Sei qui: i miei viaggi » OltreIlGiardino: un giro del mondo in 800 giorni » Perù » IncaRail, ovvero Machupicchu per un pugno di soles

IncaRail, ovvero Machupicchu per un pugno di soles

immagineÈ il 1911, fine luglio. Hiram Bingham, studioso dell'Università di Yale, guidato da un contadino locale, scopre la città Inca di Machupicchu. Nascosta da una fiorente vegetazione, la "cittadella perduta" arroccata in cima ai monti appare subito come uno dei più importanti ritrovamenti archeologici del secolo.
Non passa troppo tempo prima che le sue potenzialità turistiche diventino ben chiare, e che decine se non centinaia di agenzie inizino ad organizzare escursioni al sito.
Il cosiddetto "Inca Trail", o Cammino dell'Inca, una scarpinata di 4 giorni (che i locali, durante la loro annuale maratona, fanno in poco più di 4 ore!) che conduce fino all'IntiPunku, la "Porta del Sole" che svorasta il sito, diventa uno dei percorsi di trekking più noti e, recentemente, costosi del mondo. Come alternativa, la società statounitense (dall'ingannevole nome "PeruRail") acquista per vari decenni i diritti di sfruttamento della ferrovia che raggiunge Aguas Calientes, il villaggio che si trova a 400 metri sotto Machupicchu, e comincia ad applicare tariffe che fanno arrossire i portafogli (l'ultimo convoglio realizzato costa più di 400 US$ a persona!).

Thomas (un ragazzo di Bressanone, incontrato casualmente lungo il cammino) ed io decidiamo che riempire le tasche degli stranieri non è il nostro obbiettivo (e il fatto che i trekking, a causa del limite di ingressi giornalieri, siano prenotati fino ad agosto certo ci conforta nella nostra decisione); perciò, inventiamo l'IncaRail, ovvero il percorso economico per visitare Machupicchu:
- bus da Cusco fino a Santa Maria (direzione: Quillabamba), per 15 soles; potendo, sarebbe meglio prenderlo la sera, per arrivare presto al mattino e trovare subito una coincidenza)
- camion (è il trasporto pubblico) da Santa Maria a Santa Teresa, due ore circa a 5 soles; noi abbiamo conosciuto Lucio, il fabbro di Santa Teresa, persona simpaticissima con la quale abbiamo aspettato per 4 ore il mezzo di trasporto discorrendo del più e del meno (e pure dei film di Karate Kid, che mi hanno dato l'appellativo di Daniel-san!)
- a Santa Teresa, se necessario, si trova ospitalità per 5 soles, e si cena o pranza per altri 3 soles (Lucio ci invita a fare colazione a casa sua, e ci offre pure un pò di chicha, per ringraziarci di averlo aiutato a trasportare i sacchi di carbone); inoltre, a 30 minuti di cammino, ci sono due piscine con acque termali che sono di una limpidezza e delizia uniche
- da Santa Teresa, camminata di 20 minuti (con attraversamento in teleferica del fiume che 7 anni fa ha spazzato via il vecchio abitato) fino alla fermata del "carro" pubblico (litigare per pagare il biglietto normale, e non quello "turistico": se infatti bisogna stare ammassati con tutti gli altri passeggeri, perché pagare di più?): mezz'ora di viaggio, 2 soles
- dal capolinea, la stazione idroelettrica, si prende un trenino per 5 soles (l'unica possibilità di pagare una tariffa umana in tutta la linea!) fino ad Aguas Calientes
- ad Aguas Calientes, un "hospedaje" di qualità discreta costa 10-15 soles, e un'ottima cena 8 soles (consiglio: ristorante pizzeria Casa Andina, nulla a che vedere con l'omonimo costosissimo hotel); sconsigliabili le terme, piccole e sporche di fango e sudore turistico

