Sei qui: i miei viaggi » OltreIlGiardino: un giro del mondo in 800 giorni » Brasile » Ma quel semaforo in centro a Brasilia...

Ma quel semaforo in centro a Brasilia...

immagineViaggiando, capita anche di scoprire che a scuola ti raccontano tante belle storie ma che non sempre sono esatte (bella forza, direte voi!)...

Io di Brasilia, la capitale del Brasile costruita nello scorso secolo un pò per mettere fine alla diatriba tra São Paulo e Rio de Janeiro ed un pò per rilanciare l'interiore di questo immenso Paese, ricordavo che era stata progettata così perfettamente che erano inutili persino i semafori, sostituiti da eleganti sopra e sottopassaggi di cui i libri riportavano anche spettacolari foto aeree... quando, mentre l'amico esperantista Valter mi accompagnava a casa, dopo essermi venuto a prendere alla stazione dei bus, e ho visto quella cosa con le luci verdi gialle e rosse, mi è caduto un mito.

Triste per questo, mi sono rifugiato nella conversazione con Valter, mentre i viali ben progettati di una città ideata per 50000 persone e che ora ne accoglie circa 2 milioni mi scorrevano ai lati. Le casette curate (quella di Valter e della sua famiglia è un sogno), i giardini curati, le strade il cui asfalto è curato... i quartieri originali sono così, ma quelli nuovi, satelliti, esterni, dove vivono le folle che questa città fanno vivere... beh, quella è un'altra storia.

La visita comincia, il giorno dopo, dalla torre della TV: dall'alto della sua piattaforma panoramica possiamo apprezzare il disegno originale del centro, quel "Plano Piloto" che ricorda ad alcuni un arco con la freccia incoccata e ad altri un uccello con le ali spiegate. Poi è la volta del Memoriale JK (senza la F!), dedicato a quel Presidente Juscelino Kubitcheck che decise la costruzione di Brasilia e che apparentemente è l'indimenticato eroe moderno di questa Nazione (in tv stanno passando ora uno sceneggiato sulla sua vita, e credo siano arrivati alla 90 puntata o giù di lì...); poi, visita alla sede della Liga Esperantista Brasiliana, piena zeppa di libri che riforniscono le biblioteche dei voraci lettori, e dove col simpatico bibliotecario ci intretteniamo sul futuro dell'editoria e sul presente dei semafori...

Dopo pranzo, ci lanciamo in un minitour religioso: la quadrata (e letteralmente sorretta da vetrate altissime e coloratissime) chiesa di don Bosco, quella piccola progettata da Niemeyer e dedicata dalla signora Kubitcheck alla Vergine (onestamente, era meglio quella di Belo Horizonte), quella conico/piramidale dedicata all'ecumenismo dalla strana (dovrei dire sospetta) setta dei Legionari della Buona Volontà (io, cmq, per non indispettire nessuno, faccio il mio giretto a piedi scalzi sul pavimento spiraleggiante fino a raggiungere il centro esatto e ricevere energia dall'enorme cristallo nel tetto), e la sotterranea cattedrale, al cui ingresso si trovano statue enormi dei quattro apostoli (e non profeti, come scrivono i brasiliani!)...

Proseguiamo arrivando alla Piazza dei 3 Poteri, dove le due Camere del Parlamento restano in mezzo tra il Palazzo Presidenziale e quello della Suprema Corte, e dove torreggiano anche alcuni monumenti il più incredibile dei quali è una specie di enorme molletta che, a detta di Valter, è stata costruita per alloggiare i colombi e non farli stare tutto il tempo nella piazza... sarà...

La mattina dopo la dedichiamo a visitare Brazlandia, un quartiere (a circa 40 chilometri!) dove una comunità di esperantisti ha deciso di vivere assieme e assieme aprire una scuola in cui si insegna anche (non solo!) la Lingua Internazionale. Visitiamo le classi, io do lezione di geografia e insegno il Ballo del Qua Qua (meglio dell'Inno di Mameli, credo), i bambini sono simpaticissimi e i gestori della scuola ci invitano a pranzare con loro e ci mostrano le strane case che hanno costruito in forma di igloo.

Ritorniamo in città, e poco prima di accompagnarmi all'autobus il mio cicerone mi porta a vedere l'ultima (in ordine di tempo) meraviglia di Brasilia: il nuovo ponte costruito sopra il lago artificiale che sta nel cuore della città. Un ponte dedicato, ovviamente, a JK!

