Sei qui: i miei viaggi » OltreIlGiardino: un giro del mondo in 800 giorni » Ecuador » Isole per chi ha pochi soldi

Isole per chi ha pochi soldi

immagine"Smettila!"
...
"Smettila, ho detto!"
"Ma mamma, non vedo..."
"Ho capito, ma smettila di saltare su e giù, che mi fai venire il mal di mare... sembri un grillo! E, poi, vedrai che si avvicinano, basta avere pazienza"
"Sembrano così piccole, viste da qui..."
"Tu aspetta tranquillo, e vedrai che loro si mettono calme e si avvicinano."
Il capitano rimette in moto per qualche secondo, riducendo la distanza dal suo obiettivo.
"Ecco, contento? Ora puoi vedere meglio... dai, smettila di saltare!"
La guida, intanto, riprende il suo discorso: "... e la ragione per cui alcune balene, specialmente le più giovani, continuino a saltare fuori dall'acqua ci è tuttora ignota..."

Sto, con lenta puntigliosità, risalendo la costa ecuadoriana (non chiedetemi quale costa, perché ne ha una sola: quella del Pacifico). Più lentamente di me, lo fanno anche le balene megattere (o "gibbose", come le chiamano in spagnolo a causa del rigonfiamento situato davanti alla pinna dorsale), che dai freddi mari antartici risalgono anche questa per raggiungere un luogo di acque calde, calme e poco profonde per dare alla luce i loro piccoli (!) e/o accoppiarsi nuovamente.

Il Paradiso, in questo senso, si chiama Isola della Plata (detta anche "la Galapagos dei poveri", dato che con 40 dollari tutto compreso la si visita): l'anno scorso, una popolazione stimata di 600 balene ha fatto vacanza nelle sue acque. E la gente, ovviamente, lo sa e cerca di approfittarne, ecologicamente e economicamente.

Scartato il villaggio di Montañita, dove la spiaggia piccola e sporca attrae solo surfisti (per le forti onde) e fumatori di erbe varie (per la comunità di hippy che pare averne fatto la sua residenza fissa), cercando di sfuggire alle nuvole nel cielo sono arrivato a Puerto Lopez. Qui, frugando e contrattando, ho partecipato ad un paio di escursioni, una di solo avvistamento cetacei (ne abbiamo viste 4, non molti, ma una continuava a fare balzi, per la gioia degli occhi e delle fotocamere), ed una alla suddetta isola. Di balene, questa seconda volta, solo 3, al ritorno, ma lo spettacolo offertoci da alcuni branchi di delfini (saranno stati, senza esagerare, almeno un'ottantina di esemplari) che attendevano le barche di escursionisti per scorrazzargli attorno è stato fantastico. E, poi, l'isola stessa ti fa sognare, essendo il sito ufficiale per varie colonie di volatili, che la ritengono sicura per nidificare: "piqueros" dalle zampe azzurre (quasi blu) e "piqueros" mascherati, e ancora albatross e fregata dalla rossa pappagorgia gonfia per attirare l'attenzione delle femmine che scelgono il compagno; e sott'acqua, per un breve snorkelling, enormi pesci pappagallo e farfalla incuranti dei bagnanti. Come intermezzo, tra le due escursioni, una puntatina a Los Frailes, una parte di riserva ecologica dotata di alcune spiaggette stupende e spopolate, rese luminescenti dal riflesso di un sole accecante (unico giorno non nuvoloso) sui residui ferrosi mischiati con la finissima sabbia.
Degna conclusione di alcuni giorni molto belli (a parte la pazza proprietaria del mio primo ostello, invasata religiosa che unisce le preghiere ai cieli con l'inaffidabilità nella gestione delle 4 camere che si ritrova), l'incontro con 3 connazionali, un romano e due trentini (della Val di Non... essendo mia madre e parte della mia famiglia di Trento, non vi dico la sorpresa nel sentire il conosciuto e tipico accento nasale provarsi a parlare in spagnolo...), che ho iniziato ai piaceri del buon cibo a basso prezzo (ah, questi turisti... devi insegnargli proprio tutto!).

Raggiuto Puerto Cayo, ad una mezz'ora di strada, sono stato ospite per due notti del comandante (di marina) Hugo Tobar e della sua gentile moglie statunitense. Hugo è amico (o solo conoscente, non ho ben capito) della famiglia Salas, gli amici esperantisti di Valdivia in Cile; mentre ero da loro, me ne hanno passato il numero di telefono, dato che abita normalmente in Guayaquil, ed io lì gli ho fatto visita, ricevendo un invito per la casa del mare. A Puerto Cayo non c'è molto da fare, ci sono escursioni per le balene ma allo stesso prezzo di Puerto Lopez e con meno bonus, ergo ho semplicemente riposato e letto (ho già terminato un nuovo libro di Bill Bryson, comprato solo 3 giorni fa) e parlato specie con la signora (il comandante non è un tipo di molte parole, e quando parla non sembra amare molto il contraddittorio... o, forse, ha solo molte cose da raccontare... mmm, onestamente, alla nona volta che mi dice di come sia proprietario di un terreno alle Galapagos, decido che forse è meglio proseguire il viaggio - e lo dico con la massima riconoscenza possibile, sapete come sono...).

Ergo, ancora rotta verso nord, lungo questa costa (pacifica!).

