La Dottora

immagineCrucita non è solo parapendii, spiagge assolate e frullati di frutta per tutti i gusti.
È anche il luogo in cui una vicentina, Mariolina Veronese, è arrivata per cambiare la propria vita, e forse quelle degli altri.

Dopo 30 anni passati a gestire una farmacia a San Pietro in Gu (non ho mai capito che razza di nome sia, ma c'era una barzelletta carina sul fatto che pensavano di giuntarsi col Comune di Gazzo Padovano mettendo assieme i nomi...), stufa di dover continuare a fare fuori e dentro dall'Ecuador a causa dei problemi di visto per seguire i lavori "socialmente utili" in cui si era indaffarata, ha deciso di partire e restare. In Ecuador, a crucita appunto.

In due anni, e quasi solo con i propri soldi, ha costruito 2 centri medici, 2 farmacie e 3 asili, e altri sono in arrivo. Offrendo, in molti casi, una opportunità vera di ricevere assistenza medica e scolastica a persone che non possono pagare 7 dollari per una visita + il costo delle medicine (nei centri medici di Mariolina, le visite costano 50 centesimi, più per far capire alla gente che hanno un minimo di valore che per tirar su i soldi per pagare le spese vive). A quanto mi dice la "dottora" (così la conoscono tutti, qui, e così a volte la chiamo anch'io nei due giorni che bazzico per casa sua, mentre mi racconta le sue vicende o mi porta in giro a visitare le scuole e le persone bisognose), i tentativi di importare medicinali ed altri generi dall'Italia sono andati a vuoto, un pò per la lentezza e l'inattendibilità delle dogane ed un pò per l'impossibilità di usare prodotti non ecuadoriani ("i medicinali italiani sono migliori e più affidabili, ma costano di più e qua i medici non te li prescrivono", mi dice).

E lei? Lei vive in una bella casetta (stile italiano, con muri di mattone e mobili in ordine!), al lato della chiesa, vicino ai suoi primi asilo e farmacia; con lei, ad aiutarla nelle faccende domestiche, Fredi, il giovane che si occupa anche della chiesa. Nel frigo la limonata frizzante, nelle scansie della cucina non manca la pasta (che cucina lei; Fredi si occupa del riso), il parroco spesso si ferma a pranzo e così conosco anche lui (altro vicentino; un terzo padre, veneziano ma ordinato a Vicenza, è ora in Germania con i papaboys).

Come ho detto, mi porta in giro per le strade dissestate che sono la sua vita quotidiana da anni (e a causa delle quali ha subito dei danni agli occhi, ed ora un poco teme per la sua vista); ovunque la gente la saluta, i bambini le corrono incontro (e non perché porti con se una scorta babbonatalizia di leccalecca...), lei sembra conoscere tutti e tutto: "la vedi quella ragazza? ha già 3 figli, da 3 padri differenti, e nessuno è rimasto con lei", oppure "questo anziano col diabete - pensati che ha la glicemia a 450, quando il limite è 110 - l'ho trovato per caso, visitando altra gente, e ora stiamo tentando di fare qualcosa per salvarlo, ché lui non può perché non hai i soldi per comprare le medicine che il dottore gli ha prescritto".

"La dottora, la dottora", gridano ancora i bambini, quasi ora fosse un giorno di festa in mezzo a giorni che l'impegno di alcune insegnanti e mamme rende meno monotoni. E già, perché Mariolina è riuscita a costruire anche un gruppo di persone che lentamente han preso coscienza delle loro necessità e delle possibilità della comunità, e si stanno rimboccando le maniche. Con calma, come tutte le cose qui, ma lentamente sta cambiando la realtà dimenticata dallo Stato di diritto (in un villaggio, quasi tutti analfabeti e quindi non iscritti nelle liste statali... praticamente, inesistenti).

"Ti mancano i tuoi, ti manca l'Italia?", le chiedo. E lei mi dice che no, che la sua famiglia la sente per telefono e per internet, che almeno una volta all'anno qualcuno viene a trovarla (quest'anno è toccato al nipote, in viaggio di nozze, che con la moglie le ha destinato tutti i soldi raccolti come regali di matrimonio), e che ormai ha molti nuovi amici qui. Uno di questi è Damian, un ragazzo che in questi giorni è in Italia per tentare di risolvere una situazion clinica aggravata da più di 15 (!) operazioni chirurgiche effettuate qui; gli scrive ogni giorno, e ieri che c'era l'operazione lo ha chiamato al telefono.

