Sei qui: i miei viaggi » Al lavoro in America Latina (stagione 4) » Messico » Ritorno in Messico, quatto quatto, prima che ci arrivi il Papa

Ritorno in Messico, quatto quatto, prima che ci arrivi il Papa

immagine

Ho come l'impressione di essere seguito... e quell'impressione ha le fattezze di un uomo con un berrettino bianco in testa, un simpatico accento argentino, e una voglia di mandare a gambe all'aria non solo le suore, ma la Curia tutta... boh, magari è solo un'impressione!

...

Finalmente, dopo un paio d'anni che gli facevo la posta, sono finalmente riuscito a farmi assegnare da Journey Latin America un tour Eagle, che vuol dire una sola cosa: Messico, a tutto peperoncino! Andale, andale, arriba arriba arriba!

Ero già passato in tutti i luoghi che tocca l'itinerario alcuni anni fa, quando avevo portato in giro un gruppo di Vagabondo, riempiendomi gli occhi e la testa di templi antichi, campi per il gioco della pelota, piramidi azteche e non, canyon con i coccodrilli di plastica, strade fiancheggiata da decine di case colorate, gente che balla nelle piazze, iguane colorate, ecc., per poi allargare la cosa anche agli altri sensi, come il (dis)gusto per la continua presenza di peperoncino, la croccantezza delle cavallette cotte al forno (o saranno fritte? Difficile a dirsi: sanno di poco, se non di erba), i petardi scoppiati per ogni occasione, le trombe a volte stonate ma sempre sonore dei mariachi... Insomma, tutto il colore ed il gusto di un paese che, noi italiani, spesso conosciamo solo per i cartoni animati di Speedy Gonzales, per le puntate di Zorro e per un certo film di Salvatores, tutte cose che nutrono ed amplificano i nostri stereotipi (ce l'avete presente quello del sombrero? No? Beh, sombrero in spagnolo significa "qualcosa che fa ombra", ovvero un cappello... ogni cappello, non solo quello di paglia a tesa larga sotto cui ogni buon messicano fa la siesta - altro stereotipo: la fanno solo nelle parti obbrobriosamente calde del paese).

Ritornarci è stato quindi un po' come quando vado a Valdivia da Marcos e famiglia, ché ormai il posto lo conoscono e non devo necessariamente fare il turista e posso godermi tutto il resto (dico "un po'" perché, dopo tutto, ero lì per lavoro, e il mio gruppo di viaggiatori sì che voleva fare le cose turistiche). E mi ha permesso di vedere come sono cambiate le cose, o come stanno cambiando.

Città del Messico è sempre caotica, ma un po' più pulita dell'altra volta (che, già, era meglio di quel che mi aspettassi... eccolo lì: altro stereotipo); sicuramente ha contribuito la prossima visita di quel tipo di cui dicevo all'inizio, ché qui stanno tirando a lucido tutto quello che possono tirare a lucido - maniera messicana, ovviamente: non aspettatevi il tipo chino a pulire le piastrelle con lo spazzolino da denti!.

Il mole di Puebla, una salsa ricca in cioccolato e peperoncino, copre sempre nella maniera migliore un petto di tacchino (ricetta originale, si dice delle suore che attendevano l'arrivo del vescovo Palafox), ma il mio favorito si conferma il formaggio filamentoso di Oaxaca, di cui compro un paio di esemplari che poi condivido sull'autobus (eh già, ché non l'ho detto: per uno strano scherzo del destino, stiamo girando su un grosso autobus, uno di quelli da 50 posti con bagno a bordo e televisori che scendono ogni volta che infili la chiavetta USB nell'autoradio; comodi comodi, con un rapporto passeggeri/sedili di 1 a 5 circa).

San Cristobal de las Casas è ancora fredda e colorata, perfetta antitesi di quel che ci aspetta a Palenque, nella giungla, dove il verde è dominante e il sudore che imperla la fronte non te lo togli di dosso neppure con due doccie ed un tuffo nella favolosa piscina del resort (eh già, ché non ho detto neppure questo: il tour è uno della serie Classic, quindi le sistemazioni sono molto buone dove non sfacciatamente lussuose).

Il Chiapas, invece, è in tumulto: gli abitanti della zona non sono mai stati particolarmente tranquilli, ma ora si son messi a fermare gli autobus che passano su alcune strade e, a volte, a bruciarli, il che ci fa saggiamente prendere una strada alternativa, grazie alla quale finiamo nello stato di Tabasco, regno incontrastato (in passato) degli Olmechi, quelli che han lasciato quelle grandi teste rotondeggianti tipo Charlie Brown per intendersi. Noi ne vediamo alcune in un parco archeologico vicino a Villahermosa, dove hanno portato quanto ritrovato nel sito de La Venta prima che la PeMex non cominciasse a trivellare alla ricerca di petrolio; e sono un bel vedere, finalmente qualcosa di nuovo anche per me. Ringrazio silenziosamente chi ha avuto la bella idea di salvare questo tesoro.

I gradini e gradoni da scalare son proprio come me li ricordo, le facce di Tlaak il dio della pioggia pure, anche se il fatto di avere tante guide diverse (chissà che fine avrà fatto Victor, il tipo che ci accompagnò durante il tour di Vagabondo), ognuna con il suo modo di spiegare e anche le sue idee su cose di cui non abbiamo idea alcuna (per dirne una: l'onnipresente gioco della pelota), rendono tutto un po' differente, con le sue 50 sfumature di grigio (della pietra).

