Sei qui: i miei viaggi » Al lavoro in America Latina (5° anno) » Cuba » Verso occidente, più veloce di Fidel

Verso occidente, più veloce di Fidel

immagine

Sconfitto il tiranno, Fidel ed i suoi si teletrasportarono a Santiago, da cui iniziarono una corsa in jeep militari alla volta della Havana (lo stesso itinerario seguito, in senso opposto, dalla camionetta che portava l'urna con le ceneri del Lider Maximo, mentre folle enormi ne attendevano il passaggio per rendergli l'ultimo omaggio). Io, nella mia modesta modestia, ho seguito parte dello stesso percorso ma, non volendo rischiare di perdere l'autobus, il cui biglietto avevo già acquistato, da La Havana fino a Viñales, ho spronato il mio autista affinché andasse ben più veloce dei rivoluzionari di allora... e lui ce l'ha fatta.

Salto indietro: dopo aver visitato Santa Clara, ho deciso di seguire il consiglio di mia nipote Anna e mi sono regalato (quasi) due giorni di ozio su uno dei cayos que affollano la costa settentrionale dell'isola. Ho trovato un'offerta dell'ultimo minuto per Cayo Las Brujas (= Le Streghe), 38 CUC con colazione, e visto che il tutto compreso a 60 o 80 CUC degli altri resort mi lasciava indifferente giacché i drink non li bevo e, se sono in spiaggia, normalmente salto il pranzo, ho preso al volo l'occasione e, con due ore e mezza di autobus, ci sono arrivato. Semivuoto, ché l'alta stagione non era ancora iniziata, e con delle abitazioni fantastiche vista mare, non potevo chiedere di meglio: mattina e primo pomeriggio in spiaggia, poi quando il sole spariva dietro le palme e il vento cominciava a farsi importante me ne andavo a camminare oppure mi rifugiavo in camera a studiare e guardare film (finalmente, sono riuscito a vedere C'era Una Volta Il West di Sergio Leone - sicuramente non il suo migliore, per molte ragioni, compresa la incoerente colonna sonora del tanto celebrato Ennio Morricone), fino all'ora di cena. Il cielo ben stellato dava di che ammirarlo, e poi il letto gigante e molto comodo prendeva il sopravvento e... insomma, devo aver recuperato anche un bel po' di sonno arretrato.

Finita la pacchia, torno a Santa Clara, ché di collegamenti diretti con l'occidente cubano non ve n'è (ed ecco spiegato il motivo per cui molti preferiscono passare prima da là e poi visitare il resto dell'isola), dove passo un'altra notte, con il mio nome nella lista d'attesa per il bus delle 4:30 (che ho deciso di ignorare, ovviamente) e un taxi condiviso prenotato per le 7.

Alle 7, il taxi arriva. Ma degli altri passeggeri non c'è neppure l'ombra, fiuto la fregatura e, quando l'autista si ferma nei pressi della stazione degli autobus mentre il suo lacché cerca altri clienti, gli dico che o partiamo entro le 7:30 o scendo e mi cerco un'alternativa. Così mi tocca fare, e di alternative ce ne sarebbero davvero poche, ché il prossimo bus è dopo le 11 e i taxi son tutti per Varadero... finché, magicamente, se ne materializza uno, con una coppia di vecchietti ed un giovane già a bordo; manco solo io, e non me lo faccio chiedere due volte.

L'autista, come detto, macina chilometri (265 in tutto) a gran velocità (110 km/h di media), io gli faccio da cronometrista e son ben contento che sappia il fatto suo; la vecchina alla mia sinistra un po' meno, ché l'aria che entra dal finestrino le fa un po' freddo sul collo e deve coprirsi con una giacca ("signora mia, ma lo sa che in Italia in questo momento ci sono 3 gradi sotto zero? E lei qui mi si copre con una giacca?" penso, ma non emetto suono). Una sosta bagno a metà strada, e poi ancora via, su questa vecchia automobile che però sa il fatto suo, e mi viene davvero da pensare a Fidel e Raul e Ernesto e Camilo su quelle jeep verdastre che, sicuramente, non erano più comode.