Al mattino presto, 4 e 30 circa, si parte a piedi per un'oretta di scarpinata fino all'ingresso della cittadella, dove un costosissimo biglietto (77 soles!, a meno che non si abbia una tessera studentesca internazionale) permette di entrare. L'ora così inusuale permette di evitare le torme di turisti danarosi, che di solito arrivano con i treni del mattino; la vista della cittadella, così vuota di esseri umani e piena di rovine, è stupenda, nelle prime luci dell'alba. Qualche scatto, e poi saliamo lungo il Cammino Inca fino all'IntiPunku, da dove i trekker se ne sono già scesi (che polli!) e si può osservare la luce del sole che scende sulle montagne e raggiunge le rovine.
Poi, l'itinerario ottimizzato ci porta a visitare i templi, le case, le fontane, tutte le scalinate che ti portano ai vari livelli, le pietre magiche e quelle semplicemente orientate secondo i punti cardinali, fino ad iniziare alle ore 11:45 (sono già quasi sei ore che siamo lì, ma senza stanchezza) la visita del Huaynapicchu: ascesa scoscesa per panorami mozzafiato della valle e della cittadella, pranzo al sacco in vetta, e poi discesa ruzzolante per raggiungere il cosiddetto Tempio della Luna (in verità, non indispensabile: si tratta di due grotte con qualche costruzione intorno). Di nuovo su fino a Machupicchu, camminata fino al cosiddetto "Ponte Levatoio", in realtà fatto di tronchi che venivano ritirati in caso di pericolo, e poi ricerca di un punto tranquillo da cui godersi il tramonto, quando i turisti se ne sono già andati e rimangono solo i custodi e le ombre a farti compagnia.

Al mattino dopo, partenza alle 6 e 30 lungo la linea ferrata. Su quello scomodo pietrisco camminiamo per 5 ore, percorrendo 28 chilometri con qualche pausa, guardando le pendici della vallata colorarsi con il sole e schivando i treni che arrivano fischiando col loro carico umano preceduti da piccoli vagoncini ululanti in perlustrazione; incontriamo qualche contadino, alcuni dei portatori che trasportano gli zaini dei turisti per l'ultimo tratto del Cammino, un paio di mucche e nient'altro. Una famigliola ci da gentilmente un passaggio in macchina dal chilometro 82 fino ad Ollantaytambo, dove ci fermiamo per aspettare la festa di domani: l'OllantaRaymi.

(questo racconto è dedicato alla memoria di Vittorio Gonella, grande appassionato di montagna e che aveva, con un viaggio fatto a Machupicchu con il figlio Luca, mio ex-capocompagnia scout, ispirato questo sogno)

Commenti

Il giorno 30/06/2005, Massielena ha scritto...
Bello il resoconto "tecnico" della visità; ora la curiosità mia personale è capire quali emozioni hai provato; quali sentimenti di fronte a una meraviglia così grande................
Il giorno 02/07/2005, Daniele ha scritto...
Gli inca si salutavano cosí: "Ama suwa, ama llulla, ama qella" (non rubare, non mentire, non oziare). La risposta di rigore era "Qhampas hinallataq" (lo stesso desiderio per te)... saggi o no?
Il giorno 04/07/2005, Chiara ha scritto...
A giusta riprova che non leggiamo passivamente i tuoi messaggi mi permetto di correggerti... Luca non era andato in Perù con il suo babbo, ma con amici.
Il giorno 04/07/2005, Daniele ha scritto...
A quanto mi consta, invece, Luca Machupicchu l'aveva visitato con il suo babbo... così non fosse, la dedica rimane :-P
Il giorno 06/07/2005, Daniele ha scritto...
Che si prova visitando Machupicchu?
Domanda interessante... nel mio caso, la risposta é ardua. Credo che, avendo a differenza di quasi tutti visto altre decine di rovine inca e non inca prima, non mi abbia stupito troppo la grandiositá della struttura in un luogo cosí inconsueto... quello che mi ha lasciato di piú é un senso di serenitá, che ho assaporato specialmente prima del tramonto, quando - spariti i turisti - mi son seduto su una delle pietre dell'incompleto Templo de Las Tres Ventanas ed ho guardato i monti lontani, appunto da una delle 3 finestre: l'erba della piazza era verde, l'albero aveva le sue foglie, le pietre erano incastrate perfettamente, gli uccelli si libravano veloci e caciaroni nelle ultime correnti intiepidite dal sole... tutto, insomma, sembrava al suo posto, io pure...

