Sei qui: i miei viaggi » OltreIlGiardino: un giro del mondo in 800 giorni » Brasile » Spiagge e pallone, le due parole chiave

Spiagge e pallone, le due parole chiave

immagineMentre andavano avanti i festeggiamenti carnascialeschi, Rio offriva a chiunque volesse approfittarne anche altre interessanti diversioni, non meno note: spiagge e pallone, un binomio sicuramente non estraneo a chi pensa al Brasile.

Copacabana e Ipanema (quella della "garota", resa celebre dal samba di Antonio Carlos Tom Jobim e Vinìcius de Moraes) sono sicuramente i due nastri di sabbia bianca, dei molti che segnano il confine tra l'Oceano Atlantico e la metropoli brasiliana, che la gente conosce di più. Non so dire, onestamente, se siano anche i migliori, in quanto non ho avuto tempo di visitare gli altri; ma l'assembramento di asciugamani ed ombrelloni, i corpi messi in mostra quanto più possibile senza scadere nell'osceno, i ragazzi che con le loro tavole di materiale plastico (ed io con loro, senza le tavole ed usando solo quella macchina perfetta che è il mio corpo...) si lanciavano sulla cresta delle onde, il continuo passare di venditori ambulanti e di raccoglitori (immancabili, questi, a Rio!) di lattine, il ronzio sommesso delle pompe elettriche che risucchiano in profondità l'acqua messa a disposizione nelle varie docce, e la sporadica presenza di qualche maschera in costume (da bagno) contribuivano a realizzare un quadro sicuramente peculiare. In fondo, quasi a voler delimitare la scena, tutti quei blocchi di roccia granitica che spuntano dalla terra e dal mare come panettoni (noti per spuntare dalla terra e dal mare...) di cui il Pao de Azucar è il più famoso. Dicono che Ipanema sia la meta dei gay, ed io in realtà ho visto alcune coppie omosessuali scambiarsi le stess effusioni di altre coppie etero; ma, più che altro, al tramonto, quando il mare e la spiaggia restavano dominio solo di quelli che non necessitano obbligatoriamente dell'abbronzatura per goderseli.

"Olha que coisa mais linda
Mais cheia de graça
É ela menina, que vem e que passa
Num doce balanço a caminho do mar

Moça do corpo dourado
Do sol de Ipanema
O seu balançado è mais que um poema
É a coisa mais linda que jà vi passar"

L'altro eroe muto della fantasia popolare è il Maracanà, questo enorme stadio che nei suoi momenti di gloria poteva contenere almeno 180mila persone (poi, si sono resi conto che per motivi precauzionali - e per comodità - era meglio ridurre il numero degli spettatori e aumentare quello dei seggiolini). Il nome (che è un soprannome, perché in realtà lo stadio è intitolato ad un giornalista) gli viene da un rigagnolo che scorre nei pressi, ed è davvero buffo pensare a questo gigante che si inchina al nanetto al suo fianco.
Una partita al Maracanà, anche per chi come me del calcio apprezza solo il giocare qualche partitella con gli amici e vedere gli stessi esasperarsi mentre gioca la Nazionale, è un'appuntamento immancabile, e se poi si ha la fortuna di vedere una classica è d'uopo approfittarne. Ecco quindi che, con molta fortuna (a causa di una informazione errata fornita dall'Ufficio Turistico), riesco ad arrivare a qualche minuto dal fischio d'inizio alla biglietteria, e ad acquistare un biglietto di tribuna centrale per 15 Reales (circa 6 euri). La partita è Flamenco-Botafoco, due dei quartieri (e delle squadre) storiche della città. Mi ritrovo in mezzo ai tifosi rossobianchi della prima, in numero straboccantemente superiore (pare che il Botafogo non fosse particolarmente interessato al risultato finale), e sebbene il gioco non sia dei migliori assisto ad un altalenante partita durante la quale la palla ben scalda la passione dei miei vicini di seggiola. La mitica "ola", ovvero quel sincrono alzarsi in piedi a braccia levate uno dopo l'altro lungo tutto il perimetro dello stadio, più volte ci coinvolge, e il risultato finale di 3-2 lascia apparentemente tutti contenti ed incolumi. Resto dentro fino a che praticamente tutti sono usciti, rimangono solo alcuni turisti interessati come me a vedere questa enorme scodella vuota e sileziosa... fa effetto anche così, credetemi!