A Mérida visitiamo una hacienda di henequen, dove ci spiegano come un tempo si creavano cordami e tessuti dalla fibra presente nelle foglie di questa pianta simile all'agave, e dove viaggiamo su vagoncini trainati da muli tra chilometri di piantagione fino ad un cenote (caverna carsica piena d'acqua) delizioso, sotterraneo, dove ovviamente facciamo quasi tutti il bagno catturati dalla bellezza della volta da cui spuntano decine di stalattiti.

E non è quello l'ultimo cenote: ne visitiamo altri tre, che riesco ad individuare lungo il percorso del nostro autobus, ogni volta applicando la mia opera persuasoria al buon Martin, l'autista che ci accompagna da Tuxla Gutierrez fino a Cancun, dove la maggior parte dei miei viaggiatori prende il volo di ritorno per l'Europa, con ancora negli occhi lo spettacolo di luci colorate a cui abbiamo assistito nel sito di Chichen Itzà l'ultima sera (il pregio di avere l'hotel giusto fuori dal recinto delle rovine...), uno spettacolo intitolato "Las Noches de Kukulkan" in omaggio al grande serpente-piumato, dio creatore e distruttore di tutte le popolazioni pre-colombine del territorio messicano.

Io me ne resto qualche giorno in più, a trovare amici a Isla Mujeres e poi di nuovo a Città del Messico, dove mi raggiunge Denis al termine del suo periplo attraverso il Centro America (ma gli manca ancora tutto questo paese; per fortuna che gli avanza un mesetto di tempo...).

Tra qualche giorno, prima che arrivi il buffo omino argentino, ripartirò per l'America del Sud, per un altro nuovo entusiasmante viaggio. Pronti? Io sì...


Lascia un tuo commento

Campi
Bottoni

Informazioni

inserito il 08/02/2016
visualizzato: 1049 volte
commentato: 0 volte
totale racconti: 554
totale visualizzazioni: 891722

Cerca nel diario

Cerca tra i racconti di viaggio pubblicati nel diario di bordo:

Ultime destinazioni

Racconti più recenti

Racconti più letti

Racconti più commentati

Ultimi commenti

Tag del diario di bordo

Aguas Calientes Amalfi Amazzonia Ambato Andahuaylillas Angra dos Reis Arequipa Assisi Asunción Baia Mare Balau Lac Bassin Bleu Bassin Zim Bellagio Bishkek Bocas del Toro Bogotà Bologna Bonito Boquete Buenos Aires Buzios Bwindi Cajamarca Camaguey Campeche Campulung Cancun Cannes canyon del Colca Cap-Haïtien Cartagena Cayo Las Brujas Cernobbio Chaa Creek Chapada Diamantina Chiapa de Corzo Chiavari Chichen Itzà Chichicastenango Chiloe Chivay Cienfuegos Città del Guatemala Città del Messico Cluj Napoca Copacabana Copán Copán Ruinas Costa Azzurra Costiera Amalfitana Cuenca Curitiba Cusco Dubai Dukla Dunhuang Dushanbe El Calafate El Chaltén El Tajin Entebbe ExPlus Fan Mountains fiume Pacuare fiume Tambopata Florianopolis Foz do Iguaçu GCC Granada Grand Circle Guayaquil Huamachuco Humenne Igoumenitsa Iguaçu Iguazu Ilha Grande Ingapirca Interlaken Isla Colon Isla del Sol Isla Mujeres Istanbul Jacmel Jaiyuguan JLA Joya de Ceren Kampala Kashgar Khodjent Kibale Koch Kor Kokand Kumkoy La Antigua Guatemala La Havana La Paz lago di Como lago Maggiore lago Nicaragua lago Song-Kol lago Titicaca lago Yojoa lake Mburo Leon Lima Livingston Livorno Londra Lublin Lucca Macerata Machu Picchu Madaba Madrid Managua Manaus Mar Nero Margilon Mérida Mesilla Momostenango Monaco Monte Alban Murchison Falls Mutianyu Nice Nyjrbator Oaxaca Ometepe Omoa Osh Otavalo Pacaya Palenque Panajachel Panamà Papantla Paratì Patagonia Pechino Pelourinho Península Valdés Petra Pisac Port Au Prince Portoferraio Potosì Poza Rica Pucon Puebla Puerto Madryn Puerto Maldonado Puerto Natales Puerto Piramides Puerto Varas Puno Punta Arenas Quetzaltenango Quito Rang Raqchi Ravello Recanati Rio de Janeiro Rio Dulce Riobamba Roma Ruse salar Salvador da Bahia Samarcanda San Agustin San Blas San Cristobal de las Casas San Francisco El Alto San Ignacio San José San Juan San Marcos La Laguna San Pedro San Pedro de Atacama San Pedro La Laguna Santa Barbara Santa Caterina Santa Clara Santa Elena de Monteverde Santa Margherita Ligure Santiago Santiago Atitlan Santiaguito Sarospatak Sary Tash Seno Otway Shobak Sighisoara Sillustani Siloli Sololà Sorrento Stresa Sucre Sud America Sumidero Tambo Machay Targu Mures Tash Rabat Taulabé Tegucigalpa Tiahuanaco Tierra del Fuego Tikal torre di Burana Torres del Paine Transfagarasan Trinidad Trujillo Tucan Travel Turpan Urbino Urumqi Ushuaia Uxmal Uyuni Vaduz Vagabondo Valdivia Valle de Elqui Valle di Fergana Valparaiso Veliko Tarnovo Venezia Viejo Palmar Vila do Abraão Viña del Mar Viñales Vize Wild Frontiers Xian Yambol Zamosc Ziwa Rhino Sanctuary