Lascia un tuo commento

Campi
Bottoni

Informazioni

inserito il 28/06/2005
visualizzato: 2114 volte
commentato: 5 volte
totale racconti: 554
totale visualizzazioni: 925302

Cerca nel diario

Cerca tra i racconti di viaggio pubblicati nel diario di bordo:

Ultime destinazioni

Racconti più recenti

Racconti più letti

Racconti più commentati

Ultimi commenti

Tag del diario di bordo

Aguas Calientes Amalfi Amazzonia Ambato Andahuaylillas Angra dos Reis Arequipa Assisi Asunción Baia Mare Balau Lac Bassin Bleu Bassin Zim Bellagio Bishkek Bocas del Toro Bogotà Bologna Bonito Boquete Buenos Aires Buzios Bwindi Cajamarca Camaguey Campeche Campulung Cancun Cannes canyon del Colca Cap-Haïtien Cartagena Cayo Las Brujas Cernobbio Chaa Creek Chapada Diamantina Chiapa de Corzo Chiavari Chichen Itzà Chichicastenango Chiloe Chivay Cienfuegos Città del Guatemala Città del Messico Cluj Napoca Copacabana Copán Copán Ruinas Costa Azzurra Costiera Amalfitana Cuenca Curitiba Cusco Dubai Dukla Dunhuang Dushanbe El Calafate El Chaltén El Tajin Entebbe ExPlus Fan Mountains fiume Pacuare fiume Tambopata Florianopolis Foz do Iguaçu GCC Granada Grand Circle Guayaquil Huamachuco Humenne Igoumenitsa Iguaçu Iguazu Ilha Grande Ingapirca Interlaken Isla Colon Isla del Sol Isla Mujeres Istanbul Jacmel Jaiyuguan JLA Joya de Ceren Kampala Kashgar Khodjent Kibale Koch Kor Kokand Kumkoy La Antigua Guatemala La Havana La Paz lago di Como lago Maggiore lago Nicaragua lago Song-Kol lago Titicaca lago Yojoa lake Mburo Leon Lima Livingston Livorno Londra Lublin Lucca Macerata Machu Picchu Madaba Madrid Managua Manaus Mar Nero Margilon Mérida Mesilla Momostenango Monaco Monte Alban Murchison Falls Mutianyu Nice Nyjrbator Oaxaca Ometepe Omoa Osh Otavalo Pacaya Palenque Panajachel Panamà Papantla Paratì Patagonia Pechino Pelourinho Península Valdés Petra Pisac Port Au Prince Portoferraio Potosì Poza Rica Pucon Puebla Puerto Madryn Puerto Maldonado Puerto Natales Puerto Piramides Puerto Varas Puno Punta Arenas Quetzaltenango Quito Rang Raqchi Ravello Recanati Rio de Janeiro Rio Dulce Riobamba Roma Ruse salar Salvador da Bahia Samarcanda San Agustin San Blas San Cristobal de las Casas San Francisco El Alto San Ignacio San José San Juan San Marcos La Laguna San Pedro San Pedro de Atacama San Pedro La Laguna Santa Barbara Santa Caterina Santa Clara Santa Elena de Monteverde Santa Margherita Ligure Santiago Santiago Atitlan Santiaguito Sarospatak Sary Tash Seno Otway Shobak Sighisoara Sillustani Siloli Sololà Sorrento Stresa Sucre Sud America Sumidero Tambo Machay Targu Mures Tash Rabat Taulabé Tegucigalpa Tiahuanaco Tierra del Fuego Tikal torre di Burana Torres del Paine Transfagarasan Trinidad Trujillo Tucan Travel Turpan Urbino Urumqi Ushuaia Uxmal Uyuni Vaduz Vagabondo Valdivia Valle de Elqui Valle di Fergana Valparaiso Veliko Tarnovo Venezia Viejo Palmar Vila do Abraão Viña del Mar Viñales Vize Wild Frontiers Xian Yambol Zamosc Ziwa Rhino Sanctuary