Sei qui: i miei viaggi » OltreIlGiardino: un giro del mondo in 800 giorni » Colombia » Figli di qualcuno nella terra di nessuno

Figli di qualcuno nella terra di nessuno

immagineHo scoperto che cos'è CaballoCoha: un piccolo villaggio lungo il grande fiume, e niente più. Il battelo ci sbarca lì, a me e alle due cilene che ho conosciuto durante il viaggio, e scopriamo che se vogliamo raggiungere la frontiera dobbiamo pagare una lancia rapida costosissima o aspettare il prossimo battello... io son pitocco, loro viaggiano vendendo prodotti artigianali come braccialetti e collane, ergo optiamo per la seconda.

La mattinata la passiamo ad esplorare il lungofiume, raggiungendo una laguna dove, vinta la paura dei piranha (che qui non ci sono, dicono, ma essendo l'acqua torbida tu che fai, ti fidi della loro parola?!), ci buttiamo per rinfrescarci i corpi e le idee. Mai scelta fu più azzeccata, niente ci morde e l'acqua sulla pelle fa bene. Il pomeriggio scorre già più annoiato, appendiamo le amache agli alberi della piazza principale e ponziamo, mentre i simpatici gestori di un hotel ci custodiscono gli zaini.

Lucho, il battello che ci porta alla frontiera, arriva alle 5:30 del mattino, al termine di una nottata passata con un occhio aperto ed uno chiuso sotto una provvidenziale tettoia vicino all'imbarcadero. Poche ore di viaggio, avvistando alcuni delfini di fiume (rosastri) che saltellano tra le imbarcazioni leggerissime spinte da motori lunghi lunghi che sembrano frullini per sbattere le uova, e proseguendo con la lettura della storia degli inca, ed arriviamo alla triplice frontiera: Brasile, Colombia e Perù si guardano dai due lati del fiume, e puoi passare da una all'altra senza formalità burocratiche (se prometti di non spingerti più in là...).

Scendiamo a Santa Rosa (Perù), timbriamo l'uscita sul passaporto, e siamo in piena terra di nessuno (o di tutti). Raggiungiamo l'altro lato, ed io sbarco a Tabatinga (Brasile) per timbrare l'entrata; ma, dato che non c'è poi molto da fare, con Monique (francese che va a Manaus), scoperto che la prima barca salperà martedì, prendiamo un taxi e ci facciamo portare a Leticia (Colombia), dove passiamo la serata e la notte stanchi per il viaggio e grati per il letto spartanamente confortevole (Leticia è molto cara, rispetto al resto della Colombia).

Questa cosa di essere in territorio colombiano quasi illegalmente (ufficialmente, noi siamo entrati in Brasile) è strana, ma dato che lo fanno tutti non ci facciamo troppi problemi e andiamo a cena in un buon ristorante; d'altronde, in questo viaggio è la mia unica trasgressione in questa nazione, secondo molti suoi abitanti ancora troppo pericolosa perché un faccia bianca come me vi si aggiri spensieratamente... sarà per la prossima volta... oggi già ritorneremo in territorio brasileiro, abbiamo visto un hotel allo stesso prezzo ma molto molto migliore...

Lascia un tuo commento

Campi
Bottoni

Informazioni

inserito il 14/11/2005
visualizzato: 1937 volte
commentato: 0 volte
totale racconti: 554
totale visualizzazioni: 926172

Cerca nel diario

Cerca tra i racconti di viaggio pubblicati nel diario di bordo:

Ultime destinazioni

Racconti più recenti

Racconti più letti

Racconti più commentati

Ultimi commenti

Tag del diario di bordo

Aguas Calientes Amalfi Amazzonia Ambato Andahuaylillas Angra dos Reis Arequipa Assisi Asunción Baia Mare Balau Lac Bassin Bleu Bassin Zim Bellagio Bishkek Bocas del Toro Bogotà Bologna Bonito Boquete Buenos Aires Buzios Bwindi Cajamarca Camaguey Campeche Campulung Cancun Cannes canyon del Colca Cap-Haïtien Cartagena Cayo Las Brujas Cernobbio Chaa Creek Chapada Diamantina Chiapa de Corzo Chiavari Chichen Itzà Chichicastenango Chiloe Chivay Cienfuegos Città del Guatemala Città del Messico Cluj Napoca Copacabana Copán Copán Ruinas Costa Azzurra Costiera Amalfitana Cuenca Curitiba Cusco Dubai Dukla Dunhuang Dushanbe El Calafate El Chaltén El Tajin Entebbe ExPlus Fan Mountains fiume Pacuare fiume Tambopata Florianopolis Foz do Iguaçu GCC Granada Grand Circle Guayaquil Huamachuco Humenne Igoumenitsa Iguaçu Iguazu Ilha Grande Ingapirca Interlaken Isla Colon Isla del Sol Isla Mujeres Istanbul Jacmel Jaiyuguan JLA Joya de Ceren Kampala Kashgar Khodjent Kibale Koch Kor Kokand Kumkoy La Antigua Guatemala La Havana La Paz lago di Como lago Maggiore lago Nicaragua lago Song-Kol lago Titicaca lago Yojoa lake Mburo Leon Lima Livingston Livorno Londra Lublin Lucca Macerata Machu Picchu Madaba Madrid Managua Manaus Mar Nero Margilon Mérida Mesilla Momostenango Monaco Monte Alban Murchison Falls Mutianyu Nice Nyjrbator Oaxaca Ometepe Omoa Osh Otavalo Pacaya Palenque Panajachel Panamà Papantla Paratì Patagonia Pechino Pelourinho Península Valdés Petra Pisac Port Au Prince Portoferraio Potosì Poza Rica Pucon Puebla Puerto Madryn Puerto Maldonado Puerto Natales Puerto Piramides Puerto Varas Puno Punta Arenas Quetzaltenango Quito Rang Raqchi Ravello Recanati Rio de Janeiro Rio Dulce Riobamba Roma Ruse salar Salvador da Bahia Samarcanda San Agustin San Blas San Cristobal de las Casas San Francisco El Alto San Ignacio San José San Juan San Marcos La Laguna San Pedro San Pedro de Atacama San Pedro La Laguna Santa Barbara Santa Caterina Santa Clara Santa Elena de Monteverde Santa Margherita Ligure Santiago Santiago Atitlan Santiaguito Sarospatak Sary Tash Seno Otway Shobak Sighisoara Sillustani Siloli Sololà Sorrento Stresa Sucre Sud America Sumidero Tambo Machay Targu Mures Tash Rabat Taulabé Tegucigalpa Tiahuanaco Tierra del Fuego Tikal torre di Burana Torres del Paine Transfagarasan Trinidad Trujillo Tucan Travel Turpan Urbino Urumqi Ushuaia Uxmal Uyuni Vaduz Vagabondo Valdivia Valle de Elqui Valle di Fergana Valparaiso Veliko Tarnovo Venezia Viejo Palmar Vila do Abraão Viña del Mar Viñales Vize Wild Frontiers Xian Yambol Zamosc Ziwa Rhino Sanctuary