Sei qui: i miei viaggi » OltreIlGiardino: un giro del mondo in 800 giorni » Fiji » Attendendosi l'inaspettato

Attendendosi l'inaspettato

immagineHo scelto, come compagno di viaggio per le isole Fiji, Douglas Adams, autore della celeberrima (giustamente) "Guida galattica per gli autostoppisti"; e mai scelta si è rivelata più azzeccata: il fu Douglas (defunto qualche anno fa) era infatti un maestro nel comporre trame complicate da continui e bizzarri salti del caso e coincidenze... e a mio parere deve essersi ispirato a queste isole...

Lasciata Suva, dove ho visitato l'interessante Museo nazionale e ho gironzolato per mercati e mercatini (e mi son gustato in anteprima il film "The Incredibles", appena uscito e che vivamente consiglio per qualità artistica et trama), ho raggiunto l'isola di Oviuni per visitare l'antica capitale Levuka e, soprattutto, per immergermi nel famoso Wakaya Passage, a quanto pare pieno di squali e pesci martello (anch'essi squali!), saltando di bus in barca pericolante e di nuovo in furgoncino. All'arrivo, scopro che non ci sono operazioni subacquee causa tempo atmosferico inclemente, e che il posto sarà tendenzialmente morto per un giorno e mezzo essendo sabato pomeriggio... tempo di collegare due neuroni, chiedere due info e (dopo due ore dal mio arrivo) prendo un barcozzo che per 20 cucuzze mi porta a Caqelai (pronunciato Fangalai, e non chiedetemi perché).

Caqelai: isolette che con la bassa marea ci metti 20 minuti a girarle intorno, popolata da circa 20 locali e, mediamente, una decina di stranieri. Il P A R A D I S O in terra, oserei dire: 35 dollari per una buon letto con rete antizanze e fiori ogni dì sul cuscino, 3 pasti e tè del pomeriggio, e sessioni musicali di kava nelle serate. Oltre a questo, tanto snorkelling sui coralli circostanti, partite di pallavolo e molte chiacchiere con gli altri naufraghi. Insomma, ci ho fatto la firma per 3 giorni.

Poi, ovviamente, son ripartito (e vi pare che mi possa fermare in Paradiso?). Barcozzo, autostop per 5 km, e poi bus fino alla parte nord di Viti Levu, all'altezza di RakiRaki, dove ho preso un'altra barchetta per l'isola di Nananu-i-ra. Questa anche è molto bella (per la 4a volta reincontro Simon, inglese conosciuto a Pacific Harbour, e della cui parlantina amichevolmente mi son rotto i maroni!), ma leggermente più affollata, essendo una delle soste prestabilite per la "FeeJee Experience", bus verde che carica sciamannati disposti a pagare 240 sacchi e li porta in torno all'isola di Viti Levu facendogli assaporare un pò dell'isola (seeee...). Vi passo 3 giorni, aspettando inutilmente un traghetto (cancellato) per Vanua Levu, spargendo con malcelata malizia la voce che il 15 è il mio compleanno (niente sconti, ma un pò di gente che mi ha fatto gli auguri, comprese le cuoche del posto), e egttandomi di continuo in snorkellate sulla barriera e escursioni in kayak (ovviamente, a disposizione gratuita). La musica che si sparge dall'edificio centrale è abbastanza assordante durante il giorno, ma è sufficiente allontanarsi qualche centinaia di metri, o anche raggiungere una delle amache sulla spiaggia, per ritrovare la pace.
Per i curiosi: i regali di compleanno sono stati 3 pesci che non avevo mai visto prima (un pesce angelo giovane a strisce blue ed azzurre, un pesce palla dalla pancia giallastra/arancione, ed un piccolo barramundi che pareva un pierrot con le frange), una fetta di dolce al cioccolato in più (dalle cuoche) e la luna sulla risacca delle onde...

Venerdì, mi son stufato di aspettare, e son tornato sulla terraferma (anche perché, sull'isola, internet costava 50 cent al minuto -!- e per telefonate anche locali caricavano 3 dollaroni giusto per simpatia) a RakiRaki, dove telefonando a Suva ho scoperto che il traghetto da qui era stato cancellato e che ce n'era uno in partenza nel tardo pomeriggio; salto al volo sul primo bus che passa, raggiungo Suva mezz'ora prima della partenza del traghetto, acquisto il biglietto e salgo (o scendo) nell'inferno: nonostante l'aria condizionata, e la tv che mostrava alcuni film di medio valore, l'enorme accumulo di sudore umano e di rumori infantili e senili mi ha fatto sentire in una bolgia dantesca; il traghetto, un mezzo scassone grco che non so cosa ci faccia alle Fiji, sbuffando ha arrancato lentamente per una notte intera fino a SavuSavu in Vanua Levu, dove ha sbarcato un pò di mercanzia (e me per due ore, nel frattempo) e da dove è ripartito alla volta dell'isola di Taveuni verso le 10 del mattino del sabato... arrivo in Taveuni, 4 ore dopo.

