Sei qui: i miei viaggi » OltreIlGiardino: un giro del mondo in 800 giorni » Giappone » Relax sulle dune sabbiose

Relax sulle dune sabbiose

immagineCavoletti giaponesi, è un bel pò che non aggiorno questo diario... scusassero!
Vabbé, ecco il seguito: la mattina del 10, dopo l'ennesima abobndante colazione in casa Harada, sono andato con la signora ed una delle figlie a vedere un piccolo museo privato (della ditta per la quale tale figlia lavora) sul teatro Noh, uno dei più tipici stili giapponesi; in mostra c'erano ventagli, kimono, maschere ed arredi vari.
Il bus mi ha imbarcato davanti alla stazione, e dopo circa 3 ore mi ha scaricato a Tottori, sulla costa occidentale, dove con qualche difficoltà ho incontrato il buon Takeshi (no, il robot l'aveva lasciato a casa, questa volta!) che si nascondeva dietro ad una tazza di caffé.
Simile per molti versi a mio cugino Nicola, e come lui fisico, di poche parole e di molto cervello, mi oprta subito nella sua libreria preferita dove attendiamo sua moglie sparlando delle riviste in vendita (ovvio, no?!... ehi, c'è pure un plico in offerta contenente 5 poste di disegni animati famosi, in offerta a 3 euri... sì, ma che me ne farei in Australia?).
La giovane moglie (sono tutti e due trentenni circa) arriva, ed insieme andiamo a vedere le dune sabbiose di Tottori, pare l'unica attrazione turistica del luogo. Le scaliamo assieme a qualche decina di altri nippo, e ci godiamo il sole sul mare cercando di scoprire quale strano animale abbia lasciato traccie vermiformi sulla sabbia. Tornando a casa, scopro che la caratteristica fondamentale di questa coppia è l'indecisione (più sua di lui che lei, a dire il vero): 20 minuti per scegliere una bottiglia di vino, e questo è solo l'inizio. La casa, piccolissima, è piena di libri e fogli ammucchiati (lei studia all'università facendo la postina precaria). Cena, e qualche ora di sonno, per prendere il treno mattutino per Amanohashidate.
Tale luogo, credo traducibile come "ponte sospeso nel cielo", è in effetti una lunga striscia di terra che chiude una baietta. Niente di speciale, una bella camminata tra pini e ciliegi ma... salendo sui colli ad una delle due estremità, e osservando il percorso a testa in giù di tra le gambe (proprie o di altri), si ha davvero l'impressione che il ponte fluttui nell'aere... i nippo indicano questo posto come uno dei tre più belli nel loro paese (un altro è Miyajima, già visitata).
Il pranzo ci rimette a posto la coscienza dopo la terribile colazione di stamattina (veloce, tra una stazione e l'altra, e costosissima), poi afferriamo un nuovo treno ed andiamo a Kinosaki, nota stazione termale.
Qui sono loro ospite in un Ryokan, tradizionale alloggiamento (?) dove si viene serviti di tutto punto da cortesissime inservienti (te, yukata e zoccoletti, cena sontuosa, gente che si inchina oltre misura, tutte le cose tipiche giapponesi insomma). Ne usciamo solo per visitare un paio di Onsen (uno prima ed uno dopo cena), giusto per aragostarci un pochettino, ed io per provare a telefonare a casa per Pasqua (ma gli unici due telefoni teoricamente abilitati alle chiamate internazionali ovviamente non funzionano! Maledetti giapponesi!)

Al mattino, armato del piano ferroviario topologico studiato da Takeshi (che nel frattempo si è già andato a visitare un altro Onsen) per un paio d'ore ieri sera, e salutati i miei nuovi amici, parto per un lungo viaggio di locale in locale: 9 ore per arrivare a Kanazawa, qualche centinaio di chilometri più a nordest.
Qui vengo accolto in stazione dal signor Kawanisi, che, dopo avermi detto quanto sono fortunato ad aver trovato lui ad attendermi con un cartello col mio nome, mi porta prima al mio alloggio (dove trovo una padrona di casa simpatica ma monolingue e due ragazzi italiani con cui scambio qualche parola) e poi fuori a cena con altri due esperantisti; il ristorante a mio parere non è proprio proprio tradizionale, ci servono pure gli antipasti ed il dessert in momenti diversi e non hannoi bastoncini, però mangiamo benissimo e la discussione (finalmente!) verte sui modi in cui i giapponesi vedono gli italiani (anche se questi sono intellettuali: conoscono Federico Fellini e Lorenzo dè Medici!).
Salutati gli altri due, io e Tetsuro-san andiamo in uno dei suoi locali preferiti: 10 metri quadri al 4 piano di un palazzo, bancone enorme con qualche sgabello davanti, una signora sulla cinquantina che ci serve snack e birra (a me) e whisky (credo) a lui, bottiglie già cominciate con una targhetta che le identifica come di proprietà di qualcuno, e la macchina del karaoke, con cui Tetsuro da prova di buona vocalità e conoscenza pure della lingua coreana!
Unica nota negativa: quando torno all'alloggio, cinque minuti prima del coprifuoco, scopro che internet non è disponibile dopo le 9 di sera... vabbé, proverò domani, devo contattare un pò di gente.

