Sei qui: i miei viaggi » OltreIlGiardino: un giro del mondo in 800 giorni » Perù » Il piano di Al Paca (ed altre storie peruviane)

Il piano di Al Paca (ed altre storie peruviane)

immagineLa famiglia Mercado (membri SERVAS), che mi ha ospitato per alcuni giorni ad Arequipa, non è stata solo molto cortese e disponibile: Ludwig e - specialmente - Jorge, due dei figli che assieme alla madre gestiscono una buona agenzia turistica, sono una inesauribile fonte di racconti e storie del Perù di oggi e di ieri...

Il piano di Al Paca
La rivalità tra i paesi sudamericani e quella che viene vista come la pecora nera (il Cile) è nota. In particolare, il Perù, che non ha mai smesso di leccarsi le ferite delle sconfitte subite in guerra, un pò per colpa sua ed un pò per colpa dei suoi sprovveduti alleati (Bolivia in testa), continua a vivere sotto la fantomatica minaccia di una invasione che sarebbe lì lì per avvenire. Narrano le voci di corridoio che i militari cileni studino e mettano continuamente a punto il cosiddetto piano Alpaca, che prevede la dissoluzione della società boliviana per conquistare un paese strategico nel cuore del subcontinente; le recenti crisi boliviane sarebbero solo uno l'ultimo esempio di questo tentativo di destabilizzazione, ideato durante la dittatura Pinochet ma appoggiato da tutti i governi seguenti. Paranoia? Mah, è cosa nota agli stessi boliviani che il loro desiderio di marciare e protestare ce l'hanno scritto nel DNA, e l'instabilità è sempre stata una caratteristica dei governi che si sono succeduti nelle terre riconquistate agli spagnoli; ed è interessante notare come i cileni vivano invece nel terrore più o meno apparente di essere attaccati da tutti coloro che li circondano, spesso senza calcolare che costoro non hanno i soldi (o gli appoggi) per armarsi a sufficienza... Ovviamente, esiste anche un ipotetico piano Tridente, che porterebbe alla conquista della linea costiera peruviana ed all'impedimento dei liberi commerci e trasporti... ed indovinate chi lo metterebbe in atto?!

I tre santi del Perù
Oltre ai due ordinati dalla Chiesa cattolica, ce n'è un terzo, forse il santo più odiato al mondo: si tratta di San Fujimori, o meglio Fujimori-san, ex-presidente peruviano di origine giapponese. Dopo essere stato eletto a furor di popolo, promettendo riforme che non avrebbero leso gli interessi vitali di nessuno, ha mandato sul lastrico decine di migliaia di persone, che da un giorno all'altro si son trovate con i soldi che avevano in tasca ridotti enormemente di valore. Accusato di corruzione e malversazione, si è ricordato di avere doppia nazionalità e si è rifugiato in Giappone, da dove continua a proclamare la sua innocenza; nel frattempo i peruviani, che lo aspettano per dimostrargli con una accoglienza speciale tutta la loro riconoscenza, lo hanno già rinominato "Fujitivo".

L'alba di un nuovo sole ed i lavori invisibili
L'enorme inflazione che ha colpito nel recente passato il Perù (mi han parlato di un 10000 %!) ha causato diverse svalutazioni della moneta nazionale. Il Sol ha cambiato nome, diventando prima Inti (sole in lingua Inca) e poi Nuovo Sol, senza mutare troppo di forma. L'ultima svalutazione, peró, è stata quella più terribile, quando la gente si è ritrovata in tasca i soldi che prima bastavano per due settimane per una famiglia trasformati come per magia (bianca o nera che sia) nel prezzo di una colazione... frotte di persone piangevano letteralmente nelle strade, non sapendo più cosa fare... poi, l'inventiva peruviana si rimise in moto, e iniziarono a sorgere tanti lavori a cui prima nessuno aveva pensato: ora, ad ogni angolo delle strade signore vendono noccioline e popcorn, bibite e cioccolatini, mentre i loro mariti si aggirano sui marciapiedi vendendo minipacchetti di sigarette; piccoli artigiani si sono ritagliati, in spazi di 3 o 4 metri cubi, negozietti di sartoria e calzoleria, dove si aggiusta di tutto per poche monete; procacciatori di posti sugli autobus attendono i viaggiatori ai terminali, cercando di piazzare fino all'ultimo sedile disponibile a volte a prezzi ridotti rispetto a quelli "ufficiali" (raramente veritieri) disponibili al banco delle compagnie di trasporti... e la lista prosegue...

