Sei qui: i miei viaggi » Al lavoro in America Latina » Perù » Una scusa per uscire

Una scusa per uscire

immagine

Il tour Jacana è finito da qualche giorno, con una percentuale di perdite pari a 0 (viste le premesse, con malattie varie che hanno assalito tutti i partecipanti, direi che è un ottimo risultato) e un alto tasso di gradimento; le due cose, ovviamente, mi fanno piacere. Non è stato facile, anzi in vari momenti è stata dura, quindi la soddisfazione è ancora maggiore. Come la stanchezza. Non per niente, me ne sono stato silente per alcuni giorni, mentre recuperavo le forze a Lima, ospite di un caro amico italiano, Daniele detto "santamaria" per distinguerlo dal sottoscritto, che un paio di anni fa si è innamorato di una ragazza peruviana (conosciuta, lo so che non ci crederete, via Facebook), ha mollato tutto per venirsene qui a stare con lei e se l’è pure sposata; ora aspettano un bimbo, che nascerà tra alcune settimane, e nel frattempo mi danno rifugio.

Non che disturbi molto, sia chiaro: loro lavorano quasi tutto il giorno, ed io me ne sono rimasto in casa loro per ore a compilare i rapporti di fine tour e, soprattutto, ad organizzare i prossimi due, che mi vedranno prima in Ecuador e poi in Cile ed Argentina. E dormire un po’, anche se i rumori del condominio ma, soprattutto, la forte luce del mattino, che entra dalla finestra senza scuri nonostante il mio bieco tentativo di usare il mio asciugamanone come tenda, non mi fanno tirare molto tardi... è che la voglia di uscire non è molta, qui è estate ma l’uggiosità che arriva dal vicino Oceano Pacifico non è che inviti proprio alle scampagnate (anche se questa domenica mi sono aggregato ad un gruppo di CouchSurfing - siano lodi all’organizzatore Alessandro - per una passeggiata lungo le spiagge, culminata nell’attesa del tramonto su dei bei terrazzamenti nel quartiere di Barranco e, poi, una cena a base di specialità locali all’interno di un parcheggio, dove ogni giorno festivo una serie di cucinieri predispongono i loro banchetti e vendono cose deliziose a prezzi popolari.

Ho bisogno di trovare delle scuse per uscire, insomma, ché se no restare in casa di Daniele e Vanessa a digitare sulla tastiera e a fare la guardia al loro scontroso pappagallino non risulta essere una cosa così malvagia... un giorno ho quindi deciso di far fare il bucato (invece di usufruire dell’enorme lavatrice dei miei amici, che era vuota e con le mie poche cose si buttava via tanta acqua per niente), un altro sono andato a fare delle stampe che mi servivano per il lavoro, oggi sono andato alla vana ricerca di un paio di scarpe da ginnastica della mia misura (come detto, vanamente: in un paese in cui l’altezza media è "basso", e dove devo viaggiare nei piccoli pulmini con la schiena più reclinata di quella di Andreotti, la misura massima per le calzature da maschio adulto è 43); una sera li ho invitati al ristorante e abbiamo provato le "causa" (piatti a base di pasticcio di patate, con ingredienti vari che vanno dal tutto-misto-mare agli asparagi), chiamate così perchè venivano preparate e mangiate durante la guerra di indipendenza a "causa" della guerra stessa (mi ricorda un po’ la storia degli spaghetti alla carbonara, o almeno la storia che racconto io), un’altra siamo andati a mangiare la pizza (niente male, anche se estremamente secca) e un’altra ancora al cinema, a vedere "Vita di Pi" di Ang Lee, che devo dire è riuscito a ricreare molto bene lo spirito del libro, che avevo letto anni fa proprio mentre viaggiavo in questi paesi.

E, come per il libro, il mio essere qui ora è come ritornare indietro nel tempo, e quindi cerco di vedere posi che non conosciuto in passato, ma non è facile, perché 1) il Perù l’avevo girato in lungo e in largo, e 2) molti dei posti in cui vorrei andare sono al momento esposti a piogge di una certa intensità (niente di strano: è la stagione giusta, per le piogge). Ho scelto quindi Cajamarca, dove più di 500 anni fa Pizarro riuscì a catturare, con un abile colpo di mano, Atahualpa, ultimo Inca, ponendo fine ad una civiltà che nel giro di un secolo si era espansa in modo quasi inverosimile lungo la spina dorsale del continente; da lì, poi, deciderò, giacché ho una decina di giorni prima di dover tornare qui per il "babyshower" (diosolosacos’è - e qui già mi immagino i commenti delle signore lettrici -, ma mi hanno invitato e non posso mica mancare) del piccolo Nicolas, e ancora tanti luoghi da scoprire...