Commenti

Il giorno 22/03/2006, Luigia Oberrauch Madella ha scritto...
Complimenti per il Ballo de Qua Qua nella scuola visitata a Brazlandia. E i simpaticissimi bambini ti hanno insegnato qualcosa? Spero che tu ne abbia preso nota e ce lo possa raccontare dopo il tuo ritorno.
Il giorno 22/03/2006, Daniele ha scritto...
Una bimba di genitori nipponici mi ha insegnato che in realtá parla piú braziliano a casa che giapponese... la cosa é interessante, dato che lei sicuramente é brazilizzata, ma i genitori forse non del tutto...
Il giorno 23/03/2006, Daniela ha scritto...
.. ma è normalissimo... anche Katerina ci parla in tedesco... mentre io le parlo in italiano e il papi in greco

Lascia un tuo commento

Campi
Bottoni

Informazioni

inserito il 19/03/2006
visualizzato: 2300 volte
commentato: 3 volte
totale racconti: 554
totale visualizzazioni: 892124

Cerca nel diario

Cerca tra i racconti di viaggio pubblicati nel diario di bordo:

Ultime destinazioni

Racconti più recenti

Racconti più letti

Racconti più commentati

Ultimi commenti

Tag del diario di bordo

Aguas Calientes Amalfi Amazzonia Ambato Andahuaylillas Angra dos Reis Arequipa Assisi Asunción Baia Mare Balau Lac Bassin Bleu Bassin Zim Bellagio Bishkek Bocas del Toro Bogotà Bologna Bonito Boquete Buenos Aires Buzios Bwindi Cajamarca Camaguey Campeche Campulung Cancun Cannes canyon del Colca Cap-Haïtien Cartagena Cayo Las Brujas Cernobbio Chaa Creek Chapada Diamantina Chiapa de Corzo Chiavari Chichen Itzà Chichicastenango Chiloe Chivay Cienfuegos Città del Guatemala Città del Messico Cluj Napoca Copacabana Copán Copán Ruinas Costa Azzurra Costiera Amalfitana Cuenca Curitiba Cusco Dubai Dukla Dunhuang Dushanbe El Calafate El Chaltén El Tajin Entebbe ExPlus Fan Mountains fiume Pacuare fiume Tambopata Florianopolis Foz do Iguaçu GCC Granada Grand Circle Guayaquil Huamachuco Humenne Igoumenitsa Iguaçu Iguazu Ilha Grande Ingapirca Interlaken Isla Colon Isla del Sol Isla Mujeres Istanbul Jacmel Jaiyuguan JLA Joya de Ceren Kampala Kashgar Khodjent Kibale Koch Kor Kokand Kumkoy La Antigua Guatemala La Havana La Paz lago di Como lago Maggiore lago Nicaragua lago Song-Kol lago Titicaca lago Yojoa lake Mburo Leon Lima Livingston Livorno Londra Lublin Lucca Macerata Machu Picchu Madaba Madrid Managua Manaus Mar Nero Margilon Mérida Mesilla Momostenango Monaco Monte Alban Murchison Falls Mutianyu Nice Nyjrbator Oaxaca Ometepe Omoa Osh Otavalo Pacaya Palenque Panajachel Panamà Papantla Paratì Patagonia Pechino Pelourinho Península Valdés Petra Pisac Port Au Prince Portoferraio Potosì Poza Rica Pucon Puebla Puerto Madryn Puerto Maldonado Puerto Natales Puerto Piramides Puerto Varas Puno Punta Arenas Quetzaltenango Quito Rang Raqchi Ravello Recanati Rio de Janeiro Rio Dulce Riobamba Roma Ruse salar Salvador da Bahia Samarcanda San Agustin San Blas San Cristobal de las Casas San Francisco El Alto San Ignacio San José San Juan San Marcos La Laguna San Pedro San Pedro de Atacama San Pedro La Laguna Santa Barbara Santa Caterina Santa Clara Santa Elena de Monteverde Santa Margherita Ligure Santiago Santiago Atitlan Santiaguito Sarospatak Sary Tash Seno Otway Shobak Sighisoara Sillustani Siloli Sololà Sorrento Stresa Sucre Sud America Sumidero Tambo Machay Targu Mures Tash Rabat Taulabé Tegucigalpa Tiahuanaco Tierra del Fuego Tikal torre di Burana Torres del Paine Transfagarasan Trinidad Trujillo Tucan Travel Turpan Urbino Urumqi Ushuaia Uxmal Uyuni Vaduz Vagabondo Valdivia Valle de Elqui Valle di Fergana Valparaiso Veliko Tarnovo Venezia Viejo Palmar Vila do Abraão Viña del Mar Viñales Vize Wild Frontiers Xian Yambol Zamosc Ziwa Rhino Sanctuary