Lascia un tuo commento

Campi
Bottoni

Informazioni

inserito il 18/06/2005
visualizzato: 2013 volte
commentato: 0 volte
totale racconti: 554
totale visualizzazioni: 926313

Cerca nel diario

Cerca tra i racconti di viaggio pubblicati nel diario di bordo:

Ultime destinazioni

Racconti più recenti

Racconti più letti

Racconti più commentati

Ultimi commenti

Tag del diario di bordo

Aguas Calientes Amalfi Amazzonia Ambato Andahuaylillas Angra dos Reis Arequipa Assisi Asunción Baia Mare Balau Lac Bassin Bleu Bassin Zim Bellagio Bishkek Bocas del Toro Bogotà Bologna Bonito Boquete Buenos Aires Buzios Bwindi Cajamarca Camaguey Campeche Campulung Cancun Cannes canyon del Colca Cap-Haïtien Cartagena Cayo Las Brujas Cernobbio Chaa Creek Chapada Diamantina Chiapa de Corzo Chiavari Chichen Itzà Chichicastenango Chiloe Chivay Cienfuegos Città del Guatemala Città del Messico Cluj Napoca Copacabana Copán Copán Ruinas Costa Azzurra Costiera Amalfitana Cuenca Curitiba Cusco Dubai Dukla Dunhuang Dushanbe El Calafate El Chaltén El Tajin Entebbe ExPlus Fan Mountains fiume Pacuare fiume Tambopata Florianopolis Foz do Iguaçu GCC Granada Grand Circle Guayaquil Huamachuco Humenne Igoumenitsa Iguaçu Iguazu Ilha Grande Ingapirca Interlaken Isla Colon Isla del Sol Isla Mujeres Istanbul Jacmel Jaiyuguan JLA Joya de Ceren Kampala Kashgar Khodjent Kibale Koch Kor Kokand Kumkoy La Antigua Guatemala La Havana La Paz lago di Como lago Maggiore lago Nicaragua lago Song-Kol lago Titicaca lago Yojoa lake Mburo Leon Lima Livingston Livorno Londra Lublin Lucca Macerata Machu Picchu Madaba Madrid Managua Manaus Mar Nero Margilon Mérida Mesilla Momostenango Monaco Monte Alban Murchison Falls Mutianyu Nice Nyjrbator Oaxaca Ometepe Omoa Osh Otavalo Pacaya Palenque Panajachel Panamà Papantla Paratì Patagonia Pechino Pelourinho Península Valdés Petra Pisac Port Au Prince Portoferraio Potosì Poza Rica Pucon Puebla Puerto Madryn Puerto Maldonado Puerto Natales Puerto Piramides Puerto Varas Puno Punta Arenas Quetzaltenango Quito Rang Raqchi Ravello Recanati Rio de Janeiro Rio Dulce Riobamba Roma Ruse salar Salvador da Bahia Samarcanda San Agustin San Blas San Cristobal de las Casas San Francisco El Alto San Ignacio San José San Juan San Marcos La Laguna San Pedro San Pedro de Atacama San Pedro La Laguna Santa Barbara Santa Caterina Santa Clara Santa Elena de Monteverde Santa Margherita Ligure Santiago Santiago Atitlan Santiaguito Sarospatak Sary Tash Seno Otway Shobak Sighisoara Sillustani Siloli Sololà Sorrento Stresa Sucre Sud America Sumidero Tambo Machay Targu Mures Tash Rabat Taulabé Tegucigalpa Tiahuanaco Tierra del Fuego Tikal torre di Burana Torres del Paine Transfagarasan Trinidad Trujillo Tucan Travel Turpan Urbino Urumqi Ushuaia Uxmal Uyuni Vaduz Vagabondo Valdivia Valle de Elqui Valle di Fergana Valparaiso Veliko Tarnovo Venezia Viejo Palmar Vila do Abraão Viña del Mar Viñales Vize Wild Frontiers Xian Yambol Zamosc Ziwa Rhino Sanctuary