Sei qui: i miei viaggi » OltreIlGiardino: un giro del mondo in 800 giorni » Hong Kong » 12 ore in aeroporto, ed una tastiera disponibile..

12 ore in aeroporto, ed una tastiera disponibile..

immagine.. Quindi, vi racconto quello che ho fatto negli ultimi giorni.

Dopo un finesettimana passato in montagna ad Otaru, con qualche (pochi) esperantisti più o meno navigati e qualche apprendista (stregone!), sono partito lunedì con Naoto per visitare l'Hokkaido orientale.

Prima tappa: la zona del lago Akan. Raggiunto con una macchinata lunga ma non faticosa (la lunghezza dipende dai limiti di velocità nipponici, assai bassi), e con una sosta lungo le rive del lago Onetto (detto 'dei 5 colorì, anche se purtroppo bisogna passarvi un'intera giornata per vedere gli altri 4!) abbiamo subito visitato il museo locale di ecologia e cultura, dove ho potuto osservare in vasca le "marimo", alghe appallottolate che crescono in circa duecento fino a raggiungere le dimensioni di una palla da baseball (per i trekker: stessa cosa dei "triboli"). Il museo in sé, gratuito, è ben fatto, anche se non tradotto. Camminata sotto una fine pioggerella fino a delle pozze fangose gassose, e poi ricerca veloce di un "minshuku" (locanda a gestione famigliare) per la notte. Cerchiamo un posto dove cenare, ma sono ancora chiusi, e quindi girovaghiamo un po'... finché uno apre, e non ci infiliamo dentro... è costosetto, e Naoto spende un desio in sake, e ne beve talmente tanto da altezzarsi e così tocca a me pagare il conto (iiih, più di 4000 yen... vabbé, gli dovevo qualche pasto...); andiamo poi a vederci la messa in scena di una leggenda Ainu, uno spettacolo sufficientemente interessante e colorato rispetto al resto del villaggio "turistico" in cui è ospitato. Siccome abbiamo ancora un pò di fame, andiamo pure in un'altra locandetta dove, a suon di ali di pollo e pesci cotti alla graticola qualcuno (non dirò chi...) si scola altro sake...

Mah!

La mattina dopo andiamo a costeggiare il lago Kusharo, e poi (con una diversione per andare a vedere una collina interamente ricoperta di fiorellini bianchi e purpurei, in cui i locali disegnano strani simboli ed attirano torme di turisti giapponesi paganti) il lago Mashu, ritenuto il più trasparente del mondo (pare sia stato possibile vedere fino a più di 40 metri!)... beh, magari quando non pioviggina, oggi non è proprio giornata... ergo, tiriamo innanzi, ed andiamo verso il villaggio di Tsurui. Lungo la strada, dato che il tempo si è rasserenato, tentiamo la fortuna, e ci infiliamo in una strada di campagna da cui riusciamo a vedere un bel panorama delle zone umide (come si traduce "wetlands" in italiano? Marcite?), col fiumiciattolo che vi serpeggia in mezzo... raggiungiamo Tsurui, è ancora presto ma non andiamo alla ricerca di gru dalla testa rossa (programma di domani), e ci accodiamo in una locanda in stile altoatesino con una simpatica signora che ci cucina una buona cena... parliamo poi a lungo, e complici gli ennesimi bicchierini di sake riesco a scoprire un pò di cose del chiusissimo Naoto e del suo modo di pensare... sulla cinquantina, si considera attualmente un anarchico, ma conta tra le sue amicizie sia simpatizzanti di destra che di sinistra; ha ospitato ed ospita un sacco di gente nella sua grande casa, per lunghe o brevi permanenze, e si da molto da fare per l'esperanto e la cultura Ainu (il resto, più privato, non ve lo dico! Cicca cicca!).

Ripartiamo mercoledì mattina, alla ricerca di queste benedette gru... ma a Tsurui le vedono solo d'inverno, quando vengono a rifocillarsi, mentre il resto dell'anno lo passano in giro per l'Hokkaido a tirar su famiglia. Proviamo a inseguire le tracce forniteci da dei beneinformati locali, lungo la via visitando un centro con delle belle camminate lignee in mezzo alle marcite (allora, me la date 'sta traduzione???), e finalmente nel giardino di una contadina (che fornisce abbondanti quantità di mais giornaliere) ne vedo due che pascolano beate. Mi avvicino pian pianino per fotografarle, e loro accettano di buon grado sempre mantenendo una distanza di sicurezza. Contenti, ma non soddisfatti, visitiamo nei pressi di Kushiro un centro di allevamento/nidificazione per gru, e qui ne troviamo altre 19 in semilibertà. Ripartiamo, e visitamo un contadino amico di Naoto, il quale ci suggerisce un ostello per la notte, dove ci raggiungerà con la moglie per una bella e buona cena a sei con i gestori; il post è nuovo di zecca, ben fatto e rifinito quasi tutto in legno (lo zio Luciano sarebbe contento di vederlo), la cena come detto è squisita e il biliardo al centro della sala ci permette di passare dei momenti divertenti dopo cena (Naoto nel frattempo si appisola, leggermente alticcio).

