Sei qui: i miei viaggi » OltreIlGiardino: un giro del mondo in 800 giorni » Ecuador » Galapagos #4: innamorarsi di Isabella

Galapagos #4: innamorarsi di Isabella

immagineUna lancia rapida taglia le onde di un mare incavolato, e mi porta alla terza isola popolata dell'arcipelago: Isabella.

Il cambiamento è impressionante: pochi abitanti, niente del traffico che sembra così fuori luogo a Santa Cruz, sabbia spalmata sul terreno al posto dell'asfalto che sembra quasi la neve che vedi quando torni a casa la sera d'inverno ed è appena caduta... tranquillità è la parola corretta da usare per questo luogo.
Trovo ospitalità al San Vicente (raccomandatoi da molti, ed a ragione!), poi comincio ad informarmi un pò in giro perché altro da fare non c'è essendo già calata la notte (il tentativo di vedere i fenicotteri nella piccola laguna al centro del villaggio di Puerto Villamil è coronato da parziale successo, in quanto i fenicotteri si intravedono ma di luce ce n'è quasi niente).

L'indomani, schivando la proposta di don Alfonso (proprietario del San Vicente) di effettuare lo stesso tour con due altri italiani danarosi, mi incammino per una strada sterrata che costeggiando il mare attraversa alcune delle lagune per cui l'isola è nota, una serie di spiaggette deliziose in cui iguane grosse come piccoli cani si aggrappano al calore delle loro rocce mentre uccelli di varie specie si danno il cambio nella fruttuosa attività peschera, e giunge infine ad un modesto belvedere ed all'inutile "muro de las lagrimas", costruito a secco dai prigionieri della colonia penale che un tempo era l'unico avamposto umano sull'isola. Incontro alcuni degli altri ospiti dell'ostello, poi ritorno sui miei passi (la camminata è lunga, son 12 chilometri sotto il sole + tutte le deviazioni...) e, dopo aver mangiato in un ristorantino simpatico lungo la strada, vado fino alla laguna "concha de perla", nelle cui fresche acque mi immergo... ottima scelta, tra i tanti incontri trovo un leone marino giovincello con tanta voglia di giocare e una razza enorme stesa sul fondo a riposare.

Esco presto, perché vado al molo ad accogliere i 5 amici spagnoli di Santa Cruz che arrivano con la lancia del tardo pomeriggio. Li accompagno all'ostello, dove Pablo si posiziona in uno dei due letti ancora vuoti nella mia stanza, e poi andiamo a cercare fenicotteri (niente da fare, non sono ancora arrivati per la notte) e a cenare a base di "tortillas" di mais e "bolones" di banana verde.

Il giorno seguente, escursione ai vulcani: Isabella è formata dall'unione di una serie di vulcani, più o meno attivi, un pò come l'Isola di Pasqua; da Puerto Villamil, con altre 10 persone saliamo in fuoristrada e poi a cavallo fino al bordo del cratere del Serro Negro, per poi deviare a destra per il Serro Chiquo. Le colate di lava sono impressionanti, sovrapponendosi in vari punti zone più antiche e recenti (geologicamente parlando) fiumi che sembrano capaci di spazzare via tutto. Richard, la guida, è ben informato sulle caratteristiche della zona, e sebbene in modo leggermente scanzonato ci fa scoprire meraviglie della Natura. Quando torniamo, solo i sederi doloranti per le ore passate in sella non ci fanno rimpiangere di essere rimasti più a lungo in vetta...

Serata tranquilla, tutti sono stanchi, e le docce calde del San Vicente sono un toccasana.

La domenica, cerchiamo di autorganizzarci un barbeque per la serata; come al solito, io sto nel gruppo sbagliato (quello degli organizzatori), quindi riusciamo a metterci in moto solo verso le undici per andare a visitare le lagune e le spiagge che i miei amici non conoscono; siamo fortunati, peró, e vediamo un paio di tartarughe marine in fase di accoppiamento in mezzo alle onde (e non parlatemi più di quei dilettanti che lo fanno in autostrada a 160 all'ora!), oltre alle solite centinaia di iguane e uccelli vari.

Il pomeriggio è dedicato a squali e pinguini: giusto di fronte a Puerto Villamil, su una serie di isolotti raggiungibili con una piccola imbarcazione (ma attenzione: bisogna schivare i sovrapprezzi!), si possono esplorare un canale dove le "tintoreras" (squaletti dalla pinna a punta bianca) vanno a riposare, e alcune rocce dove i pinguini galapaghensi ponderano sulle loro prossime prede marine... la biodiversità di queste isole non smette di stupirci!

