Sei qui: i miei viaggi » India » Bombay mix

Bombay mix

immagineFinalmente, India. Dopo essere stata per molti anni nella lista dei 3 paesi che volevo assolutamente visitare (negli altri due, Cina ed Islanda, ci avevo viaggiato nel 2017), l'occasione è arrivata per una serie di fortuite circostanze, e così son riuscito a ritagliarmi due mesi di tempo per, almeno, cominciare ad aggirarmi in questo immenso paese che, non a caso, chiamano "subcontinente".Per farlo, ho deciso di seguire la formula che in molti casi mi ha portato fortuna, ovvero quella di prendere una mappa, marcarvi i luoghi che, per mia conoscenza o per suggerimenti di vari amici o per averlo letto in qualche racconto di viaggio, paiono interessanti e, poi... provare a connettere i puntini, sapendo già che sarebbe impossibile e, forse, anche inutile andare dappertutto. Trucchetto finale: entrare da un punto, ed uscire da un altro, così dovrò quantomeno muovermi dal primo al secondo.Bombai, dunque. O Mumbai, come si chiama ora, in base a quel principio revisionistico che tutto quello che hanno portato i colonizzatori è male e dev'essere per forza cancellato (salvo poi tenersi le ferrovie, la sanità pubblica, eccetera eccetera).Sceso dall'aereo all'alba, il primo impatto è normale, almeno se comparato con altri paesi in cui sono stato: non ci sono le folle oceaniche, non ci sono le persone ricoperte di polveri colorate, non ci sono ovunque gli odori di spezie esotiche. Al contrario, l'aeroporto è abbastanza ben organizzato, ed incontro persino qualcuno che mi offre un cambio molto favorevole, sicuramente più di quello dei cambia valuta (ho deciso che proverò ad evitare i bancomat per un po', per vedere come va). Prendo un taxi per l'ostello dove ho prenotato e, mentre questo si immerge nel traffico ancora non destatosi, riesco ad intravedere qua e là, quasi ad interrompere una infinita teoria di palazzoni grigi e sovraffollati, edifici che raccontano di epoche passate, un misto di colonialismo inglese e di eclettici stili tipicamente indiani... questo viaggio promette bene.In ostello ci sto poco, il tempo di aspettare che il mio letto in camerata sia pronto e di darmi una lavata, e poi subito fuori, a fare le prime commissioni. La prima cosa da fare è acquistare una sim telefonica locale, ed è un bene che comincia da questa perché ci vorranno comunque delle ore perché la attivino; scelgo uno degli operatori più diffusi, Airtel, e ottengo una coperture per tre mesi con chiamate illimitate e 1,2 GB di dati al giorno (!) per l'equivalente di 8,5 euri (comprensivi del costo del servizio di attivazione, gentilmente fornito dal giovane Ashraf). Poi, dritto in stazione centrale, a prenotare i biglietti per gli spostamenti dei prossimi giorni. E qui, il primo incontro/scontro con la burocrazia e le complicazioni: ci vogliono 20 minuti solo per capire a quale ufficio andare e, una volta trovatolo (sportello dedicato ai viaggiatori stranieri), cercare di capire - nell'ordine - che c'è un modulo da compilare per ogni biglietto, dove trovare il modulo ché allo sportello paiono finiti, perché quello che hai scritto sul modulo non è abbastanza, che tipo di posto vuoi, ecc. ecc.; il tutto favorito, aiutato nonché facilitato (!) da un addetto superlento (i bradipi della Motorizzazione di Zootropolis sono delle schegge, in confronto) che stenta a farsi capire nel suo inglese con marcato accento locale, comprensivo di scuotimenti di testa che significano tutto ed il contrario di tutto. Risultato pratico: 1 ora e mezza della mia vita perduta per