Alla carica dei carioca

immagineCome il bianconiglio di Alice, mi rendo conto di essere terribilmente in ritardo per il Carnevale (qualsiasi Carnevale) brasiliano, e mi metto a saltare da un bus all'altro: da Chuy a Porto Alegre, attesa di 4 ore nella città approfittando per visitarne un pò il centro sotto una pioggerellina fastidiosa che non fa che rendere tutto più grigio di quanto sembri, poi altro bus di 18 ore fino a Sao Paulo, pausa di un'ora circa nel terminal dove la mia amica Lea viene ad offrirmi la colazione e a fare quattro chiacchiere (ah, che bello essere accolti così, per pochi minuti, senza troppe complicazioni, da qualcuno che ti sorride!), e poi ulteriore bus per raggiungere Rio de Janeiro, la meta che mi sono prefisso per questa settimana di festeggiamenti.

Almir e la moglie, esperantisti, mi vengono ad accogliere all'arrivo; e, sebbene confusi dal fatto che io non sia una donna (no, non si tratta di problemi di trans, ma del fatto che il mio nome in Brasile è femminile; io gli ho scritto facendogli notare il suo errore, ma Almir si era tanto convinto che finché non ha visto i miei possenti muscoli e la mia barba incolta non ha desistito), mi hanno scarrozzato in auto per prendere un primo contatto con la città e poi mi han dato le chiavi dell'appartamento (nel condominio Esperanto: Almir, come primo acquirente di un alloggio nello stesso, ha proposto il nome al proprietario, il quale ha accettato ed ora sta costruendo altre palazzine con nomi in Esperanto... quanto poco basta, a volte!) che da mercoledì divideró con altri esperantisti, una famiglia peruvian/brasigliana/giapponese. Quando mi lasciano, finalmente, tiro il fiato!

Il mercoledì lo passo interamente a visitare il centro, che appare anche in una giornata di forte sole molto più grigio di come me lo aspettassi: sarà che uno crede che Rio sia multicolore come il suo Carnavale, ma la sequenza di palazzi e chiese che passo mi lascia un pò deluso. Uniche splendide eccezioni sono la Biblioteca al lato del teatro João Caetano, un paradiso di libri antichi abbarbicati su scaffali di legno pregiato, e la Chiesa di São Francisco da Penitencia con le sue pareti ricoperte totalmente d'oro e il suo altare con un Cristo crocifisso con sei ali che appare a San Francesco e gli dona (?) le 5 stimmate (qualcosa che la custode si affretta a dirmi non abbiamo neppure in Italia!).

Nel frattempo, scopro che al Sambodromo, dove le sfilate principali avranno luogo, non potró andare, in quanto i biglietti sono già tutti esauriti e gli unici che ne vendono sono i bagarini (vi lascio immaginare il ricarico!); dovró perció approfittare degli accadimenti nelle strade, e proveró a vedere se da un viadotto riusciró a sbirciare qualcosina...

Il giovedì Almir ci scarrozza tutti per un "city-tour" in auto, durante il quale passiamo dalle famose spiagge di Ipanema e Copacabana ai quartieri periferici, dalla base del Pan di Zucchero e del Corcovado fino allo spazio culturale della Marina, nel porto. Lì, io vado in escursione barcaiola a visitare la Ilha Fiscal, un isolotto piccolo piccolo totalmente ricoperto da un castello costruito per l'imperatore Dom Pedro II (sapevate che il Brasile ha avuto 2 imperatori?); un castello in miniatura, stupendo, dove ebbe luogo un solo grande ricevimento ("l'ultimo ballo dell'Impero"), una settimana prima dell'abdicazione del sovrano... che spreco! Al ritorno, mi fiondo dall'altra parte della città, salendo fino al Cristo Redentore, in cima al Corcovado. Il trenino che ti ci porta costa un'occhio della testa (36 reales, andata e ritorno), ma le alternative sono ben più care; e la vista che si gode da lassù, specie al tramonto, su tutta Rio e la baia e i suoi isolotti che spuntano come panettoni dal mare, è stupenda... molti - come me - attendono l'imbrunire, per vedere la città illuminarsi, e quasi perdiamo l'ultimo treno per scendere...

