milioni di dollari spesi per il progetto Manhattan, lanciarono una seconda bomba atomica su questa città (che, sfiga delle sfighe, non era neppure il bersaglio primario; ma sull'altro era nuvoloso, quindi optarono per la riserva). E la bomba, le cui cicatrici fisiche sono state quasi completamente rimosse (o nascoste), ha lasciato un segno nello spirito e nella psiche della gente del posto.
Comincio la mia visita (Sergio diceva ieri che non è il suo modo di visitare, che non ha bisogno di venire qui per sapere cosa è successo; è vero, anche io forse, ma non potrei capire molto bene restamendone seduto a leggere un libro o a guardare qualche foto) dal Museo della Bomba A: una spirale discendente (i gironi dell'Inferno?) accompagna il visitatore a vedere gli orrori del durante e del dopo, con le ombre degli uomini rimaste sulle pareti delle case e gli oggetti fusi da un calore indicibile, le vite spezzate e quelle incrinate, finché le testimonianze di speranza e di fraternità non riportano lentamente alla luce del giorno.
Vado poi a vedere il museo dedicato ad un dottore, che perse la moglie durante lo scoppio e che, pur distrutto dal dolore e malato di leucemia, impiegò tutti i suoi sforzi per aiutare la gente e per far rinascere la città, cercando di dare un pò di speranza a chi aveva perso anche quella; è fantastico, davvero, perché nello spazio di poche decine di metri quadri si scopre che Nagasaki non è solo cifre spaventose, ma singole vite sbattute dall'energia devastante della bomba.
Il Parco della Pace, nato sulle macerie di una precedente prigione; l'Ipocentro, il punto del suolo immediatamente sotto al luogo della deflagarazione; il Torii con una gamba sola, essendo stata l'altra spazzata via. E poi ancora il monumento ai famosi 26 martiri cattolici, uccisi qui durante il periodo oscurantista (o non-cattolicista, per essere precisi); ed i tanti templi, con influssi cinese e coreani, e i cimiteri che si arrampicano sulle pendici della vallata; ed il Ponte degli Occhiali, detto così a causa del suo riflesso nell'acqua di un fiume tanto pulito che le carpe ed i pesioni rossi vi guizzano felici.
Tornando verso la stazione, ascolto (e registro... questa cosa dei filmini sulla macchina digitale mi prende proprio!) alcuni gruppetti di giovani musicisti all'opera, e trovo un negozio favoloso dove migliaia di fumetti e personaggini di plastica fanno rivivere i migliori anni della mia infanzia :-)
Incontro Yamada-san, questa volta con signora, che mi porta in un ristorante di livello leggerissimamente più alto di quello di ieri (non per la qualità del cibo, sia ben chiaro, ma per il fatto che qui la cravatta sarebbe apprezzata...); discorriamo con qualche difficoltà - lui dev'essere assai stanco e l'inglese non fluisce molto bene -, ma passiamo un buon tempo assieme; mi portano poi a casa loro, per una tazza di tè verde e qualche foto di rito, e poi io e lui raggiungiamo il paesino di Utsutugawa ed il suo "ufficio".

Lascia un tuo commento

Campi
Bottoni

Informazioni

inserito il 03/04/2004
visualizzato: 1707 volte
commentato: 0 volte
totale racconti: 554
totale visualizzazioni: 889618

Cerca nel diario

Cerca tra i racconti di viaggio pubblicati nel diario di bordo:

Ultime destinazioni

Racconti più recenti

Racconti più letti

Racconti più commentati

Ultimi commenti

Tag del diario di bordo

Aguas Calientes Amalfi Amazzonia Ambato Andahuaylillas Angra dos Reis Arequipa Assisi Asunción Baia Mare Balau Lac Bassin Bleu Bassin Zim Bellagio Bishkek Bocas del Toro Bogotà Bologna Bonito Boquete Buenos Aires Buzios Bwindi Cajamarca Camaguey Campeche Campulung Cancun Cannes canyon del Colca Cap-Haïtien Cartagena Cayo Las Brujas Cernobbio Chaa Creek Chapada Diamantina Chiapa de Corzo Chiavari Chichen Itzà Chichicastenango Chiloe Chivay Cienfuegos Città del Guatemala Città del Messico Cluj Napoca Copacabana Copán Copán Ruinas Costa Azzurra Costiera Amalfitana Cuenca Curitiba Cusco Dubai Dukla Dunhuang Dushanbe El Calafate El Chaltén El Tajin Entebbe ExPlus Fan Mountains fiume Pacuare fiume Tambopata Florianopolis Foz do Iguaçu GCC Granada Grand Circle Guayaquil Huamachuco Humenne Igoumenitsa Iguaçu Iguazu Ilha Grande Ingapirca Interlaken Isla Colon Isla del Sol Isla Mujeres Istanbul Jacmel Jaiyuguan JLA Joya de Ceren Kampala Kashgar Khodjent Kibale Koch Kor Kokand Kumkoy La Antigua Guatemala La Havana La Paz lago di Como lago Maggiore lago Nicaragua lago Song-Kol lago Titicaca lago Yojoa lake Mburo Leon Lima Livingston Livorno Londra Lublin Lucca Macerata Machu Picchu Madaba Madrid Managua Manaus Mar Nero Margilon Mérida Mesilla Momostenango Monaco Monte Alban Murchison Falls Mutianyu Nice Nyjrbator Oaxaca Ometepe Omoa Osh Otavalo Pacaya Palenque Panajachel Panamà Papantla Paratì Patagonia Pechino Pelourinho Península Valdés Petra Pisac Port Au Prince Portoferraio Potosì Poza Rica Pucon Puebla Puerto Madryn Puerto Maldonado Puerto Natales Puerto Piramides Puerto Varas Puno Punta Arenas Quetzaltenango Quito Rang Raqchi Ravello Recanati Rio de Janeiro Rio Dulce Riobamba Roma Ruse salar Salvador da Bahia Samarcanda San Agustin San Blas San Cristobal de las Casas San Francisco El Alto San Ignacio San José San Juan San Marcos La Laguna San Pedro San Pedro de Atacama San Pedro La Laguna Santa Barbara Santa Caterina Santa Clara Santa Elena de Monteverde Santa Margherita Ligure Santiago Santiago Atitlan Santiaguito Sarospatak Sary Tash Seno Otway Shobak Sighisoara Sillustani Siloli Sololà Sorrento Stresa Sucre Sud America Sumidero Tambo Machay Targu Mures Tash Rabat Taulabé Tegucigalpa Tiahuanaco Tierra del Fuego Tikal torre di Burana Torres del Paine Transfagarasan Trinidad Trujillo Tucan Travel Turpan Urbino Urumqi Ushuaia Uxmal Uyuni Vaduz Vagabondo Valdivia Valle de Elqui Valle di Fergana Valparaiso Veliko Tarnovo Venezia Viejo Palmar Vila do Abraão Viña del Mar Viñales Vize Wild Frontiers Xian Yambol Zamosc Ziwa Rhino Sanctuary