Sei qui: i miei viaggi » Al lavoro in America Latina (stagione 3) » Perù » Il sogno dell'Inca addormentato

Il sogno dell'Inca addormentato

immagine

Fate una foto alla cittadella Inka di Machu Picchu, magari da uno di quei punti ottimali che si incontrano lungo il Cammino Inca che scende dall’Inti Punku, la "porta del sole", e poi ruotatela di 90 gradi in senso antiorario...

Lo vedete anche voi, quel profilo di un Inca addormentato? Il Wayna Picchu gli fa da naso, lungo ed appuntito come sono i nasi di coloro che vivono sulle montagne peruviane; più indietro la testa, mentre davanti si scorgono le labbra e il mento.

Ogni volta che arrivo a Machu Picchu, l’Inca è sempre lì, addormentato, ad attendere le migliaia di visitatori che ogni giorno, a bordo di uno degli autobus guidati da autisti pazzi o arrivandoci con le proprie gambe lungo l’Inka Trail, arrivano a Machu Picchu, restando a bocca aperta. Dorme, e forse sogna.

Sogna della civiltà antica, ormai scomparsa da secoli, che ha trasformato la pietra della montagna in una città spettacolare. Una città in cui le case ed i templi sono rimasti pressoché intatti, grazie alla foresta che l’ha nascosta agli sguardi pieni di cupidigia dei conquistadores spagnoli. Una città di cui gli studiosi ancora oggi non sanno dire a cosa servisse, ognuno con la sua teoria e le prove che la confortano, e le prove che smentiscono le teorie degli altri (se chiedete a me, vi racconterò della mia convinzione che fosse una specie di villaggio vacanze per le autorità dell’impero che non era un impero).

Dibattiti accademici di cui all’Inca addormentato non importa nulla, preso com’è dal contemplare le nuvole che, rapide, gli passano davanti agli occhi, gettando luci ed ombre sulla sua cittadella. Sotto le nuvole, le rondini si lasciano trasportare dalle correnti d’aria, riposandosi di tanto in tanto, per poi gettarsi di nuovo in picchiata per acchiappare al volo qualche insetto.

Volano libere, le rondini; e l’Inca addormentato le aggiunge al suo sogno, assieme alle nuvole. Gli uomini continuano ad aggirarsi sul suo viso, a volte scalandone il naso, a volte semplicemente sedendosi su quella pelle che pare fatta d’erba, per contemplare lo stesso panorama che i primi esploratori giunti dal Qosco apprezzarono così tanto da scegliere questo luogo per costruirvi l’ottava meraviglia dell’umanità.

Intorno, la vita scorre come sempre, come il sacro fiume Urubamba: il villaggio di Aguas Calientes si riempie e si svuota di turisti, come un polmone d’aria; e noi approfittiamo di una interruzione negli acquazzoni che accompagnano l’arrivo della primavera per camminare fino alle cascate di Mandor, lungo la strada ferrata, e poi andare a vedere i colibrì che fluttuano quasi immobili, mentre suggono l’acqua zuccherata dalle mangiatoie appese ai rami degli alberi.

Altri portatori arrivano carichi come muli, mentre chi li ha ingaggiati è ancora lassù, a molestare il sonno dell’Inca. Che non se la prende, e continua a sognare.


Lascia un tuo commento

Campi
Bottoni

Informazioni

inserito il 01/10/2014
visualizzato: 1205 volte
commentato: 0 volte
totale racconti: 554
totale visualizzazioni: 925822

Cerca nel diario

Cerca tra i racconti di viaggio pubblicati nel diario di bordo:

Ultime destinazioni

Racconti più recenti

Racconti più letti

Racconti più commentati

Ultimi commenti

Tag del diario di bordo

Aguas Calientes Amalfi Amazzonia Ambato Andahuaylillas Angra dos Reis Arequipa Assisi Asunción Baia Mare Balau Lac Bassin Bleu Bassin Zim Bellagio Bishkek Bocas del Toro Bogotà Bologna Bonito Boquete Buenos Aires Buzios Bwindi Cajamarca Camaguey Campeche Campulung Cancun Cannes canyon del Colca Cap-Haïtien Cartagena Cayo Las Brujas Cernobbio Chaa Creek Chapada Diamantina Chiapa de Corzo Chiavari Chichen Itzà Chichicastenango Chiloe Chivay Cienfuegos Città del Guatemala Città del Messico Cluj Napoca Copacabana Copán Copán Ruinas Costa Azzurra Costiera Amalfitana Cuenca Curitiba Cusco Dubai Dukla Dunhuang Dushanbe El Calafate El Chaltén El Tajin Entebbe ExPlus Fan Mountains fiume Pacuare fiume Tambopata Florianopolis Foz do Iguaçu GCC Granada Grand Circle Guayaquil Huamachuco Humenne Igoumenitsa Iguaçu Iguazu Ilha Grande Ingapirca Interlaken Isla Colon Isla del Sol Isla Mujeres Istanbul Jacmel Jaiyuguan JLA Joya de Ceren Kampala Kashgar Khodjent Kibale Koch Kor Kokand Kumkoy La Antigua Guatemala La Havana La Paz lago di Como lago Maggiore lago Nicaragua lago Song-Kol lago Titicaca lago Yojoa lake Mburo Leon Lima Livingston Livorno Londra Lublin Lucca Macerata Machu Picchu Madaba Madrid Managua Manaus Mar Nero Margilon Mérida Mesilla Momostenango Monaco Monte Alban Murchison Falls Mutianyu Nice Nyjrbator Oaxaca Ometepe Omoa Osh Otavalo Pacaya Palenque Panajachel Panamà Papantla Paratì Patagonia Pechino Pelourinho Península Valdés Petra Pisac Port Au Prince Portoferraio Potosì Poza Rica Pucon Puebla Puerto Madryn Puerto Maldonado Puerto Natales Puerto Piramides Puerto Varas Puno Punta Arenas Quetzaltenango Quito Rang Raqchi Ravello Recanati Rio de Janeiro Rio Dulce Riobamba Roma Ruse salar Salvador da Bahia Samarcanda San Agustin San Blas San Cristobal de las Casas San Francisco El Alto San Ignacio San José San Juan San Marcos La Laguna San Pedro San Pedro de Atacama San Pedro La Laguna Santa Barbara Santa Caterina Santa Clara Santa Elena de Monteverde Santa Margherita Ligure Santiago Santiago Atitlan Santiaguito Sarospatak Sary Tash Seno Otway Shobak Sighisoara Sillustani Siloli Sololà Sorrento Stresa Sucre Sud America Sumidero Tambo Machay Targu Mures Tash Rabat Taulabé Tegucigalpa Tiahuanaco Tierra del Fuego Tikal torre di Burana Torres del Paine Transfagarasan Trinidad Trujillo Tucan Travel Turpan Urbino Urumqi Ushuaia Uxmal Uyuni Vaduz Vagabondo Valdivia Valle de Elqui Valle di Fergana Valparaiso Veliko Tarnovo Venezia Viejo Palmar Vila do Abraão Viña del Mar Viñales Vize Wild Frontiers Xian Yambol Zamosc Ziwa Rhino Sanctuary