comprare tre biglietti del treno. Ma, almeno, è fatta, e posso dedicarmi a scoprire la città.Comincio dal cibo, di cui sono completamente ignorante, e, incurante di tutte le indicazioni (sensate) che vengono date ai viaggiatori, mi fermo a due chioschetti lungo la strada e, quando viene il mio turno (è sempre buona cosa andare da quelli affollati, ché o son buoni o son economici o son tutte e due), mi sparo due bicchieri di chai (té) caldo e dolce al punto giusto e poi un thali, ovvero un piatto fatto di riso e varie salse del giorno, con ceci e verdure. Si mangia con la mano destra, mischiano il riso alle salse, e poi ce la si pulisce con l'acqua di una tanica a dispozione dei clienti; e ci si siede dove si può, ché dei bambini giocano con gli sgabelli di plastica forniti dal chioschetto e mica puoi sottrarglieli, no?!La parte sud di Mumbai, in cui risiedo, è ricca di templi e palazzi, ma sono le ghirlande di fiori colorati quelle che maggiormente attirano la mia attenzione: gialle verdi e bianche, perlopiù, sono appese ovunque, ma specialmente agli alberi, solitamente in compagnia di candele, quadretti di divinità ed altri ammennicoli. E, poi, ovviamente il cricket, uno degli sport più incomprensibili al mondo, con partite che durano svariati giorni; passo dal campo dove si allenano le squadre giovanili, e mi imbatto per puro caso nella finale di un torneo scolastico, e così mi infiltro, parlocchiando con i ragazzini che, però, sono più interessati a farsi dei selfie con me che a spiegarmi cosa cavolo ci trovano di appassionante in quel gioco (anzi, credo che non capiscano davvero la domanda); però è bello vedersi entusiasmarsi e tifare per i loro compagni, senza lanciare oggetti o intonare cori contro gli avversari.Ci sto tre giorni, a Mumbai, e così ho tempo di visitare vari mercati, dove trovo abbondanza di tutto in labirintiche conformazioni di stretti vicoli, tranne quello che cercavo: un paio di pantaloni lunghi di tessuto leggero, per non dover indossare i caldi jeans ogni volta che visito qualche luogo sacro. Ma i cosiddetti "abiti tradizionali" sono invece ormai i blue jeans, le magliette con i nomi delle squadre di cricket e di calcio, le felpe con griffe le più false possibili: anche qui è arrivata la modernità! Cammino chilometri, dal solido portale detto Gate of India alle spiagge mefitiche perché punto di uscita di tutti i liquami della città, dalla moschea posizionata su un isolotto collegato da uno stretto molo alla terraferma al tempio giainista in cima ad una collina, dal luogo dove si lavano (e si stendono in file infinite) tutti i panni sporchi della città fino ai vari monumenti semiabbandonati ai fondatori della patria (ché, ormai, chi ci fa più caso?). E riesco pure a godermi una visita guidata attraverso una delle baraccopoli rese famose dal film "Slumdog millionaire", dove apprendo come un milione e più di persone vive in uno spazio limitato tirando a campare o, anche, lavorando nel riciclaggio di tutti i materiali che vengono scartati dai loro fratelli dell'era moderna; l'agenzia che organizza queste visite reinveste l'80% dei guadagni nella stessa baraccopoli, principalmente in progetti di istruzione, e questo era già un buon motivo per affidarmi a loro, ma sicuramente senza una guida sarei ancora a cercare una via d'uscita dagli intricati e strettissimi vicoli che nascono e si evolvono come una creature vivente a seconda delle necessità degli abitanti.Ma Mumbai non è l'India, mi dice più di una persona con cui parlo, e quindi dopo tre giorni, come il pesce, parto.