Commenti

Il giorno 25/02/2006, Massielena ha scritto...
Mi sa che forse era meglio se il carnevale lo passavi a Salvador Bahia.............
Il giorno 25/02/2006, Daniele ha scritto...
da Repubblica.it: "A Rio de Janeiro, un gruppo di malviventi armati di una bomba a mano ha assaltato il museo Chacara do Ceu, riuscendo ad appropriarsi di quadri di Picasso, Dalì, Monet e Matisse."... io stavo per visitare quel museo, ieri... dato che hanno rapinato anche i turisti presenti, direi che mi é andata proprio bene...
Il giorno 25/02/2006, Luigia Oberrauch Madella ha scritto...
La mondvojagxantoj ne havas penigajn pensojn pri kiamaniere sukcesigi internacian konferencon de ILEI en Parma tuj antaux la UK de Florenco. Eble ili tamen konscias pri tio, ke mi ne plu havas tempon kaj ecx malmlte da emo legi iliajn raportojn pri la viditaj ajxoj.
Mi esperas, ke via patro nun pli bone fartas, cxu ne?
Bondezirojn!
Il giorno 28/02/2006, Lidia ha scritto...
Mi giungono voci internettiane che il sindacato dei medici di Rio de Janeiro sconsiglia di recarsi in città in questo periodo a causa di un'epidemia di dengue. Sembra però che la febbre tropicale attacchi più facilmente organismi debilitati. E spero invece che tu sia fresco e pimpante! Ad ogni modo ciò non mi impedisce di invidiarti tantissimo sapendoti appollaiato in cima al Corcovado!!!
Il giorno 28/02/2006, Daniele ha scritto...
Corcovado, Corcovengo, Corcoresto... cosí dice il Cristo senza croce in cima al monte, stufo dei flash dei turisti... Sul problema del Dengue avevo letto anch'io qualcosa, ma qui la Prefettura si é interessata solo di consigliare di "usar sempre camizinha" (protezione fattore 99% in caso di rapporto sessuale)... che serva anche per le punture d'insetto?
Il giorno 01/03/2006, Lidia ha scritto...
Mi risulta anche che a Rio stiano distribuendo gratuitamente migliaia di camisinhas durante il carnevale... Meglio che niente!!!
Il giorno 01/03/2006, Daniele ha scritto...
Ach, se me lo dicevi prima, potevo fare scorta, e usarle anche come souvenir per gli amici italiani... no, l'unica cosa che ho afferrato al volo é una bandana, con il promo dell'operazione camisinha, ma c'é un problema di dimensioni: la bandana é risicata risicata...
Il giorno 06/03/2006, Lidia ha scritto...
Risicata?!? Non è che sei tu che hai la testa troppo grande? Mal che vada la puoi sempre mandare a qualche vicentino/a che ha la testolina piccola.... :-)

Lascia un tuo commento

Campi
Bottoni

Informazioni

inserito il 23/02/2006
visualizzato: 2288 volte
commentato: 8 volte
totale racconti: 554
totale visualizzazioni: 946890

Cerca nel diario

Cerca tra i racconti di viaggio pubblicati nel diario di bordo:

Ultime destinazioni

Racconti più recenti

Racconti più letti

Racconti più commentati

Ultimi commenti

Tag del diario di bordo

Aguas Calientes Amalfi Amazzonia Ambato Andahuaylillas Angra dos Reis Arequipa Assisi Asunción Baia Mare Balau Lac Bassin Bleu Bassin Zim Bellagio Bishkek Bocas del Toro Bogotà Bologna Bonito Boquete Buenos Aires Buzios Bwindi Cajamarca Camaguey Campeche Campulung Cancun Cannes canyon del Colca Cap-Haïtien Cartagena Cayo Las Brujas Cernobbio Chaa Creek Chapada Diamantina Chiapa de Corzo Chiavari Chichen Itzà Chichicastenango Chiloe Chivay Cienfuegos Città del Guatemala Città del Messico Cluj Napoca Copacabana Copán Copán Ruinas Costa Azzurra Costiera Amalfitana Cuenca Curitiba Cusco Dubai Dukla Dunhuang Dushanbe El Calafate El Chaltén El Tajin Entebbe ExPlus Fan Mountains fiume Pacuare fiume Tambopata Florianopolis Foz do Iguaçu GCC Granada Grand Circle Guayaquil Huamachuco Humenne Igoumenitsa Iguaçu Iguazu Ilha Grande Ingapirca Interlaken Isla Colon Isla del Sol Isla Mujeres Istanbul Jacmel Jaiyuguan JLA Joya de Ceren Kampala Kashgar Khodjent Kibale Koch Kor Kokand Kumkoy La Antigua Guatemala La Havana La Paz lago di Como lago Maggiore lago Nicaragua lago Song-Kol lago Titicaca lago Yojoa lake Mburo Leon Lima Livingston Livorno Londra Lublin Lucca Macerata Machu Picchu Madaba Madrid Managua Manaus Mar Nero Margilon Mérida Mesilla Momostenango Monaco Monte Alban Murchison Falls Mutianyu Nice Nyjrbator Oaxaca Ometepe Omoa Osh Otavalo Pacaya Palenque Panajachel Panamà Papantla Paratì Patagonia Pechino Pelourinho Península Valdés Petra Pisac Port Au Prince Portoferraio Potosì Poza Rica Pucon Puebla Puerto Madryn Puerto Maldonado Puerto Natales Puerto Piramides Puerto Varas Puno Punta Arenas Quetzaltenango Quito Rang Raqchi Ravello Recanati Rio de Janeiro Rio Dulce Riobamba Roma Ruse salar Salvador da Bahia Samarcanda San Agustin San Blas San Cristobal de las Casas San Francisco El Alto San Ignacio San José San Juan San Marcos La Laguna San Pedro San Pedro de Atacama San Pedro La Laguna Santa Barbara Santa Caterina Santa Clara Santa Elena de Monteverde Santa Margherita Ligure Santiago Santiago Atitlan Santiaguito Sarospatak Sary Tash Seno Otway Shobak Sighisoara Sillustani Siloli Sololà Sorrento Stresa Sucre Sud America Sumidero Tambo Machay Targu Mures Tash Rabat Taulabé Tegucigalpa Tiahuanaco Tierra del Fuego Tikal torre di Burana Torres del Paine Transfagarasan Trinidad Trujillo Tucan Travel Turpan Urbino Urumqi Ushuaia Uxmal Uyuni Vaduz Vagabondo Valdivia Valle de Elqui Valle di Fergana Valparaiso Veliko Tarnovo Venezia Viejo Palmar Vila do Abraão Viña del Mar Viñales Vize Wild Frontiers Xian Yambol Zamosc Ziwa Rhino Sanctuary