Arriviamo alla stazione dei bus giusto 15 minuti prima della partenza del mio, ringrazio l'autista (pagandolo i 20 CUC richiesti, 2 in più di quel che sarebbe costato l'autobus), faccio il check in e mi imbarco, per altre 4 ore di viaggio.

L'occidente cubano è caratterizzato da interessanti formazioni carsiche, enormi piantagioni di tabacco, strade che vanno su e giù che sembra il Chianti toscano e una temperatura differente da quanto sperimentato fino ad ora: caldo ma non afoso, anzi ventilato. Io, avendo solo due giorni, ho scelto di fermarmi a Viñales, ridente cittadina immersa tra campi di tabacco e di caffé, e dedita da alcuni anni ad accogliere quantitativi enormi di turisti. Mi dicono che ci sono almeno 400 case che offrono alloggio, qui, oltre a tutta una serie di escursioni, di cui quelle a cavallo sembrano andare per la maggiore.

Il primo pomeriggio lo passo a perlustrare, fare qualche acquisto (acqua, perlopiù) e poi mi avventuro su una strada in salita verso il punto panoramico di Los Jazmines, dove mi godo un bel tramonto sulle vallate circostanti che fanno tanto Jurassic Park (manca solo il dinosauro che alza la testa per muggire / bramire / qualunque verso facessero i dinosauri). La cena me la godo al Don Tomas, delizioso ristorante all'interno di una casa di fine novecento perfettamente ristrutturata, con un buon complessino di musica dal vivo, un servizio puntuale e cortese, ed un pollo grigliato che sembra una coscia di pterodattilo - probabilmente amico del detto dinosauro. Poi il consueto appuntamento con internet nel parco (perché il wifi lo piazzano solo lì è un mistero), ascoltando la musica che viene da altri ristoranti, e termino portandomi la sedia a dondolo sul tetto della casa dove alloggio per godermi un po' di costellazioni.

Il mattino ha l'oro in bocca, dicono quelli con i denti falsi, così m'alzo prestino e vado alla ricerca di un qualche tour a cavallo; lo trovo, pago, faccio colazione ad una delle tante finestrelle che vendono panini e caffé, poi assieme alla guida Bolo (sic!) raggiungo il resto del gruppo (4 coppie di varia età e nazionalità, c'è pure il sosia giovane di Robert Redford) e i nostri cavalli. Non siamo gli unici a seguire gli stessi percorsi, ovviamente, ma la distanza tra i vari gruppetti e la tranquillità che si respira, unite alla praticità di cavalli che vanno con il pilota automatico, ci fanno davvero godere della natura della vallata. Visitiamo un coltivatore di tabacco, che ci spiega un po' di come lo producono e poi ci mostra come si fanno i sigari, spiegandoci che il segreto è una goccia di miele per sigillare la parte che si mette in bocca; poi una caverna dove, al lieve chiarore di lampade a led prestateci all'ingresso, possiamo vedere stalattiti e stalagmiti (purtroppo, in alcuni casi rotte) e alcuni persino nuotano in un laghetto sotterraneo; infine, una piantagione di caffé, dove ci spiegano come si arriva dalla piantina alla polvere. In totale 4 ore e mezza, che passano lievi, almeno finché non andrò a farmi una doccia escoprendo una vescicazza sul posteriore, non particolarmente comoda; per fortuna sparisce dopo un po', o quanto meno sparisce il dolore.

Pranzo con una coppia di americani, David e Emelia (sì, con E), anche loro partecipanti al tour ippico, e parliamo del più e del meno lasciando passare il tempo; loro poi vanno al punto panoramico dove io sono stato ieri, e io torno alla casa particular per lavorare un po' al computer (sempre a scrivere e-mail che, poi, invio tutte in blocco una volta che mi connetto ad internet); li ritrovo da Don Tomas, dove ho deciso di cenare una seconda volta, e via con un'altra chiacchierata.

Al mattino, un altro bus per ritornare a La Havana, ultime ore in città a gironzolare prima di lasciare l'isola e partire alla volta di Haiti, con breve sosta a Panama (e se guardate sulla carta geografica dove sono Cuba ed Haiti, anche voi vi domanderete perché...); domani sera sarò in un altro, nuovo, Paese.

