Sei qui: i miei viaggi » Al lavoro in America Latina (5° anno) » Brasile » Buzios, Brigitte Bardot e l'alta marea

Buzios, Brigitte Bardot e l'alta marea

immagine

Avevo bisogno di spiagge illuminate dal sole, e Rio non era purtroppo un'opzione: come avevamo avuto modo di sperimentare durante gli ultimi giorni del tour Suda Merica, nuvole basse e nebbiolina fitta avevano deciso di occupare la cidade maravilhosa nell'intervallo tra le due olimpiadi.

A un paio di centinaia di chilometri più a nord-est si trova Buzios, una penisola nata durante il periodo in cui Africa ed America del Sud si scontrarono per la prima volta divenendo parte di Pangea... giusto qualche anno fa!

Di quell'avvenimento apocalittico rimangono solo alcune tracce nelle rocce circostanti, ma in compenso ci sono un sacco di spiaggette che, un tempo visitate solo da tartarughe per nidificarvi, ora sono meta incessante di brasiliani durante ogni possibile loro "fouga" (il o i giorni di riposo settimanale). JLA di solito la offre come opzione alla fine dei tour, e i turisti a quanto pare ne rimangono soddisfatti, quindi ho deciso di fare la prova anch'io e, salutati i miei amici all'aeroporto internazionale, son salito al volo sul primo mezzo disponibile e, in poco più di tre ore, sono arrivato ad Armaçao, più o meno il centro geografico della penisola.

Non avendo dove stare, ho cominciato a fare quello che Maria e Giuseppe fecero tempo fa, girando e bussando ad ogni "pousada" per vedere se avessero camere disponibili e a quanto. E qui, la prima scoperta: se Buzios è meta (almeno, in questo periodo) di brasiliani, in realtà è gestita da argentini. Sono infatti quasi solo persone della zona di Buenos Aires e dintorni a lavorare nel ricevimento e nella ristorazione. Spesso, parlano perfettamente brasiliano, senza più accento, avendo vissuto qui (e solo qui) per anche 20 anni. Ma una cosa li tradisce sempre: l'immancabile tazza per il mate, completa di cannuccia metallica... eh, le tradizioni patrie...

Ne ho girate un po', di pousadas, prima di trovare quella che mi soddisfaceva, abbastanza tranquilla e fuori dalle strade principali, ma allo stesso tempo vicina a tutto. Contento, vi ho fatto base per tre giorni, usando la connessione internet per lavorare un po' e le gambe per visitare le varie spiaggette della penisola. E, qui, la seconda scoperta: sebbene il sole battesse forte (la mia abbronzatura ne ha giovato assai), lo stesso faceva il vento che, coordinandosi con l'alta marea, faceva praticamente scomparire quasi tutta la sabbia durante i pomeriggi. Per cui era tutto un spostarsi a gambero sempre più in su, finché la spiaggia finiva e la gente prendeva su armi e bagagli e se ne andava da qualche altra parte. Io ed alcuni altri stoici sopravvivevamo un po' più a lungo, arrampicandoci sugli scogli; ma alla fine cedevamo anche noi, e allora via alla ricerca di un altro posto dove piazzare l'asciugamano (o l'indispensabile sarong, come nel mio caso). La marea però era alta ovunque, e quindi in pratica spiaggia solo dal mattino fino alle 15-15:30, poi al massimo ci si poteva sedere in riva al mare a guardare i gabbiani e, con un po' di fortuna, qualche tartaruga, così come faceva Brigitte Bardot decenni fa (a quanto pare, è stata lei che ha "scoperto" questa località).

Alla sera, poi, per mangiare c'era solo l'imbarazzo della scelta: pieno zeppo di ristoranti e locande, con - come ovvia specialità - il pesce. Io, che com'è noto l'ovvia specialità non la mangio, una sera sono andato in un ristorante "por kilo", dove paghi il peso di quello che ti metti nel piatto, mentre un'altra mi sono lanciato in un rodizio di pizza, dove i camerieri continuano a portarti fette di pizza finché non scoppi. È la terza volta che faccio questa esperienza in Brasile, e devo dire che non è stata malvagia come la seconda (la prima, ovviamente, è quella che non si scorda mai): basta sapere cosa saltare, tipo le improponibili misture di mais e carne e olive e maionese, e il resto è sufficientemente gustoso. Si aggiunga poi che avevo scelto un tavolino proprio davanti al palco, dove una brava cantante e chitarrista ha ripercorso successi noti e meno noti nazionali e anche stranieri, e insomma il prezzo di 13 euri direi che la serata lo è valso davvero.