Commenti

Il giorno 22/08/2005, Lidia ha scritto...
Quale libro di Bill Bryson? Pura curiosità.... sto anch'io leggendo un suo libro....
Il giorno 22/08/2005, Daniele ha scritto...
"Letters form a big country", una collezione degli articoli scritti per un giornale inglese sulla sua vita negli USA.
Il giorno 24/08/2005, Lidia ha scritto...
A proposito di libri..... com'è che non hai più aggiornato la sezione "libri di viaggio (e da viaggio)?
Il giorno 24/08/2005, Daniele ha scritto...
Perché sei l'unica che la legge :-)
Dammi tempo, o soldi per gli internet café, e provvedo...
Il giorno 06/09/2005, DIEGO ha scritto...
Ciao Daniele,.....sono uno dei due "turisti" nonesi (anaunensi per i palati fini)che hai iniziato al buon cibo a basso prezzo in un baracchino di Puerto Lopez ( peraltro ottima cena!): ".......Potevi (..a ragione) insinuare che "tacchinavamo" le Austriache,....darci del "mona",....prendere a calci a caso uno di noi tre, magari il "romano" (...dimostratosi un grande amico),.....ma turisti no, turisti no!!" D'ora in poi,..ovunque sarai, in ogni momento della tua giornata ed in ogni momento in cui penserai che la stessa sia terminata,.....occhio alle tue spalle!.....A VOLTE I "TURISTI" RITORNANO!!!.....Ciao "vecchio" Daniele, in bocca al lupo (..ritagliati un pò di tempo per passare in Brasile a far visita al "nostro" centro/progetto!)
Il giorno 10/09/2005, Filippo ha scritto...
Ola Daniele io sono l'altro noneso che hai ironicamente battezzato "turista". Lo vedi che a volte ritornano!! Non si sa mai forse ci potresti ritrovare in Brasile se hai intenzione di andarci.Ne vale sicuramente la pena per una miriade di cose e paesaggi che ci puoi trovare.A proposito, mi piaceva molta la tua digitale, ma non ricordo più il modello. Potresti comunicarmelo e darmi le tue indicazioni su eventuali carenze o problematiche che hai potuto riscontrare. Un grande "in bocca al lupo" per le tue prossime tappe. ciao Filippo

Lascia un tuo commento

Campi
Bottoni

Informazioni

inserito il 13/08/2005
visualizzato: 2113 volte
commentato: 6 volte
totale racconti: 554
totale visualizzazioni: 949151

Cerca nel diario

Cerca tra i racconti di viaggio pubblicati nel diario di bordo:

Ultime destinazioni

Racconti più recenti

Racconti più letti

Racconti più commentati

Ultimi commenti

Tag del diario di bordo

Aguas Calientes Amalfi Amazzonia Ambato Andahuaylillas Angra dos Reis Arequipa Assisi Asunción Baia Mare Balau Lac Bassin Bleu Bassin Zim Bellagio Bishkek Bocas del Toro Bogotà Bologna Bonito Boquete Buenos Aires Buzios Bwindi Cajamarca Camaguey Campeche Campulung Cancun Cannes canyon del Colca Cap-Haïtien Cartagena Cayo Las Brujas Cernobbio Chaa Creek Chapada Diamantina Chiapa de Corzo Chiavari Chichen Itzà Chichicastenango Chiloe Chivay Cienfuegos Città del Guatemala Città del Messico Cluj Napoca Copacabana Copán Copán Ruinas Costa Azzurra Costiera Amalfitana Cuenca Curitiba Cusco Dubai Dukla Dunhuang Dushanbe El Calafate El Chaltén El Tajin Entebbe ExPlus Fan Mountains fiume Pacuare fiume Tambopata Florianopolis Foz do Iguaçu GCC Granada Grand Circle Guayaquil Huamachuco Humenne Igoumenitsa Iguaçu Iguazu Ilha Grande Ingapirca Interlaken Isla Colon Isla del Sol Isla Mujeres Istanbul Jacmel Jaiyuguan JLA Joya de Ceren Kampala Kashgar Khodjent Kibale Koch Kor Kokand Kumkoy La Antigua Guatemala La Havana La Paz lago di Como lago Maggiore lago Nicaragua lago Song-Kol lago Titicaca lago Yojoa lake Mburo Leon Lima Livingston Livorno Londra Lublin Lucca Macerata Machu Picchu Madaba Madrid Managua Manaus Mar Nero Margilon Mérida Mesilla Momostenango Monaco Monte Alban Murchison Falls Mutianyu Nice Nyjrbator Oaxaca Ometepe Omoa Osh Otavalo Pacaya Palenque Panajachel Panamà Papantla Paratì Patagonia Pechino Pelourinho Península Valdés Petra Pisac Port Au Prince Portoferraio Potosì Poza Rica Pucon Puebla Puerto Madryn Puerto Maldonado Puerto Natales Puerto Piramides Puerto Varas Puno Punta Arenas Quetzaltenango Quito Rang Raqchi Ravello Recanati Rio de Janeiro Rio Dulce Riobamba Roma Ruse salar Salvador da Bahia Samarcanda San Agustin San Blas San Cristobal de las Casas San Francisco El Alto San Ignacio San José San Juan San Marcos La Laguna San Pedro San Pedro de Atacama San Pedro La Laguna Santa Barbara Santa Caterina Santa Clara Santa Elena de Monteverde Santa Margherita Ligure Santiago Santiago Atitlan Santiaguito Sarospatak Sary Tash Seno Otway Shobak Sighisoara Sillustani Siloli Sololà Sorrento Stresa Sucre Sud America Sumidero Tambo Machay Targu Mures Tash Rabat Taulabé Tegucigalpa Tiahuanaco Tierra del Fuego Tikal torre di Burana Torres del Paine Transfagarasan Trinidad Trujillo Tucan Travel Turpan Urbino Urumqi Ushuaia Uxmal Uyuni Vaduz Vagabondo Valdivia Valle de Elqui Valle di Fergana Valparaiso Veliko Tarnovo Venezia Viejo Palmar Vila do Abraão Viña del Mar Viñales Vize Wild Frontiers Xian Yambol Zamosc Ziwa Rhino Sanctuary