Sei qui: i miei viaggi » In viaggio con mammà » Perù » Ad Arequipa, sulle tracce di suore, alpaca e, soprattutto, condor

Ad Arequipa, sulle tracce di suore, alpaca e, soprattutto, condor

immagine

Seconda tappa del viaggione dell'anno, come lo definiscono ormai tutti i social-cosi, è la dama bianca del Perù, quell'Arequipa che si chiama così perché, pare, il Sapa Inca rispose ai suoi che - stanchi per il lungo camminare - volevano fermarsi, "ari quipà" (ovvero, "restatevene pure lì, figli di un dio sole minore").

Noi ci passiamo per alcuni ottimi motivi, tutti di bellezza: la bellezza della città stessa, tutta costruita con la pietra vulcanica bianca, detta sillar; la bellezza del convento di Santa Catalina, vero labirinto di celle e viottoli costruito secoli fa per contenervi le monache di clausura; la bellezza di una trilogia di carni al ristorante Zig-Zag, dove ti servono su una scottante pietra vulcanica un pezzo di carne di maiale, uno di manzo ed uno di alpaca, e mentre questi continuano a cuocere e a schizzare il tuo bavaglino tu puoi farti un'idea di quello che ti piace di più (per me è una lotta quasi alla pari tra gli ultimi due, il maiale arriva solo terzo); e la bellezza del volo dei condor, che qui in Perù non si vedono così di frequente se non nei pressi del canyon del Colca, uno dei più profondi del mondo.

La Casa del Melgar ci accoglie per la notte, enorme e antica, con i suoi giardinetti e patii pieni di piante e fiore, di uccelli, di colori, dopo un volo mattutino da Lima e un pomeriggio passato ad esplorare il convento, il negozio di lana di alpaca Michel (che mia madre ha puntato subito, ovviamente) e il punto panoramico di Yanahuara, da cui si gode la vista del vulcano Misti, incorniciato da dei deliziosi archi in pietra. Solo una notte, però, ché il mattino dopo saliamo con altri turisti su un autobus che, alla guida di Luis, e con il commento sporadico e un po' disincantato di Herman, ci porta fino a Chivay, valicando un passo a 4800 metri di altitudine, che a noi fanno quasi un baffo. A Chivay andiamo a visitare le terme, nella cui acqua caliente si può nuotare, e poi una serata a cena con gran parte del resto del gruppo, allietata da uno spettacolo di musica (buona) e danze (meno buone) locali.

Grazie all'intercessione di Luis, che nel frattempo ha scoperto che faccio il tour leader, ottengo la cena gratis (non che ci facessi conto: sono in vacanza e non al lavoro, dopo tutto), anche se avrei potuto avere un più cospicuo sconto sul biglietto che fanno pagare all'ingresso della valle (70 PEN, mica paglie!), mi dice... vabbé, mi farò più furbo la prossima volta. Investo quindi una parte del denaro risparmiato in mance per gli artisti, che non ne sono affatto scontenti.

Dopo una notte passata in un hotel carino, con tante piccole stanze separate ma caratterizzate da un importante ed indispensabile elemento (il termosifone), il bus ci passa a prendere all'alba delle 6:15, per raggiungere in tempo la Cruz del Condor, il promontorio da cui si possono osservare giovani condor salire in cerchi dalle profondità del canyon, seguendo le correnti calde ascensionali. Lo fanno ogni giorno, più o meno alla stessa ora, e gli umani lo sanno, e per questo li attendono al varco, per godere del loro librarsi maestoso, o più prosaicamente per farsi un selfie con il cellulare infilzato su uno di quei bastoni telescopici che vanno tanto di moda oggigiorno. I condor, ovviamente, impassibili fanno i loro comodi.

Lo spettacolo, delizioso come sempre, termina dopo un'oretta e mezza, o quanto meno termina per noi: risaliti sul bus, è tempo di tornare indietro, facendo un altro paio di soste lungo la strada, per arrivare a Chivay dove pranziamo. E dove, per botta di fondoschiena notevole, assistiamo pure, nella piazza principale, ad una sfilata religiosa, con tanto di personaggi mascherati che danzano, prete che benedice, portatori che scarrozzano in giro i palchetti con su le madonne e polizia che, come al solito, vigila vigile.