Lascia un tuo commento

Campi
Bottoni

Informazioni

inserito il 01/03/2006
visualizzato: 1908 volte
commentato: 0 volte
totale racconti: 554
totale visualizzazioni: 910867

Cerca nel diario

Cerca tra i racconti di viaggio pubblicati nel diario di bordo:

Ultime destinazioni

Racconti più recenti

Racconti più letti

Racconti più commentati

Ultimi commenti

Tag del diario di bordo

Aguas Calientes Amalfi Amazzonia Ambato Andahuaylillas Angra dos Reis Arequipa Assisi Asunción Baia Mare Balau Lac Bassin Bleu Bassin Zim Bellagio Bishkek Bocas del Toro Bogotà Bologna Bonito Boquete Buenos Aires Buzios Bwindi Cajamarca Camaguey Campeche Campulung Cancun Cannes canyon del Colca Cap-Haïtien Cartagena Cayo Las Brujas Cernobbio Chaa Creek Chapada Diamantina Chiapa de Corzo Chiavari Chichen Itzà Chichicastenango Chiloe Chivay Cienfuegos Città del Guatemala Città del Messico Cluj Napoca Copacabana Copán Copán Ruinas Costa Azzurra Costiera Amalfitana Cuenca Curitiba Cusco Dubai Dukla Dunhuang Dushanbe El Calafate El Chaltén El Tajin Entebbe ExPlus Fan Mountains fiume Pacuare fiume Tambopata Florianopolis Foz do Iguaçu GCC Granada Grand Circle Guayaquil Huamachuco Humenne Igoumenitsa Iguaçu Iguazu Ilha Grande Ingapirca Interlaken Isla Colon Isla del Sol Isla Mujeres Istanbul Jacmel Jaiyuguan JLA Joya de Ceren Kampala Kashgar Khodjent Kibale Koch Kor Kokand Kumkoy La Antigua Guatemala La Havana La Paz lago di Como lago Maggiore lago Nicaragua lago Song-Kol lago Titicaca lago Yojoa lake Mburo Leon Lima Livingston Livorno Londra Lublin Lucca Macerata Machu Picchu Madaba Madrid Managua Manaus Mar Nero Margilon Mérida Mesilla Momostenango Monaco Monte Alban Murchison Falls Mutianyu Nice Nyjrbator Oaxaca Ometepe Omoa Osh Otavalo Pacaya Palenque Panajachel Panamà Papantla Paratì Patagonia Pechino Pelourinho Península Valdés Petra Pisac Port Au Prince Portoferraio Potosì Poza Rica Pucon Puebla Puerto Madryn Puerto Maldonado Puerto Natales Puerto Piramides Puerto Varas Puno Punta Arenas Quetzaltenango Quito Rang Raqchi Ravello Recanati Rio de Janeiro Rio Dulce Riobamba Roma Ruse salar Salvador da Bahia Samarcanda San Agustin San Blas San Cristobal de las Casas San Francisco El Alto San Ignacio San José San Juan San Marcos La Laguna San Pedro San Pedro de Atacama San Pedro La Laguna Santa Barbara Santa Caterina Santa Clara Santa Elena de Monteverde Santa Margherita Ligure Santiago Santiago Atitlan Santiaguito Sarospatak Sary Tash Seno Otway Shobak Sighisoara Sillustani Siloli Sololà Sorrento Stresa Sucre Sud America Sumidero Tambo Machay Targu Mures Tash Rabat Taulabé Tegucigalpa Tiahuanaco Tierra del Fuego Tikal torre di Burana Torres del Paine Transfagarasan Trinidad Trujillo Tucan Travel Turpan Urbino Urumqi Ushuaia Uxmal Uyuni Vaduz Vagabondo Valdivia Valle de Elqui Valle di Fergana Valparaiso Veliko Tarnovo Venezia Viejo Palmar Vila do Abraão Viña del Mar Viñales Vize Wild Frontiers Xian Yambol Zamosc Ziwa Rhino Sanctuary