Nota bene:

Ho pubblicato due nuovi filmati nel mio canale: si tratta di una cosina ispirata al film Lo Hobbit, http://www.youtube.com/watch?v=c9TDhEMFR9Y, e della testimonianza del tentativo di una delle mie passeggere, Nicola Broke, di imparare a suonare l'arpa peruviana: http://www.youtube.com/watch?v=sHuWRsQZSgQ

Lascia un tuo commento

Campi
Bottoni

Informazioni

inserito il 15/01/2013
visualizzato: 1737 volte
commentato: 0 volte
totale racconti: 554
totale visualizzazioni: 948447

Cerca nel diario

Cerca tra i racconti di viaggio pubblicati nel diario di bordo:

Ultime destinazioni

Racconti più recenti

Racconti più letti

Racconti più commentati

Ultimi commenti

Tag del diario di bordo

Aguas Calientes Amalfi Amazzonia Ambato Andahuaylillas Angra dos Reis Arequipa Assisi Asunción Baia Mare Balau Lac Bassin Bleu Bassin Zim Bellagio Bishkek Bocas del Toro Bogotà Bologna Bonito Boquete Buenos Aires Buzios Bwindi Cajamarca Camaguey Campeche Campulung Cancun Cannes canyon del Colca Cap-Haïtien Cartagena Cayo Las Brujas Cernobbio Chaa Creek Chapada Diamantina Chiapa de Corzo Chiavari Chichen Itzà Chichicastenango Chiloe Chivay Cienfuegos Città del Guatemala Città del Messico Cluj Napoca Copacabana Copán Copán Ruinas Costa Azzurra Costiera Amalfitana Cuenca Curitiba Cusco Dubai Dukla Dunhuang Dushanbe El Calafate El Chaltén El Tajin Entebbe ExPlus Fan Mountains fiume Pacuare fiume Tambopata Florianopolis Foz do Iguaçu GCC Granada Grand Circle Guayaquil Huamachuco Humenne Igoumenitsa Iguaçu Iguazu Ilha Grande Ingapirca Interlaken Isla Colon Isla del Sol Isla Mujeres Istanbul Jacmel Jaiyuguan JLA Joya de Ceren Kampala Kashgar Khodjent Kibale Koch Kor Kokand Kumkoy La Antigua Guatemala La Havana La Paz lago di Como lago Maggiore lago Nicaragua lago Song-Kol lago Titicaca lago Yojoa lake Mburo Leon Lima Livingston Livorno Londra Lublin Lucca Macerata Machu Picchu Madaba Madrid Managua Manaus Mar Nero Margilon Mérida Mesilla Momostenango Monaco Monte Alban Murchison Falls Mutianyu Nice Nyjrbator Oaxaca Ometepe Omoa Osh Otavalo Pacaya Palenque Panajachel Panamà Papantla Paratì Patagonia Pechino Pelourinho Península Valdés Petra Pisac Port Au Prince Portoferraio Potosì Poza Rica Pucon Puebla Puerto Madryn Puerto Maldonado Puerto Natales Puerto Piramides Puerto Varas Puno Punta Arenas Quetzaltenango Quito Rang Raqchi Ravello Recanati Rio de Janeiro Rio Dulce Riobamba Roma Ruse salar Salvador da Bahia Samarcanda San Agustin San Blas San Cristobal de las Casas San Francisco El Alto San Ignacio San José San Juan San Marcos La Laguna San Pedro San Pedro de Atacama San Pedro La Laguna Santa Barbara Santa Caterina Santa Clara Santa Elena de Monteverde Santa Margherita Ligure Santiago Santiago Atitlan Santiaguito Sarospatak Sary Tash Seno Otway Shobak Sighisoara Sillustani Siloli Sololà Sorrento Stresa Sucre Sud America Sumidero Tambo Machay Targu Mures Tash Rabat Taulabé Tegucigalpa Tiahuanaco Tierra del Fuego Tikal torre di Burana Torres del Paine Transfagarasan Trinidad Trujillo Tucan Travel Turpan Urbino Urumqi Ushuaia Uxmal Uyuni Vaduz Vagabondo Valdivia Valle de Elqui Valle di Fergana Valparaiso Veliko Tarnovo Venezia Viejo Palmar Vila do Abraão Viña del Mar Viñales Vize Wild Frontiers Xian Yambol Zamosc Ziwa Rhino Sanctuary