Il ritorno verso Arequipa è un continuo tentativo di dormire, anche perché poi, dopo un paio di ore, ci aspetta un altro viaggio, più lungo, fino a Cusco, la capitale Inca.


Commenti

Il giorno 10/09/2015, chiara ha scritto...
E la chiami vacanza? Levatacce, condor svolazzanti... mi sa che la prossima volta sceglie Alpitur ;-)

Lascia un tuo commento

Campi
Bottoni

Informazioni

inserito il 01/09/2015
visualizzato: 1213 volte
commentato: 1 volta
totale racconti: 554
totale visualizzazioni: 947061

Cerca nel diario

Cerca tra i racconti di viaggio pubblicati nel diario di bordo:

Ultime destinazioni

Racconti più recenti

Racconti più letti

Racconti più commentati

Ultimi commenti

Tag del diario di bordo

Aguas Calientes Amalfi Amazzonia Ambato Andahuaylillas Angra dos Reis Arequipa Assisi Asunción Baia Mare Balau Lac Bassin Bleu Bassin Zim Bellagio Bishkek Bocas del Toro Bogotà Bologna Bonito Boquete Buenos Aires Buzios Bwindi Cajamarca Camaguey Campeche Campulung Cancun Cannes canyon del Colca Cap-Haïtien Cartagena Cayo Las Brujas Cernobbio Chaa Creek Chapada Diamantina Chiapa de Corzo Chiavari Chichen Itzà Chichicastenango Chiloe Chivay Cienfuegos Città del Guatemala Città del Messico Cluj Napoca Copacabana Copán Copán Ruinas Costa Azzurra Costiera Amalfitana Cuenca Curitiba Cusco Dubai Dukla Dunhuang Dushanbe El Calafate El Chaltén El Tajin Entebbe ExPlus Fan Mountains fiume Pacuare fiume Tambopata Florianopolis Foz do Iguaçu GCC Granada Grand Circle Guayaquil Huamachuco Humenne Igoumenitsa Iguaçu Iguazu Ilha Grande Ingapirca Interlaken Isla Colon Isla del Sol Isla Mujeres Istanbul Jacmel Jaiyuguan JLA Joya de Ceren Kampala Kashgar Khodjent Kibale Koch Kor Kokand Kumkoy La Antigua Guatemala La Havana La Paz lago di Como lago Maggiore lago Nicaragua lago Song-Kol lago Titicaca lago Yojoa lake Mburo Leon Lima Livingston Livorno Londra Lublin Lucca Macerata Machu Picchu Madaba Madrid Managua Manaus Mar Nero Margilon Mérida Mesilla Momostenango Monaco Monte Alban Murchison Falls Mutianyu Nice Nyjrbator Oaxaca Ometepe Omoa Osh Otavalo Pacaya Palenque Panajachel Panamà Papantla Paratì Patagonia Pechino Pelourinho Península Valdés Petra Pisac Port Au Prince Portoferraio Potosì Poza Rica Pucon Puebla Puerto Madryn Puerto Maldonado Puerto Natales Puerto Piramides Puerto Varas Puno Punta Arenas Quetzaltenango Quito Rang Raqchi Ravello Recanati Rio de Janeiro Rio Dulce Riobamba Roma Ruse salar Salvador da Bahia Samarcanda San Agustin San Blas San Cristobal de las Casas San Francisco El Alto San Ignacio San José San Juan San Marcos La Laguna San Pedro San Pedro de Atacama San Pedro La Laguna Santa Barbara Santa Caterina Santa Clara Santa Elena de Monteverde Santa Margherita Ligure Santiago Santiago Atitlan Santiaguito Sarospatak Sary Tash Seno Otway Shobak Sighisoara Sillustani Siloli Sololà Sorrento Stresa Sucre Sud America Sumidero Tambo Machay Targu Mures Tash Rabat Taulabé Tegucigalpa Tiahuanaco Tierra del Fuego Tikal torre di Burana Torres del Paine Transfagarasan Trinidad Trujillo Tucan Travel Turpan Urbino Urumqi Ushuaia Uxmal Uyuni Vaduz Vagabondo Valdivia Valle de Elqui Valle di Fergana Valparaiso Veliko Tarnovo Venezia Viejo Palmar Vila do Abraão Viña del Mar Viñales Vize Wild Frontiers Xian Yambol Zamosc Ziwa Rhino Sanctuary