Nota bene:

Casa particular: El Viñalero, av. Viñales 12, tel. 48695984, proprietari Deagnis e Dundo Rafael Trejo

Lascia un tuo commento

Campi
Bottoni

Informazioni

inserito il 22/12/2016
visualizzato: 502 volte
commentato: 0 volte
totale racconti: 554
totale visualizzazioni: 898859

Cerca nel diario

Cerca tra i racconti di viaggio pubblicati nel diario di bordo:

Ultime destinazioni

Racconti più recenti

Racconti più letti

Racconti più commentati

Ultimi commenti

Tag del diario di bordo

Aguas Calientes Amalfi Amazzonia Ambato Andahuaylillas Angra dos Reis Arequipa Assisi Asunción Baia Mare Balau Lac Bassin Bleu Bassin Zim Bellagio Bishkek Bocas del Toro Bogotà Bologna Bonito Boquete Buenos Aires Buzios Bwindi Cajamarca Camaguey Campeche Campulung Cancun Cannes canyon del Colca Cap-Haïtien Cartagena Cayo Las Brujas Cernobbio Chaa Creek Chapada Diamantina Chiapa de Corzo Chiavari Chichen Itzà Chichicastenango Chiloe Chivay Cienfuegos Città del Guatemala Città del Messico Cluj Napoca Copacabana Copán Copán Ruinas Costa Azzurra Costiera Amalfitana Cuenca Curitiba Cusco Dubai Dukla Dunhuang Dushanbe El Calafate El Chaltén El Tajin Entebbe ExPlus Fan Mountains fiume Pacuare fiume Tambopata Florianopolis Foz do Iguaçu GCC Granada Grand Circle Guayaquil Huamachuco Humenne Igoumenitsa Iguaçu Iguazu Ilha Grande Ingapirca Interlaken Isla Colon Isla del Sol Isla Mujeres Istanbul Jacmel Jaiyuguan JLA Joya de Ceren Kampala Kashgar Khodjent Kibale Koch Kor Kokand Kumkoy La Antigua Guatemala La Havana La Paz lago di Como lago Maggiore lago Nicaragua lago Song-Kol lago Titicaca lago Yojoa lake Mburo Leon Lima Livingston Livorno Londra Lublin Lucca Macerata Machu Picchu Madaba Madrid Managua Manaus Mar Nero Margilon Mérida Mesilla Momostenango Monaco Monte Alban Murchison Falls Mutianyu Nice Nyjrbator Oaxaca Ometepe Omoa Osh Otavalo Pacaya Palenque Panajachel Panamà Papantla Paratì Patagonia Pechino Pelourinho Península Valdés Petra Pisac Port Au Prince Portoferraio Potosì Poza Rica Pucon Puebla Puerto Madryn Puerto Maldonado Puerto Natales Puerto Piramides Puerto Varas Puno Punta Arenas Quetzaltenango Quito Rang Raqchi Ravello Recanati Rio de Janeiro Rio Dulce Riobamba Roma Ruse salar Salvador da Bahia Samarcanda San Agustin San Blas San Cristobal de las Casas San Francisco El Alto San Ignacio San José San Juan San Marcos La Laguna San Pedro San Pedro de Atacama San Pedro La Laguna Santa Barbara Santa Caterina Santa Clara Santa Elena de Monteverde Santa Margherita Ligure Santiago Santiago Atitlan Santiaguito Sarospatak Sary Tash Seno Otway Shobak Sighisoara Sillustani Siloli Sololà Sorrento Stresa Sucre Sud America Sumidero Tambo Machay Targu Mures Tash Rabat Taulabé Tegucigalpa Tiahuanaco Tierra del Fuego Tikal torre di Burana Torres del Paine Transfagarasan Trinidad Trujillo Tucan Travel Turpan Urbino Urumqi Ushuaia Uxmal Uyuni Vaduz Vagabondo Valdivia Valle de Elqui Valle di Fergana Valparaiso Veliko Tarnovo Venezia Viejo Palmar Vila do Abraão Viña del Mar Viñales Vize Wild Frontiers Xian Yambol Zamosc Ziwa Rhino Sanctuary