Commenti

Il giorno 24/12/2004, Renato ha scritto...
Buon Natale giramondo!

Lascia un tuo commento

Campi
Bottoni

Informazioni

inserito il 17/12/2004
visualizzato: 2135 volte
commentato: 1 volta
totale racconti: 554
totale visualizzazioni: 925169

Cerca nel diario

Cerca tra i racconti di viaggio pubblicati nel diario di bordo:

Ultime destinazioni

Racconti più recenti

Racconti più letti

Racconti più commentati

Ultimi commenti

Tag del diario di bordo

Aguas Calientes Amalfi Amazzonia Ambato Andahuaylillas Angra dos Reis Arequipa Assisi Asunción Baia Mare Balau Lac Bassin Bleu Bassin Zim Bellagio Bishkek Bocas del Toro Bogotà Bologna Bonito Boquete Buenos Aires Buzios Bwindi Cajamarca Camaguey Campeche Campulung Cancun Cannes canyon del Colca Cap-Haïtien Cartagena Cayo Las Brujas Cernobbio Chaa Creek Chapada Diamantina Chiapa de Corzo Chiavari Chichen Itzà Chichicastenango Chiloe Chivay Cienfuegos Città del Guatemala Città del Messico Cluj Napoca Copacabana Copán Copán Ruinas Costa Azzurra Costiera Amalfitana Cuenca Curitiba Cusco Dubai Dukla Dunhuang Dushanbe El Calafate El Chaltén El Tajin Entebbe ExPlus Fan Mountains fiume Pacuare fiume Tambopata Florianopolis Foz do Iguaçu GCC Granada Grand Circle Guayaquil Huamachuco Humenne Igoumenitsa Iguaçu Iguazu Ilha Grande Ingapirca Interlaken Isla Colon Isla del Sol Isla Mujeres Istanbul Jacmel Jaiyuguan JLA Joya de Ceren Kampala Kashgar Khodjent Kibale Koch Kor Kokand Kumkoy La Antigua Guatemala La Havana La Paz lago di Como lago Maggiore lago Nicaragua lago Song-Kol lago Titicaca lago Yojoa lake Mburo Leon Lima Livingston Livorno Londra Lublin Lucca Macerata Machu Picchu Madaba Madrid Managua Manaus Mar Nero Margilon Mérida Mesilla Momostenango Monaco Monte Alban Murchison Falls Mutianyu Nice Nyjrbator Oaxaca Ometepe Omoa Osh Otavalo Pacaya Palenque Panajachel Panamà Papantla Paratì Patagonia Pechino Pelourinho Península Valdés Petra Pisac Port Au Prince Portoferraio Potosì Poza Rica Pucon Puebla Puerto Madryn Puerto Maldonado Puerto Natales Puerto Piramides Puerto Varas Puno Punta Arenas Quetzaltenango Quito Rang Raqchi Ravello Recanati Rio de Janeiro Rio Dulce Riobamba Roma Ruse salar Salvador da Bahia Samarcanda San Agustin San Blas San Cristobal de las Casas San Francisco El Alto San Ignacio San José San Juan San Marcos La Laguna San Pedro San Pedro de Atacama San Pedro La Laguna Santa Barbara Santa Caterina Santa Clara Santa Elena de Monteverde Santa Margherita Ligure Santiago Santiago Atitlan Santiaguito Sarospatak Sary Tash Seno Otway Shobak Sighisoara Sillustani Siloli Sololà Sorrento Stresa Sucre Sud America Sumidero Tambo Machay Targu Mures Tash Rabat Taulabé Tegucigalpa Tiahuanaco Tierra del Fuego Tikal torre di Burana Torres del Paine Transfagarasan Trinidad Trujillo Tucan Travel Turpan Urbino Urumqi Ushuaia Uxmal Uyuni Vaduz Vagabondo Valdivia Valle de Elqui Valle di Fergana Valparaiso Veliko Tarnovo Venezia Viejo Palmar Vila do Abraão Viña del Mar Viñales Vize Wild Frontiers Xian Yambol Zamosc Ziwa Rhino Sanctuary