Un leone marino e due razze accompagnano il nostro ritorno in baia, c'è giusto il tempo di andare a visitare il centro di allevamento delle tartarughe (per ogni vulcano, una specie differente), con la fortuna di vedere 6 fenicotteri rosa spumeggiante durante il ritorno... Poi, fiesta: il fuoco viene acceso nel barbeque della casa di Richard, la carne ed il pesce prendono i loro rispettivi posti, e le bibite scendono per i gargarozzi... musica, maestro (ché domani dobbiamo lasciare quest'oasi)!

Lascia un tuo commento

Campi
Bottoni

Informazioni

inserito il 03/10/2005
visualizzato: 2209 volte
commentato: 0 volte
totale racconti: 554
totale visualizzazioni: 911502

Cerca nel diario

Cerca tra i racconti di viaggio pubblicati nel diario di bordo:

Ultime destinazioni

Racconti più recenti

Racconti più letti

Racconti più commentati

Ultimi commenti

Tag del diario di bordo

Aguas Calientes Amalfi Amazzonia Ambato Andahuaylillas Angra dos Reis Arequipa Assisi Asunción Baia Mare Balau Lac Bassin Bleu Bassin Zim Bellagio Bishkek Bocas del Toro Bogotà Bologna Bonito Boquete Buenos Aires Buzios Bwindi Cajamarca Camaguey Campeche Campulung Cancun Cannes canyon del Colca Cap-Haïtien Cartagena Cayo Las Brujas Cernobbio Chaa Creek Chapada Diamantina Chiapa de Corzo Chiavari Chichen Itzà Chichicastenango Chiloe Chivay Cienfuegos Città del Guatemala Città del Messico Cluj Napoca Copacabana Copán Copán Ruinas Costa Azzurra Costiera Amalfitana Cuenca Curitiba Cusco Dubai Dukla Dunhuang Dushanbe El Calafate El Chaltén El Tajin Entebbe ExPlus Fan Mountains fiume Pacuare fiume Tambopata Florianopolis Foz do Iguaçu GCC Granada Grand Circle Guayaquil Huamachuco Humenne Igoumenitsa Iguaçu Iguazu Ilha Grande Ingapirca Interlaken Isla Colon Isla del Sol Isla Mujeres Istanbul Jacmel Jaiyuguan JLA Joya de Ceren Kampala Kashgar Khodjent Kibale Koch Kor Kokand Kumkoy La Antigua Guatemala La Havana La Paz lago di Como lago Maggiore lago Nicaragua lago Song-Kol lago Titicaca lago Yojoa lake Mburo Leon Lima Livingston Livorno Londra Lublin Lucca Macerata Machu Picchu Madaba Madrid Managua Manaus Mar Nero Margilon Mérida Mesilla Momostenango Monaco Monte Alban Murchison Falls Mutianyu Nice Nyjrbator Oaxaca Ometepe Omoa Osh Otavalo Pacaya Palenque Panajachel Panamà Papantla Paratì Patagonia Pechino Pelourinho Península Valdés Petra Pisac Port Au Prince Portoferraio Potosì Poza Rica Pucon Puebla Puerto Madryn Puerto Maldonado Puerto Natales Puerto Piramides Puerto Varas Puno Punta Arenas Quetzaltenango Quito Rang Raqchi Ravello Recanati Rio de Janeiro Rio Dulce Riobamba Roma Ruse salar Salvador da Bahia Samarcanda San Agustin San Blas San Cristobal de las Casas San Francisco El Alto San Ignacio San José San Juan San Marcos La Laguna San Pedro San Pedro de Atacama San Pedro La Laguna Santa Barbara Santa Caterina Santa Clara Santa Elena de Monteverde Santa Margherita Ligure Santiago Santiago Atitlan Santiaguito Sarospatak Sary Tash Seno Otway Shobak Sighisoara Sillustani Siloli Sololà Sorrento Stresa Sucre Sud America Sumidero Tambo Machay Targu Mures Tash Rabat Taulabé Tegucigalpa Tiahuanaco Tierra del Fuego Tikal torre di Burana Torres del Paine Transfagarasan Trinidad Trujillo Tucan Travel Turpan Urbino Urumqi Ushuaia Uxmal Uyuni Vaduz Vagabondo Valdivia Valle de Elqui Valle di Fergana Valparaiso Veliko Tarnovo Venezia Viejo Palmar Vila do Abraão Viña del Mar Viñales Vize Wild Frontiers Xian Yambol Zamosc Ziwa Rhino Sanctuary