Questa mattina abbiamo lasciato l'ostello e, dopo una rapida puntata in una locale officina casearia per comprare un pò di formaggio locale, ed una quasi altrettanto rapida sosta ad Obihiro per provare un famoso piatto locale a base di porco e riso ("butodan"), siamo arrivati all'aeroporto di Chitose in tempo per il mio check-in. Salutato caramente il mio gentile e disponibile amico (dopo tutto, ci siamo fatti un bel pò di chilometri assieme in una settimana), mi sono imbarcato per Hong Kong, da cui domattina prenderò l'aereo per Denpasar (Bali). Film in viaggio: Mystic River (di Clint Eastwood, con Sean Penn e Tim Robbins), consigliato, e la seconda parte del terzo film del Signore degli Anelli con relativi Dietro Le Quinte (a proposito: alla fine Frodo dona il libro a Sam, dicendogli che le ultime pagine rimaste sono per lui... non è che adesso gli eredi di Sam sono ricchissimi per aver venduto i diritti, e Tolkien e" solo un prestanome?)

Commenti

Il giorno 20/05/2004, Massielena ha scritto...
Alcune cose mi vengono in mente di getto:
ilarità: era un bel pezzo che leggendo il diario non ridevo; non è che anche Daniele avesse bevuto sakè con Naoto e ce lo nasconde furbescamente?
pesce: ma da quando in qua Daniele mangia pesce?
Sam: Daniele non è cambiato; pensa sempre ai soldi
Il giorno 21/05/2004, Daniele ha scritto...
E chi ha mangiato pesce? ho detto "a suon di...": io ho fagocitato le ali di pollo (3 su 6, in realta').
Grazie per le risate, fanno buon sangue (dicono!).
Solo 6 mm di sake la prima sera, mi e' bastato per il resto del viaggio ;-)

Sam: Daniele pensa ai soldi che gli devi... brucia, la verita', ah, compagno di mille bevute? E, nel frattempo, Sam ha messo su famiglia dopo essere tornato a casa (in inglese, piu' semplicemente, "I'm back")

Lascia un tuo commento

Campi
Bottoni

Informazioni

inserito il 20/05/2004
visualizzato: 1900 volte
commentato: 2 volte
totale racconti: 554
totale visualizzazioni: 925352

Cerca nel diario

Cerca tra i racconti di viaggio pubblicati nel diario di bordo:

Ultime destinazioni

Racconti più recenti

Racconti più letti

Racconti più commentati

Ultimi commenti

Tag del diario di bordo

Aguas Calientes Amalfi Amazzonia Ambato Andahuaylillas Angra dos Reis Arequipa Assisi Asunción Baia Mare Balau Lac Bassin Bleu Bassin Zim Bellagio Bishkek Bocas del Toro Bogotà Bologna Bonito Boquete Buenos Aires Buzios Bwindi Cajamarca Camaguey Campeche Campulung Cancun Cannes canyon del Colca Cap-Haïtien Cartagena Cayo Las Brujas Cernobbio Chaa Creek Chapada Diamantina Chiapa de Corzo Chiavari Chichen Itzà Chichicastenango Chiloe Chivay Cienfuegos Città del Guatemala Città del Messico Cluj Napoca Copacabana Copán Copán Ruinas Costa Azzurra Costiera Amalfitana Cuenca Curitiba Cusco Dubai Dukla Dunhuang Dushanbe El Calafate El Chaltén El Tajin Entebbe ExPlus Fan Mountains fiume Pacuare fiume Tambopata Florianopolis Foz do Iguaçu GCC Granada Grand Circle Guayaquil Huamachuco Humenne Igoumenitsa Iguaçu Iguazu Ilha Grande Ingapirca Interlaken Isla Colon Isla del Sol Isla Mujeres Istanbul Jacmel Jaiyuguan JLA Joya de Ceren Kampala Kashgar Khodjent Kibale Koch Kor Kokand Kumkoy La Antigua Guatemala La Havana La Paz lago di Como lago Maggiore lago Nicaragua lago Song-Kol lago Titicaca lago Yojoa lake Mburo Leon Lima Livingston Livorno Londra Lublin Lucca Macerata Machu Picchu Madaba Madrid Managua Manaus Mar Nero Margilon Mérida Mesilla Momostenango Monaco Monte Alban Murchison Falls Mutianyu Nice Nyjrbator Oaxaca Ometepe Omoa Osh Otavalo Pacaya Palenque Panajachel Panamà Papantla Paratì Patagonia Pechino Pelourinho Península Valdés Petra Pisac Port Au Prince Portoferraio Potosì Poza Rica Pucon Puebla Puerto Madryn Puerto Maldonado Puerto Natales Puerto Piramides Puerto Varas Puno Punta Arenas Quetzaltenango Quito Rang Raqchi Ravello Recanati Rio de Janeiro Rio Dulce Riobamba Roma Ruse salar Salvador da Bahia Samarcanda San Agustin San Blas San Cristobal de las Casas San Francisco El Alto San Ignacio San José San Juan San Marcos La Laguna San Pedro San Pedro de Atacama San Pedro La Laguna Santa Barbara Santa Caterina Santa Clara Santa Elena de Monteverde Santa Margherita Ligure Santiago Santiago Atitlan Santiaguito Sarospatak Sary Tash Seno Otway Shobak Sighisoara Sillustani Siloli Sololà Sorrento Stresa Sucre Sud America Sumidero Tambo Machay Targu Mures Tash Rabat Taulabé Tegucigalpa Tiahuanaco Tierra del Fuego Tikal torre di Burana Torres del Paine Transfagarasan Trinidad Trujillo Tucan Travel Turpan Urbino Urumqi Ushuaia Uxmal Uyuni Vaduz Vagabondo Valdivia Valle de Elqui Valle di Fergana Valparaiso Veliko Tarnovo Venezia Viejo Palmar Vila do Abraão Viña del Mar Viñales Vize Wild Frontiers Xian Yambol Zamosc Ziwa Rhino Sanctuary