Lascia un tuo commento

Campi
Bottoni

Informazioni

inserito il 12/04/2004
visualizzato: 1463 volte
commentato: 0 volte
totale racconti: 554
totale visualizzazioni: 905491

Cerca nel diario

Cerca tra i racconti di viaggio pubblicati nel diario di bordo:

Ultime destinazioni

Racconti più recenti

Racconti più letti

Racconti più commentati

Ultimi commenti

Tag del diario di bordo

Aguas Calientes Amalfi Amazzonia Ambato Andahuaylillas Angra dos Reis Arequipa Assisi Asunción Baia Mare Balau Lac Bassin Bleu Bassin Zim Bellagio Bishkek Bocas del Toro Bogotà Bologna Bonito Boquete Buenos Aires Buzios Bwindi Cajamarca Camaguey Campeche Campulung Cancun Cannes canyon del Colca Cap-Haïtien Cartagena Cayo Las Brujas Cernobbio Chaa Creek Chapada Diamantina Chiapa de Corzo Chiavari Chichen Itzà Chichicastenango Chiloe Chivay Cienfuegos Città del Guatemala Città del Messico Cluj Napoca Copacabana Copán Copán Ruinas Costa Azzurra Costiera Amalfitana Cuenca Curitiba Cusco Dubai Dukla Dunhuang Dushanbe El Calafate El Chaltén El Tajin Entebbe ExPlus Fan Mountains fiume Pacuare fiume Tambopata Florianopolis Foz do Iguaçu GCC Granada Grand Circle Guayaquil Huamachuco Humenne Igoumenitsa Iguaçu Iguazu Ilha Grande Ingapirca Interlaken Isla Colon Isla del Sol Isla Mujeres Istanbul Jacmel Jaiyuguan JLA Joya de Ceren Kampala Kashgar Khodjent Kibale Koch Kor Kokand Kumkoy La Antigua Guatemala La Havana La Paz lago di Como lago Maggiore lago Nicaragua lago Song-Kol lago Titicaca lago Yojoa lake Mburo Leon Lima Livingston Livorno Londra Lublin Lucca Macerata Machu Picchu Madaba Madrid Managua Manaus Mar Nero Margilon Mérida Mesilla Momostenango Monaco Monte Alban Murchison Falls Mutianyu Nice Nyjrbator Oaxaca Ometepe Omoa Osh Otavalo Pacaya Palenque Panajachel Panamà Papantla Paratì Patagonia Pechino Pelourinho Península Valdés Petra Pisac Port Au Prince Portoferraio Potosì Poza Rica Pucon Puebla Puerto Madryn Puerto Maldonado Puerto Natales Puerto Piramides Puerto Varas Puno Punta Arenas Quetzaltenango Quito Rang Raqchi Ravello Recanati Rio de Janeiro Rio Dulce Riobamba Roma Ruse salar Salvador da Bahia Samarcanda San Agustin San Blas San Cristobal de las Casas San Francisco El Alto San Ignacio San José San Juan San Marcos La Laguna San Pedro San Pedro de Atacama San Pedro La Laguna Santa Barbara Santa Caterina Santa Clara Santa Elena de Monteverde Santa Margherita Ligure Santiago Santiago Atitlan Santiaguito Sarospatak Sary Tash Seno Otway Shobak Sighisoara Sillustani Siloli Sololà Sorrento Stresa Sucre Sud America Sumidero Tambo Machay Targu Mures Tash Rabat Taulabé Tegucigalpa Tiahuanaco Tierra del Fuego Tikal torre di Burana Torres del Paine Transfagarasan Trinidad Trujillo Tucan Travel Turpan Urbino Urumqi Ushuaia Uxmal Uyuni Vaduz Vagabondo Valdivia Valle de Elqui Valle di Fergana Valparaiso Veliko Tarnovo Venezia Viejo Palmar Vila do Abraão Viña del Mar Viñales Vize Wild Frontiers Xian Yambol Zamosc Ziwa Rhino Sanctuary