Se passate di qui, chiedete della Dottora, e fatele una visita: sarà contenta, e vi accoglierà con un sorriso che non finisce più. Se volete aiutarla da lì, queste sono le coordinate del conto:
c.c. 12546E
Progetto Crucita Ecuador
Banco Antoniano, filiale di San Pietro in Gu

Lascia un tuo commento

Campi
Bottoni

Informazioni

inserito il 18/08/2005
visualizzato: 1645 volte
commentato: 0 volte
totale racconti: 554
totale visualizzazioni: 889602

Cerca nel diario

Cerca tra i racconti di viaggio pubblicati nel diario di bordo:

Ultime destinazioni

Racconti più recenti

Racconti più letti

Racconti più commentati

Ultimi commenti

Tag del diario di bordo

Aguas Calientes Amalfi Amazzonia Ambato Andahuaylillas Angra dos Reis Arequipa Assisi Asunción Baia Mare Balau Lac Bassin Bleu Bassin Zim Bellagio Bishkek Bocas del Toro Bogotà Bologna Bonito Boquete Buenos Aires Buzios Bwindi Cajamarca Camaguey Campeche Campulung Cancun Cannes canyon del Colca Cap-Haïtien Cartagena Cayo Las Brujas Cernobbio Chaa Creek Chapada Diamantina Chiapa de Corzo Chiavari Chichen Itzà Chichicastenango Chiloe Chivay Cienfuegos Città del Guatemala Città del Messico Cluj Napoca Copacabana Copán Copán Ruinas Costa Azzurra Costiera Amalfitana Cuenca Curitiba Cusco Dubai Dukla Dunhuang Dushanbe El Calafate El Chaltén El Tajin Entebbe ExPlus Fan Mountains fiume Pacuare fiume Tambopata Florianopolis Foz do Iguaçu GCC Granada Grand Circle Guayaquil Huamachuco Humenne Igoumenitsa Iguaçu Iguazu Ilha Grande Ingapirca Interlaken Isla Colon Isla del Sol Isla Mujeres Istanbul Jacmel Jaiyuguan JLA Joya de Ceren Kampala Kashgar Khodjent Kibale Koch Kor Kokand Kumkoy La Antigua Guatemala La Havana La Paz lago di Como lago Maggiore lago Nicaragua lago Song-Kol lago Titicaca lago Yojoa lake Mburo Leon Lima Livingston Livorno Londra Lublin Lucca Macerata Machu Picchu Madaba Madrid Managua Manaus Mar Nero Margilon Mérida Mesilla Momostenango Monaco Monte Alban Murchison Falls Mutianyu Nice Nyjrbator Oaxaca Ometepe Omoa Osh Otavalo Pacaya Palenque Panajachel Panamà Papantla Paratì Patagonia Pechino Pelourinho Península Valdés Petra Pisac Port Au Prince Portoferraio Potosì Poza Rica Pucon Puebla Puerto Madryn Puerto Maldonado Puerto Natales Puerto Piramides Puerto Varas Puno Punta Arenas Quetzaltenango Quito Rang Raqchi Ravello Recanati Rio de Janeiro Rio Dulce Riobamba Roma Ruse salar Salvador da Bahia Samarcanda San Agustin San Blas San Cristobal de las Casas San Francisco El Alto San Ignacio San José San Juan San Marcos La Laguna San Pedro San Pedro de Atacama San Pedro La Laguna Santa Barbara Santa Caterina Santa Clara Santa Elena de Monteverde Santa Margherita Ligure Santiago Santiago Atitlan Santiaguito Sarospatak Sary Tash Seno Otway Shobak Sighisoara Sillustani Siloli Sololà Sorrento Stresa Sucre Sud America Sumidero Tambo Machay Targu Mures Tash Rabat Taulabé Tegucigalpa Tiahuanaco Tierra del Fuego Tikal torre di Burana Torres del Paine Transfagarasan Trinidad Trujillo Tucan Travel Turpan Urbino Urumqi Ushuaia Uxmal Uyuni Vaduz Vagabondo Valdivia Valle de Elqui Valle di Fergana Valparaiso Veliko Tarnovo Venezia Viejo Palmar Vila do Abraão Viña del Mar Viñales Vize Wild Frontiers Xian Yambol Zamosc Ziwa Rhino Sanctuary