Mare, cibo, sole... una vera vacanza, insomma, come non si vedeva da tempo. Siccome però è sempre meglio non abituarsi alle cose, ché dopo 3 giorni il pesce puzza, ho deciso di rimettermi in movimento verso sud, affrontando un paio di lunghi tragitti in autobus, per visitare altri luoghi prima di giungere a Buenos Aires, dove ricomincerò a lavorare. Sarà una scelta saggia (non lavorare, ma lasciare Buzios)? Lo vedremo...

Nota bene:

La pousada di Buzios si chiama, guarda un po', Vila Buzios.

Commenti

Il giorno 11/09/2016, valentina ha scritto...
Mi sembra di vederti, zompettare con l'asciugamano verso gli scogli per guadagnarti un po' di beata visione dell'orizzonte.
Buona fine vacanza, Dan!
;-)
Il giorno 12/09/2016, Massielena ha scritto...
Ecco perchè Francesco mi ha detto che sta mettendo su pancia; coi prezzi che ci sono per mangiare ti stai abbuffando come un porcellino.......

Lascia un tuo commento

Campi
Bottoni

Informazioni

inserito il 07/09/2016
visualizzato: 646 volte
commentato: 2 volte
totale racconti: 554
totale visualizzazioni: 891617

Cerca nel diario

Cerca tra i racconti di viaggio pubblicati nel diario di bordo:

Ultime destinazioni

Racconti più recenti

Racconti più letti

Racconti più commentati

Ultimi commenti

Tag del diario di bordo

Aguas Calientes Amalfi Amazzonia Ambato Andahuaylillas Angra dos Reis Arequipa Assisi Asunción Baia Mare Balau Lac Bassin Bleu Bassin Zim Bellagio Bishkek Bocas del Toro Bogotà Bologna Bonito Boquete Buenos Aires Buzios Bwindi Cajamarca Camaguey Campeche Campulung Cancun Cannes canyon del Colca Cap-Haïtien Cartagena Cayo Las Brujas Cernobbio Chaa Creek Chapada Diamantina Chiapa de Corzo Chiavari Chichen Itzà Chichicastenango Chiloe Chivay Cienfuegos Città del Guatemala Città del Messico Cluj Napoca Copacabana Copán Copán Ruinas Costa Azzurra Costiera Amalfitana Cuenca Curitiba Cusco Dubai Dukla Dunhuang Dushanbe El Calafate El Chaltén El Tajin Entebbe ExPlus Fan Mountains fiume Pacuare fiume Tambopata Florianopolis Foz do Iguaçu GCC Granada Grand Circle Guayaquil Huamachuco Humenne Igoumenitsa Iguaçu Iguazu Ilha Grande Ingapirca Interlaken Isla Colon Isla del Sol Isla Mujeres Istanbul Jacmel Jaiyuguan JLA Joya de Ceren Kampala Kashgar Khodjent Kibale Koch Kor Kokand Kumkoy La Antigua Guatemala La Havana La Paz lago di Como lago Maggiore lago Nicaragua lago Song-Kol lago Titicaca lago Yojoa lake Mburo Leon Lima Livingston Livorno Londra Lublin Lucca Macerata Machu Picchu Madaba Madrid Managua Manaus Mar Nero Margilon Mérida Mesilla Momostenango Monaco Monte Alban Murchison Falls Mutianyu Nice Nyjrbator Oaxaca Ometepe Omoa Osh Otavalo Pacaya Palenque Panajachel Panamà Papantla Paratì Patagonia Pechino Pelourinho Península Valdés Petra Pisac Port Au Prince Portoferraio Potosì Poza Rica Pucon Puebla Puerto Madryn Puerto Maldonado Puerto Natales Puerto Piramides Puerto Varas Puno Punta Arenas Quetzaltenango Quito Rang Raqchi Ravello Recanati Rio de Janeiro Rio Dulce Riobamba Roma Ruse salar Salvador da Bahia Samarcanda San Agustin San Blas San Cristobal de las Casas San Francisco El Alto San Ignacio San José San Juan San Marcos La Laguna San Pedro San Pedro de Atacama San Pedro La Laguna Santa Barbara Santa Caterina Santa Clara Santa Elena de Monteverde Santa Margherita Ligure Santiago Santiago Atitlan Santiaguito Sarospatak Sary Tash Seno Otway Shobak Sighisoara Sillustani Siloli Sololà Sorrento Stresa Sucre Sud America Sumidero Tambo Machay Targu Mures Tash Rabat Taulabé Tegucigalpa Tiahuanaco Tierra del Fuego Tikal torre di Burana Torres del Paine Transfagarasan Trinidad Trujillo Tucan Travel Turpan Urbino Urumqi Ushuaia Uxmal Uyuni Vaduz Vagabondo Valdivia Valle de Elqui Valle di Fergana Valparaiso Veliko Tarnovo Venezia Viejo Palmar Vila do Abraão Viña del Mar Viñales Vize Wild Frontiers Xian Yambol Zamosc Ziwa Rhino Sanctuary