Lascia un tuo commento

Campi
Bottoni

Informazioni

inserito il 10/01/2019
visualizzato: 618 volte
commentato: 0 volte
totale racconti: 562
totale visualizzazioni: 1033600

Cerca nel diario

Cerca tra i racconti di viaggio pubblicati nel diario di bordo:

Ultime destinazioni

Racconti più recenti

Racconti più letti

Racconti più commentati

Ultimi commenti

Tag del diario di bordo

Aguas Calientes Ajanta Amalfi Amazzonia Ambato Andahuaylillas Angra dos Reis Arequipa Assisi Asunción Aurangabad Baia Mare Balau Lac Bassin Bleu Bassin Zim Bellagio Bishkek Bocas del Toro Bogotà Bologna Bonito Boquete Buenos Aires Buzios Bwindi Cajamarca California Camaguey Campeche Campulung Cancun Cannes canyon del Colca Cap-Haïtien Cartagena Cayo Las Brujas Cernobbio Chaa Creek Chapada Diamantina Chiapa de Corzo Chiavari Chichen Itzà Chichicastenango Chiloe Chivay Cienfuegos Città del Guatemala Città del Messico Cluj Napoca Copacabana Copán Copán Ruinas Costa Azzurra Costiera Amalfitana Cuenca Curitiba Cusco Dubai Dukla Dunhuang Dushanbe El Calafate El Chaltén El Tajin Ellora Entebbe ExPlus Fan Mountains fiume Pacuare fiume Tambopata Florianopolis Foz do Iguaçu GCC Gilroy Goa Granada Grand Circle Guayaquil Hampi Huamachuco Humenne Igoumenitsa Iguaçu Iguazu Ilha Grande India Ingapirca Interlaken Isla Colon Isla del Sol Isla Mujeres Istanbul Jacmel Jaiyuguan JLA Joya de Ceren Kampala Kashgar Khodjent Kibale Koch Kor Kokand Kumkoy La Antigua Guatemala La Havana La Paz lago di Como lago Maggiore lago Nicaragua lago Song-Kol lago Titicaca lago Yojoa lake Mburo Leon Lima Livingston Livorno Londra Lublin Lucca Macerata Machu Picchu Madaba Madrid Madurai Majorda Managua Manaus Mar Nero Margilon Mérida Mesilla Milano Momostenango Monaco Monte Alban Mumbai Murchison Falls Mutianyu Mysore Nashik Road Nice Nyjrbator Oaxaca Old Goa Ometepe Omoa Osh Otavalo Pacaya Palenque Panajachel Panamà Papantla Paratì Patagonia Pechino Pelourinho Península Valdés Petra Pisac Port Au Prince Portoferraio Potosì Poza Rica Pucon Puebla Puerto Madryn Puerto Maldonado Puerto Natales Puerto Piramides Puerto Varas Puno Punta Arenas Quetzaltenango Quito Rang Raqchi Ravello Recanati Reedley Rio de Janeiro Rio Dulce Riobamba Roma Ruse salar Salvador da Bahia Samarcanda San Agustin San Blas San Cristobal de las Casas San Francisco San Francisco El Alto San Ignacio San José San Juan San Marcos La Laguna San Pedro San Pedro de Atacama San Pedro La Laguna Santa Barbara Santa Caterina Santa Clara Santa Elena de Monteverde Santa Margherita Ligure Santiago Santiago Atitlan Santiaguito Sarospatak Sary Tash Seno Otway Sequoia National Park Shobak Sighisoara Sillustani Siloli Sololà Sorrento Stresa Sucre Sud America Sumidero Tambo Machay Targu Mures Tash Rabat Taulabé Tegucigalpa Tiahuanaco Tierra del Fuego Tikal torre di Burana Torres del Paine Transfagarasan Trinidad Trujillo Tucan Travel Turpan Urbino Urumqi USA Ushuaia Uxmal Uyuni Vaduz Vagabondo Valdivia Valle de Elqui Valle di Fergana Valparaiso Veliko Tarnovo Venezia Viejo Palmar Vila do Abraão Viña del Mar Viñales Vize Wild Frontiers Xian Yambol Zamosc Ziwa Rhino Sanctuary